Elgato Light Strip, un tocco di colore per streamer e giocatori hardcore

30 Giugno 2021 18

Il brand Elgato è oramai da qualche anno la scelta privilegiata dalla maggior parte degli streamer, professionisti e non, in cerca dell’attrezzatura necessaria per andare live su Twitch con il miglior set up possibile. Tra prodotti classici, come le schede di acquisizione (qui la recensione della 4K60S+, i microfoni e le luci, e altri magari non fondamentali, ma utili a completare la postazione, come lo Stream Deck, negli ultimi anni l’azienda di proprietà di Corsair si è sbizzarrita creando un gran numero di dispositivi diversi.

Le Elgato Light Strip rientrano nella categoria delle periferiche “extra”, un’aggiunta carina ma di certo non fondamentale che può completare una postazione dando un tocco di colore in più. La striscia di luci LED porta in dote alcune caratteristiche interessanti ma anche un prezzo importante, 59,90 euro, che le rende una scelta non adatta a tutti.

PRIMO IMPATTO E INSTALLAZIONE

Aperta la scatola non ci aspettano grosse sorprese: la striscia LED di 2 metri è accompagnata dall’alimentatore con le sue diverse prese e da un piccolo controller, senza comandi fisici, per connettere i due pezzi. Purtroppo avrete bisogno di una presa della corrente per alimentarle, visto che non è prevista alcuna soluzione per farlo via USB, il che potrebbe essere un problema considerando che non c’è nessuna opzione per connettere più di una Light Strip insieme. Qualora aveste bisogno di una striscia di luci più lunga, quindi, dovrete comprarne un’altra, connetterla a una seconda presa e cos via. Le Light Strip sono larghe 12 mm e alte 3 mm, di fatto si presentano in maniera analoga a quasi tutti gli altri prodotti simili presenti sul mercato, almeno ad un primo sguardo. La connessione al dispositivo che userete per controllarle avviene solo via wi-fi, niente bluetooth.


La parte interessante, anche se non inedita, che giustifica anche lo status premium di questo prodotto è la scelta di usare un sistema RGBWW. In un LED classico rosso, verde e blu si combinano per creare tutte le milioni di sfumature di colore possibile, bianco incluso. Quest’ultimo colore è però complesso da riprodurre al meglio su un dispositivo del genere e quindi si preferisce aggiungere due diodi in più, uno per il bianco freddo (sopra i 5.000 kelvin) e uno per il bianco caldo (sotto i 5.000 kelvin) con un range che va dai 3.500 ai 6.500 kelvin nel caso del prodotto Elgato. Tutta la striscia di led è ricoperta da una plastica trasparente che non altera il colore e la diffusione della luce, proteggendo però i LED.

LIGHT STRIP IN USO

Il nastro adesivo Tesa pre applicato alle Light Strip permette in pochi istanti di metterle dove si desidera, basta togliere la pellicola e applicarle sulla superficie scelta con una leggera pressione. La colla è di buona qualità e, qualora non foste soddisfatti del risultato, avrete modo di cambiare posizione in corsa. Ovviamente l’idea è che, scelta un posizione, quella venga mantenuta, quindi non pensate di poterle mettere e togliere un gran numero di volte, però alcuni aggiustamenti si possono fare senza il rischio che non restino più incollate.

Una volta soddisfatti dal risultato, tramite il Control Center di Elgato bastano pochi istanti per connettere le Light Strip e iniziare a giocare con i colori, scegliere le proprie tonalità preferite o qualsiasi altra soluzione. Molto interessante l’integrazione con lo Stream Deck che permette di inserire sulla pulsantiera qualsiasi combinazione di colore si desidera e passare da una all’altra con un semplice click.


All’atto pratico, installato il prodotto, il risultato è di sicuro soddisfacente. Tutti i colori sono brillanti (la luminosità massima è di 2.000 lumen) e, quando si sceglie il bianco, più o meno caldo, il colore non delude mai. Anche le modifiche fatte attraverso il Control Center vengono recepite immediatamente e in pochi istanti potete cambiare il vostro set up come preferite. Trattandosi di un prodotto pensato soprattutto per chi si diletta negli streaming e per i “creator” in generale, i LED delle Light Strip hanno un frequenza tale per cui non c’è rischio di avere il fastidioso effetto sfarfallio a schermo.

CONCLUSIONI

L’Elgato Light Strip è un prodotto pensato per un pubblico particolare, molto specifico: si adatta meglio a set up piuttosto piccoli, perché la lunghezza è di due metri e chi volesse coprire un’area più grande dovrà acquistare, collegare e gestire un altro kit completo, inoltre il prezzo di 59,90 euro è certamente molto alto. D’altra parte la qualità della striscia di LED è molto alta e se avete un set up Elgato l’integrazione è inevitabilmente migliore rispetto ad altre soluzione. Insomma, non per tutti considerando quante alternative ci sono sul mercato a prezzi più abbordabili.

Ottima qualitàIntegrazione con altri prodotti Elgato
CostosoNiente alimentazione con la USB e connessione solo via wi-fi
Il meglio di OnePlus? OnePlus 9 Pro, in offerta oggi da Mister Shop King a 758 euro oppure da Amazon a 799 euro.

18

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
TLC 2.0

Warm White.

In pratica hanno altri 2 led dedicati alla luce fredda ed alla luce calda.

Mostra 1 nuova risposta

Connessa e alimentata via USB e con un semplice driver che rilevi il colore dello schermo sarebbe molto interessante.

Sono poco informato al momento perchè non ho il muro dietro al monitor, ma avevo trovato delle strisce Philips che però si attaccavano al televisore (in alcune tv era incluso) ed estendevano i colori del monitor sulla parete, non erano niente male.

C'era anche un' alternativa gratis con un software ma ho scordato il nome.

Squak9000
Mostra 1 nuova risposta

Insomma se ho capito bene... non si alimenta via USB, non è espandibile, e forse non ha l'effetto di estendere i colori del monitor, ho capito bene?

Non mi pare un affare...

barneysmx86

Led RGB = Hardcore PlAyEr

xpy

Se non sbaglio la cosa interessante di queste strisce led (non mi sembra sia menzionata nell articolo ma potrei sbagliarmi) è che permettono agli streamer di impostare cambiamenti di colore e effetti vari nel caso di sub al canale o donazioni

Alfonso

warm white
C'è un led per la luce bianca fredda ed uno per la luce bianca calda, separati da quelli per il rosso/verde/blue.
Decisamente meglio se devi avere una luce soffusa per lavorare.

Ansem The Seeker Of Lossless

non ho idea di cosa sia questo ww alla fine.

Alfonso

Certo, l'unica cosa è che queste sono rgbww, difficili da trovare di buona qualità

Dipende dalla scheda madre, i vari brand MSI, Asus, Gigabyte etc hanno il software per controllare le varie porte RGB, che siano per LEDstrip o ventole. Così da impostare un'unica funzione/colore per i prodotti connessi.

Cyberduck 2077

ok streamer ma perchè giocatori hardcore?

Baz

la possibilita' esiste, la tua scheda madre deve supportarlo (ma ormai lo fanno praticamente tutte, anche le piu' economiche), hanno dei connettori specifici per le strisce led da mettere dentro al case

Ma infatti la mia idea è quella di collegarle internamente ma far in modo che siano sincronizzate con le ventole del pc

Ansem The Seeker Of Lossless

Ci sono strisce led da usare internamente al case, ma non so come funzionino.

Queste sono strisce led esterne. La mia è collegata sulla scrivania per fare un minimo di luce di notte

chissà se ci sono strisce led che si collegano direttamente alle ventole del pc

Non ho tanta voglia di sgrovigliare i cavi dietro, ma quando dovrò pulire il pc ci faccio un pensierino

Ansem The Seeker Of Lossless

con 20€ ho preso una striscia RGB alimentata tramite USB. l'ho collegata direttamente al PC. Una volta impostato il colore me ne sono totalmente dimenticato visto che si accende e spegne insieme al pc.

mi aspettavo delle foto con luci ad arcobaleno per restare nel trend della settiamana

Aster

A me fa tutto il router

The Witcher: Monster Slayer arriva su Android e iOS: lo abbiamo provato

WRC 10 arriva a settembre: tutte le novità e una breve anteprima

Recensione Ratchet & Clank: Rift Apart. La next gen da un’altra dimensione

Horizon Forbidden West: c’è molto passato in questo futuro | Editoriale