Apple acquisisce per 200 milioni Xnor.ai, startup specializzata in AI on-device

16 Gennaio 2020 5

Apple ha acquisito Xnora.ai, startup specializzata nello sviluppo di AI on-device, con sede a Seattle. Lo ha anticipato il portale GeekWire, citando fonti informate circa le modalità dell'acquisizione. Successivamente è arrivata anche la conferma direttamente da Apple, su Axios.

La società di Cupertino ha concluso l'operazione per una cifra attorno ai 200 milioni di dollari: gran parte del sito di Xnor.ai è ora offline. Ma non solo: prima delle conferme ufficiali, la notizia è emersa da un aggiornamento firmware che interessa prodotti curiosamente non appartenenti né ad Apple, né a Xnor.ai.


Infatti alcuni dispositivi di sorveglianza di Wyze (che a fine dicembre, come vi abbiamo raccontato, ha confermato il furto di dati personali di più di 2 milioni di utenti), come Wyze Cam V2 e Wyze Cam Pan, che a partire dalla scorsa estate facevano impiego del software fornito da Xnor.ai per il riconoscimento dei volti, hanno perso questa funzionalità.

Sul forum di Wyze alcuni utenti hanno cominciato a notare e segnalare il roll out, già in atto, della beta del firmware destinato a rimuovere proprio questa funzione.

Alcuni prodotti Wyze

L'azienda è quindi intervenuta e ha rassicurato i suoi clienti, annunciando che è già in corso di sviluppo una soluzione proprietaria che consentirà di reintegrare le funzionalità presenti nel prodotto al momento dell'acquisto, e ora rimosse, e che ovviamente sarà gratuita. Nessun dettaglio, però, è stato fornito in merito alla data di lancio.

La tecnologia di Xnor.ai consente alle aziende di eseguire localmente algoritmi di deep learning, e cioè direttamente sui dispositivi (compresi smartphone e indossabili), senza smistare i calcoli in modo che vengano eseguiti sul cloud.

Una mossa, questa di Apple, che si pone in continuità con altre acquisizioni nello stesso settore (come quella di Turi, società texana specializzata sempre nello sviluppo di AI), e che potrebbe essere quindi interpretata in chiave sicurezza, considerando come e quanto a Cupertino siano interessati agli aspetti legati alla privacy personale (lo stiamo verificando anche in questi giorni, per altre vie e ragioni, nella polemica con Trump sull'opportunità di garantire l'accesso agli smartphone dei criminali).

Privacy degli utenti che beneficerebbe enormemente dalla possibilità di gestire l'intelligenza artificiale sul dispositivo, senza passare per il cloud. Non è difficile allora ipotizzare che il lavoro di Xnor.ai possa essere incorporato nelle future generazioni di iPhone per migliorare Siri e altre funzioni basate su AI e machine learning.


5

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Roberto

/ironia on
la famosa Innovazione di Apple
/ironia off
XD

comunque, in effetti, acquisire un'azienda vuol dire essere già a buon punto, invece che ripartire da zero col progetto
una volta era molto più difficile e dispendioso fare "compere"... oramai per i grandi colossi è come per noi comperare uno smartphone

BLOW

Ai una cagata.. Cioè mette in ritratto da sola perché secondo lei viene meglio

Clavicola
Tirotutto

Apple non inventa mai nulla, acquisisce e basta

rsMkII

Ottima mossa riuscire a farsi acquisire da Apple. Il CEO Pdor, figlio del fondatore dell'azienda Kmer, è stato davvero lungimirante.

Recensione iPhone 11 Pro Smart Battery Case: è il migliore, ma che prezzo!

Apple annuncia il nuovo MacBook Pro 16 | Video

Recensione PowerBeats Pro: gli Apple AirPods per gli sportivi

Recensione iPad 10.2 (2019), iPadOS fa la differenza