Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Foundation, Apple conferma la seconda stagione di una serie ambiziosa e costosa

08 Ottobre 2021 57

Costosa, ambiziosa, e con una seconda gestione già confermata. È Foundation, serie basata sul Ciclo della Fondazione di Asimov. Un'opera mastodontica della letteratura di fantascienza quella originale che Apple sta provando a portare sulla sua piattaforma di streaming con risultati... beh, arrivati al quarto capitolo, diciamo promettenti. La casa di Cupertino dimostra di credere nel risultato dello showrunner e produttore esecutivo David S. Goyer, ed ha già deciso di non lasciare a bocca asciutta i fan anticipando il seguito della prima stagione.

Ambiziosa, si diceva all'inizio, perché non è impresa facile comprimere il Ciclo della Fondazione in una serie TV, basti pensare che l'opera originale racconta la storia (e il declino) di una civiltà che si articola in un arco narrativo decisamente ampio. Apple ora ha acconsentito ad una seconda stagione, ma non dice se il progetto originale che Goyer aveva in mente, ovvero realizzare 8 stagioni per un totale di 80 episodi, arriverà in porto. Anche perché si tratta, per stessa ammissione dello showrunner, di una produzione decisamente costosa.

se dovessi prendere due episodi e metterli insieme, il budget sarebbe più grande di quello di altri film che ho realizzato. David S. Goyver, in un'intervista a The Hollywood Reporter

Salvor Hardin su Terminus, un'altra figura chiave dell'opera di Asimov

Non si conoscono molti dettagli della seconda stagione, né quali dei personaggi della prima torneranno (se torneranno, visto che la narrazione originale comprende secoli di storia). Per il momento Goyer dice:

con la seconda stagione il nostro pubblico potrà conoscere altri personaggi e visitare altri mondi indimenticabili di Asimov, tra cui Hober Mallow, il generale Bel Riose e tutti gli Outer Suns

Apple per ora sembra soddisfatta dei risultati, stesso dicasi della figlia dello stesso Isac Asimov, Robyn Asimov, direttamente coinvolta nel progetto in qualità di produttore esecutivo:

La Fondazione di David Goyer ha superato tutte le mie aspettative portando la filosofia e le idee di mio padre sullo schermo in un modo che lui stesso non avrebbe potuto fare restando fedele al suo lavoro. So che mio padre sarebbe stato orgoglioso di vedere queste iconica storia prendere vita attraverso la bellezza visiva e i personaggi stratificati dello show, comprendere esattamente le sue parole avrebbe richiesto questa trasposizione cinematografica.

In effetti, si può discutere sull'aderenza della serie al lavoro originale, ma anche i più scettici sulla bontà della trasposizione di Apple ammettono che la componente visiva è poderosa, in determinati frangenti di qualità pari se non superiore a quella di altri film di fantascienza con budget rilevanti, e forse il complemento necessario per far rivivere l'opera dell'autore.


In attesa di nuovi dettagli, oggi (8 ottobre) è il turno della quarta puntata della prima stagione, in cui si paleserà un nemico dell'impero... La prima stagione di Foundation racconta il viaggio di un gruppo di esiliati diretti su Terminus con lo scopo di salvare l'umanità e ricostruire la civiltà durante la caduta dell'Impero Galattico. Nel cast spicca Jared Harris nel ruolo di Hari Seldon, il matematico che prevede la caduta dell'Impero dei Cleon.

Jared Harris interpreta Hari Seldon, il matematico che prevede la caduta dell'Impero Galattico e getta le fondamenta per accelerare la rinascita della civiltà

Mentre i fan di Asimov continuano a discutere sulla qualità della serie, Goyer aggiunge una nota che metterà d'accordo anche i più critici: sono entusiasta che un'intera nuova generazione di fan stia leggendo il brillante capolavoro di Asimov. Eh sì, perché la serie di Apple è anche un buon modo per riscoprire o per leggere per la prima volta il Ciclo della Fondazione, a maggior ragione perché con le edizioni in vendita oggi non bisogna fare la caccia al tesoro per collezionare tutti e sette i libri pubblicati dal 1951 al 1993 (non in ordine cronologico rispetto agli eventi narrati). Un'edizione omnicomprensiva è quella di Mondadori:


57

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tommaso Lenci

E' partito oggi La Ruota del Tempo su Amazon Prime. Dopo Foundation mi sembrava di vedere una serie per bambini..

Nicola Fiore

ho visto in due giorni la prima stagione, dire che è spettacolare è denigrarla. solo favolosa

uncletoma

mancano due libri

Massu4

Secondo me, se non si ha la pretesa di un'aderenza assoluta, anche questa serie cinematografica è di assoluto livello con grandi trovate e una scenografia superba.

fragonorh

Ok

Aster

Quello e il secondo libro,devi cercare la trilogia di Mondadori

fragonorh

Grazie.
Fondazione 2, ciclo delle fondazioni, copertina verde.
È completo?

Aster

In italia

Cronache della Galassia
Il crollo della Galassia centrale
L'altra faccia della spirale

fragonorh

Vorrei leggere l'opera completa...
Quale libro devo acquistare?

Pistacchio
Pistacchio
ErCipolla

Tipicamente per gli adattamenti pianificano a grandi linee, si prefiggono un obiettivo come numero di stagioni (a seconda di quanto è vasto il materiale letterario) e suddividendo tale materiale letterario in blocchi da raccontare uno per stagione.
Chiaramente poi in corso d'opera possono esserci cambiamenti (anche radicali) ma là si aggiusta il tiro in corsa. E spesso il risultato di aggiustare il tiro in corsa è pessimo (vedi Game of Thrones, dove hanno esaurito il materiale letterario e hanno dovuto prima allungare il brodo e poi chiudere in fretta e furia per non rendere troppo evidente che non avevano idea di dove andare a parare)

virtual

Ma io mi chiedo: gli sceneggiatori come fanno a condensare il lavoro se non sanno a priori di quante stagioni sarà composta l'opera?

Su una serie originale (es. Orphan Black) non hai problemi, inizi con la storia e poi la crei via via come preferisci.

Ma su una che è un adattamento di vari libri devi necessariamente decidere se tipo 1 episodio racconta x capitoli o comunque come riassumere certi passaggi... E se vai troppo lento, diluendo la trama, poi il pubblico si annoia.

xAlien95

La cosa bella di non aver letto i libri è la possibilità di potersi riservare eventuali effetti sorpresa.

Arc Angelo

La cosa bella del non aver letto i libri è quello di guardare un'opera cinematografica, per quella che è, senza la necessità di fare raffronti e ricercare una trasposizione fedele a ciò che si è letto. Io la sto vedendo semplicemente come serie fantascientifica e come tale mi sta piacendo, sia nella trama che nelle stupende scenografie.

Massu4

Sono un'amante di Asimov e del ciclo della fondazione...e questa versione, pur molto diversa dai libri è un capolavoro secondo me. Le parti migliori sono quelle non inserite nei libri... Come la dinastia imperiale. Davvero geniale!

Top

Comunque una delle due serie tv che mi riservo di consigliare ( ad ora ) su Apple TV. L’altra vista fino alla fine è morning show

FabxRM

Serie fatta molto bene a livello qualitativo ma già dal terzo episodio sta diventando molto noiosa... vedremo

Non pretendo le stesse identiche parole, ma almeno le cose principali lasciale come sono

alessandro78293
fabrynet

Cinema e letteratura sono due linguaggi artistici differenti, non bisogna aspettarsi e pretendere ogni volta che il film sia fedelissimo alla trama.

alessandro78293

1000 anni, il povero Hari quanto potrebbe vivere secondo te? :)
Tutto è portato avanti dai suoi seguaci (che si riproducono a loro volta) che formano la Fondazione che sono in grado di leggere la Psicostoria e rispondere alle 'CRISI' che ci sono di volta in volta.
;)

Confermo assolutamente.
;)

Serie ECCELLENTE!
Consiglio caldamente di seguirla!
;)

Max

concordo!

Max

ahaha

Max

Bè è da considerare che a livello televisivo era impossibile riportare come nel libro. Gia cosi risulta ai molti lento e poco chiaro, pensa se era fedele al libro al 100%!

miroslav_kowalski

Ho letto il ciclo della fondazione 20 anni fa, ai tempi dell'Università. Ne rimasi folgorato a tal punto che non mi interessò più l' "altra" fantascienza: niente mostri, astronavi spaziali, spari ed alieni da contrastare, "solo" la psicostoria la fantascienza che si fa fantasociologia e fantapolitica (anche se poi la storia si complica con il Mulo e quanto altro).
Ho sognato per anni una trasposizione in video temendo che me la rovinassero. Beh me l'hanno rovinata. Trama banalizzata e superficiale, personaggi cardine fatti fuori in mezzo episodio, tutto il fascino della fantascienza di Asimov spiattellata e sacrificata in stereotipi di imperatori miopi e storie d'amore che non si sa da dove escano.
La sto guardando per curiosità e perché è bella da vedere (anche se ci sono cadute e scelte discutibili anche sulla scenografia) ma visto che mi mancava così tanto il vero Asimov ho fatto una scelta epocale: ho preso l'ebook completo di tutti i libri (per 15€) e l'ho ricominciata. Ho slacciato le scarpe strette.

Felix

Era scontato il rinnovo.

BlackLagoon

c'è da dire che le trama del primo libro vola via parecchio veloce. Pochissimi approfondimenti, tutto succo. Temo che se avessero fatto una trasposizione 1:1 molti l'avrebbero criticata per essere un po' superficiale. C'è da dire che i tempi di Asimov erano piuttosto diversi da quelli attuali..

ErCipolla
Pistacchio
alberto redolfi

voce fuori dal coro: mi divertivo a leggere la collana ucronia e considero asimov molto ma molto sopravvalutato. La serie sui robot è apprezzabile ma il resto è parecchio ingenuo, gli preferivo assolutamente arthur clarke e bruce sterling (facessero un film sulla matrice spezzata sarei felice). Quindi mi son guardato le prime due puntate dimenticandomi da chi prendevano spunto ma anche così la serie è indigesta, parte da un presupposto forzatissimo che non regge la trama e fa scadere subito la sospensione dell'incredulità...anche se jared harris è sempre un piacere da guardare, il resto è fuffa fritta.

Migliorate Apple music

Dico solo che la parte più noiosa è quella sulla fondazione

DeeoK

Io aspetterò che sia quasi finita per vedermela in un solo mese ma da quel che leggo per ora l'opinione che va per la maggiore è che la serie sia godibile ma nulla di eccelso.
Pare che il materiale originale sia stato parecchio stravolto e le scelte fatte non siano sempre per il meglio.

fabrynet

Puoi anche criticarla Apple come fai sempre, non è quello il punto, ho solo fatto notare che non è l’unica produzione di rilievo su TV+

momentarybliss

La mia valutazione è parziale perché ammetto di non aver letto i libri di Asimov, confermo la notevole qualità visiva della serie ma gli eventi narrati mi sembrano un po' troppo tagliati e incollati, inoltre forse mancano attori di un certo spessore Harris lo hanno fatto secco quasi subito

AleG

L'unico consiglio che posso dare a tutti gli appassionati del genere è di leggere i libri. Sono un qualcosa di veramente bello ed intrigante.
Per quanto riguarda la serie ho visto le prime tre puntate e, tenendo conto della difficoltà che c'è nel mettere su video uno scritto del genere, pensavo peggio.

ErCipolla

Non è sunk cost fallacy, è una pratica abbastanza diffusa nell'industria, frutto di semplice aritmetica.

Ogni produzione ha grossi costi di avvio (mettere insieme il team, costruire i props, i costumi, fare location scouting per trovar ei luoghi migliori dove girare, ecc.)

Quando tutto questo macchinario è in piedi puoi cominciare a girare, ma quando hai girato la prima stagione non è che butti via tutto e riparti da zero. La seconda sarà più economica per il semplice fatto che hai già investito nei costi di avvio. Quindi è normale che nei casi in cui l'investimento iniziale è grosso si parta già dal presupposto di fare almeno 2-3 stagioni per giustificare il costo di avvio.

Brundo'S

Parlo da appassionato/fanatico di Asimov, ho letto la triologia iniziale da piccolo e mi sono avvicinato alla fantascienza grazie a lui e ai vai volumetti di urania.
Ho tutta la biografia di Asimov al 90 % in cartaceo e 100% in digitale, la serie la sto vedendo dopo aver aspettato fin dal primo giorno in cui e stata annunciata, sono sempre stato scettico di come un opera immensa che copre ~ 1000 anni (nella prima edizione originale di 3 volumi che dopo dal 1982 sono diventati 7)poteva essere condensata/raccontata in una serie televisiva anche se all' inizio già si parlava di 8 stagioni da 10 episodi.
Come mi aspettavo da amante delle atmosfere e intrecci che Asimov riesce a farti immaginare la serie delude in parte i vecchi fan ma non e male da vedere.
Il più grande merito che le do ?
Avermi fatto ripartire la voglia di rileggere tutti e 7 i volumi e tutti i racconti/libri esterni alla serie ma collegati

Massimiliano

sì è vero diciamo che su 10 7/8 sono interessanti e comunque tutte ben fatte

ErCipolla
derapage

la timeline dei libri è classica ma parliamo ma parliamo comunque di una serie di libri che racconanto un periodo temporale lunghissimo, è strano da leggere abituati ai romanzi tradizionali. Il protagonista è la società, non un personaggio.

Massimiliano

sono ben fatti davvero se poi ti piace il genere credo che potrebbe appassionarti

Migliorate Apple music

Cronologico, ma ci sono salti molto più ampi. Nel libro non hai dei personaggi che ti rimangono per tutta la storia, è probabile che il personaggio che vedi all’inizio di un capitolo sia già morto il capitolo dopo perché sono passati x decine di anni.

Per questo che in molti dicono che non sia un gran adattamento.

GianL

Probabilmente in A non conoscono la "sunk cost fallacy" oppure hanno così tanta liquidità che non sanno più dove metterla :-)

GianL

Ho odiato i continui salti temporali, non aiutano la fruizione, forse lo fanno qui nelle primissime puntate per introdurre tutte le linee narrative e i relativi protagonisti.

Ma i libri seguono un andamento cronologico, giusto? ho visto la mega raccolta in libreria e dalla descrizione in copertine la time-line è molto classica.

fabrynet

Ci sono tante produzioni di spessore su TV+, evidentemente ti piace solo quel genere.

Che anno sarà il 2024? Le nostre previsioni sul mondo della tecnologia! | VIDEO

HDblog Awards 2023: i migliori prodotti dell'anno premiati dalla redazione | VIDEO

Recensione Apple Watch Series 9: le novità sono (quasi) tutte all’interno

Recensione MacBook Pro 16 con M3 Max, mai viste prestazioni così!