Apple contro gli spioni: azione legale per far tacere un noto leaker

24 Giugno 2021 13

Apple sta cercando di contrastare da tempo la fuga di notizie relative ai prodotti in sviluppo. Nel 2018 un documento interno - sì, era trapelato pure quello - spiegava come la casa di Cupertino si fosse mossa per arginare la diffusione non autorizzata di informazioni, ma a distanza di anni il problema resta e l'azienda continua ad attivarsi bloccando le fonti (interne ed esterne) che svelano i suoi segreti. Si può trattare di dipendenti di Apple oppure di soggetti che operano nella filiera dei fornitori. Il risultato non cambia: le preziose informazioni vengono date in pasto alla rete, anche molti mesi prima dell'arrivo del prodotto sul mercato.

Recentemente Apple ha avviato un'azione legale nei confronti di un noto leaker ritenuto affidabile. A darne notizia è lo stesso Kang: in un post pubblicato su Weibo la fonte sottolinea di aver ricevuto una lettera di diffida da un ufficio legale che lavora per conto di Apple. La richiesta è semplice e può essere sintetizzata con: smettere di diffondere informazioni senza avere il diritto di farlo. Kang aggiunge di non essere stato l'unico destinatario di queste lettere, ma non specifica quale altre fonti siano finite nel mirino di Apple.

Concept e modellini di iPhone 13: troppo tardi per bloccare le fughe di notizie?

I legali contestano a Kang di aver divulgato piani di rilascio dei prodotti della Mela e spiegano che la diffusione non autorizzata può danneggiare l'azienda in vari modi: per esempio, i concorrenti possono conoscere dettagli riservati e la clientela può essere sviata da informazioni riportate in modo sbagliato. Kang, oltre ad essere molto attivo su Weibo, ripara smartphone e vende accessori; facile immaginare che possa entrare in possesso di preziose informazioni anche tramite terze parti e partner di Apple. A quanto pare l'azione legale ha già sortito l'effetto sperato perché Kang ha dichiarato che smetterà di fornire anticipazioni.

Due note finali per contestualizzare la vicenda. Una specifica: Kang è il leaker che ha anticipato, tra l'altro, i dettagli sull'intera gamma iPhone 12, informazioni su HomePod mini e l'esordio della tecnologia MagSafe sugli iPhone. Bloccarlo è quindi una mossa comprensibile. La nota generica è che l'azione legale di cui parla il leaker sembra essere una conseguenza diretta del nuovo giro di vite che Apple ha dato alle fughe di notizie a partire dalla primavera scorsa. Troppo tardi per tenere celata la linea iPhone 13? A giudicare dalla mole di rumor sul prossimo melafonino sembra di sì. Questi sono solo alcuni dei più recenti:


13

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Antares

bhè questo dice la legge..se poi vuoi fare il furbo sei libero di farlo, ma deve mettere in conto anche le conseguenze.

E K

Brava apple, così la gente smette di parlare di te per 11 mesi e 2 settimane all'anno e quando presenti la solita minestra riscaldata ci sará una botta di indignazione maggiore perché non diluita!

comatrix
Se io perdo dei soldi o altro e tu li trovi, sei tenuto a portarli all’autorità e denunciare l’accaduto

Seeeeee ahahahahahahah

Antares

Se io perdo dei soldi o altro e tu li trovi, sei tenuto a portarli all’autorità e denunciare l’accaduto, invece di usare (soldi o altro che sia) per ottenere profitto..
Resta poi da chiare sw il tutto sia stato smarrito o rubato/occultato da qualcuno ma è un altro paio di maniche.
Qualcuno ha fatto il furbo.

italba

È quello che dico anch'io! Buonasera...

comatrix

Perché io come l'ho scritto?
Ma non ne cambia l'aspetto,m il leaker non ha nessuna colpa

italba

Ma secondo te se qualcuno scrive qualcosa tra virgolette cosa significa? Sveglia, eh...

momentarybliss

Se non si sapesse nulla del prossimo modello, gli utenti non potrebbero predisporsi mentalmente mesi prima all'acquisto, il che penso non gioverebbe ad Apple (così come agli altri produttori)

comatrix

Allora non è colpa dei leaker ma di chi le ha perse (e capita).
Se tu perdi dei soldi, è colpa mia se li trovo?
Ma che ragionamento è

italba

E se invece sei tu che "perdi casualmente" le tue foto in mutande chi è il colpevole? I leaker danno informazioni che qualcuno gli ha fornito, non si sono mica introdotti nottetempo in Apple con le chiavi false e la torcia elettrica, eh...

comatrix

Dipende dal leak:

- se tu esci sul prato all'aperto con la visuale verso chiunque, non puoi dirmi che io ti ho preso in foto in mutande, la colpa è tua
- al contrario se invece il prato è recintato da un muro ed io trovo un metodo per arrampicarmi e sbirciare dentro, allora si che sono colpevole

Il punto è solo questo

Antares
nonècosì

se si soldi che spendono per gli avvocati li dessero al leaker farebbero prima

Recensione iPhone 13 Pro: tanti miglioramenti e pochissime imperfezioni

Recensione Apple iPhone 13, questa volta vale l'aggiornamento!

Spotify, Apple Music e gli altri: chi vincerà sul ring dello streaming musicale?

Scopriamo insieme tutti gli iPhone 13 | Replay del live unboxing