Apple elimina dall'App Store un'app che controlla le attività su Instagram

12 Novembre 2019 6

Lo scorso ottobre Instagram ha deciso di eliminare il tab "segui già" in cui era possibile vedere dettagliatamente a quali post gli account seguiti avevano messo un like oppure dove avevano lasciato un commento.

Una decisione voluta, ovviamente, soprattutto per rispettare la privacy degli utenti. Secondo Instagram, infatti, questa funzione non veniva particolarmente utilizzata, probabilmente perché poco conosciuta; di conseguenza, gli utenti spesso non erano al corrente del fatto che tutte le loro attività venivano mostrate ai follower.

Ma il tab "segui già" non era l'unico modo per vedere le attività degli utenti seguiti su Instagram. C'è infatti anche un'applicazione per iOS, chiamata Like Patrol, che offre ai suoi circa 300 abbonati (al costo di circa 80 dollari all'anno) una serie di funzionalità che possono consentire agli utenti di monitorare il comportamento di qualcuno su Instagram a sua insaputa. Ad esempio, può mostrare se c'è stata un'interazione con un post di un uomo o di una donna.

Lo scorso ottobre, Instagram avrebbe inviato una lettera di "cessazione e desistenza" allo sviluppatore di Like Patrol che, nei giorni scorsi, è stata eliminata dall'App Store per averne "violato le linee guida" anche se Apple non ha aggiunto ulteriori dettagli. La risposta dello sviluppatore non si è fatta attendere. Sergio Luis Quintero ha affermato in una mail che lotterà per tornare nuovamente sull'App Store.

"Siamo fermamente convinti che la nostra app non violi le politiche di Apple, prevediamo di presentare ricorso contro questa decisione nei prossimi giorni. Se la funzionalità della nostra app avesse violato qualsiasi politica, anche Instagram avrebbe violato le stesse identiche politiche dal 2011 al 2019 con il suo tab... Perché non è stato rimosso?"

Quintero, intanto, ha anche deciso che nei prossimi giorni renderà open source, disponibili per chiunque, gli strumenti utilizzati dall'app.


6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
MasterBlatter

Strano dicevano che iOS era sicuro perché controllavano le app all'ingresso.

Edwin Spectra
ghost

Perché io sono io e voi non siete un c***o cit.

"anche Instagram avrebbe violato le stesse identiche politiche dal 2011 al 2019 con il suo tab... Perché non è stato rimosso?"

altri genialoidi che credono che piangere "maestra! anche pierino urlava!" serva a qualcosa,

LOL

Maxxi
OlioDiCozza

Sarebbe più adatto chiamarla Cagna Patrol

Apple annuncia il nuovo MacBook Pro 16 | Video

Recensione PowerBeats Pro: gli Apple AirPods per gli sportivi

Recensione iPad 10.2 (2019), iPadOS fa la differenza

MacOS Catalina disponibile al download: ecco cosa ha cambiato Apple | Video