Roku come i colossi dello streaming: scommette sui contenuti originali

21 Aprile 2021 14

Roku prova a farsi strada nell'affollato mercato delle piattaforme di streaming, utilizzando quella che da molti è considerata l'arma migliore per emergere, ovvero la capacità di proporre contenuti originali. Avere una propria identità e un'offerta esclusiva sono infatti elementi essenziali anche per i colossi del calibro di Netflix, Amazon, Sky e Disney+. Se l'approccio di Roku sulla carta è perfettamente condivisibile, in concreto la soluzione scelta per il momento non convince del tutto.

I primi contenuti originali che Roku offre tramite i suoi Roku Channel a partire da oggi non sono altro che l'eredità del defunto servizio di Quibi, arrivato sul mercato ad aprile dello scorso anno e giunto al capolinea dopo soli sei mesi. Roku ha comprato gran parte del pacchetto di programmi originali di Quibi per meno di 100 milioni di dollari all'inizio dell'anno e ora li sta offrendo gratuitamente, inizialmente solo nel Regno Unito.

Anche se questi contenuti possono fregiarsi di importanti nomi di Hollywood - tra cui Anna Kendrick, Chrissy Teigen, Lena Waithe, Idris Elba, Kevin Hart e Liam Hemsworth - viene naturale chiedersi come la stessa offerta che non ha permesso a Quibi di sopravvivere possa essere ora maggiormente apprezzata semplicemente cambiando nome - Roku Originals - e piattaforma.

Roku garantisce che questo non è che l'inizio e che già a partire da maggio comunicherà ulteriori dettagli sul futuro dei suoi Roku Originals.

Roku Originals è l'etichetta dei contenuti originali trasmessi tramite i Roku Channel

Per ora l'azienda si limita a fare riferimento a oltre 75 contenuti originali che arriveranno entro la fine dell'anno. Si ricorda che si può accedere ai Roku Channel in mercati e con dispositivi limitati: la Roku TV Hisense e i dispositivi NOW e Sky Q. Anche questo è un aspetto che penalizza Roku rispetto ai leader del segmento che possono contare su una presenza molto più capillare (sia per quanto riguarda i mercati, sia per i dispositivi supportati).

A questo si devono poi aggiungere le difficoltà che i gestori delle piattaforme di streaming (così come anche l'industria cinematografica) stanno incontrando nella produzione di contenuti originali, visto il particolare momento storico caratterizzato dalla pandemia. Per rendere l'idea, Netflix nella comunicazione degli ultimi risultati finanziari ha previsto che i primi segnali di una ripresa della produzione di contenuti originali si avranno non prima della seconda metà dell'anno; nel frattempo mette in conto ulteriori mesi in cui la crescita del numero di iscritti rallenterà.

In breve, un concorrente in più non può che far bene al mercato dello streaming, si spera solo che i Roku Originals non facciano la fine di Quibi e che, in caso di successo, non restino confinati in un ristretto numero di mercati.


14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Aster

infatti

sagitt

per la metà degli utenti basta una firestick

Aster

mah,99%degli utenti sono mediocri,direi siamo nella media del mercato consumer

sagitt

Ne avevo provato uno una vita fa, comunque rimangono box mediocri

Aster

Ne hai provato uno?!O il solito now TV

Aster

Ma non te lo raccomandata il dottore avere la pay tv!

Aster

Secondo loro che guidano il mercato si, secondo te che vivi e giudichi in Italia no

sagitt

Dopo non essere riuscita, in anticipo su tutti, a fare un box tv decente... ora un ennesimo servizio? Boh

BlackLagoon

e che c'entra. Non mi importa che il dispositivo abbia una buona penetrazione di mercato. Rimane il fatto che non è pratico, né sostenibile avere mille piattaforme diverse, in cui trovi al massimo 1-2 contenuti interessanti e devi ricordarti ogni volta su quale app trasmettono quel contenuto che ti interessa.

DangerNet

Ma basta questi abbonamenti! Ma differenziandosi sul mercato senza fare servizi in subscription?

Desmond Hume

e funzionano pure benissimo.

Massimo Olivieri

Roku ha il 60% dei disponivi per il VOD in USA è la piattaforma più usata li tutte le TV escono con roku os, non pensare al italia.

BlackLagoon

secondo loro uno fa abbonamenti con 435346 piattaforme diverse? Tralasciando l'aspetto economico, dal punto di vista dell'usabilità è tremendo: devi ricordarti dov'è un certo contenuto.. a me non frega niente di chi lo "trasmette", quello che a me interessa è appunto il contenuto.

Cyberduck 2077

ahahahahahahhaha

Recensione TV TCL X10: ecco perché i Mini LED cambiano il gioco

TV Samsung: tutto sui Quantum Mini LED, controllo a 12-bit e intelligenza artificiale

Come scegliere un TV in base alla distanza di visione

Xiaomi Mi TV Q1 75'': vi raccontiamo come va