Huawei MateView, MatePad 11 e MateBook 14, una sola anima con Harmony OS

09 Agosto 2021 92

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Come ben sappiamo gli ultimi due anni in casa Huawei sono stati abbastanza travagliati e difficoltosi ma l'azienda non si è assolutamente arresa e ha continuato a lavorare per poter tornare ai vertici del mercato della tecnologia globale. Con quote al ribasso per quanto riguarda il settore smartphone il colosso cinese ha dovuto, almeno per il momento, spostare la propria attenzione e le proprie forze su altre categorie di prodotto e su di un nuovo sistema operativo: Harmony OS, già in versione 2.0.

I primi dispositivi ad integrare il nuovo OS sono stati alcuni indossabili che abbiamo provato nei mesi scorsi; a seguire ecco il primo tablet, Matepad 11, che sarà certamente seguito nei prossimi mesi da tanti altri prodotti. Tutto legato in quell'ecosistema che Huawei aveva già iniziato a costruire prima delle vicissitudini avverse e che ora sta riportando alla luce aggiungendo nuovi strumenti come i display MateView e MateView GT. Due prodotti destinati ad un pubblico differente ma che si integrano alla perfezione con le altre soluzioni dell'azienda permettendo un'interazione davvero smart. E proprio di questa interazione e di quelli che sono i vantaggi che si ottengono grazie ad essa voglio parlarvi nelle prossime righe.

IL DISPLAY

Comincio spendendo due parole riguardo al nuovo MateView che, da subito, si mostra come un prodotto decisamente interessante. Design estremamente curato, struttura realizzata interamente in alluminio e l'impressione di avere a che fare con un prodotto davvero solido, sono solo alcune delle caratteristiche che lo rendono uno dei monitor più eleganti che io abbia visto. Mi piace davvero tanto il modo in cui sono stati inseriti gli speaker nel piedistallo e anche il posizionamento di alcuni connettori sul lato dello stesso, certamente più pratici e accessibili rispetto a quelli sul retro.

Caratteristiche fisiche a parte il nuovo MateView è un prodotto di livello anche in termini di specifiche. Abbiamo infatti un pannello 4K da 28.2 pollici in formato 3:2 con risoluzione 3840x2560 pixel e refresh rate di 60Hz. Tutto racchiuso in uno spessore di soli 12 mm che lo rende anche uno dei più compatti del settore. Il pannello giunge ovviamente pre-calibrato in fabbrica e risponde alla certificazione VESA DisplayHDR 400.


Una pre-calibrazione che consente anche di ottenere una copertura completa dello standard sRGB e del 99% per lo spazio colore DCI-P3. Huawei dichiara poi anche dei Delta E inferiori a 1 per quanto concerne la scala colori nello standard sRGB. Si sta quindi parlando di un display che può essere utilizzato anche per operazioni che richiedono una elevata fedeltà dal punto di vista della riproduzione dei colori.

Come dicevo prima, le porte in ingresso e in uscita sono posizionate in parte sul retro e in parte sul fianco destro del piedistallo del monitor. Nello specifico parliamo di due USB-C, due USB-A, una HDMI, una Mini DisplayPort e jack audio da 3.5 mm. Gli speaker integrati sono due, così come i microfoni, e sono in grado di erogare 5W ciascuno. Il connettore per l'alimentazione, infine, è proprietario ed è posizionato sul retro insieme alle altre porte. Non dobbiamo poi dimenticare la disponibilità della connessione Bluetooth e WiFi.

DA DISPLAY A HUB MULTIMEDIALE

La vera caratteristica speciale di questo prodotto è la sua capacità di interagire con gli altri dispositivi dell'ecosistema e in questo modo semplificare le operazioni di collegamento e comunicazione tra gli elementi. Partiamo dal fatto che, grazie alla connettività Bluetooth o WiFi ma anche alla disponibilità dei connettori fisici sul lato del piedistallo, possiamo collegare direttamente al nostro monitor le principali periferiche come mouse e tastiere. Periferiche che poi funzioneranno con qualsiasi dispositivo connettiamo al display senza doverle disconnettere e riconnettere ripetutamente.

Potete quindi cambiare la sorgente, passare dal tablet al notebook oppure sostituire il vostro notebook con quello di un collega ma non dovrete toccare mouse e tastiera che resteranno comunque sempre attivi e utilizzabili perché connessi direttamente al monitor. Può sembrare una funzione poco utile, ma vi assicuro che dopo qualche istante di utilizzo vi chiederete per quale motivo non funzionino così tutti i display che avete utilizzato fino ad ora.


Per poter far funzionare tutto questo il nuovo MateView è dotato di un vero e proprio sistema operativo grazie a cui è possibile gestire le varie connessioni, alle sorgenti come alle periferiche, oltre che agire su alcune impostazioni più classiche come la gestione dei profili colore e dei parametri legati alla riproduzione delle immagini. Il tutto è navigabile sfruttando il mouse oppure tramite una barra touch posizionata lungo la cornice alla base del pannello. Scorrendo a destra e sinistra ci si muove nei menu, un singolo tap seleziona l'elemento evidenziato, mentre il doppio tap ci riporta alla schermata precedente.

UNO, DUE O TRE DISPLAY

Ed eccoci a parlare della gestione delle diverse sorgenti e di come Huawei ha pensato l'interazione tra i diversi elementi dell'ecosistema.

Comincio parlandovi della connessione al notebook, nel nostro caso un MateBook 14 del 2020. Nulla di più semplice e classico, basta collegare il notebook al display tramite una USB-C e decidere se duplicare l'immagine, estendere il desktop oppure se utilizzare solo il secondo schermo e quindi spegnere quello del portatile. La particolarità, come già detto in precedenza, è il fatto che mouse e tastiera sono collegati direttamente al display ma controllano il notebook come se fossero collegati direttamente ad esso, senza il minimo ritardo.


La connessione al notebook funziona via cavo ma potete anche decidere di proiettare lo schermo wireless con l'apposita funzione di Windows. Allo stesso modo potete collegare anche il tablet, nel nostro caso un MatePad 11. Connesso via Wireless al monitor l'interfaccia del tablet verrà riprodotta sullo schermo e potrete interagire con il sistema utilizzando sempre i soliti mouse e tastiera collegati direttamene al display.

Le modalità d'uso più interessanti e "insolite" sono però quelle che vi vado ad illustrare ora. La prima è quella che vi consente di utilizzare il display del tablet, il MateView e il notebook in contemporanea. Per poter sfruttare questa funzione occorre collegare i dispositivi con un ordine ben preciso, a partire dal notebook. Una volta connesso il vostro portatile dovrete avviare il programma Huawei PC Manager e attivare l'opzione di connessione wireless al tablet (al momento funziona solo con i Matepad dotati di Harmony OS).


Fatto ciò vi troverete con la stessa immagine riprodotta su tutti e tre i dispositivi ma potete anche decidere, tramite le impostazioni del notebook, di estendere il desktop in modo da avere due ulteriori spazi di lavoro all'interno dei quali posizionare le vostre finestre e i vostri programmi.

Infine, sempre tramite il PC Manager, potete attivare la modalità collabora. In cosa consiste? Parliamo di un'impostazione d'uso che vi permetterà di collegare tablet e notebook e di trasferire i file tra i due con un semplice drag and drop. Una volta attivata la modalità Collabora, sempre utilizzando il mouse connesso al MateView, possiamo infatti selezionare dei file sul nostro tablet e trascinarli direttamente sullo schermo del notebook per trasferirli da un dispositivo all'altro. Una possibilità valida per foto, video, documenti, musica, insomma, un po' tutto quello che vi passa per la testa.

NON SOLO UN DISPLAY

Tirando le somme possiamo quindi dire che questo Huawei MateView non è assolutamente un semplice display, anche se può funzionare certamente come tale. Il lavoro svolto dall'azienda ci consente infatti di portare sulla scrivania un vero e proprio hub al quale collegare tutti i nostri dispositivi per un utilizzo senza soluzione di continuità. Un prodotto polivalente, grazie a cui prende ancora più valore il concetto di ecosistema espresso più volte da Huawei e assolutamente non abbandonato di fronte alle evidenti difficoltà.

Per chi fosse interessato MateView può già essere acquistato e vi segnaliamo che di recente è stato anche in offerta a 499 euro, già 200 in meno rispetto ai 699 del listino. Ed è giusto ricordare che al di là delle funzioni smart presentate qui sopra si tratta di un display validissimo e dotato di caratteristiche tecniche che da sole potrebbero valere il prezzo. Resta quindi un display da prendere in considerazione a prescindere e che viene ulteriormente arricchito da questi strumenti certamente utili e per nulla comuni.

MATEVIEW - LA SCHEDA TECNICA
  • Tecnologia pannello: IPS1
  • Risoluzione: 3.840 x 2.560 pixel, formato 3:2
  • Diagonale di 28,2"
  • Refresh massimo: 60 Hz
  • Colori: 98% DCI-P3, 100% sRGB, calibrazione di fabbrica che promette delta E in sRGB inferiore a 2
  • Spessore: 12 mm
  • Certificazione VESA DisplayHDR 400
  • Luminosità massima: 500 nit
  • Porte: 2x USB-C, 2x USB-A, 1x HDMI, 1x Mini-DP e 1x jack audio
  • Due speaker da 5 W l'uno, due microfoni
VIDEO

Il TOP di gamma più piccolo? Samsung Galaxy S21, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 698 euro oppure da ePrice a 750 euro.

92

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Vincenzo Vicinanza

Assolutamente non lo riprenderei più (andrà alla consorte o lo venderò quando opterò per altro).
Samsung a mio avviso sta campando solo di blasone oramai.
Preso perchè con S8 proprio non andava più tra schermo rosa, batteria esausta e soprattutto il desiderio di partire per le vacanze portandomi dietro uno smartphone pari se non superiore al P40 PRO PLUS preso lo scorso anno a fine luglio (poi reso ad Amazon)
Ebbene non potendo mettere le mani su xiaomi 11 ultra (irrepreribile dalle mie parti e troppo tardi per farmelo arrivare dalla cina prima di partire) e P50 PRO ho dovuto ripiegare su un S21 ULTRA trovato usato di 5 giorni nella versione da 16gb.
Ebbene:
1)sono ritornato ad essere schiavo del caricabatteria.....accessorio DIMENTICATO nel quotidiano con il P30 PRO e successivo P40 PRO PLUS.
2) 25 watt di ricarica INDECENTE.
Se non mi dai una buon autonomia almeno dammi la tecnologia per ricaricarlo in breve tempo li quando ti serve l'urgenza...macchè. 25 Watt ed una lentezza disarmante.
P30 Pro (da 40watt) passato a mia moglie sembra un Ferrari al confronto (parliamo di uno smatphone del 2019);
3) ricezione telefonica assolutamente inferiore nelle zone critiche...ed in queste zone critiche se perdi il segnale Adiosss....c' e' vo la mano del Signore per riprenderla;
4) ricezione WI FI ha dell'incredibile. Scoperta di oggi.
Stessa spiaggia, stesso ombrellone a distanza di 1 metro l'uno dall'altro il P30 PRO trovava 17 connessioni WI FI ...mentre S21 Ultra solo 4 ed ovviamente non quella di cui disponevo potevo disporre della password. ASSURDO
5) comparto Fotografico.
5.1) in condizioni di luce ottimale ...buona resa della Wide e Superwide.
5.2) Zoom fisso del 3x e del 10 x buoni. Le vie di mezzo 2.1....10.1 ecc solo pasticcio
6) Effetto Boken assolutamente inferiore al p40 pro plus.
Lag nello scatto.
Cioè tu scatti una foto a tua figlia a mare che solitamente è un soggetto non "Ottimale" per il punta e scatta.
Ebbene ...Scatti ma non ti ritrovi ciò che hai visto allo scatto ma quelqualcosa non voluto di un istante successivo .....Mha
7) in Condizioni di luce non ottimali la superwide fa quasi schifo
Lasciamo stare ......
8) ottima stabilizzazione dei video.
Per intenderci s21 ultra che ho acquistato non presenta danni ed è aggionato all'ultima Release disponibile.
Detto ciò .....credo che aspetto Evoluzione della Serie P50 (Plus..).
Diversamente al momento su carta andrei su Xiamo 11 Ultra o Magic 3 Pro Plus che sono sicuro uscirà già ben otimizzato visti i pregressi con Huawei.

Fabrizio

Ti stai trovando molto male con. S21 ultra?

Vincenzo Vicinanza

Più che complicato direi scocciante e poco funzionale.
A giugno 2021 pensa per la prima volta in 12 anni si sono fregati 65 euro dal conto e meno male solo 65 euro.
Morale grazie alla notifica immediata di bonifico in uscita ho scoperto subito la cosa e bloccato subito la carta evitando altre operazioni illecite.
Con il P40 PRO PLUS non mi sarei accorto di nulla sin quando non mi sarei ritrovato ad entrare in app...
0uesto è.
Non appena troverò ( ma la speranza è vana) almeno le app di poste italiane in app Gallery ritornerò a Huawei magari prendendo il P50 Pro ( sperando esca il plus).
Diversamente Honor Magic 3 Pro plus.
Di sicuro mi devo togliere sta ciofeca di S21 ultra da cui sto scrivendo.

Fabrizio

Si, purtroppo queste limitazioni esistono perché tutt'ora, seppure lo store sia cresciuto tanto, vi sono ancora varie app che non sono ancora presenti e la compatibilità non è sempre perfetta. Io non uso tutte le stesse app e quelle volte che sto facendo un operazione dalla app bancoposta entro direttamente nella cartella delle notifiche per dare la conferma al servizio seppur non arrivi la segnalazione di notifica perché so che arriva il messaggio di attivazione autorizzazione, quindi per me non è un grosso problema, certo è vero che comunque varie app seppur reperire da altri store non hanno la compatibilità perfetta. Gli HMS stanno via via sopperendo, ad esempio delle app sono passate dal dare problemi ad essere pienamente compatibili, però capisco bene che per chi non ne faccia un uso base ed utilizzi app con svariate funzioni divento troppo complicato ed ingestibile

Vincenzo Vicinanza

Non sono assolutamente la stessa cosa.

Vincenzo Vicinanza

La suite nativa di app di Poste Italiane non esiste a distanza di 2 ANNI dal Ban in AppGallery.
Questo è un dato oggettivo ed inaccettabile se si pensa che Poste Italiane S.p.A. è la società più capillarmente distribuita sul territorio italiano.
1) Banco Posta lo devi reperire si altri store.
L'applicazione funziona ma mancano le notifiche di operazioni in entrata ed in uscita.
Hai voglia a dire fare...ma se non hai queste info non ha senso.
2) Spid....una chimera.
Lasciamo stare le quickup da PREISTORIA.
Chi usa lo Spid di Poste come me sa bene che interagisce all'unisono con Postepay e Banco Posta.
Insomma adoro i top di gamma Huawei ...ma queste carenze unite alla mancanza di altre applicazioni ( che anche se reperite altrove non funzionano vedi Babolat Piq) o al funzionamento Castrato di altre ( vedi mancanza di notifiche dell' app Netgear di Arlo Pro 2) mi hanno portato a restituire a malincuore il P40 PRO PLUS.

Alessandro Cavalieri

RAVENNA

Martozzo

ahah mazza che simpatico

Martozzo

Sarei interessato, di dove sei?

Fabrizio

Si si, non è stata segnalata incompatibilità da Petal Search, conferma. Magari la provo per fare un test.

ermete74

Grazie gentilissimo.
A scanso di equivoci è questo https://play.google.com/store/apps/details?id=com.microsoft.rdc.androidx&hl=it&gl=US

Fabrizio

Ho dato uno sguardo e quella app non è presente su app gallery, cercandola con Petal Search non appare il messaggio di possibile incompatibilità che appare per alcune altre app, quindi dovrebbe funzionare.

ermete74

Ma quindi mi stai dicendo che alcune app che non sono sviluppate per app gallery ma per il play store funzionano tranquillamente?
Sai se funziona Remote Desktop di Microsoft?

Fabrizio

Ci sono sempre più app bancarie su app gallery, quindi fatte apposta per funzionare completamente con gli hms. Banca Sella, Unicredit, banca credito cooperativo, Ubibanca, Intesa SanPaolo, MPS, Mediolanum, Generali, webanca.... Ce ne sono tantissime. Anche banche minori. Per quanto riguarda le app delle poste che invece non sono presenti su App Gallery, probabilmente girano perché comunque il sistema operativo è pur sempre Android anche se Aosp e gli hms sopperiscono abbastanza. Ho installato anche altre app di altro genere fuori da app gallery e funzionano.

TLC 2.0

Ma infatti questo è uno dei motivi per cui non compro monitor che non abbiano attacco Vesa. E' essenziale per me, visto che uso il braccio multimonitor su ogni scrivania in mio possesso.

ermete74

Scusami ma solo queste 2 app funzionano senza i gms, mentre le altre app per le banche li utilizzano?
Com'è possibile?
Forse sono quelle compatibili con harmoni os?

Masnia

https://www.corriere.it/esteri/21_agosto_10/canadese-condannato-morte-cina-sentenza-66e84d84-f9b6-11eb-8ca9-234c5a5d119d.shtml

salvatore esposito

praticamente tutte reperibili sul loro sito a meno di poste che però ha webapp

Andrea Scorpio

mmm, il monitor non è male ma è decisamente over prezzato, la mancanza di webcam o di supporto vesa è una grave mancanza su un prodotto di fascia alta come questo, l'idea del collegamento diretto mouse / tastiera è valida ma è male implementata visto che il collegamento è sulla base e quindi niente supporto Vesa.. la cosa peraltro è già presente da quasi 10 anni sui monitor Dell con hub usb integrato che commuta in automatico in funzione della sorgente quindi... pollice in giù

Ma fanboy de che?
Già solo non avere Google è un handicap di per sé, poi molte app mancano e devi andare per forza per vie traverse: IO, immuni, Poste, molte app delle Università, le app social e chat americane, Trenitalia, PlayStation, le app delle macchine fotografiche di Canon, Nikon e Sony, le app di molti negozi (Ikea, Leroy Merlin, Decathlon ecc.), e potrei andare ancora avanti.
Non avere il Play Store è un disagio, poco da fare.

Samuele Capacci

No no, confermo pure io. Certo non è che uno ci muore quando torna al 60hz, ma la differenza c'è e si vede

Andredory

Come fai ad attaccarlo alla parete se casse e porte sono nella base?

Orano

Ma per favore, classico bias di conferma

Rettore Università di Disqus

400 euro per un core i3 che audacia

Facorzep

È evidente che non hai mai usato un monitor da minimo 120Hz. Questo refresh è estremamente appagante SOPRATTUTTO nella navigazione web (scorrimento pagine), trascinamento delle finestre e movimento del puntatore su schermo. Una volta provato non si può più tornare indietro. A soli 60Hz si muove tutto a scatti.

pol206

personalmente quando passo a un 60hz da uno dei miei 144 o 165hz, trovo molto fastidioso anche solo usare windows. magari sono io che sono sensibile.

Alessandro Cavalieri

Vuoi un Mac mini i5 2018 16GB in garanzia ancora x un anno a 550€?

TLC 2.0

Esteticamente è stupendo, per carità. Ma io personalmente ho un dogma: no attacco Vesa? No party, mi dispiace.

Mr. Robot

Tanta qualità ma sono sempre 600€ per un display.
Io la penso sempre al risparmio e te la cavi in fretta con un semplice monitor di terze parti.
La vedo un po' una integrazione forzata: sicuramente molto comodo il tutto ma si parla sempre di tanti soldi per poca comodità in più.

piero

si ma basic è un linguaggio old

piero

testa di cittadinanza?

Orano

Stica però in effetti un minimo di obiettività ci vorrebbe, se no andiamo tutti ad informarci guardando spot pubblicitari e facciamo prima

Simone

Ovviamente sì

Andredory

Almeno sono prodotti di qualità, sempre meglio che essere pagati per sponsorizzare roba di scarsa qualità.

Andredory

Non è pensato per il gaming, che te ne fai dei 144hz?

jose manu

Fai cosi fidati. Resetta lo smartphone. Alla prima accensione non impostare nulla di google, scarica da browser l'apk di AppGallery di huawei. Scarica tutto ciò che ti serve da lì, se trovi c'è, se non trovi non c'è

LuiD

No.

daniele g

60hz, no webcam, dipende per 499.

Alexornot

Spettacolare... Grande Huawei, mi ha fatto venir voglia di cambiare monitor che uso a lavoro...

skyeurope

TdC

Opera_OA

Ok troll

skyeurope

Sicuramente più di te

Marck32

Dispositivo interessante. Praticamente impossibile attaccarlo a parete visto che la base ha tutti i vari collegamenti. Tra l`altro, peccato non integri una webcam

Martozzo

Uso molto basic, il massimo sarebbe fotoritocco leggero

Fabrizio

Peró BancoPosta e Postepay funzionano anche senza i gms. Le uniche funzioni che non vengono eseguite per la mancanza di gms sono trova ufficio postale e pagamento con nfc. Tutti gli altri servizi e tipi di pagamenti funzionano.

Opera_OA

Tu sì che hai capito tutto.

skyeurope

Tutti vengono pagati, tu no? Vai a scuola o hai il RDC

Ok_76

Dispositivi da valutare.

Brogli

Per cosa hai intenzione di usarlo?

Opera_OA

Certo che Huawei vi paga proprio bene

Tecnologia

Inspiration4: la missione termina con l'ammaraggio, è un successo | Video

Android

Samsung One UI 4 con Android 12: vi mostriamo la beta per i Galaxy S21 | VIDEO

HDMotori.it

Citroen C3 Aircross 2021: piccola ma pratica, nuova ma sente il peso degli anni

Alta definizione

Recensione GoPro Hero 10 Black, nuovo processore e stabilizzazione TOP!