Apple e Google: ecco come potrebbe essere l'app di tracciamento per il coronavirus

05 Maggio 2020 175

L'articolato discorso sulle app di tracciamento per contrastare la diffusione del Sars-Cov-2 andrebbe distinto in due macro aree: quello che aziende private e istituzioni internazionali stanno facendo e le iniziative adottate dall'Italia. Mentre, con una fase 2 formalmente iniziata, il nostro Paese non ha ancora finalizzato il progetto dell'app Immuni anticipato a metà aprile, Apple e Google mostrano in concreto come potrebbero apparire e funzionare il sistema di contact tracing integrato nelle app per Android e iOS. Si tratta del risultato della collaborazione tra le due aziende che ha portato alla definizione di un nuovo framework introdotto per migliorare la privacy nella trasmissione dei dati via Bluetooth, strumento indispensabile per tracciare i contatti di una persona positiva al virus - ne abbiamo parlato diffusamente QUI.

E' corretto fare una premessa: le immagini riportate di seguito devono essere considerate semplicemente esemplificative di come un'app per il contact tracing potrebbe apparire, sono concept e non mostrano alcuna app già esistente. L'effettiva realizzazione spetta agli sviluppatori che hanno a disposizione le nuove API messe a disposizione da Apple e Google.

ALL'AVVIO

Si parte con le schermate che mostrano cosa l'utente visualizzerà al primo avvio dell'app di contact tracing. Verrà chiesto prima di tutto di attivare le notifiche e l'interfaccia Bluetooth - senza il sistema non può funzionare. Come precisato in precedenza Apple e Google usano il termine Notifiche di esposizione - espressione sicuramente più rassicurante di Contact Tracing.

C'è poi il chiaro riferimento all'acquisizione dei dati in forma anonima, mediante ID generati casualmente. Si fa infine menzione al fatto che l'app raccoglie i dati sulla data, sulla durata e sull'intensità del segnale BT per gli eventi di esposizione ad un soggetto positivo.

Android
iOS
INDICAZIONE POSITIVITA' SU BASE VOLONTARIA E IN FORMA ANONIMA

La seconda serie di schermate mostra le sezioni dell'interfaccia dedicate alla segnalazione della positività al test per il coronavirus (Sars-Cov-2). Come si può chiaramente notare è un'operazione che spetta all'utente finale svolgere: sarà la persona che ha scoperto di essere positiva a doverlo indicare nell'applicazione su base del tutto volontaria.

L'app chiede inoltre il consenso per condividere l'informazione con il sistema e solo con gli utenti che usano l'app e con cui si è venuti in contatto - ma sempre in forma anonima, ovvero mediante ID che non permette di svelare l'identità del soggetto (vengono usati quelli generati casualmente nei 14 giorni precedenti all'evento di esposizione).

E' una scelta che tutela la privacy dell'utente e che al tempo stesso lo responsabilizza al massimo: se non sono i singoli ad informare gli altri sul proprio stato di salute il sistema fallisce. Nell'app concept la possibilità di indicare il proprio stato di positività è subordinata all'inserimento di un codice che viene fornito dall'autorità sanitaria dopo aver accertato la positività al test. Questo impedirebbe l'arbitrario ed erroneo inserimento di dati sanitari.



LA NOTIFICA DI ESPOSIZIONE

La terza coppia di immagini si sofferma sulla notifica che viene visualizzata per segnalare all'utente che potrebbe essere stato a contatto con qualcuno positivo al virus. Appare come una qualsiasi notifica di sistema, segnala la data in cui si è entrati in contatto con il positivo e contiene le indicazioni che verranno fornite dalle autorità sanitarie nazionali (lo spazio nelle immagini concept resta vuoto) per agire di conseguenza.



LE IMPOSTAZIONI

Le ultime schermate mostrano le sezioni per intervenire sulle impostazioni dell'app



DAL CONCEPT ALL'APP IN ITALIA... QUANDO ARRIVA?

Apple e Google hanno fornito gli strumenti per realizzare le app di tracciamento con un sistema che è sicuro anche dal punto di vista della tutela della privacy grazie agli accorgimenti introdotti per criptare in maniera efficace i dati trasmessi via Bluetooth. La parola finale continua a spettare ai singoli Stati. Nelle ultime ore Francia e Regno Unito, ad esempio, hanno deciso di avviare i test di app di tracciamento senza utilizzare il framework di Apple e Google. Per l'Italia la situazione resta ancora sospesa: si spera di introdurre l'app Immuni entro fine mese, ma si tratta di un'indicazione di massima e, purtroppo, di uno strumento che diventa sempre meno efficace con l'aumento del numero di utenti liberi di circolare a vario titolo sul territorio. L'ideale sarebbe stato avere un'app pronta in tempo per l'avvio della fase 2 ma evidentemente alcune ragioni - tecniche? (es. necessità di integrare proprio il framework di Apple e Google rilasciato solo a fine aprile), politiche? - non hanno consentito di raggiungere questo obiettivo.

VIDEO


175

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Bat13

Se vuoi cambio e rilancio con polemico, ma cambia poco

Bat13

Ma che ragionamento contorto stai facendo?

8ctale

Guarda un esempio che mi piace spesso riportare è il seguente:
"Dovrebbero dichiarare illegali i coltelli perché c'è stato l'ennesimo caso di accoltellamento domestico!"

Ora, converrai con me, che forse forse il problema non è Facebook, società multinazionale a scopo di lucro che offre un servizio gratuito a fini di guadagno con ricavi dalle pubblicità, bensì la situazione socio-culturale in cui siamo immersi.

Secondo me accusare Facebook (e Google, e Apple, e chi vogliamo) di privarci della libertà è un modo molto poco responsabile di mettere un cerotto su un tumore.

Se non vogliamo essere manipolati "dalle grandi multinazionali" dobbiamo applicarci in un complicato percorso di crescita psicologica personale e soggettiva.
Poi dobbiamo cambiare il sistema dell'istruzione del nostro paese.
Solo allora, quando saremo cresciuti abbastanza, potremo dire "Facebook fa schifo e causa i problemi di libertà", ma fino a quel momento siamo solo persone che hanno paura di guardarsi dentro e riconoscere i propri fallimenti e cercano un nemico più grande e impossibile da sconfiggere per sentirsi a posto con la propria miserabile coscienza. Siamo uguali ai terrapiattisti, ai complottari del 5G, agli oppositori di massoneria e rettiliani.

Il discorso cambierebbe se ad avere ed usare questi dati di cui parliamo fossero governi, istituzioni ed organizzazioni: in quel caso sarei il primo a scendere in piazza con i forconi perché il solo possesso di quei dati sarebbe una limitazione alla mia libertà perché non sarei più libero di dire e fare quello che penso se in contrasto con l'indirizzo politico/sociale/culturale dominante in quel momento e potrei essere perseguito e incarcerato perché dissidente politico, appartenente al gruppo religioso "sbagliato", per un orientamento sessuale "non congruo", ecc. ecc.

Facciamo distinzione delle due cose, per favore.

JackD

Grazie per le tue argomentazioni, prima di tutto lasciami dire che io sono d'accordo sulla maggior parte dei tuoi commenti.
Il problema generale e' lo stesso che sussiste per certe clausole vessatorie che molte persone firmano inconsapevolmente.
Nel momento in cui aderisci al contratto con il social lo fai esercitando la tua libertà, ma spesso non ti soffermi o ancora più spesso non capisci le conseguenze del tuo consenso.

Non si parla di conseguenze dirette, da A a B.
Si parla di conseguenze con dinamiche complesse e risvolti non attesi.
Noto che non hai commentato l'articolo che ho aggiunto al mio commento precedente; sarebbe interessante capire come si può decidere in libertà non sapendo come funzionano e che effetti reali hanno gli strumenti di manipolazione/fake news che molti gruppi politici e governanti stessi utilizzano a scopo di propaganda.

Converrai con me che spesso la mancanza di coscienza/cultura sugli effetti della propaganda possa spesso rendere l'individuo vulnerabile e manipolabile.

Per me il fatto che tante persone "vulnerabili" possano essere influenzate, ma molto spesso veramente fuorviate/manipolate/sottoposte a mezze verità allo scopo di cambiarne gli umori e gli orientamenti politici e sociali (molto più di quanto avveniva con la TV, in quanto siamo singolarmente targettizzati), senza aver chiaramente compreso l'esperimento al quale ci si sottopone firmato quel contratto (ovviamente non modificabile in quanto proposto unilateralmente), resta una violazione della libertà.

Se invece fossimo tutti consapevoli di cosa comporta la firma del contratto di adesione, il discorso sarebbe diverso.
La tua definizione Treccani e' azzeccatissima i questo senso... stiamo davvero scegliendo autonomamente?

8ctale

1) E fin qui ok non vedo privazioni di libertà
2) Hai accettato quindi sei consapevole (o almeno dovresti). La parte in parentesi è bizzarra: è chiaramente specificato quali sono gli scopi e la vendita a terzi è regolamentata soprattutto dopo lo scandalo Cambridge Analytica. Inoltre puoi eliminare il tuo account con tutti i dati annessi in completa libertà e autonomia. Ancora niente privazione di libertà.
3) L'esempio che hai fatto si può rigirare come vuoi, puoi anche telefonare a un parente che sta per strada e un ladro sente la tua telefonata. Non sarà Facebook ad inviare i tuoi dati ai ladri che ti svaligiano casa.
4) La profilazione degli utenti è a scopo pubblicitario. Sono d'accordo sul fatto che le informazioni targetizzate che ricevi possano essere comunque manipolate (es. fake news, argomenti "scottanti" che ti possono essere più vicini) ma ancora non vedo privazione di libertà.

Il risultato è: ho la libertà di scegliere se/quando/come condividere le mie informazioni o non farlo. Nessuno mi obbliga. Sono ancora libero.
Le tue foto non sono più di tua proprietà perché hai accettato i termini e condizioni, nessuno te le ha "rubate" o ti vieta di cancellarle.
Il tuo "profilo psicologico" non può essere usato per mandarti in carcere, assassinarti, bollarti come oppositore politico o esiliarti: possono solo ed esclusivamente inviarti "pubblicità" (che sia il video di un tostapane o un articolo di propaganda politica il succo è lo stesso).

Forse quello che non ti è chiaro è il significato della parola libertà.

Da Treccani:

Capacità del soggetto di agire (o di non agire) senza costrizioni o impedimenti esterni, e di autodeterminarsi scegliendo autonomamente i fini e i mezzi atti a conseguirli.

8ctale

Sì: dico sul serio.
Non sono ironico.
Potresti spiegarmelo?

JackD

Dici sul serio?

Andrea Z.

allora vai a studiare il significato del termine lamentarsi, ho fatto solo domande. Non ho niente di cui lamentarmi francamente.

Prinz

Posa il fiasco che non centra una cacchio quello che dici e non fa nemmeno ridere.

GTX88
Bat13

Più o meno dalla prima riga alla quarta riga del tuo commento

Bat13

Il problema è la sostenibilità di questa soluzione, come fai a fare tamponi a tutti? Con che personale? A che laboratori ti appoggi? Disponibilità dei reagenti? Il tampone ogni quanti giorni lo fai ad ogni persona?

Bat13

I tuoi 400mila al mese sono abbondantemente coperti nell’arco di due settimane scarse, eppure per uno sveglio come te una moltiplicazione del genere dovrebbe essere facile

zdnko

Lo scopo dell'app non è farti puntare il dito addosso se inserisci la positività, ma permettere a chi è stato vicino a un positivo di essere informato di ciò e senza violare la privacy del positivo.

zdnko

è bucata anche quella! :D

CiKappa

Conte è brutto e cattivo, lo ha sicuramente fatto per metterci sotto il suo volere..........................................................

ale

Francamente, io non mi fiderei troppo. Quello che Apple/Google mette a disposizione è una API per fare questo tipo di localizzazione, ok fin che la usano le app per il tracciamento per il Covid tutto sommato se quelle app salvano i dati offline e non li inviano al server, sei abbastanza tutelato.

Ma dal momento che aggiungi questo tipo di API al sistema operativo la possono usare tutti, per cui è solo questione di tempo ahimè prima che Facebook ad esempio la integri nei propri servizi, c'è, è fatta, secondo te finita l'emergenza Apple/Google la tireranno via dai loro sistemi? Non credo proprio eh.

Otello17

si parte già con una cosa che la rende inutile, indicare all'inizio se si è positivi SU BASE VOLONTARIA è come dire tanto vale non usarla.
Almeno i dati iniziali e cioè quelli di chi è realmente contagiato sarebbero dovuti essere inseriti obbligatoriamente.

Alex

se vuoi qualcuno che ti imponga le cose: prego spostati pure in Cina...nessuno ti ferma.

Marco

Ti dovrebbero imporre di installarla almeno la fai finita di fare tutta questa storia, è solo per la salute collettiva che esiste se non vuoi usufruirne non solo potresti essere un pericolo per tutti ma chi ha installato l’app e vuole fare anche del bene comune allora perché la installa se poi c’è gente come te?

Prinz

Dal 31 gennaio Conte ha dichiarato uno "stato di emergenza" di 6 mesi, la democrazia come la pensi tu è sospesa per il momento!

Coraggio
Alex

io le tasse le ho sempre pagate caro il mio campione, quindi la cura e l'ospedale mi spetta di diritto. Tu installa la tua caxxo di app, io NO! Siamo in democrazia no?

Marco

La soluzione te la do io: Tu non installi l’app gli altri si. Così se per qualche motivo sei contagiato te ne freghi e gli altri invece tentano di porre rimedio curandosi, basta che poi non vai a intasare le terapie intensive bello mio

TLC 2.0

In natura si, lo è. I carnivori preferiscono attaccare gli elementi vecchi e malati di un branco, proprio perchè malati oppure con reazioni più scarse.

kalabro

Con me sfondi una porta aperta... io non mi pongo minimamente il problema infatti e tra l'altro non uso social perchè non mi interessano.. vorrei sapere tra i tanti che si pongono mille problemi di privacy, quanti di loro usano social postando magari anche le foto dei propri figli

Gerry

Si ma se volessero sei gia un ID sia di apple che di google visto che devi avere un account a prescindere da l'app

halbeeee2

No selezione naturale sarebbe ammazzare chi non gliene frega di essere contagiato e non mette l'app perché il governo lo spia o perché poi non può andare a fare la spesa, ma come ho detto purtroppo ciò farebbe male anche a me, non solo a loro

kalabro

Gerry, è chiaro che per un complottista, Google e Apple sono perfettamente in grado di associare, l'id al terminale e quindi alla persona; c'è da dire che non serve associare nomi o altro, basta solo sapere che gli Id 555 e l'id 666 si vedono e frequentano spesso, ma sincermente non vedo il problema, ma tant'è

kalabro

e aggiungo che mi sembra sia la scienza attraverso l'Oms a indicare il tracciamento come "uno" degli strumenti da adottare sul lungo periodo

Gerry

Selezione naturale è ammazzare i vecchietti?

kalabro

scusa forse non mi sono spiegato bene; io ho intenzione di utilizzare l'eventuale app. per avere uno strumento in più che mi permetta di capire e di proteggere me e chi frequento..non ho intenzione di chiudermi in casa e non lo farò..l'ho fatto per 2 mesi, ok, adesso guardo con attenzione agli strumenti che vogliono mettere in atto..ripeto, se alle segnalazioni dell'app non seguiranno tamponi in tempi adeguati non se ne farà nulla... nessuno ti costringerà anche in caso di segnalazione che solo tu saprai di comportarti in un dato modo. e cmq ho un approccio ottimistico, ben sapendo che dopo starà a me e al mio buon senso

Gerry

Si ma leggilo almeno l'articolo, resti anonimo e il tuo smartphone è solo un numero ID

Andrea Z.

io mi affido alla scienza, tu affidati ai sospetti e rimani chiuso in casa in attesa del tampone anche se stai bene. Ciao.

kalabro

ottima filosofia, complimenti... magari ne riparliamo quando porterai in casa altro oltre ai soldi..ah no, dopo finiresti nella cerchia di quelli "dannato stato che non ha fatto nulla per impedire questo".. fai bene , meglio non sapere e come dici tu, fregartene

kalabro

già, immagina!! potranno proporre acquisti multipli :-)

TLC 2.0
Andrea Z.

il mio buon senso mi impone di fregarmene, se sto bene sto bene. La mia famiglia ha bisogno che continuo a lavorare, e nessuno mi aiuterebbe solo perchè dico che forse ho frequentato un positivo. Quindi me ne frego.

Andrea Z.

lol

TLC 2.0

Emirates ha annunciato giorni fa che farà il test sierologico a tutti i clienti, e di presentarsi almeno 4-5 ore prima del volo.

ale

Perché nessuno oggi è in grado di fare un tracciamento preciso come potranno fare queste app. I dati del GPS non sono abbastanza precisi e non sono facilmente aggregabili in termini di potenza computazionale per tracciare i contatti di ogni persona.

Questo è il sogno se ci pensi di Facebook, Google e co., il dato che gli manca e che probabilmente avrebbero sempre voluto avere, ovvero il sapere nella vita reale con quali persone fisiche hai contatti, cosa che oggi possono ricostruire sì ma con una precisione alquanto limitata.

Immaginati cosa potrebbero fare sapendo la tua cerchia di amici, sapendo con quali persone normalmente ti vedi, ricostruendo il grafo delle interazioni sociali di ogni singola persona.

TLC 2.0

Idem, preso anch'io. A parte la febbre a 38 per 2-3 giorni, e un pò di dolore alle ossa, nulla di che. Ho avuto solamente la diarrea per quasi 2 settimane, ma devo dire che mia ha anche fatto bene il virus :D ho perso 4 chili

ale

Io ho preso il virus, scoperto dopo con il test sierlogico. Risultato, non me ne ero neanche accorto a suo tempo, a parte il non sentirmi benissimo per 3/4 giorni. Gente che conosco ha avuto conseguenze più serie, chi febbre alta, ma nulla di catastrofico.

La realtà è che sei giovane ed in salute la possibilità che questo virus abbia conseguenze serie è molto molto bassa.

La realtà dei fatti è che bisognerebbe concentrarsi sul proteggere le persone più a rischio, cosa che non si è fatta (vedi l'enorme numero di contagi nelle RSA) mentre lasciare agli altri la libertà di proseguire con la propria vita.

kalabro

nessuno pensa che basti "una soluzione".. ma dire tamponi a tappeto a cosa serve visto che non sono illimitati; ti faccio un esempio, hai il timore di essere positivo, io stato ti faccio non uno, ma 2 tamponi a distanza di 1 settimana; sei negativo, quindi? dopo? il virus c'è e gira quindi te lo puoi prendere domani.. è chiaro che devono battere sull'autodeterminazione, il buon senso, il distanziamento e delle regole da seguire per minimizzare i rischi, non di certo annullarli, non è e non sarà possibile senza un vaccino

kalabro

il buon senso in base a quello che sai al momento, cosa ti suggerisce? è chiaro che dovranno rilasciare delle linee guida, ma quando lo faranno dovranno essere pronti

kalabro

ma dai non è così, ma una cosa è andare contro e magari essere propositivi, una cosa è dire "apriamo tutto o chiudiamo tutto"..

GTX88
8ctale

Non mi è chiara una cosa: perché usare i social farebbe perdere la libertà?

Alex

e la soluzione sarebbe la app? Vabbè chiudo qui.

kalabro

certo, ma le soluzioni devono essere attuabili, non è che a causa del coronavirus, l'italia diventi uno stato efficente all'improvviso

Recensione Xiaomi Mi 11 Lite 4G e 5G: gemelli (forse) diversi

Snapdragon 888 vs Exynos 2100: qual è il migliore?

Recensione Nubia Red Magic 6: la scheda tecnica non basta

Samsung Galaxy A52 4G vs Realme 8 Pro vs Redmi Note 10 Pro: confronto a 360°