Samsung: stop alla produzione di smartphone in Cina

02 Ottobre 2019 89

Samsung Electronics ha fermato la produzione di smartphone in Cina. A dare la notizia, poi ripresa da Reuters, è stata l'azienda stessa, e la ragione è probabilmente rintracciabile nella concorrenza dei marchi locali.

Non si può certo dire si tratti di un fulmine a ciel sereno: già qualche mese fa, Samsung aveva annunciato di voler ridurre la produzione di smartphone in Cina, e infatti pare che ai dipendenti della fabbrica di Huizhou fossero stati offerti incentivi per il licenziamento volontario.

La fetta di mercato cinese del marchio sudcoreano infatti è scesa all'1% durante il primo trimestre di quest'anno, mentre a metà del 2013 era al 15%: un calo dovuto al crescente successo della concorrenza locale, in particolare Huawei e Xiaomi. Da qui, dunque, la difficile decisione di Samsung. Come spiegato sinteticamente nel comunicato: "Le attrezzature saranno spostate in altri siti produttivi in giro per il mondo, a seconda delle necessità del mercato".

Non sono stati forniti dettagli invece sulle dimensioni dello stabilimento che sta chiudendo e sul numero di dipendenti coinvolti. La produzione prosegue a pieno ritmo invece in India e Vietnam, dove ha iniziato a espandersi negli ultimi anni. Ma Samsung non è stata l'unica ad aver preso tale decisione. Anche Sony ha infatti annunciato di aver interrotto le proprie operazioni in Cina per quanto riguarda il settore smartphone; d'ora in avanti la produzione avverrà solo in Tailandia.

L'unico vero Note? Samsung Galaxy Note 9, in offerta oggi da Bass8 a 559 euro oppure da Coop Online a 649 euro.

89

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
an-cic

No, moda. Io sarò a ho chi minh a fine mese

Gianluca

Ciao, di che ti occupi? Io lavoro in Cina e Vietnam. Confermo del fuggi fuggi. Ho amici di Shanghai trasferitisi a Ho Chi Minh. Settore food?

teob

È proprio qui che si sbaglia. È per questo motivo che un oggetto che vale 10 arriva a costare 100. Perché la gente se lo può permettere ma non si chiede se realmente vale

teob

Semmai l esatto contrario

teob

Ottima disamina ... Pienamente in accordo ... Travolti dal consumismo le persone non si fermano mai a farsi domande .... E non danno il giusto valore alle cose .... Purtroppo

teob

Capirai che macchinari saranno mai per assemblare oggetti di 15 cm ?!?!

StadiaPlus

Purtroppo è dura per Samsung dover competere in un mercato dove i telefoni li producono e la gente sa benissimo cosa costano al netto di costo della grossa distribuzione, commercio al dettaglio, mille tasse e boiate varie...

Sungfive52

I cinesi non saranno gli asiatici più ricchi ancora per molto molto molto tempo (se mai lo saranno)

Gunny35

Mi sa che non ti sei ancora accorto di avere le orecchie più lunghe delle mie

Gunny35

Pensa bene all'ultima frase che hai scritto quando vai in pale :D

Antonio Russolillo

Certo che sei ottuso! Te la faccio semplice: senza perder il tempo che dici, molti sanno che A è meglio di B ma siccome B è quello alla moda, che tutti sanno e ti dicono: wow, anche tu ce l hai.. per paura di prendere A e sentirsi dire: cos è sto coso, sicuramente sarà peggio di B, fai la scelta del gregge, spendi di più ed hai di meno.
Perché la pubblicità si paga e spesso non corrisponde ad una qualità migliore.
Basta ora, comunque vada ci rinuncio.
Da noi si dice: a lavar la testa all asino, si perde tempo, pazienza, acqua e sapone

herinanth

Dai ragazzi, xiaomi vende tanto perché costa poco, i cellulari sono pieni di bug vistosi, non che quelli samsung non ne abbiano, ma di solito non sono così vistosi e vengono corretti.

drio75

Belle parole, ogni tanto questo blog sa stupire

Teomondo Scrofalo

In Indonesia niente?

Francesco Renato

No, il futuro degli USA è nei servizi, non nella manifattura; Apple è diventata grande proprio perché è stata la prima a capire che doveva delocalizzare la produzione; tutte le case che hanno ritardato la delocalizzazione sono fallite (Motorola, Nokia, Packard Bell, IBM pc etc.)

Gunny35

Il fatto che tu non te ne renda conto è la misura di quanto il condizionamento sia profondo. Fare le cose nel gregge ha il grosso vantaggio di far risparmiare tempo. Puoi evitare di studiarti 20 siti diversi per valutare se Chong Chong XYZ ha un processore migliore di Pingfeng ZXX e invece vai nel negozio, scegli quello che ti piace di più e te lo compri.

Tuone

cosi il prossimo Iphone lo compri a 2000€

Antonio Russolillo

La più grande che ho sentito, ma mi prendi in giro o sei proprio così? Anche il vero è sbagliato, voler... È l essere di una persona, la mia natura che mi spinge a ragionare da persona libera.
E poi non hai capito la cosa più importante oltre al condizionamento mediatico, il fare le cose e scegliere quelle cose che piacciono agli altri, al gregge, non perché piace a te (nel profondo, te le fai piacere per condizionamento) ma perché con quel modello che hanno tutti, ti senti parte di loro.
Non rispondo a te che stai sottoterra per la risposta data, ma a chi legge il mio e la tua risposta

Gunny35

Voler essere liberi da condizionamenti è un condizionamento

Andrea1234567

Wow, offese sul personale. Hi fatto centro quindi

LukaNyan3

Vibrartori smart

Gabriele Bersani Berselli

Se Samsung produceva in Cina avrà avuto le sue ragioni. O no?

Gabriele Bersani Berselli

Ma quanto costa produrre Apple in US?

Vladyslav Singur

Bella questa, catene di produzione in USA. Non è più conveniente produrre in Cina, dove i salari sono cresciuti di decine di volte in pochi anni, figuriamoci in Occidente.
Tutta la produzione si sta spostando nei paesi confinanti: Vietnam e India principalmente.

Mauro Varrucciu

Samsung vende poco in Cina i prodotti cinesi sono all'.avanguardia e costano meno e hanno un'ottima tecnologia gli operai licenziati andranno a finire nelle fabbriche concorrenti produrre in Vietnam costa meno ma la manodopera non saprei se all'.altezza di quella cinese ...

Mattexx

Ora manca solo Apple che sposti finalmente la sua produzione negli Stati Uniti come doveva già essere.

Bruno Boborosso Craighero
Rocky wang

Tu=merd4

gennaro di sarno

Che settore è??

Antonio Russolillo

Come al solito, chi non capisce rispinde sempre.
Fiero di essere anticonformista da tutti i punti di vista, di analizzare il mondo intorno senza lasciarmi condizionare dalle pubblicità o dal fatto che devo comprare quel modello di auto, vestito, cell ecc... per essere accettato dalla società.
Comprare il meglio senza tutte quelle influenze, spesso ti porta a fare scelte di modelli sconosciuti ma molto più validi.
Mai parte del gregge

Shane Falco

Meglio per samsung

Lupo1

No, porteranno quella produzione residua in vietnam

Ginomoscerino

in Cina ormai producono roba a qualsiasi livello di qualità, tutto dipende da chi richiede

0KiNal0

In preorder, poi già al day one sono calati.

ciro mito

Ci sono gli strumenti adatti , non stiamo al tempo delle piramidi

momentarybliss

"le attrezzature saranno spostate in altri siti produttivi", pare semplice a dirlo, chi si occuperà della cosa dovrà farsi un discreto mazzo ho idea

Patri

quindi ci sarà un aumento dei prezzi del 20/30%?

Andrej Peribar

Tutti a produrre in america!

an-cic

no, producevano in cina perchè esportare prodotti in cina è un "problema"

an-cic

la questione è semplice, producevano in cina per penetrare il mercato ed evitare tutti i problemi di importazione. ora lo spazio nel mercato cinese è diventato troppo piccolo per loro, quindi si spostano a produrre in paesi dove la manodopera costa meno... perchè produrre in cina non è più così economico come in molti pensano. nel mio settore c'è un fuggi fuggi generale dalla cina verso paesi come vietnam, cambogia ed etiopia

CAIO MARIOZ

una volta costava meno, ora i Cinesi stanno diventando gli abitanti più ricchi dell'Asia, inoltre la Cina detiene il primato mondiale per numero di persone miliardarie

Mobile Suit Gundam

In senso di logica assoluta (come parametro minimo si può considerare il rapporto tra costo di produzione, valore reale del bene e "benefici"/"produttività" per l'utente) la tua domanda ha pienamente senso.

Poi si potrebbe (dovrebbe?) considerare una "questione morale" che in linea di principio sarebbe bene fosse sempre parte integrante delle nostre scelte, in ogni ambito, per prevenire uno scadiento ed imbarbarimento sociale con tutto quello che il fenomeno comporta nel medio/lungo periodo.

Detto questo, rispondo alla tua domanda con un'altra domanda - anche se non si dovrebbe: ha senso il tuo quesito nei tempi in cui viviamo?

Voglio dire: è evidente ormai da decenni che c'è una palese sproporzione tra valore/prezzo di mercato di certi tipi di beni di consumo, e la tendenza è in continuo peggioramento.

Ha senso acquistare una automobile "esclusiva" da 400.000 euro o più? (Tanto per fare un altro esempio).

Ha senso pagare un immobile 20.000 euro al metro quadro solo perché situato nel centro di una metropoli? Ha senso comprare un televisore a 3000+ euro? La lista è infinita. Ha senso che chi di fa il cul0 in campagna deve sputare sangue tutta la vita per mettere da parte due soldi? Ha senso che chi produce beni davvero di prima necessità debba lottare con imorendiimpr, governi e spesso persino sindacati per non farsi affamare? Ha senso che "influencer" di m€rd@ con quozienti intellettivi da sottosviluppati ritardati guadagnino milioni di euro per parlare di puttanate assolute o nella migliore delle ipotesi per scattarsi 300 selfie al giorno a cul0 e t€tt€ e tatuaggi?

È "giusto" e "normale" che dal momento che "posso permettermelo economicamente" tutto sia lecito e condivisibile? È chiaro che si finisce per perdere la capacità di dare il giusto valore alle cose e quando questo modo di pensare diventa dominante le fondamenta della società stessa sono minatae da squilibri pericolosi che prima o poi sfociano, in varie forme, in crisi di varia natura.

Questa è la società in cui viviamo e che chi ci ha preceduto (anche col nostro contributo, in funzione dell'età) è stato capace di costruire...

il Gorilla con gli Occhiali

Ci sono i cestelli elevatori.

Andrea1234567

cina = merd4

kkk66

Ah sì di sicuro guardano prima al guadagno, quindi se non ci sono altre problematiche semplicemente riescono a spendere meno o uguale facendo le cose da un altra parte. Oppure necessitano di minore produzione visto il calo di vendite. Comunque ormai tutti scappano dalla Cina

Akira Koga

Evita di cadere dalla scala però

Andrea1234567

Se sei un poveraccio e spendi al day one 1600 euro per un telefono solo per dire "ho l'iphone!1!" no, non ha senso.

Andrea1234567

Diciamo che nei PC il prezzo fa di più la differenza, dato che senza determinati pezzi di un certo livello alcune cose non puoi proprio farle. Negli smartphone ormai il prezzo lo fa il marchio (status symbol) e il design, non l'utilità. La cosa vale in parte anche per le auto, anche se meno.

3DBoom

producevano in cina perchè aveva un senso, scommetto che avranno preso anche degli incentivi perchè assumessero operai cinesi etc. Poi questo viene meno perchè ora hanno alternativa 100% fatta in casa e la quota scende quindi chiudo. Diverse multinazionali, ultimo il caso whirpool, prendono soldi dallo stato italiano perchè mantengano la produzione qui. Intascano e poi con qualche scusa o per tristi risultati salutano con portafoglio pieno prima di dover usare soldi propri.

Ray Allen

dunque secondo te la stragrande maggioranza degli acquisti di smartphone top di gamma ad alto prezzo non ha senso, cercando di levarti le parole di bocca ricavo questo

Games

Recensione Nintendo Switch Lite: la console che mancava | Pregi e Difetti

Android

Top 6 smartphone stressati con 30 minuti di Call of Duty: consumi e vantaggi | Video

Android

Recensione OnePlus 7T Pro, lo Snapdragon 855+ non basta a fare la differenza

Asus

Asus Rog Phone 2: tutto su accessori ed esperienza gaming | Video Recensione