Recensione Kindle Paperwhite 2021, un gran tascabile con USB-C | VIDEO

23 Novembre 2021 104

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Abbandonare la carta in favore del formato elettronico. Una scelta di lettura, ma anche un po' di vita, che molti hanno sposato da tempo ma che molti altri ancora osteggiano. Eppure l'offerta del comparto degli e-Book Reader è ghiotta e le aziende del tech si battono a suon di nuove uscite, cavalcando il trend positivo del digitale.

Non manca all'appello Amazon, a capo del settore da oltre un decennio, che ha da poco allargato la famiglia degli e-Reader con l'undicesima versione di uno dei suoi prodotti di punta, il Kindle Paperwhite. A poche settimane dal lancio, il dispositivo ha già ottenuto il consenso non solo degli habitué della lettura elettronica, ma anche dei neofiti, rivelando importanti migliorie rispetto al modello di decima generazione lanciato nel 2018 (QUI la nostra recensione) e presentandosi addirittura in due versioni differenti: il modello base da 8GB e la Signature Edition da 32GB.

Metto le mani avanti: sul tema della lettura digitale ho sempre militato tra i dissidenti, con una giusta porzione di attaccamento al passato e una particolare venerazione per la tangibilità - e il profumo - della carta stampata. Ma quando sul mercato arrivano dispositivi come l'ultimo lanciato dal colosso di Seattle, anche il romanticismo vacilla di fronte a tanta portabilità, comodità e leggerezza.

Prima di raccontarvi la mia esperienza in compagnia della versione base del Kindle Paperwhite 2021 per circa un mese, un piccolo avvertimento: la fedeltà ai libri cartacei potrebbe essere pericolosamente minata da questo oggetto.

SCHEDA TECNICA
  • Schermo da 6,8'' con luce integrata, 330 ppi, tecnologia ottimizzata per la riproduzione dei caratteri, 16 livelli di grigio
  • Dimensioni: 174 x 125 x 8,1 mm
  • Peso: 205 g
  • Memoria: 8 GB
  • Batteria: durata fino a 10 settimane con una sola carica (leggendo mezz'ora al giorno con wireless disattivato e luminosità impostata sul livello 13).
  • Ricarica completa in circa 5 ore se collegato alla porta USB di un computer, in meno di 2,5 ore usando un caricatore USB da 9 W
  • Resistenza all'acqua: testato per resistere all'immersione in acqua dolce fino a 60 minuti a una profondità massima di 2 metri
  • Colori disponibili: Nero

DESIGN E MATERIALI

Il primo pensiero che salta alla mente osservando il nuovo Kindle Paperwhite è che ci si trova di fronte un prodotto esteticamente più gradevole rispetto ai suoi predecessori. Lo schermo a filo delimitato da una cornice più sottile (di cui parlerò nel prossimo paragrafo), la scocca in plastica gommata di colore nero (l'unico disponibile), l'assenza di tasti oltre al pulsante d'accensione rendono il design essenziale e pulito, forse un po' severo ma pur sempre elegante. Unica nota dolente, i materiali utilizzati: lodevole l'indole ecologica del dispositivo - il 60% della plastica utilizzata per la sua realizzazione è riciclata post-consumo -, però il retro si graffia, e soprattutto sporca, davvero facilmente. Consiglio, quindi, di proteggerlo con una cover, soprattutto se si ritrova spesso in mezzo a chiavi e oggetti contundenti.

Con il nuovo Kindle Paperwhite arriva finalmente la porta USB-C, che sostituisce l'ingresso microUSB degli altri modelli e permette un suo eventuale collegamento a un PC o un Mac per il trasferimento di libri o documenti, ma soprattutto l'utilizzo degli stessi cavi della maggior parte dei dispositivi in circolazione.

E se Amazon puntava a renderlo sempre più simile a un libro vero, con le nuove dimensioni (174 x 125 x 8,1 mm) ci è quasi riuscita: la superficie di lettura del nuovo Paperwhite è praticamente identica alla pagina di un tascabile. Peso e spessore sono, dal mio punto di vista, equilibrati: il Paperwhite non entrerà nella tasca dei jeans, d'accordo, ma è comodo da impugnare e non affatica il polso durante la lettura.

PLAUSO ALLO SCHERMO

Lo schermo merita un approfondimento a parte. Quello dell'undicesima generazione di Kindle, da 6,8 pollici (contro i 6 della versione precedente) è il più ampio mai realizzato, e anche il più luminoso (circa il 10% in più rispetto al modello precedente): si tratta di un pannello antiriflesso con tecnologia e-ink e risoluzione da 300ppi, una tecnologia dei caratteri migliorata e 16 tonalità di grigio.

Un'altra caratteristica del nuovo Kindle, finora presente solo sul top di gamma (il Kindle Oasis, che in passato abbiamo recensito) è la regolazione della luminosità: adesso non solo è possibile regolare l'intensità della luce dello schermo, ma anche la sua tonalità, spaziando tra più gradazioni di bianco in un ampio spettro di toni freddi e caldi irradiati da 17 luci LED. Le nuance più ambrate, in particolare, rendono la lettura piacevole e rilassante e ricordano il bagliore delle vecchie abat-jour da comodino. Dopo sessioni prolungate di lettura, non ho infatti mai avvertito fastidio agli occhi. La resa inoltre è ottima in qualsiasi condizione di luminosità, sia sotto al sole in pieno giorno, sia nell'oscurità notturna.

Il miglioramento hardware promesso dall'azienda riguarda anche le frequenze di aggiornamento dello schermo, che adesso sono più rapide del 20%. Un dato non verificabile con esattezza, ma constatabile a "occhio nudo": la velocità operativa è evidente, lo scorrimento delle pagine è fluido e naturale, i lag sono molto meno frequenti.

NUOVA INTERFACCIA

Contestualmente al lancio dei nuovi modelli, Amazon ha aggiornato il software e cambiato volto all'interfaccia utente, che è stata rinnovata per semplificare ulteriormente l'esperienza di navigazione e di lettura.

Con il nuovo menu si può passare facilmente dalla schermata iniziale alla libreria o tornare al libro che si sta leggendo in modo intuitivo ed è possibile accedere alla tendina delle Impostazioni con un tocco in qualsiasi punto dello schermo, che però a volte però risulta a mio avviso poco ricettivo.

La nuova libreria ha inediti filtri e classificazioni, una nuova interfaccia "Raccolte" e una barra di scorrimento. Migliorata anche la modalità di configurazione del dispositivo dall'app Kindle (per iOS e Android), che condivide le informazioni di accesso dallo smartphone tramite Bluetooth e ci risparmia quindi l'ostico inserimento manuale delle credenziali dallo schermo e-ink.

Rimane invariata la possibilità di cambiare la dimensione dei caratteri e lo spessore del grassetto per personalizzare ancora di più la lettura, così come molte delle funzionalità già viste nei suoi predecessori, come Whispersync (che sincronizza le informazioni sull'ultima pagina letta, i segnalibri, le annotazioni su tutti i dispositivi e le app), le copertine dei libri sulla schermata di blocco, Word Wise - ovvero lo strumento che permette di visualizzare il significato delle parole in inglese - ma anche la tecnologia assistiva per l'accesso a dispositivi e applicazioni.

Nel complesso, il risultato è una fruibilità più intuitiva e lineare, complice anche la maggior reattività del dispositivo.

AUTONOMIA, RICARICA E CONNETTIVITÀ

Il bello degli e-reader è senza dubbio la durata della batteria: nel caso del nuovo Kindle Paperwhite, Amazon promette 10 settimane di autonomia leggendo mezz'ora al giorno con Wireless disattivato e luminosità impostata sul livello 13. In realtà, con un normale utilizzo del dispositivo - che prevede un tempo di lettura più lungo e una luminosità del display più alta - l'autonomia si accorcia, ma resta pur sempre una durata molto elevata. I consumi variano in ogni caso in base alle abitudini e alle preferenze di ogni lettore, oltre che alle condizioni di luminosità dell'ambiente in cui si legge. Quanto ai tempi di ricarica, una carica completa del dispositivo richiede circa due ore e mezza utilizzando un caricatore da 9W, che diventano cinque se il Kindle viene collegato alla porta USB di un computer.

Passando alla connettività, il nuovo Paperwhite è dotato di WiFi dual band per una maggior stabilità della rete quando necessaria, ma non dispone di Bluetooth.

KINDLE SIGNATURE EDITION

Come accennato in apertura, sono due le nuove versioni di Kindle Paperwhite disponibili: oltre al modello base che ho testato io, esiste anche un'edizione "speciale" chiamata Signature Edition che offre qualche chicca in più.

Una di queste è la luce frontale con sensore auto-regolante che adatta automaticamente la luminosità dello schermo alle condizioni di luce. Un'altra è la ricarica wireless: questa versione è infatti compatibile con qualsiasi caricatore wireless conforme allo standard Qi; un aspetto innovativo, essendo il primo Kindle a disporne, ma non così fondamentale vista l'ottima autonomia e la conseguenza esigenza sporadica di ricarica. Ultimo ma non meno importante lo spazio di archiviazione, che in questa versione ammonta a 32GB.

CONSIDERAZIONI E PREZZO

A poche settimane dal lancio, il Kindle Paperwhite 2021 concorre al titolo di nuovo caposaldo del mercato degli e-reader. Ho particolarmente apprezzato le dimensioni del pannello, la sottigliezza della cornice, per niente invasiva e limitante, la regolazione della tonalità della luce e la rapidità di scorrimento delle pagine, che avviene senza intoppi. Quest'ultima è a mio avviso il vero punto di forza di questo prodotto, che lo differenzia nettamente dai modelli precedenti, spesso ancora lenti e incespicanti nel passaggio. Graditissima anche la sua resistenza all'acqua (il Kindle è certificato IPX8) che ci permette di utilizzarlo nella vasca da bagno senza temere immersioni accidentali, un po' meno la facilità con cui avviene lo sblocco involontario dello schermo, soprattutto quando si trova in borsa o nello zaino.

E poi c'è il nodo dei tasti: dal mio punto di vista, l'assenza dei due pulsanti per il cambio pagina e la gestione funzionale, presenti invece sul Kindle Oasis, incide sull'ergonomia e sul controllo del dispositivo ma non è una lacuna così imperdonabile. Molti lettori, però, la pensano diversamente e si aspettavano che su questo nuovo modello di fascia media arrivasse l'alternativa fisica al touch. Poco male.

Quanto al prezzo di listino, la versione con pubblicità del Kindle Paperwhite 2021 (quella con salvaschermo sponsorizzato) è di 139,99 euro, mentre il modello senza pubblicità ammonta a una decina di euro in più. Un costo tutto sommato accessibile e in linea con le funzionalità e il posizionamento di un prodotto di tale portata, soggetto peraltro a molte oscillazioni soprattutto in periodo di Black Friday (da tenere in considerazione anche come regalo di Natale).

Discorso diverso per il Signature Edition, che costa 189,99 euro, circa cento euro in meno rispetto al top di gamma. Abbastanza alto, considerando che le migliorie aggiuntive non sono così rivoluzionarie.

In conclusione, inutile negarlo: il mio primo, grande amore rimarranno a vita i libri cartacei, ma devo riconoscere che questo nuovo modello Kindle sia un "tenero amante" cui appellarsi nei momenti in cui si necessita di maggior comodità. E che potrebbe convincermi a passare sempre da lui, prima di decidere quali volumi accogliere nella libreria di casa.

USB-CREGOLAZIONE DELLA TONALITÀ DELLA LUCEDISPLAY AMPIO CON CORNICI SOTTILIRAPIDITÀ DI SCORRIMENTO DELLE PAGINERESISTENZA ALL'ACQUA
NIENTE TASTI, MA È SOGGETTIVOLA SCOCCA CATTURA IMPRONTE E SEGNILO SCHERMO SI SBLOCCA TROPPO FACILMENTE (quando non richiesto)
VIDEO


104

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Sara Veneziano

Calibre e li legge

Polonio

Più o meno ogni quanti anni viene rinnovato un modello? Sarei tentato dal Kindle base ma ho visto che è uscito nel 2019, non vorrei a breve uscisse un modello nuovo (magari più risoluto).

Jaws 19
Antsm90

Ah vabbè, se parli di miglioramento per forza, è ancora più grosso :p

Artemis DeWitt

Puoi anche convertirlo dal formato Amazon a epub. Insomma scarichi Calibre e se hai voglia puoi farci di tutto

KK

Senza offesa ma ci sono svariati store che vendono ePub, se si compra nel formato proprietario amazon lo si fa perché ci si trova bene con il suo software

Cuono Izzo

Questo vorrebbero. Li comprerei volentieri se li vendessero in epub

Cuono Izzo

Sì, ma non li legge. Inutile

bug_life

Il mio mi sa che l'ho comprato anche 5 anni fa e infatti non senti il bisogno di cambiarlo se non fosse per la luce integrata, però vabbè resisto finché resiste pure il Kindle, sembra fatto per andare in guerra

KK

Io anni fa per i fumetti usavo un 8.4 e quando sono passato ad un 10 e rotti ho notato un grande miglioramento (in effetti non solo manga)

Antsm90

No dai, già con 8 si leggono benissimo, anche perchè i manga cartacei più o meno han quella grandezza lì (già coi 7 però si inizia a far fatica in quei fumetti che sarebbero dovuto essere romanzi dato che c'è praticamente solo testo. Ogni riferimento ad Hunter x Hunter è puramente voluto)

Starord

in alternativa a diversi caricatori, si potrebbe usare un unico caricatore e eventualmente un adattatore (type - micro usb) per caricare i dispositivi privi di type c

AndreDNA

è vero e infatti non è di certo tra i dispositivi più fastidiosi da avere con un vecchio standard, ma fino a che anche solo uno dei dispositivi che utilizziamo abitualmente ha uno standard diverso si ha come risultato un caricatore in più per casa e da portarsi dietro quando si viaggia

Lapidusss

L'avevo capito, il fatto è che la batteria del kindle dura diversi MESI!

KK

Quindi aspetti gli aggiornamenti 6 mesi

KK

Io direi anche 10

KK
€uris5
Kilani
legge epub? no? inutile Sono incapace e non so come risolvere.

Ho corretto.

pierpaolo rossi

E' il vantaggio di non spingere troppo sull'hardware, in questo modo tutti i modelli supportano gli aggiornamenti, anche perchè Kobo da ua parte e Kindle dall'altra non campano di vendita di eraeader, ma di servizi collegati

pierpaolo rossi

Inoltre la porta USBC è meno soggetta a rotture

Cuono Izzo

quindi non legge gli epub

Confermo il supporto software sembra infinito

AndreDNA

Per avere un solo caricatore per tutti i dispositivi.

Antsm90

Cambia più di quanto pensi invece (se poi devi leggerci manga e fumetti sotto agli 8" praticamente non si può andare)

Antsm90

Un 6" è trasportabile praticamente quanto un 7"
Cambia che devi cambiare pagina meno spesso e in ogni riga rientrano frasi più lunghe (ma anche visivamente è più simile a un libro tascabile standard)

Artemis DeWitt

Se li converti con calibre si

Trizio

io maledico tutte le sere l'ingegnere che ha messo il bottone di accensione in basso,
Mentre lo reggo spesso lo spengo !!!
Dannazione ma metterlo in alto no eh?

Michele Melega

e mo' cosa c'entrano i loro servizi in abbonamento? hai un po' di confusione in testa, eh

Michele Melega

Ma epub è il formato, mica il catalogo Kobo. qua si parla di catalogo Rakuten Kobo, non di quello che puoi caricare sopra i loro ebook.

KK

Esigenze e preferenze diverse evidentemente

Giulk since 71' Reload

Lo spazio occupato e quindi la "trasportabilità"? poi che vuol dire più comodo, i caratteri sono gestibili a piacere, cosi come le dimensioni

Cuono Izzo

legge epub? no? inutile

pollopopo

morente????

herinanth

calibre lo fa senza bisogno di inserire ogni volta le email

sailand

Fra 6,8 e 7 la differenza è minima.

zanzi92

Forse per ricaricarlo con lo stesso caricabatterie degli smartphone

Antsm90

Boh, continuo a non capire il senso dei 6"
Per leggere i 7 sono estremamente più comodi

Lapidusss

Veramente avete scritto "arriva finalmente la porta USB-C"? Per fare cosa? Io il mio l'avrò collegato al PC 2 volte in tanti anni, lo sapete che si possono inviare i file al kindle dal sito s e n d e p u b t o k i n d l e. c o m ? Tutto legale ovviamente.

S Va

Io l'ho comprato e mi trovo molto bene il problema è Che ho dovuto già darne indietro due . Uno per un pixel bruciato e l'altro per un problema di ghosting allo schermo spero che il terzo sia quello buono

NULL

Con Calibre prendi il meglio di ogni catalogo - compri o noleggi gli ebook dove vuoi - e usi il lettore che più ti aggrada, senza alcun problema di sorta. Qui ci si sta fossilizzando su un problema inesistente.

massimo mondelli

Calibre

Kamgusta

Dai zio smettila i numeri parlano da soli
kobo plus ha 95.000 ebook e 4.000 audiolibri
amazon unlimited ha 20.000 ebook e 2.000 audiolibri

Dark Entries

Come si fa a dire che il catalogo amazon è il più completo? In epub c'è tutto il resto del mondo!!

Artemis DeWitt

Anche un ereader di 10 anni fa consente ancora di leggere gli ebook, la differenza sta nelle comodità che i modelli nuovi offrono (es. luce gialla, nuovo e-ink Carta 1200 che offre un contrasto maggiore, reattività e batteria migliori, impermeabilità), che sono appunto comodità.
Sono convinto che quest’anno ci sia stato il salto che ci si aspettava, tra display maggiorato e luce gialla adesso il paperwhite è diversi passi avanti anche al modello precedente.

Michele Melega

"chiunque" dice esattamente l'opposto. Kobo è indietro e di molto.

Kamgusta

chiunque legga libri digitali è d'accordo nel dire che il catalogo amazon sia penoso e quello koba molto meglio, con anche la possibilità di usare altri store digitali

Kamgusta

il libra 2 ha anche 0,2" pollici in più, un catalogo decisamente migliore e uno schermo maggiormente contrastato.
il fatto sia "asimmetrico" è perché sia pensato per usarlo in modalità landscape, cosa non possibile sul kindle - anche per questo è dotato di sensori di posizione.
il paperwhite non è costruito meglio (è una plasticata), lo è il libra 2 (con il retro zigrinato e la forma ondulata).

Michele Melega

non mi pare proprio sia morente...

Copertura 5G, a che punto siamo davvero? La nostra esperienza in città

Spotify, Apple Music e gli altri: chi vincerà sul ring dello streaming musicale?

Xiaomi 11T ufficiale con Pro, 11 Lite NE e Pad 5. PREZZI e disponibilità Italia

Internet down: migliaia di siti offline, tra cui Amazon e Twitch | Cos'è successo