Apple e il difficile rapporto con la Cina: un Paese, due strategie

04 Agosto 2022 135

Il rapporto tra Apple e la Cina è sicuramente uno dei più complessi dell'industria mobile, e le ragioni sono molteplici. Da un lato c'è il semplice aspetto commerciale di questo legame, con la casa di Cupertino che non vuole assolutamente perdere l'accesso al golosissimo mercato interno cinese e le stesse aziende locali che non desiderano certo mettere in discussione i ricchi contratti di fornitura che solo Apple è in grado di garantire per volumi di prodotti estremamente elevati.

Dall'altro lato, invece, c'è la questione legata a tutti gli aspetti politici e sociali che entrano in gioco quando un'azienda statunitense interagisce con il governo cinese. Non solo c'è la possibilità di diventare un capro espiatorio nel bel mezzo di un eventuale scontro geopolitico - un po' come accaduto qualche anno fa -, ma ci sono anche tutti quei temi che mettono spesso in imbarazzo la casa di Cupertino, come ad esempio la necessità di piegarsi al controllo governativo imposto dalla Cina, che stride fortemente con tutti gli impegni messi in atto dall'azienda per tutelare la privacy dei suoi utenti internazionali.

Insomma, si tratta davvero di un rapporto complicato ma, allo stesso tempo, impossibile da interrompere, motivo per cui Apple sta mettendo in atto delle profonde modifiche interne che le permettano di tenere il piede in due scarpe. Parafrasando proprio una delle formule più famose della Cina di fine secolo scorso, sembra che Apple stia studiando due strategie per un solo Paese, andando ad interfacciarsi con il colosso di Pechino in maniera differente in base all'aspetto che intende massimizzare.

LA DOPPIA STRATEGIA DI APPLE CON LA CINA

A darci qualche indicazione di questa tattica è il noto analista Ming-Chi Kuo, il quale sembra confermare quello che ormai è un trend di Apple riportato da diverse fonti: la volontà di emanciparsi dalla Cina e, allo stesso tempo, non rinunciare alla sua presenza nel ricco mercato locale.

L'emancipazione riguarda ovviamente la riduzione della dipendenza di Apple nei confronti della filiera produttiva cinese, la quale rappresenta il vero e proprio punto debole della compagnia nel caso in cui si dovessero intensificare le tensioni geopolitiche. Le ultime ore ci testimoniano come le relazioni tra USA e Cina siano più precarie che mai e Apple vuole evitare di farsi trovare nuovamente coinvolta nello scontro tra nazioni. Per questo motivo, stando a quanto riferito da Kuo, l'azienda ha cominciato ad intensificare lo sviluppo di una filiera produttiva alternativa che non dipenda più dalla Cina.

C'è poi il tema della permanenza sul mercato cinese e pare che, al fine di evitare un calo nei volumi di vendita, Apple cercherà di essere ancora più presente sul territorio attraverso il coinvolgimento di un maggior numero di aziende locali, andando quindi a diversificare ulteriormente i suoi fornitori. Questo permetterà all'azienda californiana di radicarsi ancora di più in Cina, risultando probabilmente più appetibile anche nei confronti degli utenti locali, i quali sapranno di contribuire all'economia interna anche con l'acquisto di un prodotto realizzato da una società esterna. Secondo Kuo, Apple ha già implementato le due strategie e presto sarà possibile cominciare a scorgere i primi frutti per entrambe.

5G senza compromessi? Oppo Reno 4 Z è in offerta oggi su a 269 euro.

135

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
faber80

rivendicare territori ? minaccia separatista ?

Aristarco

Sono due situazioni completamente differenti da ogni punto di vista

faber80

come quando si perculava l'ingresso della russia in ucraina "eh, ma siete i soliti complottari filo americani". Intanto i cinesi hanno già avvertito con un paio di missili sopra l'isola.... pacificamente eh.

sk0rpi0n

In poche parole, parola d'ordine: profitto; tutto il resto è secondario.
L'azienda più ambigua di sempre.

Jinno

Più che alleato direi suddito

Ansem The Seeker Of Lossless

Mi frega dei paesi che più impattano la mia vita. Non sono un ipocrita.

Francesco Renato

Hai detto niente, senza Taiwan la potenza economica americana sarebbe fortemente diminuita, una potenza è grande quando domina sul pacifico e per dominare sul pacifico sono essenziali per gli USA avere l'appoggio di Giappone, Corea e Taiwan.

Aristarco

Fortunatamente per Taiwan c'è uno stretto di 150km che ferma la Cina, senza parlare che sono loro partner commerciali con delle industrie fondamentali, scatenare una guerra vera, va contro gli interessi economici della stessa cina

ROOT

Gli americani hanno tutto il diritto di farsi gli alleati che vogliono.

ROOT

Sì sì certo, certo. La mediocrità altrui non è una scusa per giustificare la propria.

Jinno

Non credo abbia paura, tanto ha i cagnolini che combattono per lui, basta vedere i commenti qui, mal che vada è sempre un paese non del territorio USA a rimetterci

Riccardo Mineri

Immagina quanti ne spende la cina...

Jinno

Lascia stare, le persone non ragionano perché vogliono sempre tifare una o tifare per altro, tra altro la situazione tra Taiwan e Cina è peggiorato grazie allo zampino di chi tu sai, l'esercitazione stesso dell'esercito cinese sempre appunto a spaventare dopo che la Pelosi ha voluto far visita Taiwan per appunto provare la Cina, e costei si sta facendo il tour di vari stati Asiatici chissà perché

Jinno

Gli hanno rubato lavoro e fidanzata sicuramente, oppure il suo datore di lavoro è cinese

Jinno

Pensa che se la media non ne parlasse a te te fregherebbe na mazza, sempliciotto

Jinno

Allora dovrebbe fregarti i vari paesi mediorientali che sono stati bombardati ed invasi per il pertrolio, ah no perché i media dicono che ci sono terroristi e quindi è tutto leggitimo

Condiloma Peperlizia

Dici? C'è molta tensione e la Cina non è disposta a mollare un territorio che di fatto è ancora suo.

Aristarco

In Cina sono più furbi di noi e gli usa, per creare colonie usano i soldi non le armi

Aristarco

Tranquillo che nel suo piccolo Mussolini all'estero di danni ne ha fatti

Aristarco

Vallo a chiedere a tutti quei paesi che sono stati sotto la cortina di ferro o ex URSS...

Aristarco

Ma da europeo, l'alternativa quale sarebbe? Ricordo che qui come tutte le guerre è solo questione di economia, è chi tiene l'europa per le p4ll3 dal punto di vista prettamente economico? La Cina....se vogliamo veramente tornare ad essere un grande continente, bisogna affrancarsi dalla dipendenza industriale del sud est asiatico, non certo peggiorarla ulteriormente

Aristarco

Niente perché non accadrà

Condiloma Peperlizia

Sono proprio curioso di vedere cosa farà Apple e gli USA appena la Cina invaderà Taiwan... ahaha

darthrevanri

È come salveenee che odia i neri, sicuramente un nero gli ha ciulato la fidanzata

Diabolik82!

Apple perderebbe un 30% di fatturato se non erro. Che Google non ci sia non significa che non sbaverebbe per poterci entrare.

ROOT

Ti prego leggi il link del video che mi ha condiviso un utente qua sotto. Ovviamente l’ho rigorosamente segnalato e bloccato.

Ahahahahahahahahahah. Ahahahahahahahah non ce la faccio.

ROOT

Ma ahahahahah. Ahahahahahahahhaha. Ahahahahahahahahhahah. Ahahahahahahah. Luogo comune è il nome dello YouTuber. Ma veramente vi informate da sti siti? Ahahahahahhahababababaabbaabbaahhaahahahahaha.

Francesco Renato

Si,,, il popolo è enorme, sta diventando l'incubo degli americani che sono in numero nettamente inferiore.

Francesco Renato

Cosa vuoi, Putin deve rinnovare il guardaroba per far posto ai nuovi missili ultrasonici!

Francesco Renato

Sicuro? I russi sono imparentati con i mongoli che in passato ne hanno combinato di tutti i colori, sono stati persino imperatori in Cina!

Francesco Renato

E' improprio parlare di dipendenza, dipendente è il lavoratore, non il datore di lavoro, la manifattura si può spostare facilmente, il know-how no.

Bellerofonte

Vale per ogni brand

Francesco Renato

Can che abbaia non morde, gli USA hanno semplicemente paura della Cina perché con una popolazione 4 volte superiore è destinata inevitabilmente a prendere il posto degli USA, in un futuro non troppo lontano.

Francesco Renato

La strategia in realtà è unica, rifornire il mercato cinese con prodotti costruiti in Cina e rifornire gli altri mercati con prodotti costruiti altrove.

Patrocinante in Cassazione

questione soggettiva, non mi metto a discutere i gusti

ROOT

Argomenta.

silviano creduloni

che risposta semplicistica

silviano creduloni

anche i russi sono tranquillissimi, basta non andare a romperli le scatole

Paolo C.

Non sono nemmeno tanti.

Fade

google praticamente non c'è e campa benissimo

Diabolik82!

sì vero...ma essendo il paese più popoloso al mondo, anche fossero solo un decimo (probabilmente sono di più, soprattutto con formule a contratto o rate...), lo rendono comunque un mercato irrinunciabile per chiunque.

Fade

i potenziali clienti sono molto meno visto il reddito medio pro capite

Diabolik82!

Apple indipendente dalla Cina per la filiera produttiva tra 10 anni, se va bene...e pure ho dei dubbi sia fattibile...per Apple come per qualsiasi grande azienda di tecnologia. E rinunciare al mercato interno cinese, mai. Nessuno può rinunciare a 1.4mld di potenziali clienti. Tra l'altro Apple è molto apprezzata dai cinesi.

Migliorate Apple music

Vabbè dai era scontata come cosa

Margaret Thatcher

Ma figliolo mio, per caso un cinese ti ha rubato la fidanzata?

Altrimenti non si spiega questo tuo astio per loro.

Il corpo di Cristo in CH2O

quel concetto ha radici ben profonde, è la stessa strategia usata dagli usa nella germania degli anni 20, la stessa strategia usata dagli usa con la globalizzazione nella stessa cina, hanno tentato di applicarla anche in brasile (con scarso successo per altre ragioni) e la stanno tutt'ora applicando in europa, anzi, noi contenti gli paghiamo pure le fabbriche! (gli investimenti eurpei regalati ad intel per la costruzione delle sue fabbriche non suonano allo stesso modo?)

Patrizio Battemano

io so che i cinesi vogliono fare affari e arricchirsi, come tutti gli umani. so che anche gli africani lo vogliono, so che anche gli europei lo vogliono ed anche gli americani. cio che fanno i cinesi, che ti piaccia o meno, è legale ed è conseziente da ambo le parti degli accordi. questi accordi alcune volte finiscono male, altre volte finiscono bene, come tutti gli accordi, non viviamo in un utopia. cio che contesto è la tua accusa generalizzante di volontà di "colonizzare"l'africa, o meglio la tua definizione di colonizzazione che è molto vaga, tu dici che dipende dal soft power, un termine che è altrettanto vago. non hai citato nessun dato, nessuna statistica. ti faccio un esempio, se tu accusi la cina di coloniazzare economicamente l'africa, qualsiasi cosa voglia dire, CITAMI delle stastische percentuali. percentualmente quanto debito africano è in mano alla cina? l'ultimo studio condotto dalla world bank e citato dalla reuters e non dai cinesi, dice che

"Chinese public and private lenders accounted for

reft32

"la Cina è furba" ....sarà gli USA quanto a furbizia e prepotenza (sono al di sopra di tutto e tutti) non li batte nessuno, e cmq sono gli USA che da quando sono nati fanno guerre a chiunque minacci i loro interessi

Il corpo di Cristo in CH2O

e che cosa c'è di diverso tra questo e quello applicato dagli usa in germania negli anni 20? o da quello applicato dagli usa in cina agli inizi della globalizzazione? o di diverso da quello che gli usa stanno applicando con noi europei (anzi qua la differenza è che le fabbriche gliele stiamo pagando noi a loro)

Il corpo di Cristo in CH2O

bisogna saper perdere e vincere dove necessario, purtroppo nella cultura eurpea non è contemplato.

Cosa succede agli smartphone: fine di un ciclo tecnologico? Video

Una settimana con iPhone SE 2022: ha ancora senso? | Recensione

iPhone 13 Pro vs Galaxy S22 Ultra: cosa può imparare Samsung da Apple

Recensione Apple iPad Air 5 (2022) con M1, è una scheggia, punto | Video