Esselunga, l'app elimina-code Ufirst presto disponibile in tutta Italia

20 Aprile 2020 132

Esselunga renderà disponibile la prenotazione della coda via internet con l'app Ufirst in tutti i suoi supermercati. Nei prossimi giorni. La catena sta testando il servizio dall'inizio del mese in un numero limitato di punti vendita - evidentemente con esiti positivi. L'obiettivo del servizio è evitare lunghi assembramenti davanti ai punti vendita, che oltre che una seccatura per chi deve aspettare ore sono anche pericolosi per la diffusione del coronavirus. E, aspetto non da poco, ridurre la pressione sul servizio di spesa online, in forte difficoltà - come del resto accade un po' a tutta la grande distribuzione italiana.

COME FUNZIONA UFIRST

Ufirst è sostanzialmente l'equivalente virtuale di "prendere il numerino" al banco dei salumi o del pesce. Si prenota il biglietto ma non si può decidere l'ora: ci si mette in coda e appena arriva il proprio turno si può entrare. Il numero di persone in attesa offre un'indicazione di massima sui tempi di attesa, che ognuno può usare per stimare quando uscire da casa ed evitare assembramenti davanti al negozio.

L'app, disponibile per Android e iOS, invia una notifica quando sta per arrivare il proprio turno (circa 30-40 persone prima) e invita ad avvicinarsi all'entrata. Lì c'è un addetto che controlla il numero del biglietto e instrada l'utente in una fila prioritaria dedicata. Da questo momento in genere basta qualche minuto per entrare.

Ufirst è estremamente rapido da usare: basta scegliere il punto vendita d'interesse e premere un pulsante per ricevere un biglietto. L'unico dato che bisogna comunicare è il nome, in modo tale da essere chiamati quando arriva il proprio turno. Ma nel caso specifico di Esselunga, dicevamo, è anche superfluo, visto che l'addetto controlla il numero del biglietto. Tra l'altro, il biglietto può essere eliminato in qualsiasi momento.

Se non si possiede ancora l'app, è possibile avvicinarsi (non troppo!) all'addetto Ufirst e prenotare un biglietto virtuale con il numero di telefono: un SMS notificherà quando è quasi il proprio turno.

Da un rapido controllo in varie ore del giorno, soprattutto a Milano non è difficile trovare code da centinaia di persone. In città meno grandi si può avere più fortuna ed entrare praticamente senza attese, ma dipende molto dalla diffusione dell'app. La descrizione del servizio fin qui dovrebbe aiutare a capire che fare stime precise sulla velocità di progressione della coda è molto difficile: dalla nostra esperienza personale possiamo dire che una ventina di persone è stata smaltita in circa dieci minuti, una da circa 400 in quattro ore. Ma ci sono molte variabili in gioco.

UFIRST: DOWNLOAD
  • Ufirst | Android | Google Play Store, Gratis
  • Ufirst | iOS | Apple App Store, Gratis
UFIRST: QUANDO ARRIVA NELLA MIA ESSELUNGA?

Non c'è una data precisa per tutti: l'apertura sarà graduale - anche per gestire al meglio l'aumento di traffico. Per controllare la data esatta del proprio punto vendita preferito, è sufficiente recarsi su QUESTA pagina del sito ufficiale di Ufirst e cliccare sulla voce corrispondente


132

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
L0RE15

Salve, non è il mio mestiere ma se l'app ha una media di 2.4 su 5 (sul Google Play Store) forse due domande me le farei. Se migliaia di utenti/clienti giudicassero così il mio lavoro, mi metterei sotto. Ad ogni modo, buon lavoro.

L0RE15

Il servizio di spesa online dell'Esselunga aveva lacune ben più gravi, fin da quando è stato lanciato. Il problema è che, a poco meno di 10 euro per la consena, quattro gatti lo usavano, quindi era tutto sotto dimensionato. Quella volta che, chiusa tutta l'Italia in fretta e furia, nel giro di una settimana la gente ha cominciato a saturare tutti gli slot in pochi minuti, si sono ritrovati nella cacca più alta...

Tetsuro P12

E' la definizione che ne dà lo scienziato William Li, Harvard:COSA PUO’ COMPROMETTERE IL SISTEMA IMMUNITARIO

«Le patologie croniche che colpiscono il sistema immunitario includono
malattie cardiache, malattie polmonari, lupus e diabete. Altre
condizioni che possono rendere una persona immunodepressa sono il
cancro, l’HIV-AIDS, la malnutrizione e alcuni rari disturbi genetici»,
afferma Li.

Poi mischi il 'complottismo, il 'nazismo', di tutto un po'. Quante definizioni per il puro gusto di offendere, io mi sono riferito esclusivamente alla tua frase 'infelice' (stupidata), sono abbastanza navigato da non doverti affibbiare titoli personali.
A screditarti ci pensi da solo, sarebbe bastato ammettere le deficienze nella tua esposizione.

Personalmente non me ne viene niente, eccetto amore per la verità, ed eventualmente evitare che il panico seminato non finisca col devastare gli italiani (dal lato economico e da quello dei diritti, perché gli italiani sono facili a farsi manipolare/derubare ed a perdere il poco che si sudano o si sono sudati).

I dati dettagliati della città di New York (aggiornati al 14 aprile), mostrano anche la quantità di soggetti sani distinguendoli da chi era già ammalato di suo, valuta pure in autonomia la loro quantità:

https://uploads.disquscdn.c...

Florence Hotzone

Inutile perdere tempo con un complottista.

Metti quello che ti pare.
Continua a confondere immunodepressi con immunocompromessi...continua a darmi addosso screditandomi (ma a che titolo ti permetti? Sei laureato in cosa esattamente? )...alla fine cosa ottieni?

Niente.

Vuoi avere ragione? Vuoi che la teoria del complotto sia giusta? Vuoi che ti sia detto BRAVO, che era meglio non fare nulla lasciando CREPARE Migliaio di persona in più per difendere l'economia invece che la sanità?

Accomodati nazista.

Tetsuro P12

Chiamala stupidata, chiamala falsità, chiamala ignoranza, chiamala malafede, scegli la più corretta o che tolleri meglio.
I tre ceppi sono quelli identificati in Italia, non necessariamente gli unici circolanti; se ne stimano una trentina in giro per il mondo, e sono probabili nuove mutazioni future.
Ci sono vari ceppi di virus influenzali, non uno. E mutano continuamente, estendiamo a loro la definizione di 'nuovi'?
I coronavirus decimano al popolazione come tanti altri virus, anche il virus influenzale decimerebbe la popolazione anziana, per questo esisono i vaccini e sono distribuiti capillarmente annualmente.
Sei nuovamente in errore tu, uccide prevalentemente gli immunodepressi, studiati i dati dato che vai in giro professando 'verità'. Se insisti sul discorso te li posso pure postare direttamente qui, così possiamo concludere il dibattito serenamente e prove alla mano. Pare evidente che le tue fonti di informazione siano 'quel che passa il convento' (TV e giornali nostrani?), anche perché per trovare i dati spagnoli o americani ci vuole molto poco. I dettagliati dati italiani sono scomparsi molto velocemente da sotto i riflettori, chissà perché... (perché ad alcuni non convengono)
Continua a foraggiare la disinformazione, ma se persisti i dati (pubblici) li posso pure postare.

Florence Hotzone

In forum generalisti bisogna banalizzare il concetto a livello divulgativo, affinché chi legge capisca. Non tutti sono medici e/o biologi.

Stupidata lo dici a qualcun altro.

QUESTO ceppo (che poi sono TRE ceppi , il nostro è indentificato come B) è NUOVO nel senso che è mutato rispetto all’originale. Mutato = nuovo...oppure “nuovo” per i precisini.
Nuovo = non affrontabile immediatamente dal nostro sistema immunitario.

Che uccida Prevalentemente immunodepressi è un errore visto che uccide anche persone sane. questa è un generalizzazione bella e buona.

Ed ad informarsi sui telegiornali ci pensi te e non io, grazie.

Tetsuro P12

Che sia nuovo è una stupidata bella e buona. La prima volta che è stato idenificato un Coronavirus in un essere umano fu nel 1965, il che non vuol dire che non circolasse già da prima, ergo è vecchio come il mondo. Nel nostro caso abbiamo a che fare con mutazioni aggressive, le quali tuttavia uccidono prevalentemente persone immunodepresse. I dati sono a disposizione di tutti, basta non basarsi su Mediaset e sulla RAI come fonti d'informazione principali, che loro *smerciano* le informazioni che gli fanno più comodo.

jacksp

App di questo tipo che funzionano con negozi fisici non sono facili da realizzare, ho letto che ci sono dei totem che aggiornano il conteggio in tempo reale ma immagino che il fatto che siano tutti a casa a usare l'app crea un carico non indifferente che può causare qualche problema. Molte delle recensioni sono legate a questi inconvenienti e la frustrazione generale non aiuta. Io per esempio ho dovuto controllare per una settimana intera le disponibilità per prenotare la spesa online, potevo prendermela col mondo e dire che esselunga fa schifo perchè per sei giorni era tutto esaurito, poi chissà come mai il settimo si sono liberate delle fasce orarie. Basta avere pazienza.

luis91

Ti do una notizia, i carrelli finora non sono mai stati disinfettati. Non è obbligatorio ed è un costo per l'azienda...

Cosmin Alexandru Dobre

Ciao, io lavoro all'app, se mi dai il tuo contatto ti scrivo così mi dai una mano :)

Rendiamociconto

"non è che uno nasce "dominante" o "dominato" ed è così per sempre"
fino a poco tempo fa c'erano veramente 2 classi separate in cui chi stava nelle prima non era popolo e stava sempre al governo dominando e chi stava nella seconda stava sempre nel popolo e veniva dominata, con diritti e doveri diversi.
Ora si è tutti nella stessa classe, tutti con gli stessi diritti e doveri e a scambio si domina delegati e si viene dominati per libera scelta.
Si ma guarda che so d'accordo, ma te se metti dominato/domina, domani si alza un contro i poteri forti e rettiliani e gli sale il sangue al cervello perchè che ingiustizia essere dominati, bisogna essere libberi e farsi rispettare e sentire

L0RE15

Ok, vero...in parte. Qui parliamo di migliaia di voti da 1 stella: che abbiano perso tutti le staffe? Il sistema di giudizio "a stelline" avrà tutti i suoi limiti e difetti ma se colossi come Amazon o Google lo usano (e continuano ad usarlo) penso che dietro abbiano fatto talmente tanti studi in merito vista la loro "indole" che a qualcosa serve. Io, onestamente, in tutte le app che da ormai Android v1 ho installato, devo dire che, mediamente, la valutazione della gente sul PlayStore era allineata col mio giudizio dopo aver provato la relativa app del caso.

L0RE15

Cosa c'entra la fila al supermercato?! Da domani (22 Aprile 2020), ad esempio, all'Esselunga si entra solo previo prenotazione con l'app, che tu sia Gesù, un senatore o l'ultima delle casalinghe. Almeno questa è la regola: che poi qualcuno possa riuscire ad entrare saltando la coda, beh, mi pare scontato e succede così ovunque!
Tornando al discorso principale, i politici sono la classe dominante perchè hanno il potere. Potere che viene loro assegnato dal popolo mezzo votazione. Se, volontariamente, una società attribuisce potere a una o più persone, queste diventano dominanti nei tuoi confronti perchè hanno il potere decisionale (sono, teoricamente, i portavoce del popolo ma, alla fine, una decisione la devono prendere: non potranno mai accontentare tutti). Potere decisionale che può essere preso con la forza (dittatura) od assegnato dai dominati stessi ( in democrazia tramite votazioni, ecc).
Che i politici siano presi dal popolo, non importa: i dominanti da qualche parte devono pur arrivare, non è che uno nasce "dominante" o "dominato" ed è così per sempre. Se invece vogliamo credere ai rettiliani o agli uso che "sono tra noi", ok, ma qui apriamo un altro capitolo.
I cittadini non devono essere deresponsabilizzati, anzi, la loro responsabilità aiuta loro stessi in primis, gli altri e tutto il sistema sociale.

Alessio Ferri

Ciao, ti dispiacerebbe de-bannarmi? Sono passati mesi senza uno straccio di spiegazione del ban. L'ultimo commento che mi hai rimosso è sull'italiano di un vostro articolo, che magari era rozzo, ma non certo offensivo (riconosco che vomitare è brutto da dire, di per se però non è un insulto).

RiccardoC

finalmente si attrezzano per offrire un servizio, a Bologna la grande distribuzione ha toppato pesantemente. Quasi impossibile fare la spesa online, file interminabili presso i punti vendita...

RiccardoC

dipende molto dalla città e dalla zona; nella mia zona è un disastro, sei felice se fai "solo" mezz'ora di coda nei supermercati medio/grandi (in quelli schifosi in cui non andresti mai per altro motivo te la cavi con 10 minuti)

Rendiamociconto

quindi al supermercato con l'app quelli che saltano la coda sono i politici. ok

I politici non sono la classe dominante, i politici sono il popolo che elegge alcuni tra loro come rappresentati a turno.
Il popolo sono i politici.
Sarebbe diverso se fossero due classi distinte senza correlazioni biunivoche a vita.
Questa retorica che tende a deresponsabilizzare i cittadini perchè la colpa è di altri è ormai assurda

Garrett

Esatto ma non è corretto chiamarlo coronavirs ma Covid-19 o SARS-CoV-2.
Intendevo che sarebbe necessario chiamarlo col termine corretto.
Chiamarlo solo coronavirus, potrebbe indicare anche il virus del raffreddore.

Quanto all'E.Coli, il discorso non è che siccome il nostro sistema immunitario è in grado di riconoscere tali batteri, allora uno non debba seguire norme igieniche.
Il punto è che i carrelli sono sempre stati sporchi e possibili cause di infezioni ma fino all'anno scorso pare che nessuno lo sapesse, perchè la gente sa solo quello che dice la tv.
Un sistema immunitario sano, stai tranquillo che è capace di contrastare anche il Covid-19. Quindi le tue sono ovvietà.

Quanto all'E.Coli, può causare infezioni legate al tratto urinario. Studia.

L'essere umano ha invece le difese per questo Covid-19 e stai facendo disinformazione quando scrivi che invece l'uomo è privo di difese immunitarie (megaballa)
La sintomatologia è simile a quella influenzale.
La tosse, la febbre, il raffreddore, sono tutti meccanismi di difesa che il nostro corpo adotta per neutralizzare e rimuovere una sostanza irritante presente nelle vie aeree
Definirlo poi "alieno", come evidentemente lo immagini. Significa solo Paura e Ignoranza.

E' un virus ch siamo preparati a contrastare ma possono presentarsi dei fattori che complicano i sintomi (se uno è debilitato, patologie pregresse, correlazione con l'inquinamento)

In Italia i virus influenzali causano direttamente all’incirca 300-400 morti ogni anno, con circa 200 morti per polmonite virale primaria”.
A seconda delle stime dei diversi studi, vanno poi aggiunti tra le 4 mila e le 10 mila morti “indirette”, dovute a complicanze polmonari o cardiovascolari, legate all’influenza.

I dati di Borrelli (Protezione Civile), riguardano TUTTI i decessi Gennaio-Aprile. E questa io la chiamo frode.

Stai tranquillo che senza uno scudo penale (che è quello che vorrebbero approvare in Parlamento), molti pagheranno caro.

Garrett

Adesso? Non l'ho ancora visto (dal momento che non è obbligatorio, ogni esercente decide in autonomia).

E prima? Non è questione di "cosa fanno per" ma di cambiare il proprio stile di vita inteso proprio come modo di vivere.
Molte attenzione vengono prese ora, ma prima? Dove erano gli igienisti?

andrea

Piove e fa freddo: zero coda. Col sole 4 ore di fila... non aggiungo altro

Frederik

LoL che scenario spaventoso! Ma probabilmente un buon numero di 50enni potrebbero essere in questo stato ma non posso dare tutta la colpa a loro. Se devono imparare da zero a usare apparecchi telefonici e informatica senza fratelli figli amici che se ne intendono è veramente difficile. Ma andrebbe già bene così, che chi il touchscreen manco ce l'ha. Amici di mio padre si sono decisi a installare ed usare Whatsapp solo l'anno scorso, e ovviamente se avessi ancora la nonna non ci sarebbe nemmeno riuscita.

GianTT

Sabato mattina in quella vicino casa mia era più che richiesta invece la prenotazione tramite app, che suggerita. Se non l'avevi ti chiedevano di installarla o di utilizzare gli sms per prenotarti

qandrav

ah beh quello sicuramente

Garrett

Tanti pensieri ai quali bisognerebbe fare un bel po' di ordine.

Garrett

E fino all'anno scorso?
Bisognerebbe fare prevenzione sempre.
Il pericolo della "sporcizia" e del conseguente contagio, c'è sempre stato.

Scrofalo

E' la legge di Murphy

qandrav

prima del covid mi è capitato 3/4 volte in posta, ma quando i vecchi vedono che sono io a voler chiamare i carabinieri si calmano...(tranne uno una volta che ha quasi preso a sberle un povero carabiniere)

qandrav

Io ho ritrovato una mia recensione a questa app nel 2017, sarebbe dovuta servire ad evitarmi due code al comune di milano ma non aveva funzionato per nulla, menomale che ora l'hanno ampliata e resa funzionante (ma il play store specifica che io ho recensito una versione vecchia della app)

qandrav

tu sei quello sveglio della compagnia vero? non ti sei accorto che vengono disinfettati i carrelli eh?
buon per te che tu possa mandare la filippina

saccovr

Meglio UFist

IRNBNN

Il mio supermercato di fiducia ha attivato dalla prima settimana di coronavirus un numero whatsapp. La sera invio un messaggio con la lista della spesa, loro mi chiamano la mattina quando è pronta dicendomi il totale cosi che io possa preparare il contante (o eventualmente avviso che ho bisogno del resto). Senza fare code mi portano la scatola (o buste) con tutto cio che ho chiesto direttamente nel parcheggio. Sembra una soluzione dei primi anni 2000 senza app strane, senza pagamenti contactless...ma vi dirò una cosa. FUNZIONA e il massimo dell'attesa è di 5 minuti seduto comodamente in auto mentre ascolto spotify. Per chi necessita obbligatoriamente di pagare con la carta puo comunque fare la coda ed entrare...oppure si fa furbo e una volta a settimana (o ogni due) va allo sportello a ritirare il contante.
Con questo metodo loro evitano anche tutti i "furbi" che escono ogni giorno a fare la spesa per comprare un pacco di sale e uno di farina solo per chiacchierare con la gente in coda.

TheAppleFanDroid

In realtà la cover l’ho pensata, solo che poi ho pensato alle tonnellate di schifo accumulate al suo interno e ho avuto un malore.

MatitaNera

Un po' prima.

Intollerante

Che monda di M che ci aspetta...

Florence Hotzone

Il coronavirus NON è della stessa “famiglia” del virus dell’ influenza.
Magari lo fosse, avremmo già il vaccino.

E prima castroneria sbugiardata.

Per quanto riguarda altri patogeni (che non sono vira, ma batteri): E.Coli è parte della nostra flora batterica intestinale. Così come altri batteri fecali che dici. Ne siamo di base provvisti ed il nostro organismo,ovvero il sistema immunitario, li riconosce ed eventualmente li combatte alla perfezione.

Le eventuali patologie scritte ,come la meningite (dal meningococco) provengono da altri batteri (non virus...batteri. Altro regno..è come non distinguere un fungo da una balena). Che sono patogeni ma hanno uno schema d’ infezione assolutamente (per fortuna) diverso dal coronavirus. Sono forse più pericolosi ma infinitamente meno infettivi.
Poi vengono buttate lì malattie uro-genitali, quali le cistiti...così, evidentemente quando si ragiona con le gonadi si pensa che vadano sempre bene come argomento.

Di infezioni pericolose “da supermercato” ce ne sono ben altre...tipo la Legionella (dagli impianti di areazione e condizionamento non puliti), botulismo (a causa di prodotti non conservati bene), Che sono controllate con le procedure di santificazione che GIÀ vengono fatte...e funzionano anche contro il coronavirus. Sulla pulizia niente di nuovo.

Che può bastare?
Direi di sì, è bene che prima di sputare ragionamenti astrusi uno si informi...perché poi è facile che si incontri persone che sull’argomento ci si sono laureate in biologia, come il sottoscritto.

Ps: l’uscita sulla filippina basterebbe per definirti che razza di elemento rappresenti....sbruffoncello da disqus.
Perché se la filippina va al supermercato, si contagia a stare in coda e poi ti riporta la spesa...poi te la passa a te,Il contagio assieme alla spesa, FAVA.

Tony Carichi

Venerdi alle ore 10.04 del mattino, zero coda.
Il tutto senza app.

matteventu

Grazie, proverò.

@ nome utente. Io l'ho fatto da PC però.

matteventu

Se invochi il banhammer tutto è possibile

Raphael DeLaghetto

Non mangiare

Raphael DeLaghetto

Cioè noi saremo dei numeretti, alla fine

Raphael DeLaghetto

A Milano Marittima?

Raphael DeLaghetto

Qui da me, code Max di 15 minuti... Ma quando esco la coda non c è più..

Raphael DeLaghetto

Se sei ricco fatti portare in auto pure da lei..

L app della posta è migliore perché non fai affatto coda..ti presenti all orario esatto e ti servono...ma ora le poste hanno disattivativato la pre orazione, causa coronavirus..

Shadow Man

L'articolo è inesatto.
Bisogna registrarsi o accedere tramite autenticazione di facebook.

Andre Santos
castorcino

È obbligatorio usare app e prenotare il numero per entrare. Se sei in coda, le hostess ti informano e devi registrarti

Garrett

Trovo singolare che mentre l'attenzione sia tutta rivolta a questo coronavirus (ndr. coronavirus è anche il raffreddore), nessuno abbia posto l'attenzione a cosa si trova sui carrelli della spesa ricettacolo di virus e germi, forse peggiore della sporcizia che si trova in un bagno pubblico. Microrganismi che si annidano soprattutto sulle manopole, toccate da migliaia di persone che fanno la spesa nei supermercati.
Nel 72% dei casi ci sono batteri fecali e nel 50% Escherichia coli, agente fra i più aggressivi e resistenti al mondo che provoca numerose infezioni (meningite, infezioni gastrointestinali e dell’apparato genito-urinario).

La risposta è che evidentemente esiste solo quello di cui si parla, amplificato dai media.
Oggi tutti igienisti e se non ti disinfetti le mani non entri. Ma fino a ieri gli igienisti dov'erano...?

Tornando all'app, è simile a quella delle posta, solo che con le poste si decide anche lo slot.

Non riuscirei mai a mettermi in fila per fare la spesa. Perdita di tempo, pari a quella di stare ore in coda ma in auto.

Piuttosto incarico la filippina e ci mando lei....

Mauro Corti (Sbabba)

Fatti suoi, frega una mazza.

Ricarica rapida e super rapida: i migliori smartphone 2020 a confronto

Recensione Motorola Edge: quando l'autonomia fa la differenza

Recensione Huawei MatePad Pro: senza GApps ma con tanto carattere

Samsung Galaxy S20 Snapdragon vs Exynos: tutta la (nostra) verità