System 7, ecco il sito che emula l'OS dei Mac degli Anni '90

20 Novembre 2023 17

Se vi siete sempre chiesti com’era usare un Mac negli Anni ‘90, buone notizie: da oggi non avete nemmeno più bisogno di installare un emulatore, vi basterà recarvi su questa pagina GitHub, aspettare qualche secondo e godervi una replica perfetta del sistema operativo noto come System 7, ancora prima che fosse coniato il termine Mac OS. L’ha realizzato lo sviluppatore indipendente Leonardo Russo: è completamente gratuito e open-source.

Il progetto è basato su un altro software open-source: l’emulatore noto come Mini vMac (lo dice anche il titolo della pagina). La versione precisa del sistema operativo è la 7.0.1. System 7 fu un punto di svolta cruciale per la storia dei Mac: rappresentò un taglio abbastanza netto con il passato, visto che con esso debuttarono i Mac con processori PowerPC, abbandonando i Motorola 68000 usati negli anni precedenti (la seconda "era" dei processori dei Mac, a cui seguirà quella Intel e quella attuale degli Apple Silicon). Richiedeva anche molta più RAM, e non era compatibile con i Mac più vecchi che avviavano da floppy disk. Ma ebbe comunque una vita relativamente lunga: fu lanciato nel 1991 e ritirato nel 1997 da Mac OS (notare il cambio nome, anche se era avvenuto già prima con la versione 7.6) 8.


Come potete vedere, System 7 è... Decisamente vecchiotto per gli standard odierni. Tutto in bianco e nero, e con grafica in bassa risoluzione, aveva comunque già molti degli elementi distintivi del sistema operativo che usiamo ancora oggi - la toolbar persistente in alto, per esempio, con il primo menu a sinistra identificato semplicemente dal logo della mela morsicata, e il pulsante per chiudere le finestre in alto a sinistra invece che a destra come in Windows. Tra l’altro, l’interfaccia è pensata per un mouse con tasto singolo, una delle principali peculiarità dei Mac (ancora oggi in effetti nei mouse Apple un tasto destro non c’è, anche se il menu contestuale è stato implementato) e per navigare il menu bisogna tenere il pulsante del mouse premuto, si lascia solo quando è selezionata la voce che si vuole cliccare.

L’intero sistema operativo è condensato in appena 6 MB, con tutte le applicazioni di sistema incluse (anche il Puzzle, che è una sorta di gioco del 15 in cui l’obiettivo è comporre il logo di Apple). Buon divertimento!


17

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
riccardik

su molti sistemi e programmi moderni comunque funziona ancora, pure su android

Black_Codec
Giàgioggiola

Anche l'Amiga era così, bisognava tenere premuto il tasto destro.

E K

Che aborto, al secolo win 2 e win 3.1 erano giá piú user friendly

Federico

Con il System 7 ne ho ancora uno in cantina, un Qusdra 900.
Quando lo comprai costava quanto una piccola automobile.

Si era così. al rilascio sceglieva l'opzione del menù... ora sembra strano, ma all'epoca nell'uso quotidiano non era un problema.

Nicola Ramoso

Da notare che per scorrere la barra degli strumenti é necessario tenere premuto il tasto del mouse, e non é un bug del simulatore.

Andrej Peribar

In realtà sono molto comodi in alcuni casi.

Prima erano ovviamente relegati a chi usava molti terminali, perché ti organizzava i terminali automaticamente a vista (li disponigono in sezione aurea) gestibili da shortcut da tastiera, non sovrapposti, quindi praticamente non necessitavi della gestione mouse.

Poi sono andati in disuso perché parecchie applet (controlli volume, calendari etc non venivano inserite

Oggi però molti o li mettono in altri DE , o alcuni DE come PopOs! (System 76) li aggiungono come opzione organizzativa.

È per quelle sessioni dove usi poco il mouse.
Ric cardo Palo mbo ne è un grande fan.
Prova a vedere qualche video.

Alla fine devi essere cmq un habitué della keyboard

Paul'S

bei tempi... nel 1990-1991 usavo proprio il mac Plus e mac SE collegati tramite MIDI ai sintetizzatori

frank700

Non comprendo l'esistenza di questi pseudo window manager, li trovo assolutamente inutili e anche improduttivi (fanno perdere molto tempo anche nelle cose più semplici), ma non so per quale motivo viene ancora fatta tanta, ma tanta pubblicità.

frank700

tinywm è un programma di esempio.
TWM e xterm sono programmi storici. TWM fa parte di xorg (prima XFree86, prima X).

Black_Codec

Direi che il minimale è tinywm + st

Giàgioggiola

Il primo Mac che vidi fu quando ero alle superiori intorno alla metà degli anni 90, era di quelli orizzontali sotto al monitor, simile a qiesto
https://uploads.disquscdn.c...
il sistema era simile ma a colori, lo usavamo con un programma di grafica vettoriale, ma non ricordo quale però.

Andrej Peribar

Potremmo anche inglobare i vari tiling. Che dici?

frank700

Il sistema più minimalista che puoi avere con linux è TWM+xterm. TWM è il window manager (quella cornice col pulsante di chiusura, dovrai pure poter spostare o ingrandire i programmi), xterm è il terminale (tipo il powershell di windows) con cui fare tutte le operazioni di file management.

un eternauta

>Come potete vedere, System 7 è... Decisamente vecchiotto per gli standard odierni.>
Non direi, probabilmente ci sara' qualche distro linux attuale dal design ancora piu' minimalista.

Tergolis

E pensare che che nel 1993 ho fatto una fatica incredibile per farlo girare su pc.

Recensione Apple Watch Series 9: le novità sono (quasi) tutte all’interno

Recensione MacBook Pro 16 con M3 Max, mai viste prestazioni così!

Recensione iPhone 15 Pro Max, si conferma al TOP senza stravolgere

Recensione iPhone 15: meglio del 14 Pro? | VIDEO