Google Search sempre più bravo a capire il contesto delle ricerche, grazie a BERT

28 Ottobre 2019 15

Google presenta BERT, una tecnologia AI che permetterà al motore di ricerca di comprendere le richieste dell'utente meglio di quanto abbia mai fatto finora. Il software, che è un acronimo di Bidirectional Encoder Representations from Transformers, si distingue dagli algoritmi applicati finora perché sa analizzare una parola in relazione a tutte le altre presenti in una frase, in modo da avere una comprensione superiore del contesto in cui viene pronunciata. Google l'aveva presentata l'anno scorso come il modello AI ideale per sviluppare un servizio virtuale di domande e risposte.

BERT è molto più esigente in termini di prestazioni hardware richieste, quindi Google ha dovuto fare un bell'upgrade anche ai suoi datacenter dedicati al Search. Per la prima volta, la società ha adottato le ultime Cloud TPU 3.0, la cui architettura teorica era stata presentata nel corso del Google I/O 2018 e che hanno raggiunto la fase Beta questa primavera. I processori sono 8 volte più potenti delle TPU 2.0, e arrivano a raggiungere i 100 PetaFLOPs.


In concreto, significa che Google interpreterà le ricerche dell'utente in modo molto meno letterale, favorendo il significato. Lo indirizzerà alla pagina che gli serve invece che a quella che contiene più paroline esatte contenute nella query. Google dice che in questo modo sarà più semplice effettuare ricerche in modo più naturale, ma sarà interessante testarlo sul campo: potrebbe essere necessario un periodo di adattamento delle nostre abitudini di ricerca, dopo anni passati a imparare a usare le keyword. Anche le implicazioni per i creatori di contenuti devono ancora essere comprese a fondo


BERT viene definito da Google il più grande progresso fatto dal motore di ricerca negli ultimi cinque anni, e uno dei più grandi di sempre. Ci vorrà ancora del tempo prima che arrivi anche da noi: Google dice inizialmente sarà disponibile in lingua inglese (non vengono specificate tempistiche di rilascio precise). L'obiettivo è comunque estenderlo alle altre lingue supportate da Google. Tra l'altro, è interessante osservare come anche questo passaggio di "ampliamento" avverrà grazie al machine learning: ci sono dei modelli AI che possono imparare dai miglioramenti compiuti dal modello inglese e applicarli ad altre lingue.

Il TOP di gamma più piccolo di Apple? Apple iPhone SE, in offerta oggi da emarevolution.it a 390 euro oppure da Amazon a 439 euro.

15

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Jeson

Per quanto cerchi di limitare l'uso dei servizi Google, devo ammettere che la ricerca è superiore. Basta cercare qualcosa e modificare la ricerca ed escono suggerimenti collegati alla parola, cosa che non ho visto altrove.

Di contro chi è nato prima del 2000 è abituato alle parole chiave, basta ridurre la ricerca a quelle e si ottiene quasi sempre la risposta. Questo nuovo metodo presuppone che l'utente sia più "stupido".

GinoGinoPilotino

Ottimo! È interessante dovessero rilasciate paper sul modello nn usato

virtual

* solo in inglese.

eL_JaiK

Secondo rumor, hanno già il successore pronto per il 2020: https://uploads.disquscdn.c...

SuperQuark

Cos'è la geologia? La Kardashian della scienza?

GTX88

Sì tipo quando cerchi un software e ti mette tra i primi risultati softonic e ora togliendo pure l'indirizzo visibile sai che bello

Gabriele

Bart come il mio mito simpsonico

Tony Carichi

https://media2.giphy.com/me...

Si sono ispirati, ma senza una Q.

T. P.

fletto i muscoli e sono nel vuoto!
quante sghignazzate mi sono fatto leggendolo!!!

https://www.unionemonregalese.it/wp-content/uploads/importate/Rat-Man-e-uno-di-noi.jpg

E K

Ogni ricerca ti porterá ad una pagina di geologia, o ad un fumetto di rat-man, o ad una pagina di orticultura

asd555

Ma se già Google non me ne sbaglia una... Bravi, come sempre, leader meritati della ricerca online.

Ancora ricordo quando Microsoft lanciò Bing, all'epoca (parliamo di parecchi anni fa) avevo una GPU ATI, e cercando i driver e scrivendo "ATI" mi diede come primo risultato una società di autotrasporti... Su Google ovviamente questo strafalcione non succedeva.
È da queste piccole cose che si capisce quanto sono avanti.

SuperQuark

https://uploads.disquscdn.c...

asd555

"La dea Berta, la dea dalla gamba aperta" (cit. Aldo, Giovanni e Giacomo)

Astroturfer_pro

Google berta
XD

DjMarvel

Era meglio chiamarlo BORT

Qualcomm Snapdragon 870 5G ufficiale: la fascia alta ha un nuovo protagonista

WhatsApp: nuova informativa privacy dall'8/2. Cosa cambia | Video

Smartphone e GIGA gratis per 1 anno: cos'è il kit di digitalizzazione del Governo

CashBack di Stato Natale: 1,5 milioni di rimborsi e quello che potreste non sapere