Google Play Music scompare dal Play Store per alcuni utenti

03 Ottobre 2019 78

Continua l'inesorabile declino di Google Play Music, il servizio che si appresta ad essere sostituito da YouTube Music - e su Android 10 è già così -, ma a cui Google fatica ad infliggere il colpo di grazie finale.

La lenta agonia di Play Music prosegue e pare che alcuni utenti sparsi per il mondo stiano avendo difficoltà nel trovare l'applicazione sul Play Store. Il problema è al momento molto isolato e riguarda alcune segnalazioni su Reddit e su altri social. Stando alle nostre prove, l'applicazione è ancora visibile, tuttavia queste segnalazioni ci lasciano capire che Google si stia effettivamente preparando al momento della chiusura. Ci teniamo a precisare che alcune delle segnalazioni di scomparsa sono state aggiornate per confermare il ritorno di Play Music tra i risultati di ricerca, ma questo non riguarda la totalità dei casi

Google Play Music è ormai giunto al capolinea; non tanto perché YouTube Music si sia dimostrato una soluzione alternativa migliore (tutt'altro, visto che la vecchia app risulta ancora più efficiente), quanto per il fatto che Google stessa abbia iniziato a rimuovere alcune funzionalità nel corso degli ultimi mesi, sino a non includerla più tra le app predefinite della sua suite. Insomma, ci aspettiamo che il supporto termini definitivamente a breve.


78

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Marcello

Anch'io "l'ho fatta scomparire" disattivandola...

FuckingIdUser

OVVIAMENTE!!!
Ho una caterva di OST di Anime e videogiochi Giapponesi che non trovo da nessuna parte in streaming!
Anche perchè, del resto, non c'è assolutamente alcuna necessità di piratare materiale che ormai trovi tranquillamente tramite servizi legali.

Andrea Z.

si ma chi dice che non si conserva niente? sono speculazioni.
google ha SEMPRE per ogni suo servizio consentito all'utente di scaricare un archivio di tutta la sua roba... ovvio che farà lo stesso per la musica acquistata ed eventualmente quella caricata

Andrea Z.

lo usano in tanti...

Andrea Z.

plex, subsonic, ampache.... farsi il cloud in casa è facile

loripod

se sparisce l'app non sarà un grosso problema, mentre per il servizio quello sarà un problema, spero si dia l'accesso lo stesso per chi ha acquistato brani o album

Pietro Mondia

Quindi scusate ora che sto passando da S7 (dove la utilizzo tutti i giorni) ad S10 non la avrò più o la avrò ancora? Non è un problema cosi grave ma ho provato youtube music ma non mi ha fatto impazzire, mi sono abituato davvero bene a Google Play Music

loripod

vero ma alla fine non sarà una grossa mancanza dopotutto wear os è un os zombie

AntonioSM77

Fortuna c'è il Nas se chiudono, ma play music era migliore per il "mi sento fortunato"...

Belpaese ma non ci vivrei

Personalmente se tolgono il supporto ai brani su cloud non avrò più ragioni per restare con Google.

Giacomo 3.2

Qualche mese fa ho migrato tutte le playlist su Deezer. Alla fine mi trovo nettamente meglio come App e qualità.
comunque Google oscena con sto gioco

Mefistofele

Se hai acquistato puoi scaricare l'mp3 con google play manager

Mauro Morichetta

Perdonami se mi permetto ma Play Music inneggia al cloud, per vedere la musica residente devi spuntare nella casella delle impostazioni la voce solo musica scaricata altrimenti non si capisce cosa sia residente e cosa sia in streaming.

Mauro Morichetta

Non credo sia corretto un commento del genere, se un servizio non piace è giusto parlarne e dissentire lasciandolo ad altri, non ho mai apprezzato Google Play Music e se sparisse definitivamente sarei contento, mi da sui nervi anche il colore dell'interfaccia.

Mauro Morichetta

Devo essere sincero è una applicazione che non ho mai amato, dare sempre e comunque la precedenza al cloud è snervante specialmente per chi abita in una zona rurale come quella in cui risiedo. Parliamo del colore arancione dell'interfaccia, non credo piaccia a nessuno, sicuramente non al sottoscritto che avrebbe preferito un classico bianco o nero, ma passiamo ora ai difetti visto che sono vintage compro ancora cd musicali che poi porto in digitale, le copertine originali che do agli album non vengono mai riconosciute tanto che ogni volta che importo un disco nuovo mi sballa tutte le altre o me le fa sparire facendomi imbestialire visto che ho una vasta libreria musicale. Ho provato applicazioni di terze parti che funzionano meglio non mi fracassano le cosiddete con il cloud e non mi rovinano le copertine che allego, se mi chiedeste che la stanno chiudendo ti direi che sono contento e che mi aspettavo molto di più da una multinazionale che ha risorse praticamente infinite.

Andrea65485

Spero che prima di dare il colpo di grazia permettano di importare gli album su youtube music... Sarebbe anche una cosa sensata da fare

Yafusata

In effetti avevo detto la stessa cosa di Yahoo! :P
Allora potrei anche sbagliarmi.

Yafusata

Se le hai solo li, comincia a scriverti su un foglietto la lista...

Frug

Io ho cominciato a "navigare" che Yahoo era alle stelle e Google non esisteva nemmeno, credo siano passati poco più di vent'anni... Ho CD, ma soprattutto LP, molto più vecchi... Se domani Larry Page sembrasse le sue quote? O se semplicemente Alphabet si liberasse di Google per fare tutt'altro?

Yafusata

Come sei antico!
Ma previdente!

Yafusata

Io mi sono premunito per bene.
Mi sono scritto su un foglietto di carta tutti i brani che ho acquistato.
Cosi' non ne perdo neanche uno.

Yafusata

A proposito i Pixel ce l'hanno la memoria espandibile?

Yafusata

Si ma se ti si rompe il giradischi che non li fanno piu'?

Yafusata

Io l'ho sempre detto.
Bisogna utilizzare la versione gratuita dei servizi.
Cosi' nel caso succedesse ti arrabbi molto meno ^^

Yafusata

Se... Google... fallisse..
Fallisce prima l'italia te l'assicuro :D

Yafusata

Bravo! Manda Google in fallimento :D

Yafusata

Mi e' scomparso il Play Coso!
Adesso come fo?

Frug

Non so, io pensavo si potessero caricare brani acquistati regolarmente da altri store, per esempio iTunes, ma non avendo mai avuto Apple se non per lavoro, non ho brani acquistati da Apple... Ho qualche rip automatico per i CD acquistati da Amazon ma non ho provato a trasferirli sa li, in realtà ho digitalizzato tutti i miei CD, più che altro per la comodità di averli praticamente tutti a disposizione in auto (da 10 anni ho un lettore che legge MP3, ma con bluetooth e Google play music era ancora meglio) e per fare veloci playlist, senza dover masterizzare CD da portarmi dietro.

In effetti la politica dovrebbe fare convergere verso un drm che venga riconosciuto da ogni player, in modo che la musica digitale acquistata regolarmente possa essere fruita anche con un Player diverso da quello di origine.

Daniel

Io anche, e dico inoltre, a google non è mai interessato dei suoi clienti, basta pensare che gli aggiornamenti android sono garantiti 18mesi! ok google, allora anch'io valuterò i servizi concorrenti tipo amazon forse spotify, od altri!

Salvo

Premesso che potrei anche fregarmene dei brani che ho caricato nel cloud di play music (fatto salvo alcune canzoni di gruppi amatoriali che non sono mai usciti in vendita e quindi non disponibili sui vari servizi streaming), ma gli abbonati a play music che in svariati anni hanno creato la propria collezione di brani e album e playlist? Che fine farà? Sono utente play music dal giorno del lancio, difatti lo pago 7.99, non ho mai cambiato servizio non tanto per i 2 euro in meno ma per non fare lo sbattimento di spostare tutte le playlist, ma a questo punto strizzo l'occhio ad Apple music

S4rk1z

se chiudono play music viene a mancare la possibilità di sincronizzare e riprodurre musica sugli orologi wear os

boosook

Mi sembra che tu stia saltando alle conclusioni troppo presto. Play music non è stato chiuso, e mi sembra abbastanza ovvio che non lo sarà fin quando gli utenti che hanno acquistato brani non avranno un'alternativa, anche perché sarebbe class action sicura.

boosook

Io dico che è sempre stato il bene di Google: la capacità di andare avanti, di sviluppare sempre cose nuove, di non voler tenere impegnate risorse per mantenere roba vecchia di anni come faceva Microsoft senza aver le risorse per cambiare e innovare.
Play music ha fatto il suo tempo. Oggi il mondo è cambiato, la gente non ha più la collezione di MP3, paga qualche euro al mese e ha tutto incluso. Con sim che ormai hanno decine di giga di traffico incluso, i video hanno acquisito importanza YouTube music sostituisce play music e soddisfa le nuove modalità di fruizione. Se Google stesse ferma, se rimanesse sempre uguale a sé stessa, non sarebbe Google. Ciò detto, il servizio di base rimane. Chi acquista un contenuto potrà continuare a fruirne, sarà così anche per Stadia.

Desmond Hume

Intendendevo dire che per la raccolta brani si dovevano far inserire solo i brani regolarmente acquistati su play music non pure quelli scaricati ovunque ma faceva comodo per attirare la gente...
Perché la pirateria quando fa comodo a loro va bene.

Desmond Hume

come detto sopra bastava limitare la raccolta personale ai brani acquistati su play music ma come spesso accade con queste società:
1- Si tollera inizialmente pure la pirateria (massi buttaci dentro i tuoi brani scaricati ovunque!) per attirare quanta più clientela possibile e asfaltare la concorrenza.

Si pensi al caso di spotify e alla tolleranza iniziale a maniche larghe sulle versioni craccate.

2- Si cambiano le regole del gioco quando si pensa di essere in una posizione di favore e di aver fidelizzato abbastanza la clientela o quando si pensa che si sta giungendo a saturazione e la cosa non è più sostenibile.
Sempre citando Spotify si pensi come ora vogliano addirittura restringere l'account family alle persone che realmente abitano sotto lo stesso tetto.

Peccato che poi alcuni ricordino del perché ti hanno rispetto agli altri e se queste cose vengono meno ti potrebbero suggerire l'autofellatio.
Quindi prima mi dici che il cloud è il futuro che qua che là, non metti l'espansione di memoria sui tuoi telefoni, chiedi quasi 1000 euro per così con 64GB non espandibili.
Io da bravo pirla ti compro un brano su play music e non su Itunes o su altra piattaforma sapendo che avrò l'usufrutto della tua piattaforma cloud per ascoltare il brano PAGATO sui miei dispositivi e ora te ne arrivi bello bello e mi lasci a piedi?

Frug

Le restrizioni ai brani acquisti sul Play ci sono... Hanno i drm

Desmond Hume

magari avrei messo restrizioni ai soli brani acquistati sulla loro piattaforma e non penso che qualcuno si sarebbe lamentato vista la ragionevolezza della cosa.

Moveon0783 (rhak)

Questo è sempre stato il più grande limite di Google, una instabilità nel portare avanti progetti che alla lunga la rendono inaffidabile. Ho perso una sontuosa cronologia chat di Google Allo a cui ero molto legato. Quando hanno annunciato la chiusura del servizio hanno raccomandato l’esecuzione di un backup per salvare le chat, peccato che su iOS l’app ha smesso di funzionare ben prima della chiusura ufficiale, per mesi è divenuta inaccessibile e mai più aggiornata. Ma se non puoi accedere all’app come fai il backup?
Quello per cui tu ti lamenti è un caso simile, con il non indifferente aggravante che nel tuo caso si parla di contenuti a pagamento.

Fabio Biffo

Altrimenti prova su Torrent... Io sono fortemnte contrario a piratare la musica, peró mi é capitato che ci sono delle canzoni che non é proprio possibile acquistare. Non ci sono su nessuno store online, e dischi sono difficilmente reperibili e comunque vecchi, e spesso non li spediscono manco in europa. Per queste eccezioni purtroppo non vi é altra scelta che il torrent...

Frug

Io su play music ho caricato gli MP3 dei miei CD e della raccolta di mio fratello, credo più di 20000 brani... Quello era comodo, averli tutti a disposizione, sia per le cuffie, che per le casse bluetooth che per Android auto.

E credo che sia quello il problema, Google non ci guadagnava niente, perché non vendeva musica liquida e non vendeva il piano mensile illimitato, ma offriva un servizio gratuito senza ritorno.

matteventu

Ipotizzerei due annetti ad essere generosi lol.

Fabio Biffo

Si certo! Ma il problema adesso é: per quanto tempo ancora?

matteventu

Lo so bene che é diverso, l'ho usata per anni la raccolta personale prima di abbonarmi :)

Tuttavia, Google si é stancata di regalare spazio online gratis.

Per quello non sposterà la raccolta personale di Play Music su YouTube Music.
Per quello non permette ai Pixel 3 di registrare video a 60fps fissi.
Per quello ha inventato Google One, per poi poterlo mettere in bundle in promozione con i Pixel così da non dover più regalare l'upload illimitato a qualità originale (questo sarà probabilmente l'ultimo anno in cui il nuovo Pixel avrà spazio illimitato a qualità originale, poi dall'anno prossimo passeranno al dare in bundle 250/500/1000GB di spazio su Google One per un anno o due).

Frug

Per questo ho acquistato solo cose scontatissime... Oltre al fatto che di album storici ho già molto del necessario!

Desmond Hume

Un servizio google se queste sono le premesse va acquistato per goderselo nell'immediato senza alcuna pianificazione per il futuro.

Frug

Certo che non è fallita, ma potrebbe, da un momento all'altro, cambiare assetto societario, proprietà, ad, e chissà che altro, in futuro potrebbe pure fallire e chi garantisce che i servizi continueranno.

Un LP o un CD, se conservati con cura, dureranno molto a lungo, un servizio Google?

Desmond Hume

Le devi però avere in locale. Con Play Music le avevi sul cloud e le ascoltavi dai tuoi dispositivi. È ben diverso.

matteventu

https://uploads.disquscdn.c...

matteventu

Quella é uno dei motivi per cui chiuderanno Play Music (e ovviamente non la trasferiranno in YTM).

matteventu

Puoi ancora acquistare musica dal Play Store eh.

Games

Recensione Nintendo Switch Lite: la console che mancava | Pregi e Difetti

Android

Top 6 smartphone stressati con 30 minuti di Call of Duty: consumi e vantaggi | Video

Android

Recensione OnePlus 7T Pro, lo Snapdragon 855+ non basta a fare la differenza

Asus

Asus Rog Phone 2: tutto su accessori ed esperienza gaming | Video Recensione