Apple: in arrivo una sanzione dell'Antitrust UE, ma anche una class action per iTunes

27 Aprile 2021 141

Non c'è pace per Apple: dopo essere uscita indenne da una causa intentata in Francia su App Tracking Transparency, funzione di anti tracciamento che verrà attivata con iOS 14.5, l'azienda di Cupertino si appresta a rispondere anche in Germania a un ricorso simile, mentre un'altra class action punta il dito contro la resistenza all'acqua di iPhone.

La novità di oggi riguarda un'altra class action, per la precisione contro l'ambiguità del pulsante acquista presente su iTunes, ma non solo: pare che entro la settimana arriverà ad Apple la sanzione comminata dall'antitrust europea in relazione alle indagini in corso sulla gestione dell'App Store.

UNA CLASS ACTION CONTRO IL PULSANTE 'ACQUISTA'

Il pulsante "acquista" presente su iTunes sarebbe fuorviante, perché in realtà la piattaforma può interrompere l'accesso ai contenuti in qualsiasi momento. Dunque, non è un acquisto in senso stretto, perché non si ottiene il possesso di qualcosa.

È questa la tesi portata avanti da alcuni consumatori in California, dove in una corte federale di Sacramento Apple starebbe affrontando una class action sul modo in cui gli utenti possono "comprare" o "noleggiare" film, serie tv e altri contenuti su iTunes. Secondo David Andino, uno dei principali attori in causa, la dicitura è fuorviante, perché è già accaduto che Apple interrompesse l'accesso a ciò che i consumatori avevano "acquistato".

Apple ha presentato una mozione per archiviare la causa, che tuttavia è stata in parte rigettata dal giudice John Mendez che si è trovato in disaccordo con la linea di difesa di Cupertino, la quale sostiene che "nessun consumatore ragionevole" crederebbe che i contenuti rimarrebbero sulla piattaforma a tempo indeterminato:

"Nell'uso comune, il termine "comprare" significa entrare in possesso di qualcosa. Sembra plausibile, almeno in questa fase, che dei consumatori ragionevoli si aspettino che il loro accesso non venga revocato. Inoltre, il danno avviene al momento dell'acquisto, perché l'acquirente, a causa del malinteso, potrebbe aver pagato troppo per il prodotto, o forse non l'avrebbe comprato affatto. Un danno economico concreto ed effettivo".

Invece, il giudice ha rigettato l'accusa di arricchimento indebito, ma è possibile che la corte faccia pressioni su Apple perché cambi il modo in cui vende il contenuto sulle piattaforme, magari cambiando o rimuovendo la parola "Acquista".

LE ACCUSE ANTITRUST DELL'UNIONE EUROPEA

Anche l'Unione Europea si muove contro Apple, e pare, secondo indiscrezioni, che entro la settimana arriverà all'indirizzo dell'azienda della mela una sanzione comminata dall'antitrust europea in relazione al ruolo del gruppo nella gestione dell'App Store.

Il caso risale al 2019, quando Spotify aveva accusato Cupertino di limitare la scelta e soffocare l'innovazione inficiando l'esperienza offerta all'utente tramite le proprie policy. Le contestazioni riguardano le commissioni pretese dal gruppo e le restrizioni imposte a quanti non si affidano al sistema di pagamento marchiato Apple.

In pratica, Spotify contesta l'impossibilità di competere con Apple Music, se Apple pretende il 30% degli introiti dalle piattaforme rivali alla propria.


Quindi, Spotify portava avanti tre richieste specifiche: che le applicazioni possano competere in modo trasparente sulla base dei propri meriti e non a seconda di chi gestisce l'App Store; che gli utenti possano scegliere liberamente i propri sistemi di pagamento; che gli store di app non controllino le comunicazioni tra servizi e utenti e non limitino campagne di marketing o promozioni. Come aveva spiegato Daniel Ek, fondatore e CEO di Spotify:

"credo che le aziende come le nostre debbano operare in un ecosistema dove la concorrenza non solo è incoraggiata, ma garantita. Ecco perché, in seguito ad attende considerazioni, Spotify ha depositato una denuncia contro Apple presso la Commissione Europea".

A inizio marzo, la Commissione Europea spiegava di aver concluso il procedimento e di essere prossima a una comunicazione sulle decisioni assunte: secondo le indiscrezioni di queste ore, la scelta sarebbe punitiva, e in questo caso non sarà forse tanto la somma della sanzione a rilevare quanto i capi d'accusa e le imposizioni dell'UE allo store di Cupertino. Vedremo se saranno confermate nelle prossime ore.


141

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Rendiamociconto

ripeto in linea di massima sono d'accordo con te ma va considerato il tutto, ovvio che come cliente sei libero di scegliere e se sbagli di pagarne le conseguenze

Ansem The Seeker Of Darkness

Loro liberi di impedirmi di usare quello per cui pago, ma che poi non si lamentino se non compro nulla e vado solo di servizi in streaming.

Pagare un noleggio proprio non mi va giù.

Rendiamociconto

secondo il diritto l'infrazione non è bilanciata dall'informazione di essa ma di strumento atto a prevenirla/impedirla perchè prima del cliente usatore vi è diritto del proprietario del bene ovvero del produttore.

La soluzione non è punire chi paga, è non agevolare/impedire a chi fa o vorrebbe fare il furbo.
Non punire chi paga solo se prima si impediscono i furbi....e un watermark non impedisce questo, il diritto alla proprietà del bene non è tutelato prima che non sia tutelato il rispetto alla licenza d'uso del bene.

Una soluzione è il rimborso della licenza al cliente parziale per una stima del tempo rimanente non fruito oppure l'inserimento di un drm per l'uso legato all'identità digitale dell'acquirente.....ovvero tipo con i bitcoin ma legato all'identità fiscale di chi ha acquistato la licenza del bene.
Se non sei chi l'ha comprato non puoi usarlo ne trasferirlo.

Rendiamociconto

ma anche no, le regole le fanno i governi ...se chi ha uno store le infrange, paga e si adegua o chiude.

The Dark Knight

Ma non è un obbligo.
Lo store è loro e le regole le fanno loro, se non ti piacciono te ne vai. Easy

Ansem The Seeker Of Darkness

E quindi la soluzione è punire chi paga impedendogli di usare il prodotto come vuole?
Ci sono tecniche con due possono inserire watermark in modo da riconoscere l'account di provenienza di un file, preferisco una cosa di quel tipo piuttosto. Non che debba scegliere tra pagare ed avere problemi o piratare e non averne.

Rendiamociconto

sono d'accordo con te, certo bisogna dire che il diritto di proprietà e le iterazioni per beni digitali e bene fisico sono diverse, esempio banale: un piatto non può essere usato da due persone diverse nello stesso momento in due luoghi fisici diversi, una canzone mp3 si, uno ne ha il diritto l'altro no, come lo verifichi e lo parimeriti?

Rendiamociconto

ah non è controllore? quindi quale azienda deciderebbe policy di apple store e controllerebbe che siano rispettate dai suoi clienti?
chiedo, pensavo fosse apple ma si vede che mo sbaglio

The Dark Knight

Che non avrà

The Dark Knight

Non è controllore, vuoi acquisti in app paghi la fee. Oppure non utilizzi l’opzione e rimandi al sito per l’abbonamento. Non sono mica obbligati eh

Johnny Il_Camminatore

Di cosa sarei fanboy?

Davide

Ti pagano per fare il f4nb0y?

Luca

Per quanto?

dario

Non è così campata in aria, ha le sue basi, soprattutto in ambito europeo, dove le leggi in materia sono molto severe e restrittive.
Il fatto che sia quello il sistema usato da apple e che tutti vi sottostanno non lo rende automaticamente un sistema legittimo per la legge.
Spotify ha chiesto di fare chiarezza in merito e, nel caso avesse ragione, cambiare alcune condizioni esistenti.
E pare abbia fatto, almeno in parte, centro.

Ansem The Seeker Of Darkness

Tutto quello che compri è soggetto a licenza, libri,cd musicali e persino la confezioni dei biscotti.
La differenza tra il bene fisico e digitale è che con i beni fisici il venditore non può arrogarsi il diritto di venire a casa tua e toglierteli.

Comunque preciso meglio: i DRM che impediscono l'uso di un prodotto regolarmente acquistato dovrebbero essere vietati. Che mettano watermark per capire chi lo condivide piuttosto. Ma trovo che sia la cosa più stup1da possibile quella di punire chi paga e premiare chi ruba.

Ansem The Seeker Of Darkness

Perchè l'iphone diventerebbe inusabile senza Apple? Al massimo non potresti più aggiornare le app, ma quelle che hai potrebbero comunque continuare a funzionare.

Luca

L'iPhone è un bene, ma se Apple fallisce domani io mi trovo in mano un dispositivo inusabile...fa differenza?

adimo

L'Europa ha bisogno di soldi.

Rendiamociconto

perchè non è possibile

Rendiamociconto

i drm non possono essere illegali, sono la base stessa della leglità di uso della licenza di un contenuto.
Fare quello che vuoi di un contenuto che non è tuo=! legalità
Tu possiedi la licenza di uso di quel bene, non quel bene.

Rendiamociconto

ma infatti uno non acquista un contenuto, acquista la licenza di usarlo (fisico o digitale...il contenuto appartiene all'autore che non lo vende a te).
L'uso del contenuto dovrebbe essere fruibile dal cliente secondo licenza ma non limitata dal licenziatario e dalle modifiche di esso ad essa unilaterali.

Rendiamociconto

e dall, i limiti proprio.....non lo capisci vero che è il proprio come tutti il problema se è la stessa apple una dei tutti?
Essere legislatore, controllore a controllato ...da privato senza concorrenza è il problema se sei avvantaggiato.

Ansem The Seeker Of Darkness

Serve regolamentazione, ed ovviamente varrebbe per tutti.
Imho dovrebbero essere illegali i drm che limitano la fruizione di un bene

Ansem The Seeker Of Darkness

Causa così ridicola che sia il congresso americano che europeo hanno dichiarato che apple è monopolista!
Proprio ridicolo!

Johnny Il_Camminatore

Mi sembra già di sentire i pianti di disperazione... Nessuno spoiler sulle imposizioni previste?

The Dark Knight

Quella di Spotify è la richiesta più ridicola mai letta.
Spotify consente l’abbonamento anche dal loro sito ufficiale, come ho fatto io.
Vuoi usare acquisti in-app? Paghi il 30% come tutti.

Poi in che senso Apple Music danneggia la concorrenza? Apple dovrebbe pagare il 30 a se stessa?
AHAHAHAHAHAHAH

Davide

Giusto. Potrebbe essere una sentenza che fa storia

Matteo

Bhe si sui film penso sia un problema generale infatti non ne ho mai acquistato uno :-)

Matteo

mmm no io ho sempre scaricato mp3 liberi

piero
boosook

Comunque guarda che se ti leggi la licenza dello store Playstation è uguale, Sony può decidere di ritirare un gioco che sia regolarmente acquistato, e credo proprio che la stessa cosa valga per Microsoft.

Felix

La musica acquistata su iTunes non ha DRM.

momentarybliss

In effetti se su qualsiasi piattaforma si comprano brani musicali, contenuti video o giochi dovrebbero essere scaricabili in un formato che ne permette la fruibilità con qualsiasi player o SO compatibile. Se non non è un vero acquisto

iTunexify

Anche con iTunes puoi esportare l’mp3. È che tanto col DRM to fregano, che sia iTunes o altre piattaforme

ErCipolla

Esatto, non uso iTunes da qualche anno, ma all'epoca i file m4a/AAC acquistati erano senza protezione, quindi funzionavano tranquillamente su qualsiasi dispositivo e potevi crearne copie. Di contro, per film e serie non era così, erano protetti e serviva iTunes con relativa licenza per vederli.

SteDS

Ci sono due tipi di download, la copia personale e quelli per uso offline soggetti alle condizioni del catalogo, ovviamente nel secondo caso non si può parlare di acquisto

ErCipolla

Ma anche Apple fa scaricare la canzone se non sbaglio, penso si tratti più di contenuti tipo film/serie che sono protetti da drm e se li tolgono dal catalogo non li vedi più.

dario

Così dice l'articolo che ho trovato al riguardo... tanto che apple diceva che non poteva fargli causa perché i suoi brani erano tutti al loro posto...
In italia in effetti senza danno non puoi fare causa, negli usa a quanto pare sì...

dario

Questa causa, che è differente da quella che mi hai citato prima e probabilmente è questo che ti ha generato il fraintendimento sui termini, non fa riferimento alla perdita dei contenuti acquistati a seguito di ban, bensì a seguito di rimozione da itunes di contenuti acquistati per motivi estranei all'utente, ad es. accordo scaduto con la casa di produzione. per questo sarebbe stato importante capire se ci fossero riferimenti in tal senso.

Dark!tetto

Ah quindi questa è proprio "pro bono" diciamo per il gusto del giusto allora

dario

No sono due cause distinte promosse da due persone differenti, ho già trovato i riferimenti in qualche post più sotto.

Dark!tetto

Sicuramente si risolverà con un cambio di pulsanti, ma l'azienda deve anche garantirti la legittimità di quello che sta scritto nel contratto che sono 2 cose diverse.

Dark!tetto

Non è sempre un noleggio a tempo indeterminati, se io acquisto un gioco su stadia e Google decide la rimozione, quel in altri modi si riferisce a cause esterne a google, ci dovrebbe essere un rimborso...anche se quel potremmo lascia troppo spazio di interpretazione.

https://uploads.disquscdn.c...

Dark!tetto

Potrebbero seguire l'esempio di Stadia per i giochi Acquistati :

https://uploads.disquscdn.c...

Dark!tetto

Spesi in 2 anni, apple gli ha bloccato l'account e non gli ha detto nemmeno il perchè :D

https://uploads.disquscdn.c...

Dark!tetto

https://uploads.disquscdn.c... Chi ha aperto la causa per poi far partire la class action ha e come qualcosa da perdere....tutto parte da qui:

Dark!tetto

No, ma altrove ti permettono pure il download, rimane valido il discorso sotto sul precedente, se viene "condannata" Apple il resto si adegua in 10 secondi.

DiscentS

A questo punto la contro risposta dell accusa potrebbe essere "utenti ragionevoli non acquistano apple"

Dark!tetto

Nelle clausole è indicato sia che per usufruire dei contenuti devi accedere alla loro piattaforma e in un altro paragrafo che la violazione delle regole (diverse) può causare l'esclusione dalla piiattaforma. C'è però da capire quanto queste clausole siano effettivamente legittime e non penso che Apple può arbitrariamente e senza spiegazioni (cosa già fatta) sospenderti l'abbonamento e impedirti la fruizione di contenuti dei quali per i quali hai pagato la licenza d'uso.

Dark!tetto

Vero, ma magari quello americano potrebbe fare da apripista per una reale regolamentazione dei contenuti digitali, licenze, fruizione, distribuzione etc etc sono proprio in un limbo legislativo al punto che si deve valutare caso per caso al momento.

I tre migliori compatti: iPhone 12 Mini vs Asus Zenfone 8 vs Galaxy S21 | Confronto

Abbiamo provato iOS 15: prime impressioni d'uso sulle principali novità

Abbiamo provato iPadOS 15: le novità che Apple non ci ha svelato

macOS Monterey ufficiale alla WWDC 2021: tutte le novità | download sfondi