Le 10 applicazioni per MacOS che non devono mancare sul vostro computer Apple

30 Agosto 2020 353

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Con il team di HDblog.it abbiamo avviato da qualche tempo la rubrica delle guide d'acquisto dei migliori smartphone, pc portatili e altri gadget tecnologici. Oggi però iniziamo con un altro appuntamento in cui vi raccontiamo come usiamo i nostri prodotti per lavorare tutti i giorni e vi mostriamo quali sono quei programmi che non devono mancare sui vostri dispositivi.

Questa è la prima puntata dedicata alle migliori applicazioni per MacOS, ma le prossime settimane ne arriveranno altre per altri sistemi.

Per comprendere appieno il funzionamento di alcune applicazioni vi consigliamo la visione del video dove viene mostrato in modo chiaro come queste si comportano.

INDICE

MAGNET

L'applicazione Magnet va a "mettere una pezza" su una delle mancanze più importanti del sistema operativo MacOS: l'assenza del "windows snapping". Su Windows siamo abituati a sbattere letteralmente le finestre sui bordi dello schermo per poterle utilizzare in posizioni e dimensioni predefinite: full screen, metà schermo di sinistra o destra, etc..

Il funzionamento di Magnet è molto simile a quello sviluppato da Microsoft e si può gestire sia spostando manualmente le finestre sia usando delle combinazioni da tastiera. Il sistema rimane molto stabile ed è comodo per poter impostare velocemente dei layout per essere più produttivi. Io ad esempio adoro lavorare con un terzo dello schermo con il mio gestore di testi e il resto con Chrome per poter fare delle ricerche online. Come alternativa c'è anche BetterSnapTools, il funzionamento è analogo.

KEKA

Sui pc Windows solitamente uso 7zip come programma per archiviare i miei file. Quando per la prima volta mi sono approcciato a un pc con sistema MacOS non sono riuscito a trovare la mia applicazione preferita, me nello stesso sito viene consigliata Keka come app alternativa per i computer Apple.

Keka è gratuita e le sue funzioni basilari la rendono molto semplice e intuitiva. Io l'ho impostata come predefinita per aprire le cartelle compresse perchè è compatibile con tantissimi formati.

RESIZE MASTER

Molto spesso mi trovo a dover lavorare con diverse foto di grandi dimensioni, il web però non riesce a digerirle correttamente quando queste hanno una risoluzione troppo elevata. Per far si che tali immagini vengano accettate senza troppi problemi dai vari siti online, solitamente utilizzo Resize Master che non fa altro che ridurre la dimensione della foto seguendo alcuni parametri.

Ci sono diverse opzioni, ma per la maggior parte delle volte uso la modalità "Fit to rectangle" che rimpicciolisce la foto per far si che si adatti un rettangolo che formato da 3000 x 2000 pixel. Si possono inoltre impostare dei watermark, cambiare formati e decidere il livello di qualità dell'immagine finale.

Se invece devo solamente far si che le mie foto abbiano un peso minore per essere caricate online velocemente, allora uso un app ancora più semplice chiamata ImageOptim. Basta selezionare un gruppo di file, spostarlo sopra il programma e lei inizierà a lavorare. Si può impostare il livello di qualità finale per i formati jpg, png e gif.

TOTAL FINDER

Se non avete mai usato questa applicazione sappiate che dal primo istante in cui la installerete, vi cambierà la vita. Total Finder va ad agire sul finder di sistema (file explorer di MacOS) per aggiungere delle importanti funzioni. Le opzioni di personalizzazione sono numerose ma io la utilizzo principalmente per 4 cose:

  • aggiunta di tab (stile Google Chrome) per navigare facilmente nel sistema e lavorare contemporaneamente con più cartelle aperte senza creare troppo disordine con troppe finestre;
  • affiancamento di tab per comodo per confrontare le diverse versioni di documenti;
  • opzione taglia nel menu del tasto destro
  • aggiunta di una barra di caricamento sull'icona della dock per aver una panoramica veloce mentre si copiano o spostano dei file.

EXTERNAL DISPLAY BRIGHTNESS

Questa è l'ultima applicazione che ho scoperto anche perché non pensavo esistesse nulla del genere. Quando si usa un monitor esterno spesso ci si trova a dover cambiare la luminosità in base alle condizioni della stanza, specialmente durante le ore notturne per non avere un faro che ci acceca e distrugge la vista. Modificare questi parametri è però una delle operazioni più scomode e fastidiose in quanto i pulsanti posteriori sono sempre difficili da raggiungere e non si trovano mai al primo colpo.

External Display Brightness non fa altro che inviare questi comandi attraverso il cavo video e possiamo quindi aumentare o abbassare la luminosità dello schermo attraverso delle semplici combinazioni da tastiera. L'ho testato anche con un cavo Type C sul mio MacBook e ha funzionato correttamente, non è però accertata la compatibilità con tutti i monitor.

SKITCH

Effettuare uno screenshot su macOS è sempre stata un operazione abbastanza semplice, ma con Skitch vengono aggiunte alcune funzioni che possono tornare utili in diverse occasioni. Con questa applicazione si può difatti effettuare una selezione dello spazio che vogliamo catturare, cosa possibile anche di sistema ma grazie a questa si può inserire manualmente i pixel da ritagliare senza dover puntare con il mouse.

Dopo aver effettuato lo screen si entra in modalità di "modifica" e qui possiamo aggiungere frecce di diversi colori, testo, evidenziare le scritte, dei bottoni di approvazione o negazione e infine la funzione più comoda è quella che vi permette di "pixxellare" alcune parti e torna utile quando dobbiamo mostrare una parte di un documento e vogliamo nascondere i nostri dati sensibili.

LULU

Il periodo tecnologico attuale è sempre più caratterizzato da una crescente attenzione verso la cura della privacy. Gli utenti diventano sempre più esperti e Lulu potrebbe essere uno strumento utile per rafforzare la sicurezza dei nostri dati. Una volta che viene installato e dato l'accesso per l'avvio di sistema, Lulu andrà a mostrare una finestra pop-up ogni volta che un nuovo programma vuole connettersi a internet.

Viene quindi mostrato a quale server si sta tentando la connessione e possiamo decidere se approvare o negare l'operazione. Si può inoltre selezionare se dare i permessi temporaneamente o in via definitiva. Nel caso in cui abbiate commesso un errore è sempre possibile entrare nelle impostazioni per rivedere le preferenze.

POCK

L'applicazione di Pock in realtà non è indirizzata proprio a tutti i possessori di un computer Apple, ma solo a coloro che possiedono un MacBook con touchbar perché questo programmino va ad agire sulle opzioni e la grafica della barra. Il suo funzionamento si basa su 5 widget:

  • Dock widget: viene clonata la dock che abbiamo su schermo e possiamo impostare se mostrare solo i programmi aperti, le notifiche e le finestre multiple;
  • Now Playing widget: gestione rapida delle tracce in riproduzione su Spotify, Apple Music, VLC, etc;

  • ESC widget: per mostrare il tasto ESC sui MacBook di cui ne sono privi fisicamente;

  • Status widget: da indicazioni rapide sullo stato del WiFi, batteria e orario;

  • Control Center widget: per controllare rapidamente il volume e la luminosità dello schermo senza doversi affidare allo slider.

Il programma è gratuito ed è stato sviluppato da un ragazzo italiano.

COLOR TAG GEN

Per chi fa lavori di grafica spesso trovare il colore giusto può essere più difficile di quanto ci si aspettasse. L'applicazione Colore Tag Gen ci viene in aiuto perchè permette di conoscere facilmente quale colorazione è mostrata in un determinato punto del nostro schermo. L'interfaccia è abbastanza scarna ma una volta avviata si sovrappone a ciò che siamo facendo e tramite un selettore possiamo identificare la tinta desiderata e questa verrà mostrata sia con valori RGB sia con il codice HTML.

DOZER

Infine l'ultima applicazione Dozer mette un po' di ordine nella barra dei menu che con tutti questi programmini si sarà riempita di inutili icone. Una volta installata verrano mostrati altri due "punti" nel menu alto e questi avranno due scopi: quello di destra serve come input per avviare il sistema. La seconda a sinistra si usa come punto di partenza da cui in poi le icone verranno nascoste.

Dozer è molto stabile e non crea problemi. L'ho testata anche sul nuovo MacOS Big Sur ed è già da ora compatibile, cosa non scontata visto lo stravolgimento che il sistema operativo ha subito.

VIDEO

Il miglior Galaxy del 2020? Samsung Galaxy S20 Plus, in offerta oggi da Emarevolution a 620 euro oppure da Unieuro a 739 euro.

353

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
sagitt

Utility da command line, filemerge, editing di file

Luca Biasiolli

La lista di App è soggettiva... e poi cosa se ne fa' l'utente comune di app come Xcode? Boh

Pistacchio
Pistacchio
sagitt

In generale

KenZen

Utili per chi? :D
Saluti

lore_rock

Tutte cose che ho fatto o consigliato:
Ho preso le macchine w7, clonato questo su nuovo ssd e da li aggiornato per avere il passaggio alla licenza w10 gratuitamente, successivamente ho fatto installazione pulita.
Ho obbligato tutti a mettere i dati su secondo disco così da lasciare il disco principale solo per sistema e programmi.
Tutte le macchine hanno gia w10 pro.
Ho consigliato tante volte office 365 visto che ogni abbonamento ha ben 6 account e 1tb di storage in cloud utilissimo per il ripristino in caso di ransomware.
Diciamo che sulle cose base ho fatto qualche sforzettino che alla lunga sicuramente paga, capisco che cambiando si rischia di incappare in problemi ma cosa sarebbe successo in caso di sistema operativo corrotto o cambio PC?

UnoQualunque

Purtroppo è il problema di molte ditte, reputano un reparto IT solo come costi aggiuntivi senza pensare però che potrebbe essere molto utile non solo per strutturare correttamente l'azienda, ma potrebbe aiutare anche nelle procedure aziendali. Capisco la tua buona volontà, e se sei smanettone potresti arrivare anche a risultati decenti, ma se non vi strutturate correttamente sarà sempre peggio. Per la tua richiesta ti do giusto qualche spunto però richiederà fatica.
- Valuta Win10 pro anche se non avete un domain controller almeno puoi gestire meglio gli aggiornamenti ritardandoli.
- Formatta il PC con la ISO pulita di Windows 10, installa tutto il software che ti serve e valuta l'acquisto di un software come Norton Ghost per creare un'immagine dal pc che hai preparato per non dover rifare a mano tutto il lavoro su ogni nuovo PC.
- Acquista SOLO pc con disco SSD. Windows 10 su un disco meccanico è inchiodato e da problemi su problemi.
- Valutate l'acquisto di Office 365. Richiederà però uno sforzo maggiore per riuscire ad utilizzarlo in modo corretto. Con Office 365 puoi creare utenti come se avessi active directory e fagli fare login sul PC con il loro account cloud. Hai OneDrive, puoi fare caselle di posta condivise con un vostro dominio internet, ecc... ma, anche se MS lo vende come pronto all'uso, devi sbatterci un po la testa per capire come funziona anche per le cose basi.

lore_rock

Io sono dello stesso avviso ma non comando io, sono anni che faccio presente la gestione improvvisata del lato informatico e che noi dovremmo solo pensare a fare il nostro lavoro (tutt’altro mestiere).
Diciamo che io ho la buona volontà a migliorare le cose e mi da parecchio fastidio vedere la trascuratezza delle macchine di lavoro, solo che più mi impegno a cercare di risolvere problemi più che questi vengono fuori (che potrebbe essere un bene, magari si capisce che serve un ente preposto, che sia interno o esterno).

UnoQualunque

No beh, io ho un parco di 300 PC ora mai tutti Windows 10 (con alcuni che fanno rendering 3D e stanno accessi ad elaborare anche per giorni) e mi capita si e no un problema al mese. Non è vero che Windows è cosi problematico. Acquista macchine con Win10 Pro, in modo tale da poter ritardare di sei mesi i feature upgrade (che sono quelli che potrebbero presentare problemi), se vuoi stare tranquillo, imposta il download automatico degli aggiornamenti ma non l'installazione cosi si installano solo quando si fa un riavvio. Non mi è mai capito che un PC accesso si riaviasse senza che nessuno glie lo dicesse. Se non sei un sistemista rivolgiti ad un consulente IT che ti può aiutare. Tutto sta nella gestione dei client. Il parco di PC aziendali va gestito come tale con tutte le precauzioni del caso, purtroppo (non mi sto riferendo a te ma parlo generico) troppo spesso ci si affida a qualcuno che lo fa per passione o si reputa inutile un reparto IT perchè si vuole spendere poco ma anche se quella persona nel suo piccolo ne sa, non ha le competenze di un addetto ai lavori per mettere in piedi un ambiente stabile.

lore_rock

Ma capisco che infatti i miei quesiti sarebbero da affidare a un’area apposita.
Il tutto nasce dal fatto che continuo a vedere i PC e Windows come una incognita da sommare alla produzione, mi spiego meglio:
Uno fa un preventivo per un lavoro che riguarda la progettazione e eventuali modifiche con scadenze di mezzo e a questo sa che tra le variabili ci sono anche possibili problemi.
Certi problemi sono ovviamente riconducibili a una cattiva organizzazione, ma altri secondo me sono proprio legati alla piattaforma windows che non é affidabile.
Ad esempio, se non ho capito male con l’ultimo aggiornamento di Windows non é più possibile installare manualmente aggiornamenti ma questi vengono aggiornati automaticamente fuori dall’orario di lavoro, il problema é che in certi ambiti il pc deve rimanere acceso per molte ore, ad esempio nelle simulazioni, come cavolo si risolve una questione simile?

UnoQualunque

Sono domande da sistemista. Dipende che grado di confidenza hai con questo lavoro. Per la prima si esistono diverse possibilità. La più semplice è usare un programma tipo Norton Ghost (lo usavo anni fa e non so a che punto sia ora), oppure per una cosa fatta un po male ma funzionante Veeam backup che esiste la versione free (fatta male perchè non generalizza il sistema e quindi non è il massimo). Prepari un pc con il software che ti serve e facendo la pulizia necessaria e fai un backup bare-metal per poi fare la restore sugli altri pc. La cosa migliore in assoluto è creare un server WDS (Windows Deployment Services), preparare un immagine in modalità audit, catturare l'immagine tramite il server WDS per poi fare il deploy tramite via rete tramite PXE. Su un blog è impossibile da spiegare l'intero processo.

Mentre per Linux, dipende da quanti PC hai e se hai un ambiente active directory. Nel caso di un dominio Windows la risposta à già assolutamente no. Un dominio ti permette di gestire i client, utenti e moltissima altra roba e ovviamente la cosa migliore è avere PC Windows. Se hai client stand-alone non saprei, non credo che valga comunque lo sforzo, soprattutto di adattamento da parte delle persone.

Sucklord9000

Photoshop,illustrator,affinity,krita,gimp,pennello e carta, martello e scalpello,tutto è meglio di pain-t

Chirurgo Plastico

Che consigli altrimenti?

Vittorio

Eh sì :)
Comunque su Windows uso ConEmu che è simile.

Vittorio

iTerm lo uso con zsh

ErCipolla

Basta sapere un minimo di italiano (da elementari eh). L'utente originale a cui ho risposto ha scritto "[...] In un'epoca in cui Apple vuole chiudere il Mac [...]". Non ha detto che è già chiuso, ne io ne lui abbiamo detto che il Mac, ad oggi, sia "chiuso". Penso comunque (ma devi chiederlo a lui, mica a me) che si riferisca alla tendenza alla chiusura che sia Apple che altri (MS ad esempio) stanno da un po' tentando di portare avanti sui loro sistemi desktop, con i vari store controllati affiancati alle installazioni "classiche" (per ora solo affiancati... domani chissà)

Ivan Clemente Cabrera

Non hai fatto nessun esempio concreto, fanno uno!

Flavio Migliorati

Io invece ho trovato alcuni dei programmi citati molto utili

Sucklord9000

perché vuoi farti del male con pain-t?

Massimo Parboni Arquati

uso mac da 10 ani... conoscevo solo magnet , articolo davvero ben sviluppato!

ErCipolla

Dai non fare il finto t0nto (spero finto...)
Lo sanno tutti che non necessariamente open-source == free. Ma in MOLTI casi, soprattutto se si parla di utility come in questo caso, è così. E in quei casi non è automatico che ci sia uno degli sviluppatori disposto a pagare i 99€/anno ad apple per l'inclusione nell'app store.

ErCipolla

Leggi il messaggio a cui ho risposto e magari ci arrivi...

Uuuuh figo. Thanks

Articolo eccellente, grazie delle dritte, una su tutte Total Finder, davvero must have.

Mik_Giovinazzi

Perché non ti proponi per essere assunto in redazione? Mi sembri un tipo sveglio...

gimmiboz

infatti ha capito che il 90 % degli italiani ha meno di 3 neuroni :D

Claudio

Sono finiti i tempi in cui sulle riviste e sui blog si trovavano articoli utili, divulgativi. Ora sono tutti cosa abbiamo sui nostri iPhone, che programmi usiamo in redazione, cosa abbiamo mangiato a colazione e così via.

fabrynet

Immagino, solidarietà.

ermete74

Alla redazione o agli utenti chiedo, sapete indicarmi l'equivalente del programma Lulu su Windows?
Grazie.

lore_rock

Intendevo il mio caso.
E credimi, di beghe ne vivo fin troppe

Lorenzomx
Kevin Manca

Dipende dall’utilizzo, io da come avevo scoperto la storia del Dock mi son mosso di conseguenza prevenendolo.
Spotlight indicizza automaticamente o puoi farglielo fare tu da terminale tramite “periodic daily” e comunque lo fa in genere ogni notte quando non lo utilizzi ed è in carica e ti dico che con un MacBook Pro 13” (early ’15) con Catalina, non ha il minimo problema di performance Spotlight e la CPU non è molto stressata, monitorandola di continuo con iStatMenus o tramite Monitoraggio Attività.

Ivan Clemente Cabrera

Ciao povero!

Francesco

Consiglio anche UnistallPKG

Laura Bianchi

E' dal 1984 che il Mac...ed ora delle Vostre 10 app indispensabile non ne ho neppure una?

D@VIDS

non sai quanti santi ho fatto scendere perchè nel secondo display mi serviva la dock e non si attivava perchè era aperta sul display principale.
Una delle tante piccolezze che mi hanno fatto abbandonare mac os dopo 12 anni. Però chi compra e quando compri non sai se non provi con mano, il problema è che molti si rifiutano pure di scoprire...
ps. lo spotlitht è comodo ma non è il finder a meno che non indicizzi tutto e ti porta via tempo, cpu, e batteria

D@VIDS

quando imparerai a leggere e stare zitto poi mi adeguo.
Ciao C@bròn....

Ivan Clemente Cabrera

Impara a scrivere, se per no intendi si il problema e’ tuo!

Ivan Clemente Cabrera

Sono app non funzioni dell’os, infatti non ne esiste una fatta da apple, bootcamp e’ una funzione di mac os mica un app

Ivan Clemente Cabrera

Ma se rispondo a uno che cita windows evidentemente mi riferisco a windows e non al mac non trovi?

Ivan Clemente Cabrera

Incluse tutte le proapp... quindi ti sembra un meme con senso?

Ivan Clemente Cabrera

Leggi il thread!

Ivan Clemente Cabrera

Di cosa altrimenti?

Ivan Clemente Cabrera

Impara a leggere

sagitt

Aerial
Bartender
Mainmenu
Appdelete
Dropdmg
Betterzip
Transmit
Paragon ntfs/extfs
Hyperdock
Bettertouchtool
Xcode
Pixelmator
Img2icon
Growl
Hardwaregrowler
Ecccc

Hai voglia

masand

In realtà Windows 10 ha un suo editor video. Non è pubblicizzato nelle app, ma si cerca con cortana o come si chiama il sistema di ricerca. È molto semplice, e il suo o fa tranquillamente.

fabrynet

Non sempre, spesso Windows è usato anche dove non sarebbe necessario.

lore_rock

Per quanto riguarda il punto 2 é esattamente come pensavo, grazie

lore_rock

Non esiste alternativa

iPad di ottava gen e iPad Air 4gen ufficiali: potenza e tanti colori | Prezzi ITA

Apple Watch Series 6 ed SE ufficiali: tanti modelli per tutte le tasche | Prezzi Italia

Apple annuncia i processori proprietari per Mac basati su architettura ARM

macOS Big Sur ufficiale: benvenuti processori Apple