Apple pensa ad auricolari con sensori biometrici integrati | Brevetto

03 Ottobre 2019 21

Gli hearable sono i nuovi wearable. Questa frase tratta da un recente rapporto IDC sull'andamento del mercato degli indossabili rende bene l'idea sul ruolo che gli auricolari smart avranno in futuro. Non più semplici cuffie, ma dispositivi che si arricchiranno con funzioni mutuate da altri prodotti elettronici, compresi quelli che ricadono in altre tipologie di indossabili. Apple guida con Airpods il mercato degli auricolari true wireless e non sorprende che sia costantemente all'opera per trovare un modo per migliorare il prodotto. I suoi brevetti possono offrire utili indizi per stabilire in quale direzione si muoverà l'evoluzione del prodotto.

Il brevetto pubblicato oggi dalla USTPO, dopo la domanda presentata a luglio scorso dalla casa di Cupertino, riguarda auricolari con sensori biometrici integrati, per intenderci non troppo differenti per funzionalità da quelli impiegati in smartwatch e smartband.


Prima ancora di parlare di aspetti tecnici, è interessante prendere atto delle premesse che hanno portato Apple a voler brevettare questo tipo di dispositivi:

Gli utenti di dispositivi elettronici hanno manifestato un crescente interesse nel monitoraggio dei dati biometrici. I sensori biometrici spesso hanno bisogno di essere messi vicino o a stretto contatto con la pelle per misurare e tracciare correttamente i parametri, come il battito cardiaco, il VO2 e la temperatura.

Chiedere ad un utente di posizionare un sensore a diretto contatto con la pelle per monitorare tali parametri può risultare eccessivamente gravoso rendendo più difficile l'adozione di questa tecnologia. Quindi, sono auspicabili procedure per misurare i parametri biometrici in maniera più discreta

La soluzione è integrare i sensori direttamente nell'auricolare - uno o più - dice il brevetto, almeno uno dei quali è progettato per essere messo a diretto contatto con una parte del trago (la sporgenza triangolare del padiglione auricolare) per rilevare i parametri biometrici. L'idea di base è sviluppata in molteplici varianti: in alcune l'alloggiamento dell'auricolare può essere simmetrico, per permettere di inserirlo indifferentemente nell'orecchio destro o sinistro.

Tra i sensori citati dal brevetto figura il PPG (photoplethysmogram) per il rilevamento della frequenza cardiaca e del VO2 max (il livello massimo di ossigeno consumato), il GSR (galvanic skin response), utile per determinare il livello di stress, sino ad arrivare a quelli che permettono di effettuare rilevamenti ancor più accurati dei parametri cardiaci, come l'EKG per l'elettrocardiogramma e l'ICG per la cardiografia ad impedenza.

Come detto, si tratta di funzioni che oggi vengono svolte anche da smartwatch e smartband; in futuro potrebbero arricchire la dotazione di serie di auricolari come gli AirPods. Quando non è dato saperlo trattandosi per ora di un brevetto. Nell'immediato, Apple sembra essere impegnata a rinnovare i suoi popolari auricolari introducendo un modello in-ear con funzionalità di riduzione attiva del rumore - indizi in tal senso sono contenuti nella recente beta di iOS 13.2.


21

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
mmhoppure

mah, con s7 erano quasi inutilizzabili, con s10e meglio..ma ho provato anche con nexus4, moto g prima versione e A6..con moto G andava meglio..La cosa strana è che se cammino dentro casa posso andare lontano anche svariati metri, ma il problema si presenta proprio se c'è una sorta di barriera..

Nuanda

Attenzione che tutti i Samsung che montano la OneUi hanno il Bluetooth pesantemente fallato, ne sono certo di questa cosa anche se non ne parla nessuno se non qualche post dul forum ufficiale inglese, la portata del Bluetooth e la sua potenza dono molto inferiori alla media degli altri smartphone, con le Galaxy budd ho riscontrato proprio problemi di instabilità su S10, A7, Note 9, Tab s4 mentre di Mi9, Mi9 se e Pixel 3a xl andavano perfette....

mmhoppure

all'inizio pensavo dipendesse da s7 e dal bluetooth 4.2, ma lo stesso avviene con altri telefoni di diverse marche e con s10..addirittura se metto il cel in una custodia in neoprene all'altezza della vita, è quasi impossibile ascoltare la musica..

Garrett

T corporea? Misurata sul lobo di un orecchio?

Garrett

Brevettano solo per proteggersi da altri brevetti e poter dire che sono arrivati prima. Ma non hanno nulla.
Quasi quasi mi ci metto anch'io. Tanto basta arrivare prima degli altri

KologarnIlGigante

Oh g0d... ci viol3nteranno le orecchie insomma!

Io267

Puoi calcolarlo anche a penna, non serve per forza avere un tubo infilato in bocca mentre fai esercizio

Nuanda

con tutte le full wireless è così chi più chi meno....dipende anche molto il telefono a cui le abbini.....

antonio_ant

All'orecchio giustamente la misurazione è professionale. Ascoltami, l'unica misura professionale è data da apposita strumentazione professionale. Un auricolare con sensori biometrici NON è uno strumento professionale ammenochè non sia certificato.

Alex

al polso non si misura nulla di professionale

antonio_ant

Ma devi portarle a lungo per avere affidabilità delle misure.

Tony Carichi

iCerume.

L.Lort
VO2 max (il livello massimo di ossigeno consumato)


è scritto nell'articolo ;)

Albi Veruari

E che è il VO2 max?

JUDVS

CerumeID?

LucaS888

Mah.
Lo smartwatch si tiene sempre al polso quindi offre un monitoraggio continuo, è utile proprio per quello.
Le cuffie le si indossa solo per poco tempo.

Certo potrebbero essere un'alternativa per chi pratica attività fisico/sportiva e non vuole usare altri strumenti, ma al giorno d'oggi penso che anche una smartband sia un normalissimo accessorio per tutti.

CAIO MARIOZ

Apple Watch 4 calcola il VO2 max ma ci vogliono 6 mesi di dati, come fa a calcolarlo?

lore_rock

Ecco perché le airpods in ear che si sono viste ios 13.2 le trovo pessime, una cuffia come quella mostrata nel brevetto sarebbe molto meglio

mmhoppure

ho gli airpods2 e basta che ci metto il palmo della mano sopra che salta l'audio...mah

Alex

È la scelta migliore in assoluto
I sensori al polso non servono ad una mazza sono tanto imprecisi quanto inutili
A livello auricolare si possono invece avere valutazioni migliori anche sulla T corporea per esempio

Tony Carichi

Poi le lenti a contatto informatizzate e infine due bei tappi per il naso per ambienti particolari.
Hehehehe!

Android

Recensione Samsung Galaxy A51: pronto a conquistare la fascia media

Eventi

HDblog e Samsung vi invitano all'anteprima italiana degli SSD Touch T7 | Milano, 28 gennaio

HDMotori.it

Porsche è sempre più Experience

Windows

Recensione Surface Pro X: Il futuro è arrivato troppo presto