Apple sembra impegnarsi molto per evitare che i suoi dipendenti discutano di stipendi

10 Agosto 2021 159

I dipendenti di Apple vogliono capire se ci sono disuguaglianze negli stipendi in base a genere o etnicità, e Apple sembra impegnarsi molto per mettere loro i bastoni tra le ruote: un'inchiesta di The Verge pubblicata ieri sera racconta che da questa primavera un gruppo di dipendenti ha tentato per tre volte di raccogliere queste informazioni attraverso sondaggi su varie piattaforme, ma Apple ha sempre trovato un motivo per farle chiudere:

  • La prima è stata organizzata in primavera: oltre a dettagli su stipendi e bonus di benvenuto, ai dipendenti che partecipavano (volontariamente, beninteso) veniva chiesto di specificare anche eventuale appartenenza a una minoranza, per etnicità, genere e disabilità ed eventuale stato di lavoro da remoto. In quel caso le risorse umane hanno detto che la raccolta di informazioni personali non è consentita.
  • La seconda è stata organizzata appena la settimana scorsa: di nuovo, le risorse umane ne hanno imposto la chiusura perché includeva una domanda relativa al genere.
  • La terza è stata pubblicata praticamente subito dopo, togliendo la domanda relativa al genere; a quel punto la richiesta di eliminazione è stata motivata dal fatto che era caricata nell'account Box ufficiale.

Contestualmente, Apple ha inviato un memo sui "sondaggi proibiti", spiegando le policy aziendali ufficiali sulla questione. In sostanza, non è concesso creare sondaggi con lo scopo di raccogliere dati del personale senza passare dalle risorse umane; né è concesso condurre sondaggi sulla diversità, perché sono dati altamente sensibili.

Secondo diversi avvocati del lavoro statunitensi, tuttavia, il comportamento di Apple traballa - anzi, è proprio illegale: i dipendenti sono autorizzati per legge a discutere del loro stipendio, perché fornisce loro un vantaggio importante durante le negoziazioni. È considerato una forma sindacalizzazione, che è un diritto di ogni lavoratore.

I dipendenti tuttavia non si danno per vinti. La sviluppatrice Cher Scarlett ha deciso di creare un nuovo sondaggio, questa volta su una piattaforma esterna e pagandola di tasca propria. Al momento sono 500 si dipendenti che hanno deciso di partecipare.

I dati ufficiali dicono che, in teoria, non c'è da preoccuparsi. Già nel 2016 Tim Cook disse che le donne ad Apple guadagnavano 99,6 centesimi di dollari per ogni dollaro intero guadagnato dagli uomini, mentre le minoranze sottorappresentate 99,7. Poco dopo, un report ufficiale indicava il raggiungimento di una condizione di eguaglianza assolutamente perfetta. Tuttavia, nel 2018, dati ufficiali nel Regno Unito mostravano una disparità del 12% in favore degli uomini - per quanto sia un buon risultato rispetto alla media nazionale che è del 17%.

Il comportamento di Apple, così insistente nel cercare di stroncare le iniziative dei dipendenti, lascia tuttavia un po' perplessi. Per usare le parole di Cher Scarlett: "Non credo che nessuno si metterà a dire che sicuramente c'è un problema di disparità di stipendio, che sia di genere, razza o disabilità. Ma è preoccupante che tutte le volte che qualcuno cerca di creare più trasparenza, Apple lo blocca. Ti viene il sospetto che magari un problema c'è, e che loro ne siano già al corrente".

Un Computer dentro uno Smartphone? Motorola Moto G100, in offerta oggi da Techberry a 352 euro oppure da Euronics a 599 euro.

159

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Pistacchio
Davide Nobili

A me di quello che dice la Bibbia sinceramente frega meno di 0, guardo in faccia alla realtà e la realtà è questa.
Anche tu se avessi un'azienda sono sicuro che faresti la stessa cosa, non ho mai sentito di nessuno che ha avuto un aumento significativo di stipendio dall'oggi al domani, a meno che non gli siano state date maggiori responsabilità o in caso di dimissioni.

Saccente

Non lo so se la fanno tutti, ma la prima parola che hai detto è giusta, mentre il comportamento di “tutte le aziende” non lo è.

Nella Bibbia possiamo indiscutibilmente trovare perle di saggezza: tutti quelli che lavorano hanno diritto al medesimo stipendio, sia che abbiano lavorato di più, sia che abbiano lavorato di meno, naturalmente per il medesimo tipo di lavoro.

Davide Nobili

Peccato che è una cosa che fanno praticamente tutte le aziende, quindi non vedo di cosa ti meravigli. Mi era successo anche dove stavo ancora prima ed è una cosa normalissima quando qualcuno non facile da rimpiazzare se ne va.

Saccente

Questo perché l’etica è stata messa da parte, immolata sull’altare del profitto.

Saccente

L’azienda ti ha proposto di più, nel momento in cui hai presentato le dimissioni, perché è senza etica: tratta te come tratta i clienti, cercando il massimo profitto da entrambi.

faber80

no, lo sono sempre stati, solo che è sempre più innegabile.
Quell'azienda in particolare è in assetto da regime.

NonLoSo

Programmatore android

piero

sì. è vero che all'estero gli stipendi potrebbero essere più alti. di che ti occupi?

Kamgusta

Sì, siamo nel 2021 e dopo centinaia di migliaia di anni che è sempre stato così arriva il genio di turno, imboccato dalle "agende" dei potenti della terra con oramai il cervello in pappa dalle sniffate fatte, e crede che questo possa cambiare.

Kamgusta

Ha scritto lordi, sono i classici 1450 euro al mese puliti e con tredicesima. In Italia hanno compresso gli stipendi del 90% della popolazione e si prende tutti la stessa cifra, da 1000 a 1800 euro al mese. Solo pochi eletti arrivano e superano i 3k netti, che in realtà è il minimo per sopravvivere e quasi il minimo che all'estero ti danno.

Kamgusta

Esatto. Io a lavoro ho decine di casi simili e so perfettamente come funziona.
Le donne si trovano il marito con i soldi e poi al lavoro mettono i remi in barca, facendo il meno possibile e sviando responsabilità ed avanzamenti di carriera.
Anche quando single, deliberatamente "si accomodano" al mix di lavoro/vita privata che ritengono a loro più congeniale (sempre nell'attesa di "quello con i soldi" di cui sopra, che svolti la loro vita).
Gli uomini, guarda un po', per rientrare nel canone di "quello con i soldi" si fanno il cuIo da mattina a sera cercando ogni modo per guadagnare di più.
Questo in Italia.

SteDS

No tranquillo, per la cronaca adesso ho aperto anch'io partita IVA l'ho potuto fare con una certa sicurezza proprio grazie agli stipendi da dipendente, molto più che dignitosi. Se lavori bene, stai sicuro che ci sono aziende che sanno come ricompensarti.

Mostra 1 nuova risposta

Basta che guardi la media quanto è bassa in Italia... sarai l'unico che lo nega. Non è che hai un azienda e vuoi sottopagare i dipendenti per caso?

fabrynet

Gli animali sono puro istinto, e meno male, vivono in armonia con la Natura.
L’uomo con la sua presunta “ragione” non è in armonia con ciò che lo circonda, sta distruggendo tutto e sta finendo per distruggere se stesso.

Goose

Nessuno ha mai detto che gli animali siano esseri inferiori o più stupidi, dico solo che molti animali rispetto a noi non riescono a tenere a bada i propri istinti. Un gatto o un cane in calore non si autogestisce, inizia a lamentarsi e a "soffrire" fino a quando non trova il proprio partner. L'uomo riesce a tenere a bada questo istinto, seppur esiste anche per noi, noi non ci svegliamo da un giorno all'altro con la voglia di procreare soffrendo se non riusciamo. Un cane in calore può benissimo confondere la gamba di una persona per il proprio partner oppure come oggetto di "sfogo", spinto dall'istinto.

Guido

Sì. Vabbè. L'importante è esserne convinti.

Simone

Non ho mai detto questo, ho detto semplicemente che prendo le stesse decisioni indifferentemente dagli stati emotivi.

Gli errori li commetto sia che sono calmo che se sono arrabbiato

fabrynet

CVD.

Simone

Si in linea di massima si

Goose

Come il cane che si ingroppa la gamba?

SteDS

Ho iniziato a lavorare a 18 anni in una catena commerciale per pagarmi gli studi, la paga era adeguata e mi ha permesso di averne una altrettanto adeguata al nuovo lavoro finiti gli studi. Chi ti paga in nero è un truffatore, non si può estendere il discorso a tutte le aziende in Italia

SteDS

E per la terza volta te lo ripeto, ZERO per quanto riguarda valutazioni legate a sesso/colore, NON questioni strettamente lavorative. Se una valutazione è influenzata anche solo minimamente da sesso/colore è fallace. Le statistiche possono aiutare nell'indagine, non sono lo strumento definitivo (perché non esiste), ma possono segnalare qualcosa quando vanno tutte nella stessa direzione. "Non sto dicendo che non capita" - essere cosciente del fatto che può capitare per poi liquidare tutto dicendo "troppe variabili" ripeto, è ipocrisia.

Quando ho fatto il cameriere la paga era da fame (25-30€ al giorno, rigorosamente a nero) e senza i miei genitori avrei fatto sicuramente la fame

Quando ho fatto il cameriere la paga era da fame (25-30€ al giorno, rigorosamente a nero) e senza i miei genitori avrei fatto sicuramente la fame.

Davide Nobili

E su questo siamo daccordo, credo che sia la TERZA volta che lo scrivo!
Ma TU hai scritto che in queste statistiche (perché è di questo che parla l'articolo) la differenza dovrebbe essere ZERO, e sto cercando di farti capire che è matematicamente impossibile in un contesto normale.

SteDS

Se la differenza è SEMPRE in favore di un gruppo, risicata o meno che sia, vale la pena di vederci chiaro. La variabile sesso/colore non deve proprio esistere come discriminante.

Davide Nobili

Non sto dicendo che non capita certo, sto dicendo che è impossibile pretendere che la differenza sia 0,00 come hai scritto tu, per il semplice fatto che ci sarà sempre una differenza più o meno minima (anche in base al numero di dati inclusi nella statistica) dettata per forza di cose dalle contrattazioni personali e questioni strettamente legate al lavoro, che una statistica come questa non può conoscere.
Se la differenza è davvero risicata, da una parte o dall'altra, allora vuol dire che sicuramente l'azienda non fa distinzioni razziali o di genere.

Gabriele

Mld di dollari di multe che tanto poi pagheranno i beoti acquirenti
col loro nuovo aifon 13

rsMkII

"né è concesso condurre sondaggi sulla diversità, perché sono dati altamente sensibili"
Domanda 1: sei indiano?
Shhhhhhht, nessuno lo pu

NonLoSo

se sei in Norvegia con 3K netti fai la fame

NonLoSo

la chiacchera è di indagine...ovvio che poi porti le buste paga

NonLoSo

lordi ovviamente, classico RAL

SteDS

Gli esempi che hai fatto rientrano nelle questioni strettamente legate al lavoro. Pagare di meno una donna solo per il fatto che sia donna non c'entra nulla con ciò che dici. Parte già svantaggiata al momento della contrattazione, purtroppo la parità di genere non l'abbiamo ancora raggiunta così come altre discriminazioni non sono ancora state estirpate del tutto, a me sembra evidente.

SteDS

Quindi ti lamenti degli stipendi che non prendi? fantastico

SteDS

A me non hai mai pagato da fame. Tu stai facendo la fame per caso?

Stipendio dignitoso, cioè non la fame che danno qui

Stipendio dignitoso, cioè non la fame che danno qui.

Mostra 1 nuova risposta

2 miliardi di euro mi sembra un po eccessivo anche per lui

Mostra 1 nuova risposta

Io ho p.iva non ti rubo il lavoro tranqui

Rick Deckard®

Esatto. È ora che le donne si diano da fare per portare il pane a casa e gli uomini stiano a casa con i figli e mantenuti

Davide Nobili

Sul fatto che i dipendenti possano confrontarsi sono daccordo, anche se poi potrebbe ovviamente essere un'arma a doppio taglio e creare malumore, soprattutto se dovessero emergere differenze di stipendi significative tra due persone apparentemente sullo stesso livello.
Ma prentere da un'azienda il pareggio assoluto tra persone diverse è pure utopia, a meno che appunto non si parli di un'azienda che paghi tutti i suoi dipendenti la stessa cifra senza possibilità di crescita.

Esistono tante variabili che incidono su questo, ridurle tutte sul sesso o colore della pelle è alquanto ipocrita.
Io qualche anno fa lavorare per un'azienda, poi un giorno mi è piovuta un'offerta dal cielo che ho colto al volo. Quando ho presentato le dimissioni l'azienda mi ha proposto un +25% di RAL per non farmi andare via. Non ho accettato e sono andato via lo stesso, ma se lo avessi fatto avrei guadagnato il 25% in più senza nessun merito particolare, ero sempre la stessa persona, con la stessa esperienza e professionalità del giorno prima.
Poi ho scoperto che un mio collega che aveva più responsabilità di me, prendeva di base già meno di me prima della proposta. Motivo!? Probabilmente perché lui in fase di assunzione ha chiesto X, io chiesto X+2. O magari perché io avevo già un lavoro e quindi mi serviva un incentivo per lasciarlo, lui non lo so. La variabili che incidono sulla retribuzione di una persona sono molte e non dipendono sempre e solo dall'azienda.

sk0rpi0n

Ormai è così da tutte le parti: Google, YouTube, Facebook, ecc.; se vai oltre certi limiti imposti da loro, anche se perfettamente corretti e legali, si viene bloccati e/o censurati.
Soprattutto qui su HDBlo...ck.

piero

tranquillo, non si riferiva a te

HeySiri

:)

piero

ed è così vero (sopprimere Del Tutto gli istinti) che se lo fai sin da piccolo poi diventi pissicopatico.

piero
Ramiel

stai sbagliando tutto e in tutti i modi possibili.

Ramiel

Sono diventati buna barzelletta

Giangiacomo

Dipende sai, non sempre funziona così. Se l'azienda fa ragionamenti fallimentari allora ragiona come dici tu, altrimenti no.

Recensione Apple MacBook Pro 14 con M1 Pro, che goduria!

Ho trasformato la casa in palestra: la mia recensione di Apple Fitness+

Nuovi MacBook Pro con M1 Pro e Max, perchè comprarli e perchè no

Recensione Apple AirPods 3, ad un passo dalle Pro