Su Whatsapp in arrivo la funzione Protect Backup per crittografare i salvataggi

03 Marzo 2020 142

WhatsApp continua ad aggiornarsi nella sua versione beta portando piccole novità che spesso non sono visibili per l'utente. Aggiornamenti praticamente quotidiani che migliorano il più popolare programma di messaggistica istantanea al mondo. Se il tema nero è ormai sdoganato, almeno in versione beta, una nuova funzionalità potrebbe arrivare presto: il Protect Backup.

Si tratta di una caratteristica ancora non disponibile e in fase sperimentale che si trova all'interno delle impostazioni di salvataggio del programma.


Sebbene non sia ancora del tutto chiaro lo scopo di Protect Backup, il sistema dovrebbe permettere la crittografia dei backup che vengono fatti su Google Drive sfruttando una password che noi sceglieremo. Un modo per rendere ogni salvataggio sicuro e inaccessibile sia per Google, sia per WhatsApp/Facebook.

Essendo un'opzione, sarà possibile sfruttarla o no a seconda delle proprie preferenze. Non ci sono al momento ulteriori informazioni, ma nelle ultime beta a noi non è ancora apparsa questa voce e probabilmente è ancora in una fase iniziale di sperimentazione.

Ricordiamo che per scaricare una beta potete sfruttare sia il Play Store sia il sito APK Mirror.

Fotocamera Wide al miglior prezzo? LG G7 ThinQ è in offerta oggi su a 367 euro.

142

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Jhonny

È quello è il problema... Molti pensano che lo smartphone è solo Facebook e whatsapp e adesso instagram

Lu

Il problema è che non viene fatto in automatico. Non tutti lo sanno fare. Molti non sanno neanche cos'è un file manager, figurati se sanno trovare le cartelle dei media.

Tra l'altro spostando perdi le anteprime nelle chat.

Dartagnan92

Qualche anno fa ricordo di averlo fatto e aveva funzionato, ora non so se è cambiato qualcosa.

Andrea Z.

beh oddio il restore andrebbe testato....

Dartagnan92

L'intera cartella "Whatsapp", basta ricopiarla lì anche se non ho provato l'effettivo funzionamento perché non ne ho avuto ancora bisogno, ho solo fatto il backup ogni notte, ma dovrebbe funzionare.

Andrea Z.

anche io uso telegram ed è fantastico, ma dato che sono un sistemista mi domando spesso come faccia quella azienda a regalare spazio illimitato sui propri server dove la gente uppa film e serie tv ogni giorno... se mi sai rispondere mi fa piacere, perchè certo, è molto meglio che sia una azienda a fare il backup e hostare la mia roba ma in teoria sarbebbe una strada impraticabile per chi non lucra.

Andrea Z.

cosa va backuppato esattamente? per il restore basta ricopiare quella cartella al posto giusto? grazie

Andrea Z.

in informatica a livello enterprise funziona esattamente come ha descritto dartagnan, non è un applicativo a dover fare un backup ma un sistema centralizzato di backup da istruire su quali path backuppare dove e come.

Jhonny

Puoi spostarli tranquillamente ma manualmente non ci vanno in automatico.. Io ogni mese prendo e sposto.. Su symbian sceglievi direttamente la destinazione ma quello era un altro mondo (migliore)

Jhonny

Basta installare xploreni o un altro file manager per fare tutta la pulizia/trasferimento su sd di tutti i media che vuoi.. Ovviamente only android

Crash Nebula

Insomma. La massa non ragiona, quindi i sembra così giusto.

MatitaNera

Ed è giusto così. In fondo.

Aster

Che sulla privacy e crittografia sono avanti rispetto a questa o altre e pure open source.Basti pensare che non serve neanche il nr di telefono ma una stringa unica.

andrew

Punto primo: calma i toni.
Punto secondo: per una azienda NON HA SENSO proporre due prodotti identici, lo vuoi capire o no?
Hanno già quello che chiedi, se tu che non sai scegliere i programmi.
Certo non si rimettono a progettare WhatsApp (perché va riprogettato e riscritto da zero per le chat in cloud e per di più togliendo la cifratura e2e, un suicidio a livello di immagine) per far contento a te.

Sei tu che continui ad aspettarti funzionalità da WhatsApp per cui non è stato concepito, e mai lo sarà.

matteventu

La cosa positiva é che relativamente poche persone ne sono al corrente.

Crash Nebula

Ancora? Ma sei di coccio? Funzionare in cloud non significa aspettarsi una funzionalità di messenger, ma semplicemente quella di un’app di messaggistica del 2020. Un’app che funziona come WhatsApp nel 2020 è inaccettabile. Rende impossibili le cose che ho detto sopra, e questo non ha senso.
Facebook è da colpevolizzare eccome invece. Perché WhatsApp è una delle app più utilizzate al mondo, e non è possibile nemmeno una cosa così banale come passare da Android ad iOS, o viceversa, senza perdere le chat, o fare giri indescrivibili con app che sono anche a pagamento. Non è possibile che occupi gb sullo smartphone, né che si debba fare un backup che può durare anche ore, quando funzionasse in cloud non esisterebbe niente di tutto questo.
Non c’è niente da giustificare.
Non significa niente che queste cose le fa già messenger.
Punto.

Crash Nebula

E purtroppo, come in tutte le cose, è la massa che decide.

DeathTheKid

Non ho detto che non uso il cloud, solo che preferisco sempre avere anche il locale, e usare il cloud poco ma non escludendolo completamente, fare affidamento su un servizio significa che se i tuoi dati sono lì e da un giorno all altro salta tutto non te la puoi prendere certo con google o con la società del cloud, perché ti riderebbero in faccia, con il locale se ti scordi la chiavetta o lhdd o lo rompi o si rompe comunque non te la puoi prendere con nessuno al massimo con l'azienda che l'ha fatto ma non avrebbe senso in quanto tutto si può rompere, i file dal mio punto di vista devono stare minimo in 2 archiviazioni locali e va bene anche in 100 cloud ma se salta tutto o non hai internet, e non è una supposizione mi è successo, con il locale rimedi col cloud ti attacchi, potrà essere pure il 2050, io la vedo così. Con il cloud hai solo per sentito dire che nessuno guarda quello che ci metti, sei vincolato ad internet nella maggior parte dei casi, e sei vincolato dal fatto che se chiudono il servizio per manutenzione straordinaria o danni, nessuno ti da i tuoi file se li hai esclusivamente lì, con il locale almeno questo accade di meno, ognuno ha i suoi vantaggi, ma io sono per il locale. 

Federico

Ovviamente, ma non criptato.

provolinoo

Purtroppo la gente reputa sempre più stimolante la versione complottistica della storia :D

provolinoo

Guarda che è possibile attivare il backup da almeno 2 anni

provolinoo

Sì, questa è la cosa che odio anche io di Telegram

Dartagnan92

Ha senso perché il backup è comunque automatizzato, solo che adesso è un applicazione esterna a fare il lavoro.

provolinoo

Anche io lo preferivo... nel 2006 però, ora siamo nel 2020

provolinoo

Nel momento in cui una funzione come quella del backup perde il suo automatismo e l'integrazione derivante dal suo essere parte dell'app stessa non ha più molto senso

MatitaNera

Ho visto

MatitaNera

Tutte cose delle quali all'utente comune non importa nulla

MatitaNera

Chi è l'altro utente?

MatitaNera

Cioè?

andrew

E io che sto dicendo? NON SONO DUE PRODOTTI IDENTICI Né vogliono diventarlo, sono due prodotti con due target differenti, che poi la gente si aspetta le funzionalità di Messenger in WhatsApp è un problema della gente, mai come in questo caso non mi sento di colpevolizzare Facebook.

Messenger, e Telegram, sono esattamente quello che la gente vuole... e dovrebbe utilizzare. Non è WhatsApp a dover cambiare, è la gente che deve ragionare e smetterla di fossilizzarsi.

andrew

È inutile che mi fai la spiegazione dato che conosco benissimo come funziona, a differenza di te.

La crittografia usata per il backup, è ben lontana dall'essere una protezione in quanto è vero che non viene inviata, ma è anche vero che è generata usando il numero di telefono (dalle FAQ specifica che il backup è legato al numero di telefono), quindi con nulla di particolarmente privato come una passphrase (che infatti stanno implementando, in quanto più sicura).

Se cifri una cosa, poi puoi decriptarla SOLO con quella chiave, non con una generata nuovamente e da zero su un nuovo dispositivo, non ha senso quello che dici.

Se invece, cifro una cosa con una chiave che ho solo io e solo in locale, quella è comunque una cifratura e2e, in quanto di fatto la cifri PER TE STESSO con la TUA chiave PRIVATA.

Basterebbe usare PGP per alcune volte per comprendere cosa è e come funziona la cifratura e2e. Ti consiglio di farlo.

andrew

No, hanno contribuito ad implementare la loro crittografia, che già esisteva, in WhatsApp, ma di certo non ci hanno lavorato da soli, hanno dovuto comunque lavorare in squadra con gli sviluppatori di WhatsApp.

Ed infatti, da uno dei post relativi sul blog si può leggere

"WhatsApp deserves enormous praise for devoting considerable time and effort to this project. Even though we’re still at the beginning of the roll-out, we believe this already represents the largest deployment of end-to-end encrypted communication in history. Brian Acton and the WhatsApp engineering team have been amazing to work with."

Ed ovviamente men che meno la "certificazione"

Alex193a

Ma io non sto parlando della crittografia E2E.
La crittografia E2E protegge i messaggi durante il transito da un dispositivo all'altro, una volta arrivati sul tuo telefono non lo sono più. Il database dei messaggi salvato nella memoria interna di WhatsApp è in chiaro, con i permessi di root puoi estrarlo e leggerlo tranquillamente al PC se vuoi.
Il database che viene inviato su Drive (e salvato sulla memoria esterna del dispositivo) però è cifrato e non può essere decriptato senza la chiave, chiave che non viene inviata con il backup.

Quando cambi dispositivo la chiave viene rigenerata sul client, non viene inviata ai server di WhatsApp.

Alex193a

No.

Crash Nebula

Finalmente.
https://uploads.disquscdn.c...

Alex193a

Ricordi male!
Il database dei messaggi è crittografato, non può essere decriptato senza la key che si trova solo sul tuo telefono.

Alex193a

Non possono, il database dei messaggi è crittografato.

Federico

Non hanno dato una mano, pubblicarono una nota nella quale dicevano di essere loro a curare la parte criptigrafica

Aster

Non si parla mai neanche per informazione di applicazioni come signal o sessioni.

Dartagnan92

si che lo è.

Dartagnan92

Già, il mio vecchio Lumia lo faceva, su Android nulla...

Dartagnan92

i backup non sono protetti, quindi se vogliono possono visionarli.

Dartagnan92

Io l'ho disattivato il backup su google drive, per il backup uso un applicazione che mi fa il backup tramite FTP sul mio NAS, decisamente meglio e sopratutto a portata di mano, non mi fido del cloud.

Crash Nebula

Non sono due prodotti identici. Moltissima gente ha WhatsApp e non ha Facebook. WhatsApp ormai ha sostituito in tutto e per tutto gli sms, e per il bacino d'utenza che ha, è davvero ridicolo che sia rimasta un'app di 10 anni fa, mentre se funzionasse su cloud, come la concorrenza, offrirebbe solo vantaggi.
Utilizzo sia iOS che Android per lavoro, e non sai che spina nel fianco è non poter utilizzare WhatsApp nello stesso momento su duo dispositivi diversi, né avere le chat sincronizzate.
Non puoi assolutamente giustificare mancanze del genere con "c'è messenger". Oggi che tutto è multi piattaforma, le app esistono per tutti i so e quant'altro, WhatsApp così com'è è vergognosa.

Crash Nebula

Non sono affari tuoi cosa ci faccio con Whatsapp. Se fosse basato su cloud come Telegram mi occuperebbe pochi mb, il punto è solo questo.

Scrofalo

Ah ok. Telegram grazie.
Comunque 10 gb di roba su WhatsApp.... Mi sa che il problema va cercato a livello neurologico.

Scrofalo

Grazie delle informazioni ! Lo proverò !

andrew

Dalla riposta non pare, e comunque una risposta saggia e matura sarebbe stato chiedere PGP abbinato a cosa.

lo conosco e lo uso. appunto per questo se uno chiede che messaggistica con gli amici usi e ti risponde con quello......

andrew

Appunto, è quello che sto dicendo: sono due cose totalmente diverse e per una azienda non ha senso avere due prodotti identici che offrono le stesse identiche funzionalità
Volete le chat in cloud? Andate su Messenger o Telegram
Volete le chat crittografate e2e? WhatsApp o Signal
(o, ovviamente, altre alternative, ho citato solo alcune delle più diffuse)

Purtroppo le persone si fossilizzano su prodotti senza pensare se è realmente quello di cui hanno bisogno.

Su WhatsApp probabilmente non arriveranno mai le chat in cloud, o forse solo nella futura fusione si potrebbe considerare una ipotesi che la parte messenger venga usata per le chat in cloud e la parte whatsapp quella e2e formando così un prodotto stile telegram con entrambe le chat

Recensione Xiaomi Mi 10 Pro 5G, audio super e video 8K ma il prezzo sale

#HDonAir faccia a faccia con Samsung: le nostre e le vostre domande

Migliori smartphone fino a 200 euro: ecco i top 5 da comprare | Marzo 2020

Recensione Samsung Galaxy S20+: quel che serviva, senza strafare