Parallels si prepara a supportare i Mac con Apple Silicon M1

20 Novembre 2020 52

Tantissime applicazioni si stanno già aggiornando per supportare il nuovo Apple Silicon M1 presente sui MacBook Air, Pro e Mac mini di ultima generazione, occorrerà ancora un po' di tempo affinché tutte le principali app siano pronte a supportare nativamente il SoC realizzato dalla casa di Cupertino.

I lavori procedono comunque spediti e una delle prossime applicazioni a fare il grande salto potrebbe essere proprio Parallels, la preziosa suite che permette di creare delle macchine virtuali dalle quali utilizzare altri sistemi operativi, Windows e Linux su tutti. Stando a quanto emerge dall'ultimo aggiornamento dell'applicazione, la versione attuale (16.1.1) non è compatibile con i Mac dotati di chip M1, tuttavia lil team di Corel ha già confermato che la versione per Apple Silicon è già in fase di sviluppo.

Parallels Desktop è stata una delle applicazioni mostrate da Apple nel corso della prima presentazione ufficiale del SoC realizzato in casa, ma la versione mostrata - precisa lo sviluppatore - era ancora in fase prototipale. Insomma, presto sarà possibile sfruttare questo importantissimo software anche sui più recenti Mac.

Il ruolo di applicazioni come Parallels, infatti, è diventato ancor più centrale nei Mac con Apple Silicon, in quanto questi non supportano la modalità Boot Camp che permetteva l'installazione nativa di Windows sui computer della casa californiana.

Top gamma con batteria infinita e display super? Asus ROG Phone 2, in offerta oggi da Hwonline a 988 euro oppure da ePrice a 1,102 euro.

52

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Antonio

Io sono uno degli utenti che utilizza la virtualizzazione per far girare Windows. In quanto sviluppatore è molto comodo e mi evita lo scambio continuo tra Mac e PC.

Haku

Scusate ma invece di scatenare tutto questo "poststorming" su M1 si, M1 no, M1 straccia Intel, è una tigre, no è una ciofeca etc non sarebbe meglio aspettare qualche mesuccio e vedere se saltano fuori comparazioni con altre macchine al di fuori della comparazione tra Mactel e MacM1? Che io sappia i computer servono per far girare i programmi e questo va fatto in prodotti fatti e finiti. E tra questi che si faranno i veri test sul campo.

Bannato!

Sì è un'idea. Anche perché contaminare il Macbook con winz è come fargli prendere il covid. Però c'è chi preferisce avere tutto in uno, mette un solo computer nello zaino.

Fortunatamente io non ho bisogno del winz

Davide
"con i processori M1 il limite massimo è di 16 GB, mentre i processori Intel supportano fino a 32 GB"

Questo non è un problema perchè lo swap su ssd funziona molto bene. Anzi, non ha proprio senso di numeri come ram e clock all'interno di un nuovo ambiente tecnologico, che quindi funziona in modo diverso.
Anche Rosetta2 non sembra essere un problema: unboxing a parte, che mostrano l'estrema velocità delle applicazioni convertite e l'universale compatibilità, è solo questione di tempo prima che tutte le applicazioni siano rilasciate anche per M1. Persino Parallels uscirà presto per M1, per cui anche eventuali applicazioni windows saranno eseguibili in emulazione.
Per me gli unici problemi stanno in altri due punti.
Il primo è che i mac non sono stati aggiornati anche in relazione ad altri componenti, come la webcam o le porte usb/thunderbolt, per cui sembrano computer sottodimensionati dal punto di vista delle feature per tenere bassi i prezzi e spingere l'adozione dei nuovi processori.
Il secondo è che finora parliamo di computer consumer, senza particolari esigenze dal punto di vista della grafica: sarà interessante vedere cosa succederà quando dovranno introdurre il nuovo iMac o il nuovo macbook pro 16, che nella loro configurazione highend offrivano schede grafiche potenti, valide anche per il gioco: cosa offriranno davvero per accontentare anche i giocatori, dal momento che pare non si possano usare neppure le e-gpu?

Alex

Ti compri un pc da 4 soldi con windoz. Mica sarà un prb

ProseccoDoc

ma ce rosetta

Bannato!

puoi esserci costretto per motivi di lavoro
mica tutti i programmi girano su Mac

Black_Codec

Decente... Il pinebook non mi sembra lo sia...

nitrusOxygen

Enfant Terrible

Alex

Comprare un Mac per farci girare Windows. Praticamente 1/2 dei nuovi acquirenti Mac.

ice.man

da Microsoft a Oracle a Citrix ognuno ha il suo prodotto col suo nome commerciale
Quello di VmWare si chiama Horizon

diury84

Non che non ti creda ma per pura curiosità mi dici uno di questi software?

ice.man

no, il software di virtualizzaizone moderni sono sofisticati e bilancia il consumo di risorse locali o remote in base alla potenza di calcolo del client. Inoltre quando sei offline lavora ovviamente solo la cpu del notebook

Igioz

che dolore solid
che palle software che costano fucilate, ancora compilate con dei NORTHWOOD in mente
zero parallelizzazione, macchine con 16 cores al 16% di picco
era uno sfogo così, gratuito :D

Sucklord9000

lascia perdere
è un utente che non ci arriva proprio.
non riesce a concepire come windows su mac può essere comodo in diverse situazioni.

ADM90

Da vedere le prestazioni di Windows 10 per ARM + emulazione app x86 a 32 e 64 Bit su un MacBook con soc M1. Davvero curioso.

ADM90

Che può emulare i software x86 a 32 e 64 Bit

diury84

Si ma a quel punto il tuo dispositivo agisce da mero visualizzatore, se non per la gestione di flussi multimediali che vengono gestiti client side da alcuni broker vdi

salvoblu

Rosetta ha alla base un emulatore per l’esecuzione del codice e viene usato per la traduzione a cui fai riferimento per l’esecuzione on the fly di codice non tradotto. L’emulatore può eseguire quasi tutte le istruzioni x86 escluse le AVX e quelle di virtualizzazione.
La tecnologia alla base fu sviluppata agli albori da Transitive Technology nei primi anni 2000 e nota con il nome di Quicktransit.

Goose

Perdonami ma chi è il folle che fa Deep Learning con scheda video integrata e poco spazio in memoria? Dai per cose di questo tipo ci vorrà una scheda tipo la 3090 con 24 GB, soprattutto se fai esperimenti che durano ore.

B!G Ph4Rm4

Ne è uscito uno nuovo.
https://github.com/apple/tensorflow_macos/issues/25
Come previsto spacca brutalmente chip AMD ben più potenti (sulla carta la Pro 5500M ha 5.5 tflops in FP32).
Ancora non ho capito se usano o meno il cosiddetto neural engine, che a sua volta non si capisce se sia una roba stile tensor core (probabile visto che usa unità fp16 per i pesi e fp32 per i "risultati, e se non ricordo male è uguale per i TC) o altro. In tal caso è perfettamente normale che spacchi il sedere a qualsiasi gpu, è proprio un altro livello di efficienza.

SignorVittorietto
B!G Ph4Rm4

https://github.com/apple/tensorflow_macos/issues/10

Pistacchio
B!G Ph4Rm4

Rosetta le traduce, non emula. Ma tu che intendi, che non può tradurre x64? In realtà può farlo:
https://appleinsider.com/inside/rosetta-2

salvoblu

Se già gira su macOS x86 girerà anche su Rosetta. Se poi arriverà la versione per ARM sarà sicuramente più veloce.
La storia, soprattutto vent’anni fa almeno, è piena di architetture più performanti di x86, ma alla fine morirono tutte perché il mercato optò per la compatibilità x86 e all’epoca le alternative a Windows non erano così sviluppate come oggi.
Intel possedeva una divisione ARM ma decise di venderla anni fa. AMD stava sviluppando un chip ARM di fascia alta nel 2014 ma poi ne congelò lo sviluppo.
Furono tutte scelte dettate dal mercato che richiedeva compatibilità x86. Oggi invece ci sono i presupposti perché le cose cambino. x86 è un’architettura obsoleta e inefficiente tant’è che la stessa Intel tentò di ucciderla a fine anni ‘90. ARM è un’architettura moderna, capace di alte prestazioni e bassi consumi. Tutto sta nel progettare un design efficiente.

B!G Ph4Rm4

Ovvio ma ancora non ho trovato benchmark decenti. Ce n'è solo uno negli issue di github del fork

DefinitelyNotBruceWayne

Hai visto il fork di Tensorflow per M1?

davide

perche quando investi 10 anni di tempo e miliardi su miliardi non puoi dire che quello che stai facendo fa schifo oppure è obsoleto.

ti pare ?

salvoblu

Rosetta non può emulare le istruzioni x64 per la virtualizzazione.
Probabilmente Parallels consentirà sia la virtualizzazione di sistemi operativi ARM sia x64 tramite emulatore.

edge

Solo ARM.

Scrofalo

Non preoccuparti che ne trovo tanti, ma tanti.

Scrofalo

https://uploads.disquscdn.c...

1984

e fu così che windows riuscì ad affossare anche gli m1..

B!G Ph4Rm4

Terribile. Fortuna che non uso windows

Soter

Nessuno compra il Mac per usare Windows, alcuni però comprano il Mac perchè possono anche usare Windows

Andrea

Leggendo l'articolo citato in fonte, Parallels si dichiara entusiasta della notizia che Microsoft supporterà ache le applicazioni x64 in WoA (le app a 32-bit x86 sono già supportate): mi viene da pensare che Parallels virtualizzerà WoA con la possibilità di far girare l'emulatore Microsoft per le applicazioni scritte per processore intel.

Saimon

Parlo da profano,
Mi chiedo una cosa, un software che uso è Solidworks, che generalmente usa il single core. Teoricamente se lo facessero per questo processore, andrebbe molto meglio??? È possibile farlo funzionare su questo Mac tramite Rosetta??
E ultima e non meno importante, perché se effettivamente gli Arm sono potenzialmente più performanti, perché non li hanno sviluppati prima sia Intel o Amd????

B!G Ph4Rm4

Quello è certo, credo che il lavoro da fare sia un ventesimo. E le prestazioni anche sarebbero imparagonabili

Goose

Probabilmente le distro ARM

B!G Ph4Rm4

Un notebook con arm decente per linux che non sia un Pinebook :D

Masnia

Siamo in due, se lo fanno lo prendo anche io.

B!G Ph4Rm4

Il problema è che Rosetta ha buone prestazioni ma perchè semplicemente prende il codice, lo traduce e lo esegue, sinceramente non ho la più pallida idea se ciò possa avvenire anche con un intero OS (in linea teorica sì) con prestazioni decenti.
E se portano WoA allora è meglio che lascino perdere subito.

Andrea

si, ma non si capiscono i termini dell'integrazione di Parallels sui Mac M1, ovvero se è in grado di ospitare sistemi operativi con processore intel o solo con processori ARM. Nel secondo caso, per Windows, c'è un problema di licenza perchè Microsoft rilascia Windows per ARM solo agli OEM, ma ci sono anche grandi problemi di riadattamento di basso livello (drivers per i vari sottosistemi del SOC Apple).
Per Linux non ci sono problemi e l'abbiamo visto al WWDC.

NaXter24R

Che poi non lamentarti. Conoscendo Apple la prossima volta potrebbero farti pagare 100€ aggiuntivi per la saldatura delle RAM. Vedo già delle mail di risposta alla Aldo con "e tu le ram mi hai chiesto"

cuccuruccu

Tranquillo che far girare windows su un arm in emulazione x86 non sarà affatto una passeggiata per la CPU. Secondo me avrà prestazioni comunque decenti ma nulla più. Certo win non girerà proprio come su un Mac Intel.

ice.man

in realtà in certi ambienti di lavoro si fa tutto su macchine virtuali che vengono sincronizzate con la versione presente sui server aziendali. Cosi le puoi usare da un thin client quando sei in azienda oppure sul tuo pc o mac quando sei fuori e senza connessione internet.
usaresti la VM anche se il tuo notebook avesse Win10pro.

B!G Ph4Rm4

Se mi portate Linux decentemente senza problemi vari (ovvero prestazioni quasi native) sarà difficilissimo resistere, a meno che non escano al contempo degne risposte in casa Qualcomm.

Rozzo

Le motivazioni per non procurarmi il nuovo Mac Mini si assottigliano ancora di più XD

Recensione Mac Mini Apple Silicon M1, ho QUASI sostituito il mio desktop da 2K euro

iPhone 12, Mini, Pro e Max: vi spieghiamo le differenze (e quale scegliere)

Recensione iPhone 12 Mini: grazie Apple, ci voleva

Apple Silicon è il futuro di Apple: da desktop a smartphone, andata e ritorno