Primare NP5 Prisma, lettore audio di rete con Chromecast integrato e AirPlay 2

10 Novembre 2019 47

Audiogamma ha comunicato la disponibilità del network player Primare NP5 Prisma sul mercato italiano. Il prodotto è destinato alla riproduzione di musica in formato "liquido" da rete locale, dispositivi Bluetooth e in streaming. Le dimensioni sono piuttosto ridotte: si parla di 143 (L) x 125 (P) x 36 (A) millimetri. Il design è stato realizzato all'insegna del minimalismo: NP5 si presenta come un parallelepipedo nero. Il frontale è completamente scevro di qualsivoglia elemento o indicatore. Sul lato superiore sono invece presenti i loghi "Primare" e "NP5" insieme ai tre LED di stato.


NP5 supporta brani in formato WAV, LPCM, AIFF, FLAC, ALAC, WMA, OGG fino a 192 kHz/2-4bit MP3, MP4 (AAC) fino a 48 kHz/16-bit e DSD128 (5,6 MHz). La connettività è ampia: sono presenti una porta Ethernet 10/100, Wi-Fi 802.11ac dual-band, Bluetooth e una porta RS232. Una porta USB Tipo-A permette di riprodurre file con frequenze di campionamento in PCM fino a 192 kHz/24-bit e DSD fino a 5,6 MHz. Le uscite sono due: digitale ottica e coassiale. La frequenza di campionamento in uscita si può impostare a 48, 96 o 192 kHz.

A livello di funzionalità NP5 integra tutte le possibilità offerte da un Chromecast, supporta Spotify Connect, è Roon Ready ed è compatibile con AirPlay 2 e DLNA/UPnP. Tramite l'applicazione Prisma - disponibile per dispositivi mobili - si possono gestire vari aspetti tra cui il controllo del volume e la selezione degli ingressi su precedenti prodotti Primare collegati tramite RS232. Il prezzo di listino è fissato a 500 euro.


A seguire il riepilogo delle principali caratteristiche tecniche:

  • Uscite digitali: coassiale, RCA; ottica, TOSlink
  • Campionamento in uscita: 48, 96 o 192 kHz/24-bit
  • Ingresso digitale: 1 x USB-A, supporta file fino a 192 kHz/24-bit o DSD128(5,6 MHz)
  • Connessioni di rete: 1 Ethernet 10/100, 2x antenne interne BT/ Wi-Fi (2,4/5 GHz)
  • Formati Audio supportati: WAV, LPCM, AIFF, FLAC, ALAC, WMA, OGG fino a 192 kHz/24-bit MP3, MP4 (AAC) fino a 48 kHz/16-bit, DSD128 (5,6 MHz)
  • Streaming: AirPlay 2, Bluetooth, Chromecast, Roon Ready, Spotify Connect, DLNA/UPnP
  • Controllo: RS232
  • Consumo: Standby < 2,9 W; In funzione < 3,6 W
  • Dimensioni: 143 x 125 x 36 mm
  • Peso: 0,5 kg

47

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Federico

Ehhh???
Non esistono DAC che si collegano in tale modo al computer.
Quella semmai può essere L'USCITA del DAC

uncletoma

Preferisco via ottica (spdif o toslink)

Federico

Con la USB, ovviamente.
Come altro vorresti collegarlo?

uncletoma

si, ma come lo collego al dac? via magica?

Federico

Io al contrario sono scarsamente interessato ai film mentre adoro la musica, quindi per me niente impianti AV ma semplice stereo.
Non è che io non guardi i film... però vivo da sempre in un mondo fatto di musica, quindi non potendo avere tutto ho preferito spendere un dollaro sul televisore e dieci sullo stereo

Federico

Se devi solo fare streaming e pilotare un DAC esterno anche la più cessosa delle ciocche è ampiamente sufficiente.

uncletoma

Si, ma a parte ciofeche Beelink, se vai su qualcosa di un attimino più serio (non parlo degli Intel Nunc, che è un modo a parte) trovi solo case+mobo e basta. Oppure, se vuoi il pacchetto completo, devi sborsare alcuni biglietti in più. E, molti (tutti o quasi), non hanno neppure un'uscita ottica (idem il rasperry), perché magari uno se lo vorrebbe collegare al suo dac, e non usare quello inserito nella (pessima) scheda audio della mobo. Se uno guarda nelle schede audio, nota che quelle un attimo valide costano dai 150/200 euro in su. A meno di non trovare ancora in commercio delle vecchie Esi.

kid-a

Si ho visto nella documentazione. È una noia Chromecast. Non riesco proprio a capire che scheda usare per implementare una Chromecast receiver

Luca Bonora

io alla fine mi sono orientato su un top di gamma Yamaha AV per coniugare musica decentemente e film con audio coinvolgente. Ma non disdegno affatto un 2 canali semplice di qualità...

Homer76

Sì, a quel prezzo, ci rientravano serenamente...

KenZen

Rispondimi solo se ne capisci qualcosa di droni... Mi è salita la scimmia per il Mavic Mini. Mi serve solo un click.
Diversamente zitto e taci, taci e zitto.
Saluti

Account Anniversario

Non so... Non gli costava nulla mettere una 1000...

Homer76

Lo vedrei più comodo se integrasse un piccolo amplificatore.

Homer76

I 100 Mbps bastano e avanzano per i formati che decodifica.
Lo standard "ac" non serve tanto per avere più banda, quanto a "condividere" meglio il wi-fi quando in casa ci sono tanti dispositivi che l'usano intensamente.

Account Anniversario
Account Anniversario

Ah sì beh, certo certo...

Riccardo sacchetti

Beh, direi compatibilità future. La rete sempre quella rimane..

Federico

Amazon, Ebay, pure il negozio sotto casa... se devi fare solo un po'di streaming e gestire un DAC ti basta la potenza di calcolo di una macchinetta da quattro soldi.
La gestione di simili esigenze è fattibile tramite software standard configurabile con un paio di click di mouse.

uncletoma

Copio (e incollo) da una risposta che mi ha dato:

Capisco ed anche io ormai ho poco tempo... Comunque non proponevo
quello che ho fatto io come alternativa a questo prodotto ma come metro
di paragone del prezzo. Senza neanche un dac, anche aggiungendo tutto il
"fai da te" e le porte come di arrivi a 500 carte?
P. S. Suona praticamente come un lettore da 900 e spendi 54 euro.

MiniPC completi (ram, hdd, schede varie) a 100 euro dove?

acitre

Non mi sembra... Ma non posso controllare perché lo tengo staccato da un po' per ristrutturazione di un paio di camere.

kid-a

Ma si riesce anche ad implementare la funzionalità di Chromecast receiver?

KenZen

Di che stiamo parlando?
Saluti

Account Anniversario

E del WiFi AC che te ne fai?

acitre

C'è l'app volumio sul play store (io l'ho comprata per aiutare gli sviluppatori) ma puoi usare anche l'interfaccia web del dispositivo che si adatta allo smartphone perfettamente ed è identica ad un app nativa.

Loris Piasit Sambinelli

e che te ne fai di banda in più?

Scrofalo

Grazie della dritta mi sono guardato il video e mi è venuta voglia di costruirlo. Una domanda: lo si comanda solo da un PC o per esempio anche da smartphone?

Account Anniversario

WiFi AC e ETH 10/100. Logico...

Ansem The Seeker Of Darkness

Ma senza DAC cosa ha di speciale rispetto ad una qualsiasi sorgente digitale che abbia come uscita un cavo ottico o una hdmi?

Federico

Una Raspberry non costa 54 euro, visto che devi comunque aggiungere un contenitore decente, un alimentatore ed uno Storage.
Difatti ha detto di averne spesi 100, prezzo al quale acquisti tutti i mini PC che vuoi.

Federico

Sono tra quelli che negli impianti musicali ha speso molto.
Non follie a cinque zeri, ma comunque diverse migliaia di euro, quindi conosco sia i prezzi che le tipologie di componenti.
Il mio DAC con sorgenti di clock termostabilizzate non è costato una follia solo perché l'ho preso come componente grezzo da inscatolare ed alimentare, se fosse stato un prodotto finito avrebbe sicuramente passato i mille euro.

Luca Bonora

No... dai... Primare è azienda daprodotti a 4 cifre di solito...
Io dico che con 200-400 ci si può fare la sorgente, da streamer a mini pc fanless. Poi dopo un dac discreto o direttamente un ampli con dac (dai 600 ai 1200...). Prodotti buoni non sono economici, senza arrivare alle follie audiofile...

uncletoma

54 euro un minipc? :)

uncletoma

Ottimo, grazie :)

Federico

Solo perché ha voluto farlo con una Raspberry, altrimenti con la stessa cifra avrebbe potuto acquistare un mini PC, collegare la spina e farlo funzionare.
500 senza neanche un DAC a bordo sono veramente tanti.

acitre

Capisco ed anche io ormai ho poco tempo... Comunque non proponevo quello che ho fatto io come alternativa a questo prodotto ma come metro di paragone del prezzo. Senza neanche un dac, anche aggiungendo tutto il "fai da te" e le porte come di arrivi a 500 carte?

P. S. Suona praticamente come un lettore da 900 carte e spendi 54 euro.

https:// youtu. be/mifiw8tXCi0

uncletoma

Ok, niente saldatore, ma tu sai come farlo, come installare l'OS (se manca), mettere il DAC, eccetera.
Un tempo io non avrei avuto timori a farlo, ma ora, boh, la mancanza di tempo, eccetera.
Però se mi passi i link ci butto un occhio ;)
(ma legge anche i file presenti sul PC via WiFi?)

Maxxi

Non avevo idea

acitre

Si, me lo sono costruito, ma niente saldatore. È una schedina ad incastro e un case con 4 viti.

Capisco lo "zero sbatta", avrei capito se avesse avuto un dac integrato, ma così no dai è davvero troppo!

uncletoma

La differenza: tu te lo sei costruito, hai usato un saldatore, ti piace i DIY. Poi ci siamo noi "zero sbatta" (tra parentesi il NP5 non è un granché, è sovraprezzato come tutto ciò che in Italia è distribuito da Audiogamma)

acitre

http://it. Wikipedia. org/wiki/Musica_liquida?wprov=sfla1

acitre

Io mi sono fatto un lettore + dac con un raspberry, una scheda dedicata e volumio come software con meno di 100 euro. Capisco che questo abbia un sacco di porte ma non ha neanche un dac.... 500 carte per cosa?

Maxxi
Ansem The Seeker Of Darkness

Non ho chiaro cosa generi un costo così alto. Non ha un dac integrato, quindi non fa molto di più di quello che farebbe un banale chromecast audio o un qualsiasi dispositivo dotato di uscita digitale.

Federico

In effetti con 500€ ci si comprano un mini PC con il quale fare tutto lo streaming che si desidera ed un DAC di alta fascia, mentre questo il DAC nemmeno lo ha... non mi sembra affatto conveniente.

Nicola Buriani

Considera che comunque non ha un DAC quindi va per forza di cose abbinato ad un prodotto che ne faccia le veci.

Luca Bonora

un prodotto Primare 500 euro? Ho capito... è un Smsl rimarchiato :D

Federico

Recensione Huawei Freebuds 3: ho sostituito le Airpods dopo 2 anni

DJI Mavic Mini ufficiale: pesa solo 249 grammi, prezzi da 399 euro

Recensione PowerBeats Pro: gli Apple AirPods per gli sportivi

Canon PowerShot G7 X Mark III: come va la compattina per gli YouTuber | Recensione