Apple e Amazon producono troppi rifiuti elettronici, l'accusa del Regno Unito

27 Novembre 2020 90

Per troppo tempo aziende come Amazon e Apple hanno eluso le loro responsabilità ambientali per i prodotti che vendono. È questo il gelido commento di Philip Dunne, Presidente delll'Enviromental Audit Commission britannica, che ha da poco pubblicato i risultati di uno studio sull'economia circolare e la produzione di rifiuti elettronici. Troppi, secondo l'EAC, quelli generati da aziende come Amazon ed Apple per precise scelte che rendono più complicato lo svolgimento di attività essenziali per un'economia in cui i dispositivi possono essere riparati facilmente per arrivare più tardi al loro fine ciclo di vita, e successivamente riciclati.

La commissione parlamentare sottolinea che aziende tecnologiche come Apple incollano e saldano i componenti interni, rendendone quasi impossibile la riparazione. I consumatori non hanno quindi il pieno controllo dei dispositivi che possiedono: non possono procedere autonomamente alla riparazione di singoli componenti, e non hanno accesso ai manuali tecnici che guidano nella risoluzione dei problemi. L'alternativa è rivolgersi direttamente al produttore, ma sul punto l'EAC aggiunge: le spese proposte da Apple per la riparazione possono essere così elevate che risulta più economico sostituire completamente l'articolo.

Ad Amazon - così come ad altri importanti rivenditori online - si contesta il fatto di non aver fatto la loro parte raccogliendo e riciclando i prodotti elettronici. Ed è un comportamento che assume ancor più rilevanza in uno scenario caratterizzato dalla forte spinta delle vendite online determinata dalla pandemia.

Le proposte dell'EAC sono di due tipi:

  • Sancire il diritto alla riparazione per legge e ridurre l'imposta sul valore aggiunto legata ai servizi di riparazione. Il diritto alla riparazione è l'obiettivo a cui tende anche l'intera Comunità Europea che, proprio di recente, ha compiuto ulteriori passi avanti in questa direzione. Un diritto di questo tipo influirebbe direttamente sulle politiche produttive e di vendita di colossi del calibro di Apple;
  • Obbligo per i grandi e-commerce, come Amazon, di raccogliere e riciclare i rifiuti elettronici. In tal modo non ci sarebbe disparità di trattamento rispetto ai rivenditori fisici e ai produttori che sono tenuti a rispettare questi obblighi.

L'EAC torna poi a sottolineare l'importanza delle attività di riciclo dei prodotti elettronici perché contengono materiali rari - si pensi ad esempio al cobalto - fondamentali non solo per il mercato dell'high tech, ma anche per la tecnologia verde. Senza contare il fatto che recuperare i materiali rari già usati, invece che approvvigionarne di nuovi, contribuisce a mantenere basse le emissioni inquinanti legate al processo di estrazione.

LE RISPOSTE DI APPLE E AMAZON

Le gravi accuse dell'EAC sono state commentate dai rappresentati di Apple e Amazon che si sono dette piuttosto sorprese, visto che da tempo portano avanti iniziative volte a ridurre la produzione di rifiuti elettronici.

Siamo rimasti sorpresi e delusi dal rapporto dell'EAC che non riflette in alcun modo gli sforzi di Apple per preservare le risorse e proteggere il Pianeta che tutti noi condividiamo. Mai come ora i clienti hanno molteplici opzioni per permutare, riciclare e ottenere riparazioni sicure e di qualità. La nostra ultima gamma di prodotti Apple Watch, iPad e iPhone utilizza i materiali riciclati come componenti essenziali - portavoce Apple

Proprio l'esigenza di ridurre l'impatto ambientale era stata portata da Apple come giustificazione della scelta di eliminare dalla confezione degli iPhone (a partire dai modelli della serie 12 - base, Mini, Pro e Pro Max) il caricabatteria e le cuffie. La casa di Cupertino sottolinea che continuerà a collaborare con il Parlamento e il Governo inglese per dimostrare l'impegno sul fronte delle iniziative a tutela dell'ambiente.

Amazon dal canto suo ricorda come siano stati già attivati da tempo strumenti che consentono alla clientela di procedere al riciclo dei prodotti elettronici - si cita in particolar modo Amazon Second Chance:

Amazon si impegna a ridurre al minimo gli sprechi e ad aiutare i nostri clienti a riutilizzare, riparare e riciclare i loro prodotti [...] Negli ultimi 10 anni abbiamo supportato il riciclo di oltre 10.000 tonnellate di rifiuti elettronici nel Regno Unito. I nostri più recenti dispositivi sono realizzati con più materiali riciclati che mai prima d'ora, e siamo la prima azienda ad investire in progetti sulle energie rinnovabili per compensare l'energia utilizzata dai dispositivi dei nostri clienti dopo l'acquisto.

Da non trascurare inoltre l'iniziativa Climate Pledge, istituita da Amazon e Global Optimism che ha l'intento di guidare le aziende partecipanti a passare ad un'economi zero-carbon entro il 2040.


90

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
opinionista

Ovvio, ma sicuramente fare 2000 tipi di scatole diverse inquina più che farne di 5 tipi e lasciarle "vuote" in parte quando l'oggetto è di una forma particolare o più stretta

Sucklord9000

se la Apple (giusto per citarne una) fosse veramente Green, 1- non avrebbe tolto il caricatore in confezione per metterne uno nuovo in commercio.
2- non produrrebbe X iPhone e X mac ogni anno.
sveglia che non è difficile da capire, e intanto la Apple e l'industria tech ti ringraziano ahah

Sucklord9000

gli update sono un palliativo...fanno sentire l'utente coccolato, ma non da reali vantaggi..almeno non come un tempo.
però è facile vedere qual'è il trucco dietro,
non dico che non bisogna aggiornare, ma rallentare. esce un MacOS "nuovo" ogni anno..ma non è mai nuovo in realtà..

The Doom Slayer

Se fosse acqua calda ci sarebbe meno gente che acquista prodotti tecnologici come il pane.
Io ho, per fare un esempio, uno Xiaomi e in un gruppo facebook del marchio la gente stava impazzendo per l'aggiornamento alla MIUI 12. Non sapevano nemmeno loro il perché ma il piacere dell'aggiornamento é impagabile a quanto pare.

Sucklord9000

hai scoperto l’acqua calda

The Doom Slayer

Il mondo dell'informatica e della tecnologia é studiato a tavolino. Cioè dai cerchiamo di essere seri; chi diavolo crede che questi, con cadenza precisamente annuale, riducano la litografia delle CPU ed aumentino le prestazioni? Per non parlare poi di tutte le relative innovazioni. Hanno un programma ben preciso per poter fare uscire sempre e comunque "innovazioni" tenendo già pronte quelle degli anni successivi in base alle mosse delle aziende concorrenti.
Aggiungiamoci poi il 90% degli utenti consumer che acquistano sempre e costantemente abbagliati da schede tecniche, promesse assurde ed invenzioni e abbiamo il consumismo più sfrenato sempre con l'ultimo modello di smartphone, che carica su Instagram foto storte e fatte con zoom digitale e 2 etti di HDR.

Strategie di mercato e la poco dignitosa ignoranza popolare inquinano.

fabrynet

Consta già presentando il conto, ogni giorno.

Xylitolo

la maggioranza degli acquisti online sono compulsivi, amazon poi col variare dei prezzi molte volte nell'arco del breve tempo incentiva a fare più ordini, compulsivi o meno ma sempre divisi.

Xylitolo

consumismo ed economia circolare sono due rette parallele che non si incontreranno mai.
fintanto che il pianeta non ci presenta il conto, non presentandoci più nulla da consumare

Xylitolo

Dovresti guardare i reportage di Amazon francia. Da brividi!
Una volta su Amazon, i prodotti devono essere venduti entro 3 mesi. Poi, o te li rimanda a 100€ al pezzo o te li rottama gratuitamente. A quel punto, sai che se non vendi Amazon rottama. Purtroppo rottamazione significa portare all'inceneritore in Polonia. Che sia elettronica, ad Amazon non interessa...
Puoi far tanti soldi vendendo su Amazon, ma puoi anche perderne tanti.

Se un cliente reclama (tipo imballaggio rovinato) ti toglie immediatamente i soldi dell'oggetto venduto ad esempio.

salvatore esposito

non è raro, sopratutto con pacchi piccoli

salvatore esposito

infatti ci avranno messo un po' ad appallottolare carte da infilarci

salvatore esposito
Obbligo per i grandi e-commerce, come Amazon, di raccogliere e riciclare i rifiuti elettronici. In tal modo non ci sarebbe disparità di trattamento rispetto ai rivenditori fisici e ai produttori che sono tenuti a rispettare questi obblighi.

per ridurre la disparità, oltre a questo, dovrebbe anche iniziare a pagare le tasse sugli utili nel paese dove opera e non solo l'iva (che poi evade pure quella).

salvatore esposito

è green fin quando paghi di più per non avere il caricatore, se si tratta di prendersi carico dello smaltimento finisce il green

Garrett

Chi produce dovrebbe farsi anche carico della raccolta e riciclo.
Vale per Apple ma vale anche per la marea di imballaggi alimentari, a cominciare dalle bottiglie di plastica.

Mauro B

Ehhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh

Felk

Si vede che tu non hai mai smontato un dispositivo in vita tua e che parli senza cognizione di causa.

Alessio Ferri

La prima frase fa sganasciare. La seconda è corretta, ma devi essere un tecnico autorizzato, se no non lo cambi.

L'ultima affermazione è benaltrismo.

Marco

https://uploads.disquscdn.c...

Idem

F F

Ma l'apple non faceva gli iphone green per aiutate l'ambiente? Oppure mi sbaglio?!

Davide Nobili

Penso che la modularità di cui parli tu non sia quella di cui sto parlando io.

Actarus71

Perché così vuole l'utente?

Mauro B

Certo, come no. Arrivederci.

Mauro B

Tutti i componenti non sulla scheda madre.

gianni polini

Non funziona così :)
La differenziata non è 100% e non lo sarà mai.
Per ogni "me" che ricicla il cartone ce ne sono 1000000000 che non lo fanno e buttano nell'indifferenziata se non in terra direttamente.
Studiare nuove confezioni ridotte al minimo abbasserebbe molto il livello di rifiuti.
Amazon mette una matita in un cartone di un metro perché è più veloce così, fregandosene dell'ambiente.

Davide Nobili

E cosa avrebbe di modulare iPhone e iPad, visto che non puoi neanche espandere la memoria?

NaXter24R

Idem. Avevo una coppia di tergicristalli. Li avevano messi in diagonale

SteDS

Da quello che scrivi, senza offesa, tu proprio non hai idea.

BluowingD

Guarda lasciamo perdere perchè sennò qui non finiamo più -.-

BluowingD

Lol ognuno tragga le sue conclusioni :)

Mauro B

Evidentemente non sei del campo.

Mauro B

Io parlo degli iPhone e degli iPad, di gran lunga i dispositivi più venduti. Gli altri produttori spesso ti costringono ad andare all'isola ecologica per una minima cosa, perché producendo dispositivi da anche 100€ non vale la pena spenderci più di tanto.

Mauro B

Il MacMini in pratica non ha moduli. Ma c'è un motivo per il quale è costruito così. Io parlo degli iPhone e degli iPad, di gran lunga i dispositivi più venduti.

Chris94

Ma cosa c'entra Amazon?
Perché catene fisiche tipo euronics non ricevono le stesse accuse?

Roberto
Roberto
ThisWarOfMine

Secondo me Quando l ha visto ha pensato che amazon ha sbagliato l ordine invece del suo articolo magari gli arrivava una tv da 50 pollici xd

IGN_mentale

C
A
Z
Z
A
T
E
!

Più volte abbiamo cercato di ordinare più merce possibile in un unico ordine, ma poi loro creano più pacchi spediti da luoghi e giorni diversi!

xAlien95

Forzuti?

fabrynet

Accolgo favorevolmente qualsiasi spinta che vada in direzione di un’economia circolare e rispettosa dell’ambiente.
Amazon è un cancro per l’ambiente, sposta merci, il più delle volte inutili cianfrusaglie, in giro per il mondo e produce imballaggi e rifiuti di ogni tipo.

AcommonAlien

Ora che ci penso, è verissimo, gli store online non raccolgono i rifiuti elettronici...

tra l'altro questa era pure una spedizione senza fretta.

STAFF

Sai vero che la carta non si ricicla all'infinito?

STAFF

Magari avevano finiti i pacchi piccoli e hanno deciso di mandartelo in questo grosso.

HAHAHAHAHAHAAHAHAHAAHAHAHHAHAHAAHHAHA immagino la tua faccia davanti al corriere HAHHAHAHAHAHAHAAHAHAH

Andrej Peribar

https://www.hdblog.it/mobile/articoli/n530166/diritto-riparazione-europa-novita/

BluowingD

E viene pagato da quasi 4 anni per farlo. Con quell'articolo che sapeva da confessione orgogliosa hanno toccato il fondo.

Marco Revello

Lo capisco che utilizzare cartoni con dimensioni standard conviene a tutti, ma a me sono arrivati 4 oggetti più o meno delle stesse dimensioni in 4 scatole. Prima di aprire ho avuto il dubbio ci fosse stato un errore, ma l'indirizzo era giusto su tutti e 4 i colli. Un oggetto per scatola.

BluowingD

....siamo fo***ti

Recensione MacBook Air con Apple Silicon M1, il futuro dei notebook è già qui

Recensione Mac Mini Apple Silicon M1, ho QUASI sostituito il mio desktop da 2K euro

iPhone 12, Mini, Pro e Max: vi spieghiamo le differenze (e quale scegliere)

Recensione iPhone 12 Mini: grazie Apple, ci voleva