Klipsch annuncia nuove soundbar con Dolby Atmos, supporto all'8K e Dolby Vision

03 Luglio 2021 7

Klipsch ha ampliato la gamma di soundbar introducendo le nuove Cinema 1200, Cinema 800, Cinema 600 e Cinema 400. I due prodotti di fascia più alta sono Dolby Atmos mentre gli altri due di fascia più economica sono Dolby Audio. Tutte le soundbar sono costruite in legno e sono dotate di tweeter a tromba, un marchio caratteristico di Klipsch.

Vediamo le caratteristiche di tutti i modelli.

CINEMA 1200

La Cinema 1200 si pone al vertice della gamma e si presenta come un prodotto di generose dimensioni. Le misure sono 137,2 (L) x 7,5 (A) x 15,7 (P) centimetri. I canali posteriori vengono riprodotti da due satelliti wireless. Le basse frequenze sono affidate ad un subwoofer esterno wireless che misura 39,6 (P) x 51,6 (A) x 40,3 (P) centimetri. La soundbar ospita 3 tweeter Tractrix Horn con cupola da 25,4 millimetri, 6 midrange con woofer da 76,2 millimetri e 2 woofer Cerametallic da 76,2 millimetri dedicati ai canali altezza del Dolby Atmos.

Sui satellite vengono invece usati woofer da 76,2 millimetri per i canali posteriori e woofer Cerametallic sempre da 76,2 millimetri per i canali altezza. Il subwoofer è infine dotato di un woofer da 305 millimetri. Il sistema appena descritto dispone complessivamente di 5.1.4 canali e di una potenza dichiarata di 1.200 W. I formati audio sopportati includono PCM, LPCM fino a 8 canali, Dolby Digital, Dolby Digital Plus, Dolby TrueHD e Dolby Atmos.


Le connessioni disponibili comprendono Wi-Fi, Bluetooth, un ingresso digitale ottico, un ingresso analogico su jack da 3,5 millimetri, due ingressi HDMI con HDCP 2.3 e un HDMI con eARC. Gli ingressi HDMI supportano segnali con risoluzione fino all'8K, HDR e Dolby Vision. La connettività Wi-Fi si può utilizzare con l'app Klipsch Connect, Spotify Connect e per collegarsi a speaker con Alexa e Google Assistant.

La disponibilità è prevista per agosto al prezzo di 1.499 euro.

CINEMA 800

La Cinema 800 offre una dotazione per molti versi simile alla Cinema 1200 ma rinunciando ad alcune funzioni. Le misure sono leggermente più compatte rispetto all'ammiraglia: 121,9 (L) x 7,3 (A) x 8,6 (P) centimetri. I satelliti per i canali posteriori non sono inclusi ma si possono aggiungere acquistando i Klipsch Surround 3 separatamente. Le basse frequenze sono sempre affidate ad un subwoofer esterno wireless che misura 36,8 (P) x 47,1 (A) x 36,8 (P) centimetri. All'interno della soundbar troviamo 3 tweeter Tractrix Horn con cupola da 25,4 millimetri e 4 midrange con woofer da 76,2 millimetri.

Il subwoofer è infine dotato di 1 woofer da 254 millimetri. Il sistema appena descritto dispone complessivamente di 3.1 canali (espandibile a 5.1) e di una potenza dichiarata di 800 W. I formati audio sopportati sono gli stessi della Cinema 1200. Gli effetti del Dolby Atmos vengono ricostruiti tramite un'elaborazione virtuale del suono.

La connettività è identica a quella che abbiamo descritto per la Cinema 1200 anche per tutto ciò che riguarda il Wi-Fi e l'integrazione con Spotify, Alexa e Google Assistant. Alla soundbar si possono pertanto collegare sorgenti con risoluzione fino all'8K, HDR e Dolby Vision.

La disponibilità è sempre prevista per agosto al prezzo di 999 euro. La coppia di Klipsch Surround 3 viene proposta a 299 euro.

CINEMA 600

La Cinema 600 è un modello a 3.1 canali che, esattamente come la Cinema 800, si può espandere a 5.1 canali aggiungendo i satelliti wireless Surround 3. La soundbar misura 114,3 (L) x 7,3 (A) x 8,6 (P) centimetri. Per le basse frequenze è ancora una volta presente un subwoofer esterno wireless che misura 36,8 (P) x 47,1 (A) x 36,8 (P) centimetri.

All'interno della soundbar la configurazione è uguale a quella della Cinema 800: 3 tweeter Tractrix Horn con cupola da 25,4 millimetri e 4 midrange con woofer da 76,2 millimetri. Anche il subwoofer usa gli stessi componenti: 1 woofer da 254 millimetri. La potenza scende invece a 600 W.

La connettività è ciò che segna la vera differenza con i modelli precedenti. La porta HDMI è una sola con ARC mentre restano disponibili l'ingresso digitale ottico e quello analogico su jack da 3,5 millimetri. Per quanto riguarda le opzioni senza filo c'è il Bluetooth e viene conservata la compatibilità con l'app Klipsch Connect.

La Cinema 600 viene proposta al prezzo di 599 euro. La coppia di Klipsch Surround 3 costa 299 euro.

CINEMA 400

Cinema 400 completa l'elenco delle novità. Si tratta di un modello a 2.1 canali con subwoofer wireless. La soundbar misura 101,4 (L) x 7,3 (A) x 8,6 (P) centimetri. Per il subwoofer l'ingombro si attesta invece a 30,2 (P) x 41 (A) x 41 (P) centimetri.

Il suono viene riprodotto mediante 2 tweeter Tractrix Horn con cupola da 25,4 millimetri e 2 midrange con woofer da 76,2 millimetri. Il subwoofer è invece provvisto di 1 woofer da 203 millimetri. La potenza dichiarata è di 400 W. La connettività è in comune con la Cinema 600 ad eccezione dell'applicazione Klipsch Connect, non compatibile con Cinema 400. La soundbar viene proposta al prezzo di 399 euro.


7

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ottoore

Il tweeter a tromba attira!

Nicola Buriani

Uno dei motivi è sicuramente legato alla disponibilità dei contenuti: anni fa, quando i supporti ottici erano più utilizzati, il DTS era importante averlo, oggi tra la diffusione del Dolby Atmos anche tra i dischi (che comunque vendono decisamente meno) e l'avanzata dello streaming, il supporto al DTS è meno necessario per l'utente medio.
Guardi in streaming? La maggior parte dei servizi usa il Dolby Digital Plus. Guardi la TV? É generalmente in Dolby Digital.

Sax

Ormai anche le TV non supportano più il DTS, forse la licenza DTS ha un costo in percentuale sul prodotto, altrimenti non me lo spiego.
Nonostante l'assenza del DTS sono molto tentato dall'acquisto della cinema 1200.

Loco
Squak9000

Dipende rispetto a cosa... rispetto agli soeaker della TV sono decisamente superiori.
Ma con più di 1000€, per VINILI, sceglierei un impianto con entrata analogica e non digitale.

Loco

Ma questi impianti come sono per ascoltare musica? Se ci riproducessi dei vinili ne varrebbe la pena?

Ottoore

Si ripresenta il problema della Bluesound Pulse: non vogliono pagare la licenza per la codifica DTS su un prodotto da 1000+€.

Europei di calcio: dove vederli in TV e i consigli per i settaggi ottimali

Recensione TV Sony OLED XR-65A90J: processore cognitivo per rimanere in vetta

Recensione TV TCL X10: ecco perché i Mini LED cambiano il gioco

TV Samsung: tutto sui Quantum Mini LED, controllo a 12-bit e intelligenza artificiale