Google celebra Halloween 2019 con un cimitero di (suoi) servizi chiusi

04 Ottobre 2019 90

Google festeggia Halloween 2019 condividendo sui social un mini cimitero pieno di lapidi raffiguranti alcuni dei prodotti e servizi chiusi negli ultimi anni.

La curiosa "iniziativa" dell'azienda di Mountain View è stata condivisa su Twitter da Dana Fried, componente del team di Google Chrome, che ha voluto ricordare in questo curioso modo ciò che era stato sviluppato nel corso degli anni e che ora, per un motivo o per l'altro, è stato definitivamente chiuso.

Nel cimitero troviamo le tombe di Google Plus, il social network rosso chiuso lo scorso aprile, Picasa, Google Reader, Google Buzz e altri ancora. Non dobbiamo nemmeno dimenticare che tra gli "illustri scomparsi" si annoverano servizi del calibro di Google Translator Toolkit (chiuderà il 4 dicembre), Bulletin (chiuso dopo nemmeno 2 anni) e Allo (a marzo).

Una scelta non esaustiva quella dell'azienda di Mountain View che, per poter includere tutti i 163 servizi chiusi nel corso dei 21 anni di vita (recentemente festeggiati con sconti sullo Store ufficiale), avrebbe dovuto realizzare un camposanto quasi a grandezza naturale.

Nel caso in cui foste curiosi di scoprire tutti i prodotti Google che riposano "digitalmente in pace" vi invitiamo a consultare il sito internet fan-made Google Cemetery.

Il top gamma con il miglior rapporto qualità/prezzo? Asus ZenFone 6, in offerta oggi da ASUS eShop a 499 euro oppure da Unieuro a 559 euro.

90

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
ijskdldsad

Si forse non ho capito il battutone.

LucaP

Dottore dottore mangio pasta e cago pasta mangio pizza e cago pizza...

Damien

è vero, si sa poco, in realtà però se guardi su google source i lavori procedono

Enrico Strato

Già, ma Feedly sta facendo il suo dovere da quando Google Reader ha chiuso..

Dario 10101

da wikipedia:

Picasa è stato un software grafico che permetteva di organizzare e modificare fotografie digitali e video e condividerli tramite un servizio di photosharing. Il programma, creato originariamente nel 2002[2] da un'azienda chiamata Lifescape,[3] è stato acquisito nel 2004 da Google ed è stato distribuito con licenza freeware.[2] La parola "Picasa" deriva dalla fusione del cognome del pittore spagnolo Pablo Picasso, dalla frase in spagnolo mi casa (in italiano significa "Casa mia") e dalla parola inglese Pic (abbreviazione di pictures che in italiano significa "immagini").[2][4]

Il 12 febbraio 2016, Google ha annunciato, per il 15 marzo dello stesso anno, l'interruzione del supporto all'applicazione desktop di Picasa, incentrandosi sul servizio Google Foto come il suo successore.[5]

Andrea D'Auria

preparate la bara anche per Play Music e iniziate a mettere in conto il funerale di YT.

giangio87

Farebbero la fine di microsoft... Ogni azienda ha la sua filosofia.

Stefano Grandis

Beh, forse non sai che le fragole vengono piantate in agosto, e danno frutto sia ad ottobre che in primavera...

dicolamiasisi

cos era?

boosook

Così tanto che non si sa niente da anni...

rsMkII

Con l'esperienza guadagnata non è detto che siano stati sprecati! ;)

marco

Eh già

herinanth

c'è una bara aperta e vuota pronta per Play Music. Tra youtubers insulsi, pubblicità invasive e musica che non posso ascoltare a telefono spento, sto incominciando a odiare tutti i brand che gravitano attorno a Youtube.

ErCipolla

Hanno un approccio molto "caotico", questo è vero, te ne do atto.

Daniele Gigantino

No

Aristarco

E la promozione poltrone e sofa di natale

StadiaPlus

Utile come il dito in cul0 del proctologo.

StadiaPlus

Quindi tu usi Google Notizie e Meteo? Va beh, tanto con la norma europea sul copyright diventerà deserto in ogni caso, la Francia è solo la prima.

StadiaPlus

Non vedo la lapide di Project Ara, devo dedurre che ci stanno ripensando?

an-cic

Stron*ate?

LaVeraVerità

Cioè ci prendono anche per il c**o ?

LucaP

Se è per questo mancano 6 mesi alla primavera e ci sono le fragole al supermercato... ahimé...

josefor

Ci manca la lapide di Huawei!! :D

Ciccio

L'unico che ha capito la battuta...su questo blog ormai...

Ciccio

La bara dei servizi Google su Huawei..mi sa che sei tu che non hai capito la battuta..

Ciccio

ahaha

marcoar

I soldi in ricerca e sviluppo non sono mai soldi sprecati.

boosook

Play film perché? Play music sì, ma mi aspetto che la roba che hai acquistato sarà disponibile su YT music, sennò sai che class action ;)

boosook

Ma li usano in modo oculato... se un progetto non è usato, oppure se sono passati 10 anni e il modo di fare una certa cosa è cambiato (vedi Picasa->Google Photos o Play Music->Youtube Music), allora liberano risorse per lavorare su qualcosa di nuovo.
Se non facessero così, farebbero come Microsoft, che per continuare a supportare Paint e Orologio del 1985 non ha innovato per trent'anni, poi dicono di togliere Paint, i tre gatti che lo usano fanno una petizione e loro sprecano un team per mantenere un prodotto del 1985. Infatti con questo atteggiamento hanno rischiato di finire marginali e di mancare la rivoluzione del cloud e del SaaS, per fortuna è arrivato Nadella giusto in tempo.
Credi che non facciano paura ai colossi informatici? Perché pensi che Microsoft negli ultimi anni si sia aperta all'open source, abbia convertito Office in un prodotto SaaS, abbia provato a fare un os mobile concorrente di Android e uno concorrente di Chrome OS e abbia fatto campagne pubblicitarie contro Google se non aveva paura?

boosook

Peccato, ma i tempi son cambiati... da Google Photos non tornerei indietro.

Damien

No dai, perchè dici così? Secondo me Google ci sta puntando molto

Alessio B.
dannyD

Si diciamo che il piccolo problema è quando da offline è diventato online rendendo pubbliche tutte le foto non messe esplicitamente come private :)

Depas

Vorrei solo una migliore amministrazione del budget in r&d, se utilizzassero tutti quei soldi in modo più oculato potrebbero far paura agli altri colossi informatici

Depas

Il problema è che il budget di r&d è un numero finito, se venisse meglio amministrato i progetti sarebbero pochi ma più efficaci

Vive

lasciate un posticino per Google Fuchsia.

MatitaNera

Mi da fastidio.

E K

Se non lo usi, io lo uso e lo installo volontariamente.

mireste

Non avevo neanche il PC connesso :-))

il Gorilla con gli Occhiali

Ricordo quando Picasa cag#va il ca##o!

Dea1993

in realta' il loro atteggiamento e' perfettamente comprensibile e sensato.
loro fanno dei software, se poi si rivelano fallimentari e non li usa nessuno, e' giusto chiuderli, perche' dovresti continuare a spendere soldi per mantenere roba morta?
e' un'azienda in continua crescita e continuo cambiamento, e il settore dove lavora (lavoriamo) e' in continuo cambiamento, non puoi pensare che un software sia eterno, magari oggi va bene, ma tra 2 anni no e serve qualcos'altro

marco

Peccato Picasa...

ErCipolla

Eh si, una delle aziende che più ricche e influenti del pianeta è in "situazione tragica", certo...

Poi mi sfugge quel "ormai", guarda che questa è da sempre la loro strategia: tentano 100 cose, 90 non vanno e le si lascia per strada, il resto si tiene. Hanno sempre avuto questo approccio, tant'è che hanno laboratori dedicati in cui i dipendenti sono liberi di sviluppare idee e prototipi senza il rischio di essere puniti se l'idea si rivela fallimentare

mruser2

Google reader sarebbe dovuto esistere ancora

Dea1993

10 ettari di cimitero con loculi tutti ammucchiati uno sopra l'altro xD

Tony Carichi

Era vegano.

daniele

Aveva qualche problemino di sicurezza ma niente di grave :S

MatitaNera

E' bloatware.

Depas

Il problema sono i soldi speecati in r&d

Depas

L’azienda del mio vicino di casa di sicuro

Amazon

Le migliori offerte Amazon, Unieuro e Mediaworld verso Black Friday 2019

Android

Samsung Galaxy Fold (4.380mAh): live batteria dalle 8.00

Android

Recensione Google Pixel 4 e confronto con iPhone 11 Pro

Alta definizione

Samsung The Frame 2019: ecco perché è un TV differente | Video