Google: il diritto all'oblio non sarà garantito su scala globale

24 Settembre 2019 28

Google non sarà obbligata ad applicare il diritto all'oblio su scala globale: fuori dall'Unione Europea sarà quindi possibile continuare a visualizzare anche i risultati delle ricerche che all'interno dell'UE ricadono nel diritto all'oblio e, come tali possono essere rimossi su richiesta dell'interessato.

La decisione è stata presa dalla Corte di giustizia dell'Unione Europea ed è solo l'ultimo capitolo di una diatriba che va avanti da diversi anni. In particolare, il diritto all'oblio nell'UE era stato sancito dalla stessa corte con una decisione del 2014, ed era stata poi inclusa nel Regolamento generale sulla protezione dei dati (Gdpr); ma, appunto, vale solo per il territorio dell'UE.

A questo proposito, all'inizio del 2015 l'Unione Europea si era lamentata dell'eccessiva facilità con cui era possibile aggirare la "censura" dell'epoca: bastava accedere a Google da un altro dominio (passando ad esempio da google.it a google.com) per visualizzare quanto era nascosto sul dominio nazionale.


In quel caso, il motore di ricerca di Mountain View aveva avallato la proposta, censurando il risultato su tutti i suoi domini alle connessioni provenienti dallo Stato in cui la censura era attiva. Tuttavia, per il Garante della privacy francese non era abbastanza: ha chiesto che Google censurasse a livello globale i contenuti che in Europa ricadono nella normativa sul diritto all'oblio, quindi anche nei Paesi che non prevedono alcuna forma di censura.

Dal canto suo, Google individuava in questa proposta un precedente pericoloso per le possibili derive autoritarie che si sarebbero potute verificare in alcuni Paesi. La giustizia francese ha rimandato il caso alla Corte di giustizia, la cui decisione è stata comunicata oggi e dà ragione all'azienda di Mountain View, che dunque si è dovuta adeguare alla norma all'interno della UE, ma non dovrà farlo a livello globale.

In realtà, già durante l'attesa della decisione della Corte di giustizia molte sentenze pronunciate in diversi Stati europei avevano rifiutato l'idea del global removal, asserendo la territorialità del diritto, anche in materia di informazione: in sostanza, una norma vale solo nel territorio in cui è stata adottata.


28

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
KingROG97

I francesi ultimamente stanno dando il "meglio".
Tra steam, questo diritto e altre c4gat3 recenti fanno sempre più ridere.
Poi mi chiedono perché mi stanno sul c4zz0 i francesi, beh.....

xpy

Non ha molto senso ma non è possibile fare altrimenti

qaandrav

"si potrebbero creare numerosi incidenti politici se fosse possibile"

verissimo però non ha molta utilità bloccare qualche sito/notizia solo per alcuni stati...
alla fine anche in cina, dove è tutto bloccato, basta una vpn...

Loris Piasit Sambinelli

tecnicamente si. in quanto stai dando del ladro a chi fa parte del partito lega. I fatti giudiziari invece hanno detto che solo alcune persone hanno rubato quei milioni di euro.
Se poi dai dei pezzi di mxxxa a tutti i leghisti li nessuno ti può far nulla in quanto pura verità

Tizio Caio

Il diritto all'oblio vale anche per chi ha subito il torto e può rifarsi una vita anche lui

jacksp

Io trovo il diritto all'oblio un insulto verso chi è sempre onesto.

Perchè chi è stato condannato dovrebbe essere premiato in qualche modo rendendo impossibile alle persone sapere se una persona è stata condannata in passato?

Così si cade nell'assurdo, chi delinque ha comunque la possibilità di rifarsi una vita mentre chi magari ha subito un torto no. ASSURDO

pollopopo

solo i francesi potevano proporre un qualcosa (non posso definirlo diversamente) di così dementè ... diritto all'oblio mondiale proveniente da però un solo stato (definisco così l'europa per comodità linguistica)...........pare na barzelletta

xpy

Infatti è ovvio che sia così è oltre la loro giurisdizione, e se si azzardassero a farlo potrebbero rischiare di causare incidenti diplomatici di non poco conto

xpy

Ed essendo qualcosa di globale ,e quindi un territorio di tutti ,si sono resi conto che semplicemente non è sotto la loro giurisdizione, non possono imporre una loro legge ad altri stati, sarebbe come se una persona qualsiasi andasse in un parco e vietasse di fare un qualcosa solo perché a lei non sta bene
È interessante notare come le persone non riescano a capire questo semplice concetto

xpy

Se fosse permesso di applicarlo a livello globale staresti autorizzando richieste assurde, ad esempio Trump domani decide che non si può più acquistare su siti cinesi, aliexpress etc, e avrebbe potuto non solo bloccarlo dagli stati uniti ma a tutti gli utenti del mondo, se proprio vuoi renderlo illegale completamente allora emani una legge che se un cittadino del tuo stato sfrutta mezzi alternativi per cercare informazioni cancellate dal diritto all oblio allora è passibile di multa
In generale, uno stato o un gruppo di stati non può pretendere che una sua legge abbia valenza a livello mondiale, si potrebbero creare numerosi incidenti politici se fosse possibile

Yafusata

eheh puo' darsi :)

qaandrav

sai un po' cosa mi ricorda questa vicenda? i siti per i film...
utente non esperto: non trova su google quindi non "commette reato";
utente "esperto" trova direttamente la fonte dei film perché in grado di eludere i vari blocchi dns/ip...

qaandrav

"la territorialità del diritto, anche in materia di informazione: in sostanza, una norma vale solo nel territorio in cui è stata adottata."

non c'è alcun senso logico, come scritto anche da altri è sufficiente una vpn (o anche meno probably) per aggirare il blocco.
ma soprattutto come fa ad avere territorialità una pagina internet? il contenuto è/può esserlo, ma non certo lo strumento/supporto su cui si trova

qaandrav

si infatti mentre leggevo ho solo pensato "ma sti qua sono sc3mi dove si pettinano o hanno ricevuto una cagnotta?"

SuperDuo

Ad oggi, la privacy e l'oblio sono un regalo ai malfattori.

Che poi serva a tutti è un altro discorso, oggi è così, serve a far sparire notizie scomode.

Garrett

Senza andare troppo lontano, Berlusconi ha fatto rastrellare un bel po' di foto che lo ritraevano e mi pare anche sul Tubo.
Quindi dipende sempre da chi fa la richiesta

Fiore97

si al massimo ti banna Morisi dalla pagina

Yafusata

No. Lo stavo solo ribadendo.

Yafusata

No io mi lamento dell'italia... che e' molto peggio dell'Europa.

Yafusata

Quindi se per esempio affermo che la Lega e' una massa di ladri... nessuno puo' denunciarmi giusto?

Fiore97

è una novita?

Yafusata

Proprio questo intendevo prima.

Yafusata

E' interessante notare come la Corte di giustizia non riesca manco a capire che con la rete, il territorio sia un qualcosa di praticamente inesistente.

Paolo Giulio

Non è stato cancellato... google non ha tale potere ;-) (PER ORA)
Vengono solo rimossi i link dai risultati di una ricerca... ma, se un articolo del giornale locale ha parlato della truffa e della condanna, tale articolo è sempre al suo posto...

E non c'è diffamazione nel parlare di fatti di cronaca passati già in giudicato con sentenza definitiva.
Si configura quindi il diritto di cronaca e di critica (art 21 della Costituzione)

https://canestrinilex.com/risorse/differenza-fra-calunnia-e-diffamazione/

In breve: il diritto di cronaca si concretizza nella narrazione di fatti (con i requisiti di veridicità, correttezza espressiva, rilevanza sociale della notizia), mentre il diritto di critica consiste in un giudizio o di un'opinione che, dunque, non può in nessun modo essere rigorosamente obiettiva, essendo fondata su un'interpretazione di fatti e comportamenti.

Tra i limiti del diritto di critica non vi sarà, dunque, la veridicità, bensì solo ed unicamente la rilevanza sociale, nonché la correttezza espressiva.

Non ogni espressione "forte" e "pungente" è idonea a configurare penale responsabilità, essendo richiesta ai fini della configurabilità del delitto di diffamazione un'obiettiva capacità offensiva della comunicazione a prescindere dalla sensibilità del soggetto passivo ( C., Sez. V, 16.2.2011).

[omissis]

Non commette però mai il reato di diffamazione colui che rappresenta con espressioni congrue la verità dei fatti ( C., Sez. V, 13.1.2010).

attento alla diffamazione se ripubblichi qualcosa che è stato cancellato

Paolo Giulio

... ho un conoscente (un farabutto, per chiarire) che è riuscito a far sparire dal web i link ad articoli che riguardavano una sua condanna per truffa (settore auto) ...

Quindi, se mi loggo con una VPN facendomi risultare in Nuova Zelanda, posso "rivedere" questi link che, usando il PC dall'UE, non vedrei ?

OTTIMO... merita giusto di essere ancora sputtanato in eterno (e non solo lui) ... :D :D: D

Maurizio Mugelli

mi pare corretto, diciamo (enfaticamente) che non mi piacerebbe se google applicasse allo stesso modo le censure cinesi o di qualche altra nazione nel mio territorio.

FreeEnd

Poi c'è gente che si lamenta anche dell'Europa

Android

Recensione Samsung Galaxy S21 Ultra: convince praticamente su tutto

Sicurezza

Telegram, Signal ma non solo: ecco le migliori app alternative a WhatsApp

Android

Le nuove prospettive per Huawei senza Trump | Video

Mobile

Samsung Galaxy Buds Pro con ANC: che qualità! | Recensione