Franco Kernel Manager: cambio di nome e supporto a kernel di terze parti

13 Gennaio 2020 11

FK Kernel Manager, nota app dedicata alla gestione dei kernel realizzati dallo sviluppatore Francisco Franco, cambia nome con l'ultimo aggiornamento distribuito da poco nel Play Store.

Lo sviluppatore ha deciso di iniziare il 2020 modificando il nome dell'app in Franco Kernel Manager, in modo da dare anche maggior risalto alla sua nuova filosofia di sviluppo, ora aperta al supporto di qualsiasi kernel.

Franco Kernel Manager dunque cambia, e non solo il nome: sono tante le novità portate nel tempo - a titolo esemplificativo, la possibilità di flashare ZIP senza passare per la Recovery - e ora diventa una sorta di raccoglitore di kernel, rivolto a tutti coloro che vorranno contribuire a fornire le proprie risorse. Secondo quanto affermato da Francisco, sono già oltre 20 gli sviluppatori che hanno aderito alle finalità dell'applicazione, mettendo a disposizione kernel di terze parti, scaricabili e flashabili direttamente dall'app.

Massima apertura dunque ma anche supporto adeguato, se infatti un kernel non dovesse risultare compatibile con l'applicazione, le due parti potranno mettersi in contatto per riuscire ad integrare in tempi brevi le nuove risorse.

L'aggiornamento è già disponibile nel Play Store, identificato dalla versione 5.0.

Il top gamma più piccolo e pontente sul mercato? Samsung Galaxy S10e, in offerta oggi da Gamingpro a 415 euro oppure da Amazon a 588 euro.

11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
teo

Qui si parla di kernel non di rom

]rY[

Con tutta la spazzatura che fanno, cosa costava loro continuare a trasmettere il grando Franco con la sua soppressssata?

Antsm90

Una volta si faceva per alleggerire il software e rendere lo smartphone meno pachidermico, ma ormai se stai sulla fascia medioalta non hai più nè rallentamenti nè microlag, ed anche le batterie a sera hanno ancora un bel po' di carica residua (a meno che non si prende uno smartphone che nasce già con una batteria sottodimensionata), per cui non se ne sente più il bisogno

Adriano

Come sempre

eL_JaiK
Bjerget

Ora come ora ha ancora senso flashare un custom kernel?

Intollerante

Franco, vecchio compagno di nottate! :D
Mi viene voglia di mettere mano al S7

Franco, me lo ricordavo diverso. https://uploads.disquscdn.c...

C’ris

I bei tempi..

asd555

Io l'ho sempre chiamato Franco Kernel Manager e flasha qualsiasi kernel da una vita.
Boh.

eberg93

Leggo Franco e partono subito i feels del modding su nexus 5. Tra custom rom, kernel creati ad hoc e pacchetti xposed era un altro telefono. Sempre fluidissimo e la batteria riusciva a durare anche un bel giorno intenso oppure un giorno e mezzo usandolo in modo blando, decisamente meglio di come era uscito di fabbrica.
Da un anno sta nel cassetto con una rom di Oreo 8.1. Lo accendo giusto ogni mese per non lasciarlo a marcire completamente.

Tre settimane con Huawei Mate 30 Pro: il punto su foto e autonomia

OnePlus Concept One, fotocamere invisibili grazie al vetro elettrocromico | Anteprima

L'identikit degli smartphone TOP di gamma 2020: più cari, più grandi, 20:9 e 5G | Video

Motorola Razr 2019: un tuffo nel passato e uno sguardo al futuro | Anteprima Video