OnePlus: ufficiali le Bullets Wireless Z Bass Edition e il power bank con ricarica rapida

15 Ottobre 2020 6

Proseguono gli annunci in casa OnePlus. Dopo il debutto del nuovo top di gamma OnePlus 8T (lo abbiamo anche recensito) e della nuova variante di Nord, l'azienda cinese ha lanciato in India due ulteriori prodotti.

Si tratta, nello specifico, dei nuovi auricolari OnePlus Bullets Wireless Z Bass Edition e della OnePlus Power Bank da 10.000 mAh. A seguire tutti i dettagli.

ONEPLU BULLETS WIRELESS Z - BASS EDITION

Il nome la dice lunga sul prodotto appena annunciato. Come emerso in precedenza, le Bullets Wireless Z Bass Edition non sono altro che una variante delle Bullets Wireless Z "tradizionali" presentate lo scorso aprile, ma pensate per offrire e valorizzare ulteriormente i bassi.

Le differenze tra i due prodotti sono davvero minime: entrambe offrono il supporto alla ricarica Warp Charge (10 ore di riproduzione musicale in soli 10 minuti di carica) e certificazione IP55 per resistere ad acqua e polvere. Resta inalterata la dimensione dei driver (9,2mm), anche se sulle Bass Edition si parla di una reingegnerizzazione volta ad offrire bassi più ricchi.

A variare, anche se di poco, è invece l'autonomia: 17 ore di riproduzione totale, anziché le 20 offerte dalla versione standard. Migliora, infine, la latenza pari adesso a 100ms (110 ms nell'altro modello).

Le cuffie sono già in vendita nel mercato indiano, nelle colorazioni Reverb Red e Bass Blue, ad un prezzo di 1.999 Rs (circa 23 euro al cambio).

ONEPLUS POWER BANK 10.000 MAH

Ce l'aveva anticipato Carl Pei lo scorso febbraio e adesso eccolo qua: stiamo parlando di OnePlus Power Bank 10.000 mAh, una nuova batteria da viaggio della società cinese che supporta la tecnologia di ricarica rapida da 18W.

Il nuovissimo OnePlus Power Bank offre una soluzione di ricarica portatile, veloce, compatta e maneggevole. La potente batteria ai polimeri di litio ad alta densità da 10.000 mAh ricarica completamente il vostro dispositivo OnePlus preferito, compresi OnePlus 8, 8 Pro e 8T. Ancora più importante, le doppie porte USB possono caricare due dispositivi contemporaneamente, compresi smartphone e tablet.

Il power bank viene fornito con due porte USB di tipo A per caricare i dispositivi e una porta di ingresso USB di tipo C. Il prodotto ha un peso di 225 grammi ed è disponibile in India in due differenti colorazioni: nero, con una trama in stile fibra di carbonio, e verde. Il prezzo è di 1.299 Rs. (circa 15 euro al cambio).


6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mari/o

Questa dei porting di Gcam che trasformano telefoni in Pixel è una leggenda dura a morire. Un porting, anche il migliore, è anni luce ditante dalla stabilità e affidabilità dell'originale e in molti casi fa peggio della camera stock.

Darkat

Si ma oneplus 8 pro è anche quello che supporta meglio la Gcam, installata diventa come un Pixel, veloce e prestante. E li cambia tutto

Matteo Di Giulio

Personalmente sceglierei senza pensarci l'8 pro, semplicemente perchè è quello che si è deprezzato di più ed ha quindi il migliore rapporto qualità prezzo.

_Meh_

speravo supportasse la warp charge come quello di realme

Mari/o

Dei tre la miglior fotocamera è forse quella di X 2 Pro, a seguire da vicinissimo Xiaomi e Oneplus.parecchio staccata.
Per la batteria siamo più o meno lì. Però il OnePlus costa 400 euro in meno degli altri.

Andrea Fedeli

Buongiorno!
Scusate per il piccolo OT ma non riesco a registrarmi sul forum...
Per un telefono con buona batteria e buona fotocamera, cosa mi consigliate tra OnePlus 8 Pro, Xiaomi Mi 10 Pro e Oppo Find X2 Pro?
Di Xiaomi ho paura che non diano continuità di aggiornamenti...

Amazon Fire TV Stick e Cube, guida all'acquisto: modelli, differenze e prezzo

Garmin Venu Sq ufficiale: cambia la forma, non la sostanza | Video

Le 5 migliori cuffie over ear da acquistare a ottobre 2020

Guida a Google Assistant: come configurarlo e usarne tutte le potenzialità