Apple parla di privacy al CES 2020: Facebook la segue, la FTC li punzecchia

08 Gennaio 2020 45

Apple al CES di Las Vegas è - di per sé - una notizia. Erano 28 anni che mancava alla kermesse del Nevada, e si attendevano novità non solo lato privacy, ma anche in ambito smart home con la messa in mostra di prodotti realizzati da terzi. Se sicuramente nelle retrovie l'azienda californiana sta approfittando della sua presenza per incontrare partner e fornitori, resta comunque confermato che Apple a Las Vegas ci è andata specialmente e soprattutto per parlare di sicurezza e privacy, così come dimostra la discussione pubblica tenuta all'evento americano che ha visto come protagonista Jane Horvath (foto in apertura), che della privacy è responsabile in azienda.

Al dibattito hanno partecipato - tra gli altri - Erin Egan di Facebook e Rebecca Slaughter della FTC, perennemente "punzecchiate" dal moderatore Rajiv Chand per animare la discussione. Da una parte la Federal Trade Commission, che al CES ha ribadito che "sarebbe impossibile concludere che sia stato fatto abbastanza" in tema di privacy e protezione dei dati degli utenti, dall'altra Apple e Facebook, entrambe nel pieno dell'era post-Cambridge Analytica che sono chiamate dagli organi regolatori e dall'opinione pubblica ad attuare politiche e strategie sempre più stringenti in materia (forse i continui richiami di Tim Cook - anche quand'era in visita in Italia - e "l'illuminazione" di Zuckerberg sul tema di cui abbiamo parlato nel nostro #prospettive vanno proprio in questa direzione).

Il dibattito al CES 2020 a cui hanno partecipato - tra gli altri - Apple e Facebook (Credits: Cnet)

Jane Horvath (Apple) cita sul palco del CES i lavori fatti sulla "minimizzazione dei dati": tra questi, il rumore aggiunto all'interno dei dati delle emoji utilizzate più frequentemente per rendere i dati stessi più anonimi possibile, ma anche tutte le attività svolte per lottare contro gli abusi sui minori, con la scansione ad hoc dei contenuti caricati su iCloud.

Apple prende in giro Google sulla sicurezza (clicca sull'immagine per accedere all'articolo)

E Facebook non vuole essere da meno, definendo la privacy come un "diritto fondamentale". Insomma, rispetto ad Apple il modello di business è differente, ma l'attenzione sul tema della sicurezza dei dati è la medesima. Diciamo che dopo la super multa di 5 miliardi di dollari che la stessa FTC ha inflitto all'azienda di Zuckerberg proprio riguardo la privacy (Cambride Analytica) le cose potrebbero essere cambiate.

A detta della FTC è necessaria una legge federale che prenda spunto dal GDPR europeo: nonostante Apple e Facebook si ritengano sicure di star facendo il massimo in tema di privacy, la Commissione americana crede invece che molto debba ancora essere fatto: "non credo che nessuno qui possa dirci con precisione chi ha quali dati e come questi vengano impiegati", ha concluso la Slaughter.


45

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
E K

Per ora non è ancora così, ma temo lo diventerà presto.

Luca Lucani

un bel no comment

Benny

Ma gli altri da te citati lo ammettono

Facebook che partecipa a una conferenza sulla privacy...
La prossima è Riley Reid che parla di castità alla giornata della famiglia?
Per favore...

Orlaf

Prevedo già un Depas3 ahahahahaha

saetta

urca , l'hai presa male
puoi anche aver ragione tu su apple, ma una replica del genere
mi fa un po ribrezzo.

Orlaf
Orlaf

beeeeh

UnoQualunque

Sta cosa non la sapevo, mah non credo che darei il permesso di accedere a questi dati anche per dei vantaggi e punti bonus. Immagino che, come ogni assicurazione, una volta che ti serve un loro indennizzo"Ci dispiace, oggi hai fatto 1000 passi dei 2000 previsti, non ti copriamo il costo dell'intervento\cure\medicine". C'è da avere paura.

AbstractBit

Sì....Privacy.Informati sulle pratiche di Apple e della concorrenza e non parlare, meglio, scrivere, per sentito dire. Rischi di fare delle figuracce.

Tra l'altro....L'unica cosa che ti riesce bene, al momento, è quella del Dork. "Malriuscito" oltretutto....

AbstractBit

Guarda che Apple usa quei dati anonimizzati esclusivamente per usi interni. Lo dicono e lo ripetono da almeno 10 anni. Loro vivono di software e hardware. Informati. Prima di scrivere cose a caso.

~benzo

bah....

E K

Vero, non ci avevo pensato. Qui in Germania siamo giá tutti connessi (tra smartband o smartwatch) alle app delle asscurazioni, con uno stile di vita sano ottieni punti e bonus (come al supermercato), si evolverá sicuramente male per gli utenti... non oso immaginare in America.

BRTsenzaimpegno

Ti sei dimenticato il Saluti

MatitaNera

"inizi"

salvatore esposito
UnoQualunque

Può che per le mappe mi sembra che inizia ad essere un po troppo interessata ai dati sulla salute degli utenti che gli arrivano dagli smart-watch. Con il business che c'è negli USA delle assicurazioni sanitarie potrebbe essere una gallina dalla uova d'oro.

Palpebra Man

strano che tu abbia ancora le dita per scrivere

KenZen

Apple quindi, grazie a Mappe ed agli algoritmi per le app, vende i dati a terzi?
Saluti

KenZen

ahahahahhahahahaha

KenZen

ahahahhahahahah

Depas2

Apple sta tre spanne sopra a facebook e google sulla privacy è inutile che tirate fuori l’articolino di siri, quella è robetta da niente in confronto a cosa fanno gli altri due

E K

Se non avesse le mappe e gli algoritmi per ottimizzare l'offerta di app e dispositivi potresti avere ragione. Non é (ancora) il suo core-business, ma lo sta diventando in fretta.

UnoQualunque

Si certo, il business di Apple è diverso e quando parla di privacy ci posso ancora ancora credere ma per facebook, google e soci il discorso cambia.

TheRealTommy
TheRealTommy

Per Apple è già così.

Squak9000

tiltok hai dimenticato

Squak9000

si infatti... lo avevano detto prima del CES che avrebbero parlato di Homekit ma non mi pare sia uscito nulla di che...

Los Endos

Google e Baidu

KenZen

Quali sono i migliori?
Saluti

UnoQualunque

Quando leggo articoli sulla privacy ribadita da società che basano tutto il loro profitto sulla raccolta e vendita di più dati possibili mi viene sempre da ridere. Se si vuole proteggere la privacy bisogna interrompere immediatamente la compra-vendita dei nostri dati a scopi pubblicitari. Chissà perché ho la sensazione che se si interrompesse questa pratica improvvisamente i nostri dati non interesserebbero più a nessuno (se non per scopi politici o di indottrinamento).

SkynetIsHere

La famosa privacy di Apple dove "quello che succede sul tuo iPhone rimane sul tuo iPhone":
https://www.businessinsider.com/apple-siri-contractor-sex-drug-deals-report-2019-7

KenZen

Non saprei...
Mi interessa non poco HomeKit e chiedevo se ci fossero state novità.
Non ho voglia di girare per la rete a cercare...
Saluti

ciro mito

Perché pensi che sul palco abbiano detto qualcosa di importante ?
Direi aria fritta come prima delle elezioni

KenZen

Quindi nulla in merito HomeKit è stato detto?
Saluti

ghost

I due peggiori lol

Jon Knows

OT
Ma assomiglia terribilmente a Diane Keaton!
/OT

salvatore esposito
Gargamella

mi pare di non aver detto questo nel mio post

fabrynet

Sono pur sempre guerre, e non per quello meno distruttive.

Antonio

Dice bene la signora Massacro.

Gargamella
csharpino

A ecco a cosa servono le Emoji... A rendere i dati più anonimi possibile...

fabrynet

Un tempo le guerre si combattevano per il petrolio, nel futuro si combatteranno per il possesso dei dati.

saetta

Recensione iPhone 11 Pro Smart Battery Case: è il migliore, ma che prezzo!

Apple annuncia il nuovo MacBook Pro 16 | Video

Recensione PowerBeats Pro: gli Apple AirPods per gli sportivi

Recensione iPad 10.2 (2019), iPadOS fa la differenza