Apple TV+, in arrivo repliche di film e serie TV per ampliare il catalogo | Rumor

19 Maggio 2020 34

Apple starebbe rivedendo i propri piani di offrire solo contenuti esclusivi per TV+, il suo servizio di streaming anti-Netflix. Secondo Bloomberg, la Mela avrebbe già cominciato a comperare i diritti per trasmettere repliche di serie TV e film di altri produttori; purtroppo il report non cita titoli specifici, ma precisa che il focus principale continuano a le produzioni proprietarie. Appena qualche mese fa, a febbraio, Tim Cook diceva agli investitori che "Apple TV+ punta tutto sui contenuti originali, non sembra giusto semplicemente proporre repliche".

Si stima che a febbraio TV+ abbia superato i 10 milioni di abbonati; è una bella cifra, a livelli assoluti, ma va considerato che per ogni iPhone, Mac, iPad o Apple TV acquistata viene offerto ben un anno di abbonamento gratuito. Quanti rimarranno quando questo scadrà e l'abbonamento inizierà a costare, è difficile capirlo adesso; bisognerà aspettare dopo novembre, quando scadranno i primi periodi gratuiti.

Il problema è che il catalogo è estremamente ridotto rispetto a quello dei concorrenti più importanti come Prime Video o anche solo Disney+ - e non andiamo a scomodare Netflix: 30 tra serie, film e altri contenuti, per quanto siano tutti originali (e ammettendo che siano tutte imperdibili), semplicemente non sono abbastanza per un abbonamento mensile. A questo quadro già complicato si deve anche aggiungere la pandemia di COVID-19, che ha rallentato significativamente la produzione di contenuti un po' in tutto il mondo.

Precedenti indiscrezioni parlavano di una serie di colloqui con MGM, a quanto pare per proporre film di franchise come RoboCop e James Bond, e dell'intenzione di proporre anche contenuti sportivi in diretta. Intanto, la programmazione di TV+ va avanti: tra pochi giorni debutterà la prima serie animata per adulti, ovvero Central Park, e a giugno arriveranno due documentari.


34

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
E K

Il primo iphone ha rotto definitivamente il concetto di smartphone con i tasti, lento e legnoso. È stato il primo a creare un nuovo formato senza compromessi (parti mobili, tastiere integrate etc etc etc).
Poi, che fosse tecnicamente molto inferiore a molti prodotti della concorrenza non è un problema, era un prodotto totalmente nuovo.

Per iphone, il mercato lo ha premiato all'inizio, ma giá dal 2014 apple sta "arrancando" (ovvio che no, é solidissima e le vendite vanno sempre a gonfie vele, ma ha perso quella freschezza del capofila, ormai segue e subisce le decisioni del mercato, un tempo lo formava, ed ora lo forma con gli auricolari truewireless, cosa che non ha fatto con il watch).

Il mercato degli indossabili da polso é in crescita molto lenta da ormai 6-7 anni e rimane un mercato di nicchia, paragonato a quello delle cuffie é proprio piccolo, e paragonato al mercato degli smartphone é inesistente, si parla dell'1,5% rispetto al mercato smartphone (ed é un gadget da usare in combinazione con uno smartphone).

e.Mac

Ok ma allora anche il primo iPhone rientra nella categoria da te descritta, non era in grado di registrare video e non aveva nemmeno il copia e incolla, tutte cose che la concorrenza all’epoca aveva, quindi in base a ciò non avresti dovuto fissare il 2012 come una sorta di spartiacque (il primo iPhone è del 2007). Il cavallo buono si vede a lunga corsa, come si suol dire, ecco perché poi il mercato ha premiato Apple Watch e lo stesso iPhone.

E K

Apple watch é arrivato 4 anni dopo la concorrenza, come confermi, quindi non contraddice il mio assunto,
non offriva nulla in più degli altri smartwatch, anzi in meno aveva: certificazioni di impermeabilitá, gps, durata batteria, compatibilitá con cinturini classici, compatibilitá con altri OS,

il tutto ad un prezzo sproporzionato, apple parlava di fashon-gadget, e lo faceva anche in oro se ricordi, cosa che non ha funzionato ed ha eliminato ogni riferimento al fashon ed alla moda, riducendo il catalogo puntando dalla v3 su altri temi, come la salute e la sicurezza, ed é solo in quel momento che ha cominciato ad avere un senso e che le vendite hanno cominciato a salire.

Se ricordi bene le vendite dei primi modelli non sono state rese note (prima volta in cui apple non scorporava le vendite di un prodotto nuovo) perché di gran lunga inferiori alle aspettative e prima di imporsi veramente a livello globale ci sono voluti 2 anni. Ora, con la v5, vanta il 55% delle vendite di indossabili da polso, ma all'inizio aveva il 12% o meno di un mercato tuttora di nicchia.

Quindi, si, sono serio.

e.Mac

Sei serio? Nel tuo commento hai chiaramente detto che tutto quello che Apple ha introdotto sul mercato dal 2012 in poi è arrivato tardi, male ottimizzato e non concorrenziale con le AirPods come unica eccezione, ed io ti ho invece ricordato dell’esistenza dell’Apple Watch, anch’esso arrivato tardi rispetto agli altri ma tutt’altro che male ottimizzato o poco concorrenziale dal momento che domina il mercato smartwatch. Ora dimmi tu cosa c’è di difficile da capire.

E K

Dimmi cosa c'é di difficile da capire in questa frase:

"..Semplicemente hanno iniziato troppo tardi e in modo sbagliato, come tutto quello che hanno introdotto dal 2012 in poi.."

e.Mac

Apple Watch? Che domina il suo mercato?

MatitaNera

Spoonriver?

Gnammo

qualità superiore? see fa cag...re

McMc

Devo essere sincero ho l'abbonamento gratuito, ma a parte qualche puntata di See, che non riesco a sopportare (tecnicamente audio video perfetti ma idea di fondo demenziale), le altre produzioni sarebbero anche interessanti ma non così tanto da vederle, ho sempre qualcosa che mi interessa di più....

Alex

la Spoon qualcosa...

E K

Lo dissi sei mesi fa' e lo ribadisco, per quanto spendano e producano, le buone idee non aumentano esponenzialmente e per avere un catalogo che possa coprire almeno 6 mesi di visioni quotidiane e coprire i gusti degli utenti devono avere almeno 10 volte piú materiale di quello che hanno ora. Ci stanno arrivando, ma così facendo perdono il loro mantra iniziale "solo conetenuti originali".

Semplicemente hanno iniziato troppo tardi e in modo sbagliato, come tutto quello che hanno introdotto dal 2012 in poi (arrivato tardi, male ottimizzato e non concorrenziale) tranne gli airpods.

Grewal

Non saprei, io credo che in futuro amazon la farà da padrone, a livello globale perché in America é già il top

Bertone

non ne sono certo, ma penso sia lo stesso "problema" di Netflix sui nuovi contenuti (alcuni) dovuto alla mancanza di doppiaggi nel periodo Covid per tutelare i doppiatori

MatitaNera

Destra di Tim o nostra?

Mirko

A proposito di Apple TV+ ma vi siete accorti che in difesa di Jacob ha tutte le puntate in italiano tranne la sesta? Ultima uscita ad oggi? Come si puó segnalare questa cosa? Sarà un bug ? Boh

momentarybliss

Apple potrebbe ad esempio rendere disponibili un po' di contenuti di Starzplay, attualmente lo guardo solo perché è gratis, non sottoscriverei mai continuativamente l'abbonamento con un catalogo del genere

AllBlack

I contenuti stanno pian paiano arrivando e la qualità media è superiore a quella di Netflix (non che ci voglia molto).Sono dell'idea che ci voglia del tempo per poter "competere" in qualità con Disney+ e per utenza con Netflix. Ricordiamoci che è arrivata sul mercato appena 7 mesi fa.
Di certo i soldi per creare nuovi contenuti non mancano e nemmeno quelli per pubblicizzarli.

Andrea Ciccarello

il problema è che sembra che gli "utenti" non stanno premiando la cosa

Raxien

Anche in difesa di Jacob non è malvagia...

Repox Ray

La Aniston intanto guarda verso Netflix

Alex

Quella a dx ancora una gran passera

Giangiacomo

Insieme a News+ e Arcade rappresentano i flop più grandi dello streaming. Con questo non voglio dire che alcune serie non siano interessanti, ma non possono nulla in confronto a certi colossi come Disney+, Netflix, Prime Video, HBO Max e Peacock.

xxx360

Ammetto che il catalogo è un po’ scarno però la strategia in generale la approvo. Alla fine devono essere servizi complementari quindi a me sta bene trovare serie tv esclusive su un servizio se l’accesso costa poco (o nulla come in questo caso). Così come mi piace molto l’ingaggiare attori di Hollywood per spingere la serie, inevitabilmente ne esce una serie più curata. Francamente le centinaia di serie tra cui districarsi di Netflix e prime video cominciano rendere difficile la scelta, preferisco un servizio più curato che scelga per me diciamo così...

Davide

Flop gigantesco

xxx360

Beh tra i milioni di abbonati a Prime Video ci sono conteggiati gli stessi milioni di abbonati ad al servizio Amazon Prime quindi non mi pare ci sia molta differenza...

steph9009
I contenuti originali non bastano per giustificare un abbonamento, a quanto pare.

beh, l'acqua calda.

Desmond Hume

Ma su prime video di roba da guardare se ne trova parecchia

Castiel

In teoria, ma in pratica nel loro caso ha senso.

Apple+ non è palesemente un prodotto nato per essere profittevole, come tutti gli altri loro servizi hanno lo scopo di tenere su le vendite dell'hardware su cui fanno i soldi.

Quindi se una persona sta guardando Apple+ gratis vuol dire che ha comprato un dispositivo Apple nell'ultimo anno, quindi il loro scopo è raggiunto.

Che poi è la stessa cosa di Amazon Prime, in quanti lo hanno perchè hanno fatto prime e semplicemente hanno usato anche prime video e quanti lo hanno effettivamente sottoscritto proprio per prime video?

Quella foto è davvero cattiva... fantastico pane per chi non ha i denti... :)

ADM90
Darkat

ORA hanno capito che non era abbastanza? Wow

Desmond Hume

Ma tra i 10 milioni di abbonati sono inclusi quelli ce l'hanno gratis per un anno intero dopo aver acquistato un meladevice o effettivamente quelli paganti?

Si saranno accorti che il catalogo così ristretto è un problema? Non dico di arrivare a contenuti dozzinali un tanto al KG come Netflix ma almeno di puntare anche su vecchie glorie, film cult ecc ecc.

Giulk since 71'

Catalogo ridotto all'osso e vero, ma devo dire che la serie "See" merita veramente

Apple annuncia i processori proprietari per Mac basati su architettura ARM

macOS Big Sur ufficiale: benvenuti processori Apple

iPadOS 14 ufficiale: ecco come cambia iPad

iOS 14 ufficiale: tutte le novità, widget inclusi