Definitive Technology Studio 3D Mini, soundbar compatta con Atmos e DTS:X

17 Dicembre 2020 4

Definitive Technology ha annunciato l'uscita della soundbar Studio 3D Mini Sound Bar System. il nuovo prodotto è caratterizzato da dimensioni compatte: le misure sono 66 centimetri in larghezza e circa 5 centimetri in altezza. Il corpo centrale sfoggia una finitura in alluminio spazzolato ed è abbinato ad un subwoofer esterno wireless con un trasduttore da 20,32 centimetri.

All'interno della soundbar è ospitata una configurazione a 4.1 canali con sei trasduttori e tweeter con cupola in alluminio. Sono supportate le tracce in formato Dolby Atmos e DTS:X, le tecnologie che fanno uso degli "oggetti" per ricostruire più precisamente alcuni suoni all'interno dell'ambiente.


Le funzioni supportate includono anzitutto la compatibilità con l'ecosistema multi-room HEOS di Denon, un chiaro segnale dell'apparenza al gruppo Sound United (che comprende anche la stessa Denon). Gli utenti possono diffondere la musica in varie stanze utilizzando gli oltre 70 prodotti compatibili realizzati da Denon e Marantz.

Studio 3D Mini mette a disposizione anche AirPlay 2 e Siri (tramite un dispositivo con iOS). C'è inoltre la possibilità di sfruttare i comandi vocali di Alexa e Google Assistant previo il collegamento di uno speaker esterno provvisto dei summenzionati assistenti. Tramite la voce si può regolare il volume, cambiare brano, riprodurre o mettere in pausa la musica. La connettività include un ingresso HDMI e un'uscita con eARC (qui la nostra guida per saperne di più); entrambe le porte supportano segnali a risoluzione Ultra HD. La soundbar può anche gestire HDR nei formati HDR10 e Dolby Vision.

La disponibilità è prevista per gennaio 2021 al prezzo di 899 dollari. In Italia la distribuzione è affidata a Marantz Italy: il listino e la data di uscita verranno annunciate prossimamente.


4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
kid-a

Qualcuno riesce a spiegarmi una cosa?
Perché tutti, e dico tutti, i prodotti audio che hanno l'opportunità di connessione alla rete domestica, supportano airplay 2 e non Google cast(Chromecast built in)?
Non capisco, eppure il numero di dispostivi android e Windows è nettamente superiore ai dispositivi Apple, che tra l'altro supportano anche loro il Chromecast built in.
È una vera curiosità per me

Nicola Buriani

Allo stesso modo con cui una soundbar 2.1 o 3.1 ricrea i canali che mancano: effetti virtuali.
Funzionano bene?
Da valutare con una prova, anche se personalmente non ho mai trovato convincenti questi effetti sull'audio a oggetti, persino con canali dedicati che si basano sulla riflessione del suono l'efficacia è tutt'altro che garantita (serve come minimo un sistema di calibrazione automatica ma pochi modelli lo hanno).

Lorenzo Poli

Premesso che parlare di audio a oggetti sulle soundbar fa già ridere così, ma anche fosse, come può una 4.1 supportare Dolby Atmos e DTS:X dato che neanche ha il terzo numero? Tipo 4.1.2 o 4.1.4

T. P.

soundbar compatta e poi ti fanno un cassone grande come un comodino per il sub!!!
ancora ancora se si possono comprare separatamente ma se sono d'obbligo insieme avrà un mercato ristrettissimo se si compra per la compattezza...

poi ok il sub un minimo grande deve essere però ne ho visti di più piccoli di questo...

non discuto poi prezzo e qualità!

FreeBuds Studio e Gentle Monster Eyewear II: Huawei a tutto audio | Anteprima VIDEO

Recensione nuove Amazon Fire TV Stick 2020 e Lite: un gadget indispensabile

Recensione Amazon Fire TV Cube: utile, versatile ma quanti limiti

Amazon sorprende: Telecamera drone, Fire TV, nuovi Echo, Ring Car e Eero 6