Trump si diverte con i dazi, ma gli americani non sorrideranno molto a Natale

04 Ottobre 2019 503

Non si fa che parlare dei dazi che l'amministrazione Trump ha intenzione di imporre al Parmigiano, prosciutto e altri prodotti dell'agroalimentare italiano ed europeo. Si fa la conta di chi è "salvo" e chi invece dovrà fare i conti con un prezzo dell'export pronto ad impennarsi, fino a livelli quasi insostenibili perché lo scambio con gli USA resti proficuo. Ma queste non sono che briciole rispetto alla guerra commerciale che The Donald sta alimentando contro la Cina, una battaglia a tutto campo che ben presto tornerà sulla testa degli americani come un boomerang.

A fare il punto sulla situazione sulla Cnn ci ha pensato Mary E. Lovely, professoressa di economia alla Syracuse University, certa che i primi effetti dei dazi si faranno sentire timidamente già adesso sui consumatori statunitensi e colpiranno duro da fine anno. Fino ad ora, infatti, la percezione dei dazi è stata più mediatica che altro, con rincari effettivi avvenuti per lo più su prodotti industriali.

Adesso si apre invece la stagione più importante e rischiosa, per tutte le parti: l'amministrazione americana ha confermato ad agosto la lista definitiva dei prodotti interessati dai rincari, con la prima tranche già partita dal primo settembre. Dunque prezzi su del 15 percento (per un valore di $110 miliardi) che hanno toccato il settore del fashion, vestiti, accessori e scarpe importate dalla Cina. Ad esser colpiti sono piccoli produttori che non hanno certo la possibilità - e la voglia - di assorbire i costi in eccesso; mentre gli importatori americani cercano dei fornitori alternativi in Asia sono quindi i consumatori americani a pagare di più alla cassa.

La vera mazzata è tuttavia in arrivo con la seconda tranche del valore di $160 miliardi, se l'amministrazione americana darà il via libera definitivo verrà attivata il prossimo 15 dicembre e potrebbe rivelarsi un vero e proprio "incubo politico" per Trump - come riferito dalla professoressa Lovely. Secondo le sue ricerche, circa il 60% di questi rincari prenatalizi riguardano computer e dispositivi elettronici, beni più vicini alle persone e capaci di colpire la sensibilità collettiva.

A differenza dei round precedenti - continua Mary E. Lovely - i dazi non saranno imposti su accessori secondari e componenti, ma colpiranno tablet, smartphone e notebook prodotti e importati dalla Cina. Queste ultime due categorie potrebbero addirittura rappresentare il 54% della lista pronta per metà dicembre. Le contraddizioni di una simile operazioni sono numerose: ad esser colpite direttamente saranno infatti le multinazionali con base in Cina ma di proprietà estera, su tutti Foxconn, gigante del settore di proprietà taiwanese che, di certo, non ha leva sul governo di Pechino e sulle riforme come potrebbe averla invece una Huawei.

Inevitabilmente saliranno i prezzi per il consumatore, non tutte le aziende riusciranno a compensare i rincari e anche qui le differenze sui prodotti elettronici si vedranno direttamente nelle casse dei rivenditori americani, tra l'altro in un periodo estremamente sensibile come dicembre. C'è da scommettere che store e produttori proveranno a fare il pieno di vendite nel corso del Black Friday e Cyber Monday, in programma dal 29 novembre al 2 dicembre.

Nessuno sarà comunque soddisfatto, nemmeno le grandi aziende della Silicon Valley che in Cina producono stabilmente i loro prodotti e hanno provato (invano) a dissuadere Trump dal percorrere tale strada.

Anche Apple sarà interessata dai rincari, ma Tim Cook mira ad assorbire internamente il colpo

Pensiamo ai big del calibro di Google, Apple, Dell, Amazon, HP e Microsoft, realtà estremamente ricche che, probabilmente, faranno di tutto per contenere i rincari finali attivando un piano di assorbimento dei dazi, magari con investimenti in strutture operative in altre parti del mondo. Ma non è solo una questione di geografia, se Shenzhen è il centro nevralgico della produzione industriale mondiale non è certo facile pensare di delocalizzare altrove nel breve termine.

La forza lavoro, il know-how, le strutture e i fornitori più disparati lavorano in quell'area a strettissimo contatto, hanno creato un distretto operativo unico al mondo che permette la massima efficienza a costi bassi. Un modello che altrove funziona ma su piccola scala, con margini certamente più risicati per chi deve produrre e smistare milioni di pezzi al mese.

Il rischio ulteriore, quindi, è quello di ridurre i guadagni delle big americane, a favore della concorrenza straniera che invece non ha a che fare con dazi di alcun tipo. Pensiamo ai taiwanesi e ai sudcoreani, come suggerisce la Lovely con una domanda provocatoria:

Quanto è verosimile che ci congratuleremo con il Presidente Trump per aver ridotto le vendite di Apple e aumentato quelle di Samsung?

Difficile fare a questo punto una stima sull'andamento delle vendite, di certo qualcuno dovrà pagare i costi in più; non appena i consumatori e gli elettori americani lo capiranno la musica potrebbe cambiare.

Zero compromessi al miglior prezzo?? Samsung Galaxy S10 Plus, in offerta oggi da Gaming Pro a 649 euro oppure da ePrice a 723 euro.

503

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
NEXUS

ahahaha ricco di pidocchi , tu solo quello puoi importare

da noi è sempre colpa degli altri, in usa è sempre merito degli altri.
comunque dato che non ho possibilità di voto in usa la mia opinione conta ben poco, ma per le elezioni sinceramente lo vedo molto meglio di quanto si dice in giro

greyhound

cosa di certo non merito di quella politica dato che erano anni che la disoccupazione era in constante calo

Darkat

Ripeto: che i fatti siano veri è un conto, che tu faccia una valutazione su una situazione molto complessa e che si è generata da anni e anni di relazioni tra paesi riducendola AD UN FATTO, è ridicolo.

Matt Ds

magari te li importo io i prodotti allora, grazie di avermi fatto ricco.

NEXUS

ahahha sporco lurido parassita, io lavoro ed esporto prodotti italiani negli USA, ci vado sempre e ho anche parenti li che ci vivono da 40nni. Povero lurido tardo, io vado sempre in California, tu a NY farai il pezzente

spino1970

Ah, beh, Coldiretti poi decisamente non ha sicuramente conflitti d'interesse in merito :D

C'è anche da valutare la disoccupazione al minimo

Mr. Robot

Cioè tu paragoni il fallimentare tentativo coloniale Italiano ad un'Inghilterra che vive di una rendita generata dalla schiavitù di Africa, India, e per qualche tempo Stati Uniti?

Erano Italiani quelli che tagliavano mani e piedi alle popolazioni autoctone africane per dimostrare il loro dominio (Belgi).

In Africa ci sono paesi che parlano italiano? Oppure ci sono più di 10 stati che hanno come lingua il Francese e utilizzano una banconota stampata dalla Francia?

Hai mai visto Italiani esportare democrazia ed esportare, a titolo gratuito, petrolio?

Hai internet? Usalo per informarti al posto di sparare sempre le solito boiate sul solito fascismo.

L'Italia, prima del suicidio con l'entrata in vigore dell'euro (Riconosciuto come tale anche dall'ottimo Romano Prodi che fù uno dei principali attori) era una delle più grandi potenze economiche mondiali senza benefici storici di sorta. Produzione ed esportazione di qualità ai massimi livelli nel mondo.
Vini, Auto, Moda, Cibo, Agricoltura, Ricerca, Sviluppo...
Tanto per parlare di qualcosa di recente:"L'Italia è uno dei paesi che hanno maggiormente contribuito al programma della Stazione Spaziale Internazionale." (Fonte Wikipedia)

Italia ed italiani sono sinonimo di ECCELLENZA.
Vogliamo parlare del patrimonio storico/culturale? Dobbiamo mettere il limite di accessi a Venezia per il sovraffollamento turistico; ho detto tutto.

Matt Ds

mi spiace se il tuo sogno americano non si e' avverato, e mai si avverera'; se passi da NYC in vacanza ti offro una tr0ia ed un pagliaccio, per dimenticare.

NEXUS

quelli come te meritano una cosa pagliaccia, essere cacciati a pedate o con una bella revolver

Matt Ds

ci vivo da anni, ho la green card. mi piacciono i soldi pagliacci di questo stato.

greyhound

Quindi apprezzi Trump giusto perche ha iniziato una guerra di dazi con la cina?
Guerra che tra l'altro ha messo in ginocchio e fatto chiudere molte aziende americane che utilizzavano materie prime importate dalla cina (alluminio in primis) per la realizzazione dei loro prodotti.

ko_ng

repubblica usa a sua volta delle fonti, non mi interessa chi riporta la notizia, mi interessano le fonti

Stefano

mò me lo segno!

Mr. Robot

Non fa parte delle espressioni della mia zona

salvatore esposito
salvatore esposito

quindi hai abbandonato l'idea della sicurezza nazionale e che Trumpino bello tuo può demolire il mercato mondiale mettendo dazi a destra e manca?

PassPar2_

In italia c'è solo il fatto quotidiano come giornale libero.

PassPar2_

I dazi su prodotti cinesi soggetti a dumping sono più che legittimi. Così come è legittimo per un paese bilanciare lo squilibrio della bilancia commerciale, nei modi che più preferisce.

PassPar2_

Te stai fuori di testa.

Yafusata

Ahahahahah non fa una piega

salvatore esposito

tu, ovviamente, l'unico al mondo che apprezza il suo operato, nemmeno sua moglie lo sopporta ma tu...

salvatore esposito

fortunatamente sei l'unico ad apprezzare i dazi del tuo amato Trump e non hai voce in capitolo altrimenti tu proporresti di alzarli addirittura e magari evitare l'iva sui prodotti americani importati in Italia

salvatore esposito
salvatore esposito

a Milano, ma nel centro-sud la storia è ben diversa, infatti al nord non c'è gran problema su occupazione

ko_ng

ah sei uno che crede alla sostituzione, ok scusa non ti disturbo più

Luca Lindholm

La disoccupazione dell'Italia è al 9.5% attualmente.

Luca Lindholm
Concludo sottolineando come io, come i miei connazionali, non abbiamo nulla a che fare con popolazioni di provenienza "Barbara". Non dobbiamo le nostre fortune al colonialismo quanto al genio dei nostri avi.
Essere paragonato ad un inglese, un francese, un tedesco, e via dicendo, lo trovo estremamente offensivo (giacchè alcuni di loro non si sono nemmeno ancora allineati agli standard di igiene attuale -> adottate i bidet vi prego!)

Mah... veramente sono gli altri europei occidentali attualmente a non voler essere paragonati agli italiani e ai greci.
State tranquilli che questo onore non ve lo concedono tanto facilmente, viste la follia di questa Seconda Repubblica e di una classe politico-dirigente incapace, arrogante e corrotta.

Lei parla degli altri paesi come di origine "barbara"... ma veramente, a ben guardare, l'anarchia e la mancanza di un vero stato di diritto c'è in Italia, mica negli altri paesi europei occidentali, che superano tutti l'Italia per qualità della vita in generale o in vari settori.

Voi il colonialismo l'avete fatto eccome... semplicemente avevate un esercito talmente sgangherato e mal organizzato, con pochi fondi stanziati, che avete fallito sempre in pochi anni.
Però, quando prendavate qualche colonia, la sfruttavate eccome... e siete arrivati addirittura alle Leggi Razziali nel 1938.

"Il genio degli avi" (tipica espressione del criminale regime fascista di Mussolini) ce l'hanno avuto tutte le nazioni, mica sono rimasti all'età della pietra gli altri!

E poi ancora la storia del bidet, ma cose da pazzi... esso è ben radicato solo in Italia e in Portogallo, un po' presente in Spagna e basta!
Non c'è da nessuna altra parte del mondo!

Continuate così, cari italiani... che nel frattempo la piccola Olanda ha superato l'Italia intera nelle esportazioni complessive.

-.-

Superdio

i pistacchi piu' buoni vengono dal nord africa. il piu' grande importatore è la francia. se vi capita a parigi nei mercati trovate dei pistacchi che in italia ce li sognamo, a prezzi decisamente piu' bassi

euro_patriot

esticazzi? dove lo metti?

Teomondo Scrofalo

Ha fatto bene ad non andare in Europa visto che ci hanno preso per il sedere per anni sulla ridistribuzione, cmq queste non sono migrazioni ma sostituzioni, si capisce lontano un miglio che vogliono far sparire la nostra cultura in favore di quella mussulmana africana. Per non capirlo bisogna proprio avere le fette di prosciutto sugli occhi, Poi queste persone bisogna vestirle dargli da mangiare un alloggio ecc, ci costano decine di miliardi e non servono a nulla nella nostra società, sono solo manovalanza per mafiosi e caporali. Noi abbiamo bisogno di laureati non di gentaglia palestrata ignorante fino al midollo. Per me farei campi in Libia e la domanda se vuoi la fai direttamente dalla Libia, altrimenti se parti e ti becco in mare ti riporto diretto in Libia. Prova ad entrare negli emirati arabi senza documenti, o negli USA, vedi che fine fai. Li non ci sono le mangiatoie del PD\5 Stelle.

Mr. Robot

Ma magari...un ammasso di popoli con cultura profondamente diversa, lingue diverse ed un odio profondo che ci divide non potrà mai porsi come soluzione per la creazione di un "macro-stato".
L'Europa sarebbe dovuta intendersi come accordi commerciali e circolazione di persone.

La prova oggettiva la abbiamo per esempio con la situazione Greca. La Germania, da buon stato membro, sta sfruttando il momento di debolezza greco per acquistare, per esempio, i loro aeroporti.
Potremmo parlare del totale disinteresse di una Francia, per quanto riguarda l'immigrazione, che giudica il nostro operato, rispedisce indietro i migranti violando i nostri confini con i loro militari e crea instabilitá (guarda caso) proprio da dove partono barconi e barchini.

Concludo sottolineando come io, come i miei connazionali, non abbiamo nulla a che fare con popolazioni di provenienza "Barbara". Non dobbiamo le nostre fortune al colonialismo quanto al genio dei nostri avi.
Essere paragonato ad un inglese, un francese, un tedesco, e via dicendo, lo trovo estremamente offensivo (goacchè alcuni di loro non si sono nemmeno ancora allineati agli standard di igiene attuale -> adottate i bidet vi prego!)

Mr. Robot
Yafusata

Ad essere proprio puntigliosi... il prosciutto non e' stato tassato :P

Yafusata

Qua non siamo tutti ragazzini allora :DDD

simone

Capito! La vita la come è?

PassPar2_

Al tuo confronto mi posso vantare. Fanno specie solo i vari ragazzi abbindolati da articoli così tendenziosi

PassPar2_

Il blog italiano non era d'accordo con i dazi ben prima che li mettesse all'italia (su due prodotti italiani), bensì non è d'accordo con i dazi da quando li ha messi alla Cina.

PassPar2_

Ma chi cax lo ama?

PassPar2_

Repubblica un giornale affidabile, distaccato e autorevole.

salvatore esposito
PassPar2_

Cioè metti in bocca le parole alla gente, poi se non te le confermano dimostri che invece è così?

Flavio Valle

Trasferito da 5 anni, ho chiuso tutto dopo cinque anni di fame e mi sono riaperto la mia ditta in usa, giusto come libero professionista, ma qui ci puoi vivere! Almeno finchè non ti viene anche solo un raffreddore!

salvatore esposito

in verità Apple continua ad evadere le tasse in Italia come fa pure Amazon... tanto fanno un salvadanaio, vengono beccati ogni 5-6 anni e alla fine esce fuori l'accordo che pagano il 10% del dovuto, praticamente hanno trovato il modo di versare solo il 2.2% di Iva

salvatore esposito

non sono tutti alti biondi e fisicamente prestanti?
ah no, era un altro tipo bizzarro che sosteneva queste cose...

https://uploads.disquscdn.c...

no Depas, non è Charlie Chaplin

euro_patriot

cos’è la indovino con una? o mi stai tirando per la giacchetta^^? confermo quanto detto comunque.

mettici anche recessione + populismo + immigrazione ed il banco potrebbe pure saltare. già la bomba salvini è stata (auto) disinnescata una volta ma potrebbe presto tornare a ticchettare

salvatore esposito

ma tu un commento senza offendere e con un minimo di argomentazioni lo sai fare?

salvatore esposito
salvatore esposito

come volevasi dimostrare...

Mobile

Recensione Huawei Watch GT 2: super autonomia e bel display

Amazon

Le migliori offerte Week End: gadget, accessori, smartphone, informatica e altro

Apple

Recensione iPad 10.2 (2019), iPadOS fa la differenza

Smartphone

Oppo Reno 2 e Reno 2 Z ufficiali: 6,5" full screen Amoled da 349 euro