L'India vuole bannare anche PUBG, Clash of Clans, Aliexpress e tanti altri

27 Luglio 2020 88

L'India ha già bannato TikTok, WeChat e tante altre app di origine cinese, ma a quanto pare si tratta solo del primo passaggio. Nelle scorse ore il governo di Nuova Deli ha annunciato la censura di altre circa 47 app da Play Store e App Store: non è ancora presente una lista completa, ma si tratta per lo più di app che clonano quelle bannate alla prima tornata.

Secondo indiscrezioni, però, in cantiere ci sarebbe un ban ancora più ampio. Gli utenti indiani potrebbero vedersi costretti a rinunciare, tra gli altri, a un gioco iper popolare come PUBG, l'ecommerce Aliexpress e tutti i giochi di Supercell, come Clash of Clans e Clash Royale. Se i primi due titoli sono chiaramente di origine cinese, rispettivamente di proprietà di TenCent Games e Alibaba Inc., Supercell potrebbe a un primo impatto stupire, perché è di origine finlandese: ma ha ricevuto cospicui finanziamenti proprio da TenCent.

L'India starebbe nel complesso considerando di bannare altre 275 app. Non è solo una questione di timori per la sicurezza nazionale: i rapporti tra le due potenze sono peggiorati nelle ultime settimane a causa di alcuni movimenti militari lungo il loro confine condiviso. Il confine è da anni oggetto di controversie perché in alcuni punti non è definito con precisione, ed entrambi i governi sono convinti che alcune aree, prevalentemente montuose, siano di loro proprietà. Dopo diversi anni di relativa calma, recentemente i due eserciti hanno attivamente combattuto l'uno con l'altro.

Nel complesso l'India punta a bloccare i seguenti sviluppatori, stando alle indiscrezioni:

  • Meitu
  • LBE Tech
  • Sina Corp
  • Netease Games
  • Yootoo Global
  • Perfect Corp

88

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Lorenzo Cot
Adri949

Ora non ricordo bene la discussione, sto rispondendo dalle notifiche, ma ero intervenuto solo perché mi sembrava che l'utente sopra non lo giustificasse, quanto ne spiegasse semplicemente le motivazioni da parte della Cina, che qui da noi non vengono praticamente considerate e senza darne un parere, ma soltanto facendolo notare. Poi ognuno é partito con la storia e i ricorsi storici e vi siete fraintesi. Così mi pare almeno

AcommonAlien

Allora Cipro è sempre stato turco, se erdogan lo invade fa bene. Giusto?

AcommonAlien

Anch'io sono della tua stessa opinione, ognuno deve essere libero. Ma purtroppo agli altri utenti sopra piace la guerra e le conquiste (fin quando non succede a casa loro, si spera)

Marco Mazzocchi

In Tibet è stato creato uno stato cuscinetto fra india e Cina per volere degli inglesi. Ma de iure non è mai stato indipendente nel secolo scorso. Tutti questi casini sono frutto dell imperialismo britannico

Marco Mazzocchi

Non hai capito la differenza: l Inghilterra ha colonizzato i paesi, il Tibet storicamente ha fatto parte della Cina come un unicum, senza che gli han abbiano mai soppiantato i tibetani. Infatti tutt ora i tibetani sono la maggioranza prevalente in Tibet, ma fanno tutti parte della Cina.

Adri949

Per me nessuno può fare niente. Semplicemente per me la verità non é mai da una parte sola dato che qualunque campana sarà filtrata da uno specifico modo di vedere e da spexifici interessi

AcommonAlien

Bhe, tu credo che non hai capito il ragionamento fatto sopra, dare legittimità ad un invasione perché "prima è sempre stato così" non ha senso nel mondo moderno, si tratta di fare passi sociali e culturali indietro di decenni.
Anche perché, se dobbiamo fare questo ragionamento, va fatto a doppio senso, cioè va considerato l'attuale governo comunista(che poi non è affatto comunista) come un dittatore che ha fatto il colpo di stato, e dobbiamo considerare il governo del Taiwan il vero governo democratico cinese.

Inoltre, io non sto nobilitando niente, sei tu che stai vedendo mulini a vento. Mi serviva quel esempio per far capire come il ragionamento di legittimitare un invasione e conquista non ha senso, perché nella storia dell'uomo ci sono migliaia di altri possibili casi. Un po' come Erdocan che si sveglia e vuole conquistare mezzo mediterraneo, secondo il vostro ragionamento lo può fare perché prima della Turchia attuale c'era il bel impero ottomano che teneva tantissimi attuali stati sotto il suo controllo

AcommonAlien

Ahhh questa strenua difesa di un "comunismo imperialista"...
Te lo rispiego in parole più semplici, il Tibet come anche altri ha ottenuto l'indipendenza 100 anni fa? Sì? Allora 60 anni fa la Cina di Mao non aveva nessun diritto sulla conquista del Tibet. Altrimenti gli austriaci possono voler conquistare l'Ungheria ed altri "pezzi di terra", avendolo avuta per tanto tempo, e avendola persa "recentemente"

AcommonAlien

Allora lo stesso ragionamento va fatto per l'impero britannico. Ha gli stessi diritti della Cina di riconquistare mezzo mondo.

Chirurgo Plastico

L’india vuole diventare la nuova Cona per fabbriche e manodopera.
Bannando le app Cinesi e altri prodotti in quanto cerca di farsi vedere bella agli occhi degli americani

sailand
Adri949

Che commento mongospastico

Adri949

Perché nei gruppi di custom rom? Pubg e volte. Kernel overclockati e driver grafici

Adri949

Di conseguenza tu sei all'opposto no? Poi cosa c'entra l'impero romano con noi? Non abbiamo quasi niente da spartirci dati gli anni passati e le influenze e i miscugli culturali subiti. Il tipico che usa Roma antica per nobilitare presunte orgini quando abbiamo in comune solo parte del loro territorio. Per carità, fanno parte delle nostre origini, ma sono una delle tante parti passate

Marco Mazzocchi

Sei tu che stai dicendo che un tempo era così! Perché se non sbaglio ORA ATTUALMENTE il Tibet è Cina. Quindi sei tu che stai dicendo che un tempo era diverso, inoltre Stai dimostrando di non sapere le cose, perché il Tibet non è indipendente da almeno mezzo millennio, visto che prima della riconquista comunista cinese il Tibet de iure faceva parte della cina nazionalista. Quindi di cosa stai parlando?

Marco Mazzocchi

In realtà l ultima dinastia cinese cadde solo nel 1917, sostituita dalla repubblica di cina (attuale Taiwan)che in realtà de iure aveva giurisdizione anche sul Tibet. Quindi se vogliamo dirla tutta la Cina comunista ha vinto solamente una guerra civile riannettendo il Tibet. Questo per dirti che de iure il Tibet non è mai stato indipendente almeno dal 1600. Inoltre il Tibet accetto volontariamente di entrare nella cina dei qing dopo che essi avevano protetto i tibetani dalle invasioni degli dsungari (che fidati erano peggio dei mongoli

Marco Mazzocchi

ahahah capisco la nostalgia verso l impero romano, anche io ne ho. Ma come ho detto l impero romano finì 2000 anni fa. L ultima dinastia cinese (di cui faceva parte anche il Tibet) cadde solo nel 1917, il Tibet riconquistato nel 1949. Meno di 50 anni. La differenza mi sembra palese. Non è questione di nome, è questione di legittimità politica, la Cina si è voluta riprendere solo ciò gli è stato tolto dai brittanici, dai giapponesi dai russi e già dicendo. Perché se stiamo qui a discutere del Tibet non cinese allora per coerenza dobbiamo anche sostenere l indipendenza della Manciuria? Della Mongolia interna? Dello Xinjiang? Allora della Cina cosa rimane? Vuoi che diventino un popolo senza terre come gli ebrei ?

AcommonAlien

No, tu sei contro il cambiamento della civiltà attuale perché un tempo era così. Domani qualcuno che si sente un sumero inizia a conquistare tutta la Mesopotamia e deve andarci bene perché è così. Dopodomani, i norvegesi iniziano a fare razzie in Russia e nord Europa perché sono i vichinghi, quindi va bene così. Fra 3 giorni un russo si sveglia e dice che vuole l'unione sovietica perché prima così era... Ma che senso ha? Se uno stato ha guadagnato l'indipendenza da un altro, l'altro non ha nessun diritto di invaderlo per riprenderselo.
Che poi la Cina ha risolto qualche problema, può anche essere vero, non ho approfondito, ma così si giustifica anche l'Italia fascista con le sue "colonie", perché se vai da quelle parti trovi ancora edifici ed edifici costruiti dagli italiani...

AcommonAlien

Ma la Cina non è più quella imperiale di un tempo, ergo la storia è la stessa. Altrimenti, secondo il tuo ragionamento, se domani Salvini si nomina imperatore di Roma, e l'Italia cambia nome in Italia romana allora è legittimato la creazione di un impero... In particolare se si scopre che Salvini ha nelle bene il sangue di Giulio Cesare, allora domani possiamo fondare l'impero... Ma dai...

Che poi, riporto un piccolo pezzo di storia :"L'Italia, nella sua interezza peninsulare, costituiva il territorio metropolitano di Roma (Ager Romanus) e in quanto tale non era una provincia, bensì avente status di Domina Provinciarum (Sovrana delle Province, essendo queste ultime tutti i restanti territori al di fuori di essa), nonché patria e suolo natio dei romani e centro assoluto, amministrativo e politico dell'Impero romano" ergo, i romani consideravano l'Italia la loro patria, ed infatti la chiamavano sovrana delle province, quindi la teoria del ragazzo sopra ha pienamente senso,secondo le tue affermazioni...
Dov'è il mio gladio???

Saponificatrice

Finalmente uno che non si nasconde dietro un falso altruismo

Marco Mazzocchi

In realtà in Cina si può scioperare ed esistono anche i sindacati guarda un po’. Le proteste di tiananmen sono state anche troppo mistificate dai media americani. I carri armati non hanno ucciso nessuno per farti un esempio e molti morti son stati proprio soldati linciati da certi protestanti .

sailand

Figlio unico?!? Divieto di scioperare, divieto di avere rappresentanza sindacale, censura, divieto di manifestare (ce li siamo scordati i carrarmati contro i manifestanti e la strage di piazza tienanmen?), non libertà di parola, non libertà di stampa e chissà per quanto potrei proseguire.
Siamo seri, non insistere a difendere una posizione indifendibile che oltretutto il dialogo da piacevole sta diventando noioso e ridicolo.

Marco Mazzocchi

Come hai detto tu Israele ha diritto di esistere come stato anche se lo ha occupato illegalmente? Allora anche il Tibet ha diritto di esiste come regione autonoma come parte della Repubblica popolare cinese. Semplice . Se senti stridii che non ci sono forse soffri di acufene, ti consiglio una visita dal medico ;)

Mad Man

Ti ringrazio della semplice risposta, purtroppo ci sono persone che non ne sono capaci..

Mad Man

Che moda del caxxo non dare una semplice risposta..

Marco Mazzocchi

Io non sono contro il cambiamento storico mondiale ahahah il Tibet fa parte della cina. Come hai detto tu è la storia e la storia non si cambia. Il Tibet faceva parte della Cina e lo è tutt’ora. Cosa è che sto giustificando? Io ho detto che molti metodi cinesi sono stati sbagliati, ma hanno anche portato l educazione universale, la parità dei sessi, abolito la schiavitu. Mi accusi di essere contro il cambiamento storico, ma sei tu un revisionista.

sailand

Perché Israele è una regione autonoma di un altro stato?
Sento rumore di tentativi di arrampicate sugli specchi....
O forse vuoi dire che è passato un tempo sufficiente dalla invasione? Mi dispiace ti ho già risposto che non solo una questione temporale.... ah le unghie che stridono.

Marco Mazzocchi

Non so tratta di vessazioni, la politica del figlio unico era necessaria per non avere un boom demografico disastroso. Comunque la Cina ha sicuramente invaso altri territori, ma ne parli come se fosse una cosa anormale e solo cinese. Ti ricordo che gli indigeni americani e australiani non esistono quasi più a causa delle nostre invasioni europee. Almeno la Cina non ha mai varcato i suoi confini naturali per soppiantare altro popoli come abbiamo fatto noi

Marco Mazzocchi

Dire che siamo lo stesso popolo dei romani è coraggioso, abbiamo subito più invasioni che altro ahahha, io non parlavo tanto di cultura quanto di legittimità politica. L Italia non esisteva ne come parola ne come concetto al tempo, quindi la repubblica italiana non ha legittimità politica sui resti dell impero romano. La Cina con la sua ultima dinastia ha avuto dei confini ben precisi, che giustamente hanno voluto recuperare dopo le guerre protesti dagli imperialisti e colonialisti occidentale e giapponesi.

Marco Mazzocchi

Se Israele ha diritto di esistere anche il Tibet ha diritto di esistere come regione autonoma della Cina. Non usare doppio standard, non si tratta di filo cinese o filo marziano, ma di semplice coerenza

sailand

L’esempio più eclatante è Israele: nato come occupazione militare, oggi ha ormai diritto di esistere pure se condanno come è nato (ma condanno pure le persecuzioni naziste che sono state concausa di quella invasione).
Se oggi difendo il diritto di esistere di Israele, condanno la sua occupazione militare e annessione di territori che continua a fare pure in tempi recentissimi.
Ovvio che l’esempio dell’impero romano (anche repubblica) era estremo ma 50 anni possono essere già un tempo sufficiente a giustificare una autonomia e poi non è solo una questione temporale, ci sono ragioni etiche da valutare di caso in caso ma con questo non voglio finire a fare il difensore d’ufficio del Tibet tanto più che il tutto è partito da una semplice e incontestabile affermazione: la cina non è nuova a operazioni militari in suolo straniero.
Poi che siano più vessati i tibetani o i cinesi non cambia che non parliamo di libertà in entrambi i casi quindi di questa difesa accorata della Cina francamente non ne comprendo lo spirito. Sei un filo cinese? Non lo so, io non lo sarò mai.

AcommonAlien

Come arrampicarsi sugli specchi. L'impero romano era l'Italia di adesso, il popolo era lo stesso, è inutile cercare di dire che visto che prima si chiamava X ed ora Y non sono la stessa cosa. Ancora oggi il nostro modo di fare è un eredità storica, come la nostra lingua, il nostro che guardacaso è dovuta all'evoluzione della società romana. Dire che non è la stessa cosa, è giustificare la Cina per i suoi atti bellici e totalitari è da complottista medio che inneggia alla libertà di espressione che dona lo Zar Putin. Inoltre, affermare che visto che in passato faceva parte della Cina allora è giustificato tutto e orrido e qualunquista. È andare contro il cambiamento storico mondiale. Allora io ti dico che ancora prima era tutta l'asia della Mongolia, quindi è giusto che i mongoli conquistino la Cina e li obbligano a fare ciò che vogliono loro, tutti nomadi da domani.

AcommonAlien
Desmond Hume

Forza Apu, sto con te.

coltello affillato
Arturo Smeraldo

Parliamoci chiaro, a me cosa frega degli indiani?basta che sto bene io,del resto del pianeta mi importa poco onestamente!

Marco Mazzocchi

Grazie a te per la fiducia, ma ti prego di non prendere per oro colato quello che ho detto. H o dato un punto di vista diverso, ma continua a informarti! Non schierarti mai, pensa criticamente

Marco Mazzocchi

Quanto all’ultima tua affermazione: l’impero romano non era Italia, l’Italia non esisteva ne come concetto ne come parola (e si parla comunque di 2000 anni fa, il Tibet è stato riconquistato dai cinesi circa 50 anni dopo, quindi era ancora fresca). La Cina esiste come concetto ideale, spaziale e temporale da più di 2000 anni. Quanto all’India, anche in questo caso il concetto di India non esisteva nemmeno prima del colonialismo inglese, anzi paradossalmente avrebbe più diritto il Pakistan e il bangladesh di prevalere sull India, visto che l ultimo grande impero in quelle zone fu l impero moghul che era musulmano. Quanto alla libertà non ti rispondo per un motivo semplice: per me la libertà è un concetto troppo vasto e vago e relativo per parlarne in termini semplicistici su hdblog: i tibetani non sono liberi di fare cosa esattamente? Sicuramente non potranno andare a tiananmen a gridare contro il partito comunista cinese, verissimo, ma perché dovrebbero ora come ora? Come ti ho già detto (e le mie informazioni non si basano sul sentito dire, ma su esperienza diretta in Tibet, anche se solo per vacanza ho girato liberamente ed ho visto con i miei occhi), i tibetani possono liberamente professare la loro religione, i cartelli sono tutte bilingue con priorità al tibetano, l intero palazzo del potala (umile dimora dei lama con più di mille stanze e con svariati harem) è un museo dedicato al popolo tibetano. I tibetani vanno a scuola, pregano, fanno qualsiasi altra cosa che qualunque altro cinese può fare, anzi i tibetani rispetto agli altri cinesi non sono mai stati obbligati al figlio unico ed hanno incentivi maggiori per le imprese e punteggi maggiori per le migliori università del paese

Ci@cKi

Ma sai che questa proprio non la sapevo (detto che non mi son mai informato approfonditamente sulla questione)! Grazie, oggi ho imparato qualcosa :D

sailand

Quali che fossero le condizioni precedenti, la libertà non viene certo da una occupazione militare da parte di una a tutti gli effetti dittatura.
Ammetto di essere ignorante sulla pregressa condizione dei tibetani ma certe frasi mi suonano come provenienti dalla propaganda cinese.
Sia chiaro, non dico tu in malafede faccia propaganda ma che certe notizie ci arrivano filtrate dai media cinesi non essendoci quella libertà che permetterebbe di avere notizie dirette e non filtrate da organizzazioni umanitarie internazionali e mezzi di informazione internazionali.
È possibile che qualcosa di buono sia stato fatto, è possibile che la condizione femminile non fosse idilliaca e oggi sia migliorata ma il dato di fatto della invasione militare resta e per me nessuna invasione militare e conseguente annessione è giustificata.
Quanto al fatto che il Tibet nei secoli passati appartenesse alla cina non giustifica niente se no giustificheremmo se l’Italia invadesse militarmente gran parte dell’Europa e anche oltre perché una volta erano tutti territori dell’impero romano, dovremmo giustificare pure una invasione militare dell’India ai danni dei pachistani e chissà quante altre situazioni.

sailand

No, l’articolo a titolo informativo ci sta, sono certe reazioni nei commenti che trovo esagerate e ingiustificate.
Di quel che faccio nella vita non frega niente a nessuno ma stai tranquillo che frega ancor meno di cosa fanno quelli che provano piacere a riversare astio e fango contro gli altri nei commenti più o meno anonimi (che leoni...). Io almeno nell’esser critico mi sono mantenuto nel generico senza attaccare specificatamente nessuno.
Poi per piacere non ti sminuire ulteriormente ad attaccarti a errori di battitura scrivendo sul tablet. Tra l’altro spesso sono svarioni del (s)correttore automatico. Già ti sei sminuito dovendoti rispiegare il senso di quel che era già scritto: “la notizia può essere riportata”.

thytan

sprechi solo fiato, ormai c'e troppa gente che parlano per aver sentito dire, bombardato dai media occidentale, qualsiasi cosa che riguarda la Cina e' male assoluto.

Lorenzo Cot

Quindi hai detto che l'articolo è inutile, che tu sei una persona intelligente perché sta nel mezzo, l ovvietà che tutto viene dalla Cina, con grave errore nello scritto tra parentesi, e riconfermi che tu sei intelligente perché compri cinese ma non fai il tifo....ora mi chiedo, l'articolo potrà essere più o meno interessante, ma è una notizia indubbiamente, invece quello che fai tu nella vita a chi dovrebbe interessare?

Marco Mazzocchi

Strappato agli schiavisti tibetani. Tu pensi davvero che il Tibet fosse abitato da solo monaci pacifici? E le donne che ruolo avevano? E i non monaci? Lo sai che il 90 per cento della popolazione tibetana prima dell invasione cattiva cinese era schiava gleba? E parliamo del 1959. Le donne non avevano diritto ne allo studio ne su qualsiasi altra cosa. I cinesi hanno indotto, seppure basilare, una educazione è un assisitenza sanitaria. Abolendo la schiavitu della gleba e dando alle donne l opportunità di studiare. Io sono stato in Tibet, solo per vacanza è vero, ma ti assicuro che vivono molto meglio sotto i cinesi che sotto i lama buddhisti, che altro non facevano che applicare una stupida teocrazia. E se sei un odio quelli che dice “eh ma comunque i cinesi non avevano diritto di invadere il Tibet perché Tibet non è cinese” vatti a guardare le mappe della dinastia ming e qing, le ultime dinastie prima del colonialismo e imperialismo occidentale e giapponese in Cina. Includono il Tibet o no?

sailand

Ma a noi cosa ce ne frega? Ok la notizia può essere riportata ma qui c’è gente che parteggia, tifa, difende d’ufficio, magari solo perché ha acquistato cinese!
Fermo restando che non nutro simpatia neanche per gli indiani, il militarismo invasivo cinese è stranoto e indiscutibile, basta guardare al Tibet strappato ai monaci tibetani.

Quanto agli indiani che usano smartphone cinesi rassegnatevi, oggi qualsiasi tipo di produzione di massa viene in tutto o in parte dalla cina. Persino molto Made in Italy è italiano solo di assemblaggio finale (e a volte neanche quello) ma fatto partendo da parti fabbricate in cina.
Io stesso per ragioni di convenienza economica ho uno smartphone cinese ma non per questo parteggio per i cinesi o difendo la cina.

Theta

Parole sante

Ignoto

Indiani? Ma ci hai giocato? Il 90% sono arabi

Ignoto

Ci sono gli arabi

Sheldon!

Quale Motorola scegliere? Il punto sulla line up a metà 2020 | Video

Recensione Google Pixel 4a: finalmente è arrivato (o forse no)

Recensione OnePlus Nord: sotto i 400 Euro è lui il migliore

Recensione Asus Rog Phone 3: è il miglior Gaming Phone ma convince per altro