App Tracking Transparency: i prezzi degli acquisti in app su iOS volano del 40%

14 Settembre 2022 59

Il lancio di App Tracking Transparency ha cambiato in maniera radicale il mondo della pubblicità su iOS, dando una sonora mazzata a tutte quelle realtà che basavano i propri ricavi sulla targettizzazione e la vendita dei dati personali degli utenti a scopi pubblicitari. Un'azienda come Meta, ad esempio, ha visto i suoi ricavi crollare di quasi 10 miliardi di dollari all'anno a causa dell'implementazione fatta da Apple sulle sue piattaforme.

Certo, questo ha innalzato sensibilmente il livello di privacy e sicurezza, ma sembra che la questione abbia avuto anche un effetto collaterale che si sta riversando direttamente sulle tasche degli utenti. Non si può dire che la notizia ci colga di sprovvista, ma i recenti dati riportati da Apptopia fanno registrare un'impennata senza precedenti dei prezzi degli acquisti in app su App Store, con punte del +40%.

Il grafico che vedete sotto mostra un parallelo rispetto all'andamento dei prezzi su Android. Anche in questo caso notiamo qualche aumento, tuttavia bisogna anche tenere in conto degli effetti dell'inflazione sull'economia reale, che stanno andando ad impattare su ogni aspetto della vita di tutti i giorni, incluso il consumo di contenuti digitali dagli store Android e iOS. Ovviamente non basta la sola inflazione a spiegare l'enorme divario tra le due piattaforme, bensì è stata proprio l'implementazione dell'ATT a dare il via ad una serie di aumenti.

Aumento medio del prezzo degli acquisti in app su iOS e Android

Come dicevamo prima, lo scenario era ampiamente prevedibile, dal momento che le politiche di Apple sulla privacy vanno ad incidere in maniera diretta su uno degli elementi alla base del mercato delle app, ovvero la pubblicità. Questa è infatti in grado di contribuire in maniera importante ai ricavi, permettendo l'esistenza di applicazioni e servizi gratuiti o con costi tutto sommato accessibili.

Questo a patto di accettare che la vera merce di scambio siano in realtà i nostri dati, che vengono trattati e venduti in un mercato parallelo a quello del semplice acquisto dell'app o in app, ma d'altronde una forma di monetizzazione è pur sempre necessaria. Apple ha detto la sua, preferendo puntare alla sicurezza della sua piattaforma anche a discapito di una possibile svalutazione di App Store agli occhi di sviluppatori e utenti.

ABBANDONARE APP STORE? IMPOSSIBILE

Si perché nel momento in cui i prezzi decollano, i consumi si contraggono e questo mette in moto una spirale recessiva che porterà sicuramente gli sviluppatori a guardare con occhi diversi la propria permanenza su App Store o, più verosimilmente, al modello di business scelto. Permanenza che comunque non può essere poi messa in discussione più di tanto, pena il tagliarsi fuori da una fetta di pubblico che notoriamente è più portata a spendere sugli store digitali, anche in considerazione del fatto che persino Google sta valutando di adottare politiche simili su Android. A quel punto è probabile che il mondo di intendere il mercato delle app possa cambiare definitivamente per tutti.


59

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Nacyres

Allora a maggior ragione è indifferente dove siano salvati

ErCipolla

Appunto: nel mio modello la Zucca potrebbe mettere l'app gratis e limitarne (anche pesantemente se vuole) le funzionalità se l'utente nega il tracciamento. Se all'utente non garba può lasciare la piattaforma e Zucc ha perso il cliente a causa del suo business model, affari suoi.

Com'è adesso invece lo sviluppatore non ha scelta: deve trattare allo stesso modo sia l'utente "redditizio" che quello meno, non può decidere di "trattare meglio" gli utenti che magari sarebbero disposti ad avere gli ad mirati.

ViseL

Non credo che il problema siano i dati della App in sé, ma il fatto che non possa fare pubblicità mirate quindi clicchi un decimo di quello che cliccavi prima con conseguenti meno entrate

Pistacchio
Arale's Poopoo

Il problema é che quanto lo fai pagare un utente?

Zuccherino ad esempio si oppone a qualsiasi cosa sia a pagamento perché Facebook negli USA guadagna in media 13$ ad utente attivo ogni mese, fai pagare l'utente anche solo 5$? Questo pretenderà di avere un'esperienza completamento ad free, lo fai pagare 13$ per sopperire a tutti gli ad? La concorrenza é pronta a farne pagare anche solo 5 e risparmia ovunque (es: manodopera cinese, sede in Cina ecc) e trova trucchetti per guadagnare in altro modo.

Arale's Poopoo

Adesso l'ha affossata assicura dosi il vantaggio di essere l'unica a poter tracciare il 100% dei propri utenti.

Quindi questa volta dovrebbe avere successo (e comunque dagli ad guadagna già qualcosa, anche se non troppo considerando i numeri che ha)

virtual

ConnectBot

ErCipolla

Si, mi sono espresso male, non "implicitamente", ma con l'esplicita azione di cliccare "agree" senza leggere e chissene frega, cosa che come hai giustamente detto anche tu: facciamo tutti.

ErCipolla
Arale's Poopoo

Non lo accetti implicitamente perché per il tracciamento ci sono norme, sia in EU che in USA), e serve il consenso in quanto i dati sui tuoi interessi o sulla tua posizione fanno parte della privacy.

Solo che la gente (pure io eh, ma almeno non piango) non legge i termini d'uso ma li accetta sempre.

Arale's Poopoo

Lo facevano con il tuo permesso e non venderanno nulla.
Al massimo ti profilavano e ti vendevano pubblicità mirata.

Lo volete capire che per aziende che sfruttando i tuoi dati per venderti pubblicità o prodotti (es: amazon) i dati degli utenti sono IMPORTANTISSIMI e letteralmente INESTIMABILI?

Arale's Poopoo

Sulla carta quello che proponi funziona.
All'atto pratico no.
Secondo te perché Zuckerberg si é opposto cosi' tanto? Perché sa benissimo che l'utente deve essere inconsapevole ma accettare dei termini e condizioni d'uso mai letti e che tutto deve essere pensato in modo meno transparente possibile.

Questa é la strategia che ha anche Google, tra gli altri (ad es, almeno negli USA, tiene/teneva una copia di tutte le Email che ricevi o invii su Gmail, anche quelle eliminate allo scopo di profilarti meglio).

Walter

ha sempre fallito nella pubblicità ha chiuso anche Iad....
Non potendoci entrare l' ha affossata

Arale's Poopoo

Ci guadagnano tutti meno, tranne eventualmente Apple dato che vuole entrare di più nel business pubblicitario dedicato ai propri dispositivi.

Ci perdono tutti perché ad esempio Facebook non può garantire che la pubblicità di, ad esempio, una console, venga vista da qualcuno interessato ai videogiochi e che nell'ultimo periodo ha "casualmente" aumentato le ricerche su una specifica console.
Quindi Facebook deve per forza di cose farsi pagare meno per la pubblicità.
Il negoziante o il produttore invece guadagnano meno perché minore é il numero di persone interessate alla console che vedono la pubblicità, minore sarà il numero di vendite che riesce a fare.

L'unica a guadagnarci potrebbe essere proprio Apple, che spingendo a gamba tesissima nel business pubblicitario può fornire pubblicità mirata e quindi attirare gran parte degli investimenti in pubblicità che prima venivano fatti sulla piattaforma.
In quel caso si figurerebbe un bel problema per Apple, che già ha le sue grane sia per la percentuale che prende su AppStore ma anche perché é sotto accusa da parte di Spotify (che deve pagare il 30% delle proprie vendite di abbonamenti mentre Apple ha Music come concorrente).

ErCipolla

L'azienda di sicuro.
Ma l'articolo parla proprio del fatto che il consumatore va a spendere di più.

Arale's Poopoo

Peccato che GrapheneOS sia praticamente impensabile da usare attivamente e che un casino di app hanno attivamente bisogno dei Play Services per funzionare perché Google ha inserito convenientemente delle API in Play Services e, ad esempio, sono già necessarie per accedere alle mappe di Maps su diverse App (es: Uber, ma anche molte di monopattini elettrici).

KenZen

(facepalm)

Walter

problemi dell' app in quel caso

PuckBeastOfTheEnd

Peccato android non sia dipendente da servizi google come si evince dai dispositivi amazon e huawei che di google hanno zero, come altre rom tipo grapheneOs.

Difatti google guadagna di piú dagli utenti apple che da quelli android, ma questo a Felix non fatelo sapere...

Castoremmi

Ci guadagna sia l'azienda sia il consumatore, non vedo dove sia il problema

Michele

Certo "criptati"...tu credi ancora a babbo natale.
"Privacy rimane interamente in mano ad Apple", ahahahahahahhaha.
Forse non vivi la vita reale.

Felix

Quindi? Apple i dati può tenerli anche sugli hard disk nella cantina di mio cugino (persona di cui mi fido poco)… se sono interamente criptati che mi cambia? La privacy del servizio non viene minimamente intaccata.

Al limite vengono meno le prestazioni, nel mio assurdo esempio, ma AWS non ha di questi problemi, e la privacy rimane interamente in mano ad Apple.

Oltre al fatto che hai scoperto l’acqua calda, sia perché stai citando un articolo del 2019, sia perché Apple stessa sul sito dedicato a iCloud dichiara di usare servizi di hosting terzi.

maremmalupa

Pienante d’accordo

Squak9000

come no... basta scegliere Android ed è fatta.

Felix
quali sarebbero le misure da applicare secondo voi?

Non usare un sistema operativo creato da una aziende il cui core business è la profilazione e la raccolta di dati da rivedere sotto forma di pubblicità, OS intrinsecamente legato e dipendete dai servizi della suddetta azienda.

Walter

beato te che hai la ricarica wirless il mio nel microonde non va

rsMkII

Sì ma nessuna app vuole ammettere che ti sfrutta così tanto con i dati

Roberto

Sì, appena fatto, grazie mille per il suggerimento!
Però credo sia scarico, provo a caricarlo nel microonde.

Walter

La libera scelta penso sia la cosa migliora, che col sistema Apple dovrebbe essere possibile ma da quanto ho capito l' app non può chiederti di abilitare la pubblicità invece di pagare

Walter

prendi il telefono
appoggialo sul tavolo
dagli 3 martellate forti

Roberto

Mi stavo chiedendo: se volessi "imitare" l'ATT su Android, quali sarebbero le misure da applicare secondo voi? Grazie

rsMkII

Preferisco di gran lunga pagare 40% in più un'app ma avere una privacy migliore piuttosto che il contrario. E non lo dico da utente apple, dato che ho solo Android.

Walter

Non penso siano effetti collaterali Apple sulla pubblicità non ci guadagna chi prende più commissioni adesso?

Harakiri

questa sarebba una buona soluzione, ma temo presupponga il "pensare"...e l'utente medio smartphone temo clicchi alla rinfusa

ErCipolla
adimo

Forse dovresti rivedere come funziona l'app tracking transparency di Apple.

Felix

Corretto.

ErCipolla
PuckBeastOfTheEnd

Aggiungo
https://www.reddit.com/r/androidapps/comments/jhtvn4/a_list_of_open_source_applications/

ErCipolla

Ma la maggior parte di app piene di ads ti permettono di levarli se acquisti l'app, quindi non vedo il problema...

ErCipolla

No, lo facevano CON il tuo permesso.
Se non sei consapevole perché sei troppo pigro per leggere i license agreement è un problema tuo...

Harakiri

preferisco assolutamente spendere € per un software che avere adv a tutto spiano: per quanto possibile evito SaaS, ma sull'acquisto secco one shot vado senza patemi...se mi toglie l'adv

adimo

Questo prova che molte app vivevano vendendo "i fatti nostri" senza il nostro permesso.

Castoremmi

App Tracking Trasparency è stata implementata con l'uscita di iOS 14.5 ad aprile 2021 se non sbaglio

Liam McPoyle

L'avevo visto anche io oggi, gran bella lista (:

momentarybliss

Eh, Apple l'ha fatto proprio per la privacy, come la rimozione dell'alimentatore. Tutta fuffa per aumentare i profitti

Ansem The Seeker Of Lossless

Fresco fresco di oggi:
https://www.reddit.com/r/androidapps/comments/xdaz94/the_ultimate_fdroid_setup_200_apps/
Dipende poi che app ti servono. Ovviamente ne ho tante open source ma anche alcunie a pagamento che sono fantastiche come foldersync.

Davide Mosezon

Non capisco una cosa,
perché il grafico parte da Luglio 2021? Il lancio di App Tracking Trasparency non è di alcuni mesi fa(tipo Marzo/Aprile 2022)?

Ovviamente non basta la sola inflazione a spiegare l'enorme divario tra le due piattaforme, bensì è stata proprio l'implementazione dell'ATT a dare il via ad una serie di aumenti.


Penso che la vostra tesi non abbia chissà quali basi su cui fondarsi

FactCheckoIlDisagio

Qualche nome utile?

Ansem The Seeker Of Lossless

Tra iOs e Android c'è anche molta differenza livello di quantità di app open source gratuite.
Buona parte delle app che ho sul telefono sono open source e le scarico da f-droid.
Su iOs questo è impossibile per via dei costi enormi di sviluppo rispetto ad Android.

Due mesi con MacOS Ventura: ecco come va e le principali novità!

Recensione iPhone 14 Pro Max, IL migliore di sempre!

Cosa succede agli smartphone: fine di un ciclo tecnologico? Video

Una settimana con iPhone SE 2022: ha ancora senso? | Recensione