Virgin Hyperloop: si pensa a un centro di certificazione negli USA

05 Novembre 2019 27

Virgin Hyperloop One sta pensando di costruire negli Stati Uniti un centro dove sviluppare e certificare le proprie tecnologie innovative per i viaggi ad altissima velocità. La proposta è stata avanzata a tutti gli Stati, i governi locali e regionali, le organizzazioni private, le fondazioni e le istituzioni accademiche che siano interessati a partecipare, e ha già raccolto l'interessamento di West Virginia e Georgia.

Come ha spiegato Richard Branson, fondatore dell'azienda che l'anno scorso, proprio di questi tempi, si era dimesso dalla carica di presidente di Virgin Hyperloop One per affidarla a qualcuno che potesse dedicarle tutto il proprio tempo, l'appello è rivolto a quanti credono nelle potenzialità avveniristiche del progetto:

"Immaginiamo un futuro dove le città siano connesse come le fermate della metro, così che prendere il nostro mezzo per andare a trovare la propria famiglia nella città vicina sia facile come attraversare la propria città".


Virgin Hyperloop ipotizza che il centro di certificazione possa essere finanziato sia da realtà pubbliche sia private, ma ancora non è stato reso noto quanto costerà. L'azienda punta a iniziare i lavori di costruzione entro il 2021 per terminarli entro il 2025; il centro comprenderà anche una "pista" lunga almeno 9 km necessaria a certificare la funzionalità dei mezzi e del sistema. L'obiettivo annunciato è di avere le prime tratte hyperloop funzionanti entro il 2029.

Lo scorso settembre, Virgin Hyperloop ha mostrato in esclusiva una delle sue "capsule" da viaggio a New York, per poi portarla in Campidoglio a Washington. Dal 2017 inoltre l'azienda ha una base sperimentale a nord di Las Vegas, in Nevada, mentre l'anno scorso ha presentato un prototipo di capsula firmata BMW.

Com'è noto, i sistemi hyperloop puntano a trasportare merci e passeggeri sfruttando capsule a levitazione magnetica che si spostano all'interno di tubi a bassa pressione raggiungendo velocità molto elevate, fino a 966 km all'ora.


Questa tecnologia è oggetto di studio da parte di diverse aziende tra cui Virgin Hyperloop One, che con il suo sistema proprietario di levitazione magnetica sostiene di poter arrivare a più di 1100 km all'ora: una velocità che permetterebbe di impiegare soli trenta minuti per viaggiare tra New York e Washington, a differenza delle due ore e mezza necessarie al giorno d'oggi con un normale treno ad alta velocità.

Come spiega Reuters, la società fondata da Branson ha finora raccolto 295 milioni di dollari per questo progetto, oltre ad aver stretto delle collaborazioni strategiche con Virgin Group e a poter contare sul supporto economico di Dubai Ports World e altri investitori.

Tre fotocamere per il massimo divertimento ad un prezzo top? Huawei Mate 20 Pro, in offerta oggi da Gaming Pro a 435 euro oppure da ePrice a 485 euro.

27

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
stefano cavallucci
stefano cavallucci
Giovanni Esposito

Si tratta di una delle diverse milioni di autocisterne che tutti i giorni transitano sulle strade. Sicuramente sarebbe stata più sicuro trasportarla su un treno, che ha un indice di pericolosità molto più basso. In ogni caso, cosa c'entra con gli enormi problemi di sicurezza dell'Hyperloop? Vuoi forse vietare i camion perchè sono pericolosi e promuovere una "fantasiosa", insostenibile e pericolosissima alternativa (per altro non certo pensata per le merci)? Torna a studiare...

Giovanni Esposito

Finanziate da boccaloni che sperperano denaro pubblico. "Arrivo", una delle startup ha chiuso a dicembre scorso.... le altre vedremo fino a quando riescono a spennare gente come te che non ha esperienza e conoscenze minime per distinguere la realtà dalla fantasia. I treni a levitazione magnetica esistono da decenni, sebbene carissimi, sono TRENI, non viaggiano in tubi a vuoto. Il costo e i problemi dell'infrastruttura del VUOTO sono enormi e praticamente insormontabili più tutte le difficoltà che questa si porta dietro, non ultime le implicazioni sulla sicurezza.

stefano cavallucci

Ruote affidabili come il convogliolo di GPL esploso a Livorno per rottura di un asse?

stefano cavallucci
stefano cavallucci

Sparate pubblicitaria sovvenzionate a suon di milioni. Il maglev è già realtà in Giappone ed il prossimo passo sarà il basso attrito in condizioni ottimali.
Sicurezza? E la ferrovia tradizionale? Quanto è sicura? E perché dovrebbe esserlo più della hyperloop? Un treno che rotola su dei binari a 500km/h è più sicuro?
Rimane comunque il fatto che come concetti di trasporto sono uno l'opposto dell'altro.. Uno vecchio ed arcaico l'altro innovato e futuristico

antonio_ant

Oh, quindi i treni a levitazione magnetica? Il treno e un trasporto che permette a tutti di muoversi in sicurezza. Soprattutto il treno può ospitare decine di persone. Mezzo più efficiente non ce n'è, tutti voi che parlate di roba vecchia mi fate ridere. Mica tutti viaggiano con le aln 668 del 1982.

stefano cavallucci

Scambi pantografi e attriti... Tecnologia vecchia!

Muffa

Quali sarebbero i problemi di sicurezza di una linea ferroviaria secondo te?

Muffa

Forse nell'articolo hanno sbagliato fotografia perché anch'io me lo ricordavo così

Muffa

Non è vero! Il mago di segrete lievitava! :D
https://uploads.disquscdn.c...

antonio_ant

I treni e le linee ferroviarie tradizionali possono essere elettrificate molto più efficacemente delle auto e del trasporto su gomma. Anzi, ti dirò che i treni hanno cominciato una nuova potenziale era.hanno problemi pari allo zero rispetto ad altri veicoli e non danno i problemi dell'automazione dei veicoli. Hanno già linee proprie semi automatizzate. Ma voi continuate a cianciare di preistoria tecnologica

antonio_ant

Incidenti che dipendono esclusivamente dall'operatore umano non implicano problemi della macchina

Giovanni Esposito

NO, ruote/motori/scambi/pantografi sono cose operative e affidabili da secoli. Letteralmente secoli. Sola la tenuta del vuoto (o comunque della bassa pressione) nel tubo è un problema enorme, sia da punto di vista tecnico che dal punto di vista energetico. Solo la dilatazione della struttura prevederebbe così tanti giunti e problemi di tenuta da essere una condizione difficilissima da affrontare. Ed è uno dei problemi secondari. Per non parlare della sicurezza, un altro incubo. Vi manca proprio il senso delle cose, quel minimo di esperienza e conoscenze indispensabili per non farsi prendere in giro da queste sparate pubblicitarie.

Giovanni Esposito

No. Praticamente nessuno infatti le linee ferroviarie esistono da secoli e sono tra i sistemi di trasporto più sicuri in assoluto, con una media inferiore a 0,04 morti per miliardi di passeggeri. Secondo solo all'aereo con 0, 03. Circa 200 volte più sicuro dell'auto. Ma sono statistiche vecchie che sono ancora molto più favorevoli negli ultimi anni. Per l'hyperloop invece, le previsioni sono catastrofiche anche solo per inconvenienti minori come perdite di tenuta e black out.

DefinitelyNotBruceWayne

"nessun problema di sicurezza"

Come no :')

pollopopo

ahahahhhahah c'è una i di troppo... scusa per l'orrore :P

levitazione

Aristarco

lievitazione? non è una torta...

Giovanni Esposito

No, una linea ferroviaria non ha nessuno dei problemi legati al mantenimento del vuoto, nessun problema di sicurezza, costa una frazione di quanto è previsto costi un sistema del genere, sia nella costruzione che nella gestione e manutenzione. Infatti le linee ferroviarie tradizionali ci sono da secoli e funzionano perfettamente. Hyperloop è un affascinante concept, piuttosto semplice da capire (infatti è molto vecchio e già oggetto di sperimentazione in passato), ma in pratica è estremamente difficile da realizzare, ancor più in grande scala. È una favoletta fantascientifica che non ha commercialmente senso, è solo un modo per generare interesse e cercare di ricavare denaro da investitori e amministrazioni incompetenti che ci cascano. Gli studi di fattibilità della Nasa (cerca conceptual e commercial fisibility study) lo demoliscono. Il punto è che i giornalisti non li leggono.

stefano cavallucci

Il motivo sta nella ricerca ed innovazione
Solo così possiamo passare ad una tecnologia migliore.. Più efficiente, veloce meno rumorosa e più rispettosa dell'ambiente.
I treni tradizionali hanno fatto la loro era... Preistoria teconologica

stefano cavallucci

Invece una linea ferroviaria tradizione questi problemi non li ha vero?
Ruote motori scambi catenarie ingranaggi pantografi...
Ogni volta che guardo un treno tradizionale e hyperloop mi viene in mente l'era preistorica

pollopopo

la cosa più importante è... quanto ci mettono a fare la galleria da washington a new york?? :P

se ad oggi gli unici che usano la lievitazione magnetica e per brevi tratte sono i giapponesi ci sarà un motivo....

Giovanni Esposito

Oltre che ad un mare di problemi fisici, un mare di problemi tecnologici, un mare di problemi energetico ed economici. È una casa risibile da qualsiasi punto di vista la si guardi, già praticamente ridicolizzata dalla nasa e da ogni studio di fattibilità (che guarda caso nessuno cita mai).

sgarbateLLo

Non so, vedo più rischi che benefici in questi vari “loop”

sgarbateLLo

Si è tagliato i capelli e fatto una lampada

asd555

Io Richard Branson me lo ricordavo così.
https://uploads.disquscdn.c...

Mobile

Recensione Timekettle WT2 Plus: come parlare e comprendere 36 lingue | Video

Android

Motorola Razr 2019: un tuffo nel passato e uno sguardo al futuro | Anteprima Video

Mobile

Il mobile in Africa: nulla è scontato | Storie

Android

Migliori Smartwatch e Smart Band da compare al Black Friday 2019: ecco i top 7