Apple News Plus, potrebbero arrivare le versioni audio degli articoli

13 Maggio 2020 8

Apple News+ potrebbe offrire in futuro versioni audio di alcuni articoli. Lo sostiene Digiday, citando fonti tra gli editori che partecipano al programma di riviste "all you can eat" della Mela. I responsabili di Apple avrebbero chiesto ad almeno quattro editori il permesso di produrre versioni narrate dei loro articoli; per chiarire, quindi, sarebbe Apple in prima persona a sobbarcarsi gli oneri della realizzazione dei contenuti, e gli editori continuerebbero a essere compensati come avviene per gli articoli tradizionali.

Non è chiaro se Apple intende convertire tutti gli articoli (sarebbe un lavoro imponente, ma non certo fuori portata per una delle aziende più ricche del mondo) o solo una selezione. Non ci sono nemmeno dettagli su quando la funzione potrebbe debuttare.

Apple News+ ha ormai spento la sua prima candelina, e sempre stando alla fonte c'è ancora malcontento tra gli editori. Come già era emerso praticamente subito, alcuni ritengono che la percentuale che trattiene Apple dagli abbonamenti sia troppo alta (è pari al 50%; il restante 50% viene distribuito in base al tempo di permanenza sugli articoli).

Tra l'altro, Apple non ha esitato a parlare degli oltre 200.000 abbonati totalizzati nelle prime 48 ore, ma poi non ha rilasciato nessun altro aggiornamento: insomma, pare che le performance del servizio non siano particolarmente esaltanti. È interessante osservare come nel corso dell'ultima trimestrale Tim Cook abbia parlato degli utenti attivi mensili di News (125 milioni), e nemmeno in quell'occasione abbia accennato a News Plus.

Tre fotocamere per il massimo divertimento ad un prezzo top? Huawei Mate 20 Pro, in offerta oggi da TIMRetail a 499 euro oppure da Amazon a 560 euro.

8

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mariux Revolutions

Io invece ancora devo capire perché l'app News non è disponibile in Italia, tolto il widget (a meno che non si imposti la lingua inglese sull'iPhone)

Giangiacomo

Guarda, io non difendo gli editori, non me ne viene in tasca niente se gli trattengono il 50% o il 90% del guadagno. Quello che voglio dire è che Apple fa una politica veramente da strozzino, ma non solo nell'editoria. Capisco che Apple abbia un software e strumenti da sviluppare, il quale mette a disposizione sia per chi fa app e per chi pubblica articoli e che abbia uno store da mantenere ma il 50% è veramente folle. Così come trattenere il 30% dagli sviluppatori di app. Secondo me dovrebbe prendere una politica completamente diversa, una percentuale variabile. Ovvero se sei un nuovo sviluppatore/editore e vuoi cimentarti o provare (quindi sei nuovo sullo store o hai pochi download) Apple ti tiene il 10(anche 15)%, poi in base a popolarità (download e guadagni o in caso di editori in base ad articoli letti, commentati, condivisioni) può aumentare i guadagni fino al 20%. Se inoltre hai acquisti in-app fissi (quindi un canone periodico che l'utente paga per il servizio di un app) può aumentare di un ulteriore 5% (quindi arrivare fino al 25% del guadagno totale). Così sarebbe molto più equo e così permetterebbe a piccoli sviluppatori di poter guadagnare qualcosa di più.
Per quanto riguarda l'aggregatore di News credo che Apple lo abbiamo fatto per vari motivi, i principali credo siano perché voglia avere una fonte dove le persone possano leggere notizie vere e cercare di togliere più fake news possibile e perché così la gente non serva che ogni volta vada su vari siti ma apra un app e abbia già tutta la "pappa pronta".

SalvoM

Io lo trovo ottimo, ma devo dire che tra il servizio in UK e in Italia c'è un abisso.

Davide

È un servizio a dir poco fallimentare

Desmond Hume

Minkia il 50%? Sotto trovate un'immagine di Tim Cook alle prese con gli editori:
https://uploads.disquscdn.c...

Andrej Peribar

Io non ho mai capito a che servono questi aggregatori di news.

Detto questo gli editori non sono difendibili per partito preso

Giangiacomo

(come altre aziende) Apple perde il pelo ma non il vizio. Chiedere il 50% è peggio degli strozzini. E poi si chiedono come mai c'è il malcontento tra gli editori. Un 10/15 % sarebbe onesto.

Andrea Ciccarello

Recensione Apple MacBook Air 2020: basta finte ventole, scalda troppo!

Recensione Magic Keyboard iPad Pro: come cambia l'esperienza su iOS

Recensione iPhone SE 2020: parola d'ordine familiarità

Recensione Apple iPad Pro 2020: cambia poco, costa sempre tanto ma ha 128GB