LibreOffice arriva in forma ufficiale su Mac App Store, ma è a pagamento

21 Settembre 2022 85

Piccola rivoluzione per LibreOffice, la suite di produttività alternativa a quella di Microsoft gratis e open-source: ora arriva in forma ufficiale sul Mac App Store, ma... È a pagamento. Costa 8,99€, e come se non bastasse potrebbe avere qualche mancanza a livello di funzionalità, perché per via delle regole di Apple stessa non è possibile includere Java.

Ma niente paura: la suite può essere ancora usata gratuitamente sul proprio Mac - basta dirigersi sul sito ufficiale della The Document Foundation e scaricarla da lì. In questo modo si perdono alcune caratteristiche, peraltro molto comode, tipiche di qualsiasi app scaricata dall'App Store, ovvero gestione semplificata dell'account e aggiornamenti automatici. Insomma, ognuno dovrà scegliere in base alle proprie priorità.

L'avventura di LibreOffice su Mac è stata sempre un pochino anomala. La suite è in realtà su App Store da tempo, ma era un'iniziativa di una società terza, chiamata Collabora: l'app, che si chiamava (ora è stata rimossa) LibreOffice Vanilla, costava a sua volta una cifra simile, e permetteva a Collabora di coprire le spese di manutenzione e sviluppo del software.

Nel post di annuncio sul proprio blog ufficiale, TDF dice chiaramente che la scelta di imporre un prezzo al software è dettata dalle stesse esigenze citate da Collabora, e garantisce che tutti i proventi saranno riversati nello sviluppo e nella manutenzione di LibreOffice. Vale la pena ricordare che la suite è portata avanti da volontari, ma ci sono comunque spese da affrontare - Apple chiede per esempio 100€ l'anno agli sviluppatori per pubblicare sull'App Store, senza sconti o eccezioni per associazioni senza scopo di lucro o software gratuiti, e trattiene tra l'altro il 30% di commissioni da ogni vendita.


85

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mastro

ma non si paga neppure su macOS, lo paghi solo se lo scarichi dallo store, che ne garantisce cmq la comodità di update automatici, ripristino al cambio di computer ecc

salvatore esposito

letti da fanboy della mela marcia immagino

andrew

Ecco, qui è spiegata la questione
https://fsfe.org/activities/msooxml/msooxml.en.html

Paulus

Sono pienamente d'accordo, la libertà di scelta ci deve essere ma deve anche andare di pari passo con la piena compatibilità. Per il momento (per quanto mi riguarda) devo utilizzare la suite office.

Sagitt

puoi sempre installarla senza lo store

Sagitt

parliamo di mac..

Alfredo Natale

Bisogna promuovere di più i formati aperti ed il software libero, non è accettabile che siano dei monopoli a decidere tutto

Alfredo Natale

È anche un modo per supportare un software libero, ottenendo alcuni vantaggi (aggiornamenti automatici). Se non vuoi spendere niente, puoi scaricare LibreOffice direttamente dal sito

Il Robottino

Ottimo software finchè non fai un documento con qualche formula e qualche immagine all'interno. Poi torni a word...

al3xb3rg
ALDream40K

Ma dai????

CESTA DI TAZZO

sta gente pur di non pagare un cent venderebbe i dati del proprio bu** di c*l0

CESTA DI TAZZO

Oddio, gente che chiede un obolo per un lavoro lungo e complesso.
CHE AFFRONTO!

CESTA DI TAZZO

Stai dicendo che l'alternativa a usare il cervello è non usare il cervello?
LOL

malapropysm

Alternativa a che? Da una parte c'è un software privacy friendly che gira in locale, dall'altro uno che sta in Cloud e ti frega qualsiasi dato. Uno è open source, l'altro manco per il cavolo.

Dario

Ah ah ah !! cioè fatemi capire... LibreOffice che è la suite ufficio gratuita per eccellenza, tant'è che la trovi inclusa in tutte le distribuzioni Linux e la scarichi gratuitamente dal sito sia per Windows che per MacOS, se la scarico dall'App Store dovrei pagarla 8.99??
Ma questi non stanno per nulla bene, a voi sembra normale?
Contando poi che se voglio usare Office Microsoft online lo utilizzo gratuitamente (con funzionalità base)?
Finchè qualcuno questi soldi glieli da...

fr4nz5

L'alternativa è Google Docs

ErCipolla

Io sapevo che la specifica è molto complessa e verbosa rispetto ad ODF, questo si, non mi risultava che i file generati fossero non aderenti alle specifiche... hai una fonte?

andrew

È la versione di Collabora, come lo era su App Store prima praticamente.
Ufficiosa in pratica, è una delle aziende che contribuiscono allo sviluppo di LibreOffice e ne offrono una versione rivolta alle aziende con supporto tecnico e tutto il resto

Pane Fresco

"I computer dovrebbero smartphonizzarsi, solo i nerdacci hanno voglia di scaricarsi i programmi direttamente dai creatori, ben venga un solo store che decide tutto e dal quale scarichi tutto, vanno bandite le installazioni stand alone"
Mentecatti fracichi

HeySiri

Beh dai, almeno non è un abbonamento e non costa troppo

Paolo Giulio

Guarda, da utente Linux CONDIVIDO... i programmi che più uso e che sono gratuiti sono SEMPRE oggetto di una donazione annuale da parte mia.

Michele Melega

ma anche per chi ha esigenze più specifiche.

Lorenzomx

Per fortuna esiste brew.sh che mi fa risparmiare una quantità di tempo enorme

Migliorate Apple music

Non è vero, devi soltanto includere la JRE dentro all’app. Che poi nell’Objective C come da nome ci metti anche codice C se vuoi

Egidiangelo

L'avrei provato ma mi tengo la suite Apple che è gratis e per uno con poche esigenze è perfetta

XFox

Non è così, possono contenere anche codice Java ma la JRE deve essere incorporata nell'app bundle (cosa ormai sempre più diffusa anche per app fuori dal Mac App Store).

ErCipolla
Enrico Bianchi

Veramente, se vogliano fare i precisi storicamente parlando, i primi ad averci provato (e riuscito) sono proprio quelli di Apple. Poi è venuta Google ed infine Microsoft (fallendo). Questo su mobile. Su PC/Mac, stesso discorso, prima è arrivato quello Apple, poi quello di Microsoft (con risultati alterni)

Andhaka

Non era intesa come una critica verso di te, ma al fatto che da Apple ci si aspetta che si comporti in modi simili a quanto scritto. ;)

Onestamente anche io ero propenso a credere alla cosa visti i precedenti. ;)

Cheers

Raxien

Sembrava strano, non avevo tempo di verificare è ho dato per vero. :D

Raxien

Ho dato per assunto, sbagliando vista la stranezza della cosa dato che non avevo tempo di verificare, che fosse vero.
Difficile capire se non si mettono faccine se sia serio o battuta.

ErCipolla

MS Office è closed, ma i formati che usa (OOXML, ovvero quelli che terminano con la "x": docx, xlsx, pptx, ecc.) sono formati con specifica pubblica e anche loro, come ODF, sono standard ISO.

Il fatto è che non essendo i formati "nativi" di Libre è ovvio che il supporto non sia perfetto, come d'altronde anche il contrario: MS Office può aprire file ODF, ma a volte te li sbarella completamente.

matteventu
LibreOffice | macOS | Apple App Store, Gratis

Dai però eh :)

ErCipolla

No piano... è strapieno di software sul Mac App store che fanno ampio uso di librerie scritte in C/C++ o altri linguaggi. Finché è un linguaggio compilato (e quindi le librerie sono binari già pronti) non ci sono problemi.

Penso che quello che non permettono è software che dipende da altre runtime (tipo la JVM) perché è una dipendenza esterna e vuol dire che l'utente dovrebbe installarsi il Java Runtime Environment a parte, il che vanifica l'idea alla base di uno store, ovvero "in 1 click installi e sei pronto per usare il software".

(probabilmente si potrebbe ovviare con un container, però non so come sono le politiche di Apple in merito)

Accapi

Sono 99 dollari annui. Non credo che una fondazione del genere si strappi le vesti.
Anche perché spero che facciano più di 15 download annui.

Credo che sia stata più una scelta di "Donazione" forzata.

Accapi

Tanto è una caca

Alessandro Scarozza

che poi con la storia di ooxml si scende ancora piu nel grottesco. ma il discorso sarebbe complesso da fare qui

asd555

Be' sì ma questi sono tecnicismi che all'utente finale importano poco.
L'utente finale dice "ehi, su Windows non si paga!".

Nyles

quindi i primi 10 utenti pagano e poi la mettono a 0?

Nyles

Devono semplicemente tradurre la loro libreria Java in un linguaggio compatibile con gli iPhone... Sembra normale.

Per loro fortuna Android ha scelto Java e si ritrovano compatibili per miracolo. Se avessero avuto le librerie scritte in C# dovevano riscriverle per entrambi.

wphantom

La questione è semplice: Microsoft Office è basato su codice proprietario chiuso per cui chiunque tenti di aprire file creati con questi, tramite programmi alternativi come LibreOffice può incorrere, non sempre ma in alcuni casi, dipende dalla complessità del documento, in problematiche di formattazione in quanto Libre Office ed altre suite alternative, sono costrette ad interpretare il codice sperando per così dire ... di azzeccarci.
Il fatto grottesco è che Libre Office genera di default file in formato Open Document (Odf), cioè in standard Iso internazionale, Microsoft Office no.
Cit. Wikipedia: l'obiettivo dei formati aperti come OpenDocument è quello di garantire
accesso a lungo termine ai dati senza barriere legali o tecniche.

Nyles

In realtà non per le "Regole di Apple Stessa". Le app possono contenere solo codice swift o objective-C. Quindi le librerie Java le devono riscrivere come tutti dal 2007 ad oggi.

Simone

perché per via delle regole di Apple stessa non è possibile includere Java.

per quale ragione hanno bandito java ahahhah?

ErCipolla
sk0rpi0n

Uso da 12 anni solamente LibreOffice per la mia azienda, e sono pienamente soddisfatto.

Sistox v2

Nessuno usa veramente excel al 100%. Non avrebbe senso.

GianL

Il fatto da acquistare via App Store, lato utente, non ha qualche vantaggio? tipo update automatico per le nuove versioni / installazione automatica dopo factory reset? (chiedo da non utente MacOS).

Ansem The Seeker Of Lossless

Su ms store mi pare non sia la versione ufficiale

Recensione iPhone 14 Pro Max, IL migliore di sempre!

Cosa succede agli smartphone: fine di un ciclo tecnologico? Video

Una settimana con iPhone SE 2022: ha ancora senso? | Recensione

iPhone 13 Pro vs Galaxy S22 Ultra: cosa può imparare Samsung da Apple