Apple Arcade: ecco perché vale la pena provarlo | Video

20 Settembre 2019 254

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Apple si affaccia al mondo del gaming con Apple Arcade, il suo nuovo servizio di giochi in abbonamento che consente di accedere ad un catalogo predefinito di titoli (in continua espansione), a fronte di un canone mensile. Oggi vogliamo provare a raccontarvelo.

Si tratta di una soluzione che, per molti versi, richiama quella che in tanti avrebbero voluto per Google Stadia, ma che nella realtà dei fatti sarebbe stata impossibile da sostenere con un catalogo composto da tanti titoli tripla A. Il discorso invece cambia fortemente se si guarda al mondo mobile e sembra che Apple abbia trovato un giusto equilibrio per proporre una formula iniziale molto intrigante.

Parliamo infatti di un servizio che viene proposto al costo di 4,99 euro al mese (con un mese di prova gratuito), il quale si presenta al debutto con un catalogo di 59 titoli appartenenti ad ogni categoria, tutti da scaricare e installare sui dispositivi iOS e macOS.

Troviamo quindi giochi molto ambiziosi e complessi come Oceanhorn 2, Shinsekai, Spelldrifter e Sayonara Wild Hearts, ai quali si affiancano altri titoli più leggeri e vicini al classico stile dei giochi mobile, come ad esempio Skate City, Bleak Sword, What The Golf, Spaceland, Various Day Life e molti altri ancora.

Tutti i titoli proposti all'interno del pacchetto sono esclusive del servizio. Questo vuol dire che non potranno essere acquistati singolarmente e che molti di questi saranno disponibili solo sulle piattaforme Apple. Non è chiaro se la casa di Cupertino abbia ottenuto licenze con esclusiva temporale o a tempo indefinito, ma è chiaro che si tratta principalmente di esclusive con solo riferimento al mercato mobile.

A ricordarci che si tratta di un titolo Apple Arcade ci pensa anche la splash screen dedicata (immagine di apertura) che troviamo all'avvio di ogni gioco. Un piccolo dettaglio che ci lascia capire come questo servizio rappresenti la visione di quella che deve essere la console portatile (e non) del futuro secondo Apple: un qualcosa che si astrae dall'hardware e si proietta nel maggior numero di terminali diversi - dall'iPod Touch all'iMac - offrendo un catalogo condiviso e accessibile ad un prezzo competitivo.

PERCHÈ ABBONARSI AD ARCADE?

Ma qual è il senso di sottoscrivere un abbonamento di questo tipo? Senza dubbio il valore aggiunto risiede nella possibilità di accedere a giochi concepiti per essere completi e privi di meccaniche tipiche dei free to play (come energia, utilizzo di lootbox e così via), senza pubblicità e acquisti in app di alcun tipo.

Questo permette ad Apple di approcciare gli sviluppatori proponendogli sin da subito una forma di monetizzazione alternativa e più concreta, liberandoli quindi dal peso di dover integrare nei propri titoli le meccaniche appena citate. In questo modo c'è la possibilità di realizzare titoli più rischiosi e audaci, il cui scopo diventa quello di intrattenere l'utente per il maggior tempo possibile, grazie a esperienze di qualità e non ad espedienti discutibili.

Nota: Al momento non è chiaro in che modo Apple retribuisca gli sviluppatori, ma immaginiamo che ogni studio abbia contratti e accordi diversi, ma generalmente potrebbe essere adottato lo stesso metodo impiegato per pagare gli editori su Apple News, i quali vengono retribuiti i base al tempo di lettura.


Il catalogo di Apple Arcade si presenta quindi con un livello qualitativo nettamente superiore rispetto alla media delle altre produzioni mobile e allo stesso tempo evita ulteriori esborsi all'utente. Non a caso il servizio viene proposto con la possibilità di attivarlo anche su tutti gli altri account (sino a 6) collegati al proprio gruppo Famiglia. Il target di Apple non è quindi solo il giocatore occasionale o l'appassionato, ma anche il genitore che in questo modo riesce a controllare meglio la spesa di suo/a figlio/a, tramite un solo abbonamento che vale per tutta la famiglia.

L'assenza delle classiche meccaniche free to play ha anche un altro risvolto positivo, ovvero la ridotta dipendenza dalla connessione di rete. Molti dei titoli presenti su Apple Arcade sono giocabili anche in modalità offline, quindi vi sarà possibile giocare in aereo, in treno, nave o in qualsiasi altro posto sprovvisto di accesso alla rete.

ALCUNI ASPETTI DA RAFFINARE

Questo però non è valido per tutti i titoli del catalogo, dal momento che alcuni richiedono comunque l'utilizzo di una connessione per poter essere utilizzati. Purtroppo Apple non ha introdotto un indicatore che ci permetta di capire sin da subito se un determinato gioco possa essere fruito anche offline. Questo aspetto ci permette di analizzare un altro dei punti che - almeno al momento del lancio - appaiono un po' meno curati, ovvero la gestione della sezione Arcade su App Store.

A differenza di molti altri suoi servizi - com News+ e TV+ -, Apple ha scelto di non realizzare un'app per Arcade e lo ha integrato in uno dei tab dell'App Store. La scelta è molto significativa e ci fa capire quanto in realtà la società punti fortemente su questo servizio; basti considerare che lo ha inserito in una delle applicazioni più importanti di iOS/iPadOS, rendendolo visibile alla totalità dei suoi utenti, anche quelli che solitamente non giocano.

Purtroppo però questo approccio ha dei punti deboli; se da un lato garantisce una visibilità impossibile da eguagliare per qualsiasi altro servizio, dall'altro limita fortemente le possibilità di organizzare in maniera più articolata la sezione. Al momento questa presenta alcuni titoli in primo piano e offre accesso ad una lista completa di titoli, senza però offrire gli strumenti di ricerca. Sono presenti le categorie, ma non abbiamo alcun tipo di filtro su cui agire per migliorare la ricerca.

Allo stato attuale non rappresenta un problema troppo grave, ma è probabile che Apple debba rivedere completamente questo aspetto, una volta che il parco titoli crescerà in maniera considerevole. Certo, resta la possibilità di effettuare ricerche globali su App Store - trovando quindi anche i titoli Arcade -, ma sarebbe stato meglio averne una dedicata esclusivamente alla sezione.

Oltre a ciò non convincono a pieno neanche le schede dei singoli titoli. Non tutte offrono le informazioni rilevanti ad un primo sguardo e, come accennato poco sopra, manca un'icona specifica che possa suggerire la possibilità di giocare anche offline.

LA FORZA DELL'ECOSISTEMA

Apple Arcade punta a valorizzare l'ecosistema Apple e diventa sempre più accattivante se si possiede un vasto numero di dispositivi della casa californiana. Iniziare una partita su iPhone, per poi riprenderla direttamente su Apple TV o su iPad, usare il proprio MacBook Pro per godere delle prestazioni grafiche massime. Queste sono tutte cose possibili con Apple Arcade, dal momento che la libreria di giochi è condivisa con tutti i dispositivi supportati.

Certo, da un lato questo significa che le esperienze di gioco su Mac non sono altro che dei giochi mobile potenziati, tuttavia si tratta comunque di un'ottima soluzione che consente di avere il proprio parco titoli a disposizione su ogni piattaforma; d'altronde il Mac non è certo famoso per le sue potenzialità nel mondo del gaming, quindi un inizio di questo tipo è accettabile. Speriamo però che ciò permetta di innalzare ulteriormente la qualità del gameplay anche sulle altre piattaforme.

Grazie all'integrazione con iCloud, inoltre, i salvataggi di ogni gioco vengono immediatamente sincronizzati con tutti i dispositivi, in modo da poter riprendere la partita dal punto in cui la si era lasciata. Ovviamente non tutti i giochi permettono di riprenderla dal punto esatto; è più corretto dire "dall'ultimo salvataggio".

CONTROLLI

Il fatto che Apple Arcade sia accessibile da una vasta gamma di dispositivi implica anche il supporto ai rispettivi metodi di controllo. Su Mac potremmo quindi sfruttare la testiera, il mouse e il trackpad, su Apple TV potremmo accedere al TV Remote e su iPhone, iPad e iPod Touch tramite touch screen.

Oltre ai sistemi di controllo nativi di ogni piattaforma, molti giochi potranno essere utilizzati anche tramite un controller esterno. In questo caso sarà possibile sfruttare uno dei tanti pad con certificazione MFI o quello delle console casalinghe. Nello specifico parliamo del DualShock 4 di PlayStation 4 e del controller Xbox One (ma attenzione, parliamo di quello con connettività bluetooth), grazie al supporto nativo integrato nei nuovi aggiornamenti dei principali sistemi operativi

Apple Arcade è anche un buon modo per far gli sviluppatori per far conoscere gli altri titoli pubblicati in precedenza
CONSIDERAZIONI FINALI

In conclusione: vale la pena abbonarsi ad Apple Arcade? La risposta è senza dubbio si, soprattutto in considerazione della possibilità di accedere ad un mese di prova gratuito. Questo i permetterà di valutare con mano la qualità dei giochi proposti e di capire autonomamente se l'offerta di Apple viene in contro ai vostri gusti

Ora la palla passa alla casa di Cupertino: aver lanciato il servizio è solo il primo passo, ora è necessario continuare a supportarlo con titoli sempre nuovi e di peso, in grado di rendere la spesa di 60 euro all'anno per Arcade appetibile anche nel lungo periodo. Molti dei giochi di punta mostrati alla presentazione non sono ancora disponibili, come Beyond a Steel Sky, il misterioso titolo di Hironobu Sakaguchi (creatore di Final Fantasy), o ancora The Pathless, quindi possiamo già dire che c'è ancora molta carne al fuoco in arrivo, anche senza considerare i futuri accordi che Apple dovrà siglare.

Apple Arcade è già disponibile su tutti i dispositivi aggiornati ad iOS 13, iPadOS 13, tvOS 13 e macOS 10.15 Catalina. Il primo mese di abbonamento è gratuito, quindi non vi resta che provarlo con mano.

VIDEO

Il top gamma con il miglior rapporto qualità/prezzo? Asus ZenFone 6, in offerta oggi da ASUS eShop a 499 euro oppure da Unieuro a 559 euro.

254

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
NEXUS

io ho commentato che sono giochi di merd perchè lo sono, sei te il poveraccio

Piddì

allora cosa commenti qui che non si parla di console serie? ritardata

NEXUS

ahhaha povero lurid0 appleTARD, io se voglio giocare ho una console seria

Piddì

Ahahaha dai su, rilassati. Il tuo fegato ringrazierà

Andrea Ciccarello

Questo è vero, ma ormai è saputo che chi acquista un Android non paga quasi mai per dei giochi da 10€ . Si rivolgono sulla piattaforma di Apple per gli utenti con il portafoglio ampio. Sul la lato Mac è diverso. Già su Linux la mancanza delle direct x si fa sentire (anche se le puoi emulare), non parliamo di Mac OS. Se supporti le librerie principali il possibile porting si snellisce di molto.

pietro

Beh dai, qualche piccola perla c'è già su arcade, chissà più in la

pietro

Infatti vulkan è supportaissimo su Android, forse in una mano ci stanno i titoli che supportano vulkan presenti s play store. Ed il supporto a vulkan è stato introdotto nel 2016.
Poi cavolo, basta anche dare un occhio ai titoli dei due store e la diversa qualità dei multipiattaforma per darsi una risposta.
Su iOS si gioca meglio e a titoli migliori, è un dato di fatto, e ripeto, sono un androidiano purista convinto

Mastro Tracco

Si scusa, avevo frainteso una info in una recensione...

Mastro Tracco

Si scusa, avevo frainteso una info in una recensione

Marco

Dipende. Io non compro una console da oramai 10 anni perchè la userei
giusto 10 minuti a settimana. Ma una partita, ogni tanto, a qualche
gioco carino vorrei farmela. 60€ all'anno, sono comunque molto meno di
250€ di console + eventuali giochi. Io lo sto provando in questi giorni e
qualche giochino carino l'ho trovato. Ovvio, sono quei giochi che ti
tengono compagnia mentre aspetti il tuo turno dal dentista.

Marco

Non compro console dalla ps3 che ogni tanto ancora accendo, ma questo servizio per me è carino. 5€ al mese, ogni tanto faccio una partita da 10 minuti e sfogo la mia voglia di gioco. E' un buon modo per non buttare troppo tempo nel cess....o :)

Dark!tetto

Se lo dici tu che i 90 Hz sono inutili allora tutti zitti, non li avrai mai visti nemmeno scritti su un foglio per parlare cosi. Quello è un FHD con un paio di linee in più e non cambia na cippa se non l'idiozia di non volere usare uno standard ampiamente diffuso su ogni campo. Continuo a non capire perchè parli di android non top di gamma quando li paragoni al tuo amato iPhone visto che Apple fa solo top di gamma andrebbero confrontati con quelli no ? I SoC non si giudicano dai bench, ma sul campo, non è che sei anche tu il solito bimbm... che prima guarda i benchmark, poi niente solo alcuni, poi niente meglio guardare il single core etc etc. Ti ho detto che non sono confrontabili ma niente la mela sta proprio marcendo,

sagitt

Puó essere negativa?

M C

A fine mese quando esce su apple tv un mese di prova lo faccio....

Ginuzz

Come tempo fà fece Acer ora c'è Lenovo che cerca di scalare la vetta. Così come Acer in futuro vedremo prodotti Lenovo ovunque...

Ginuzz

Uso personalmente i titoli presenti sullo store Microsoft per giocare in multiplayer. Quando un gioco ha un inizio ed una fine è uguale a qualsiasi titolo acquistabile a piacere su supporto elettronico o fisico, quindi c'è una spesa iniziale e basta, posso integrare il titolo con eventuali patch che ne ampliano il contenuto. Comunque il costo mensile non vale "il gioco". Mi direte "ma non ci sono acquisti in app", ed allora? puoi giocare ad un gioco free con acquisti in app senza acquistare perchè l'acquisto viene proposto se si vuole un determinato aggiornamento (vite, gettoni, potenza, altro) sono aggiornamenti che dopo un determinato tempo vengono riproposti in maniera gratuita.
Ciao.

Sasi Basy

https://youtu .be/ZNmnjHFi4tM
Guarda questo video, figurati che il galaxy s8 lagga su pubg... Quanto alla switch, beh quello è un altro discorso. Io volevo intendere che se uno ha intenzione di comprare il rog phone per giocare, tanto vale prendere l'iPad pro. La switch non l'avevo proprio presa in considerazione, ma forse è la migliore scelta.

Sono Giapponese!

Non avevamo dubbi

Andrea Ciccarello

Va a 60 Hrz come gli altri non fare disinformazione. Apple fa solo gli ipad con altro refrashrate

Andredory

Non è 120hz, è il touchscreen che è a 120hz.

Mastro Tracco

È già arrivato , iPhone 11 pro è 120 hrz

Mastro Tracco

Iphone 11 pro è 120hrz

Max

no. Antutu è sempre stato una sozzeria.

Andrea Ciccarello

L’anno scorso no la pensavo così

Max

Antutu fa ridere i polli.

peyotefree

? ti giuro che non ho capito niente

Approvo solo ciò che mi piace

c1p8HD
peyotefree

de mente

peyotefree
peyotefree

si chiamano semplicemente "giochi"
ti do una info.. sono sempre esistiti i giochi senza acquisti in app.
NON li ha inventi Apple

peyotefree

come?strano non approvi tutto ciò che caga Apple..

FingerFehlerFellow

No beh dai ci sono anche degli rpg validi e giochi che hanno senso proprio con un’interfaccia touch (pensa chessò, ad un hack and slash con controlli genere fruit ninja); comunque è abbastanza per costruirsi un catalogo valido, chiaramente non giocherei a Starcraft sull’ipad

Giu P

Provato , sono fatti bene ma 5 euro al mese sono tanti . E poi il gaming su smartphone non è il massimo . Ogni tanto sull s10e magari vado di drastic con pokemon o ppsspp con dragon ball , ma niente di più e su iPhone L emulazione è un problema

NEXUS

con questi giochi di merd,quale idiota lo fa?

TheAlabek

Vedi che ho ragione?

Ikaro

60€ per queste 4 cagate?

Depas

Zitto

Andrea Ciccarello

Il supporto a migliori librerie hardware è tutto relativo. Gli sviluppatori preferirebbero sfruttare Vulkan al posto delle librerie proprietarie. C’è un motivo se Il gaming è morto. L’utilizzo di Metal e le gpu riciclate all’infinito.

Andrea Ciccarello

Adesso presentate i bench che vi fanno comodo? La coerenza e cosa rara in voi.

Andrea Ciccarello

“I 90 Hz sono per adesso solo l’ennesima minkiata che i produttori Android, nel disperato tentativo di distinguersi tra un esercito di cloni“
Ma l’ignoranza, a voi Applefag l’avete per natura? I 90/120hrz sono il futuro e prova a indovinare, fra un po’ arriverà anche su iPhone non appena gli ingegneri a Cupertino si sveglieranno. Già l’implementazione è presente su iPad Pro e successivamente arriverà anche su iPhone. Ma a quel punto sarà sicuramente la novità della vita per voi ignoranti.

Andrea Ciccarello

Questo è vero (provato la prova gratuita di Civ 6 ed è come su pc), ma appena ti allontani dai puzzle game o gli strategici a turni i controlli touch sono un dito dove non batte il sole.

TheAlabek

I giochi non laggano sullo 808, figurati su 821...ma vaaaaaa

TheAlabek

Psicolabile

TheAlabek

Ma che giochi di massimo livello...il livello sarà sempre quello, generalistico

Yosemite Sam

non sanno più come spillare soldi

Suppaman

E io ho solo scritto che non mi é simpatica come cosa...mica ho discusso sul fatto che debbano o meno farlo!

White

Alcuni giochi guadagnano talmente tanto con i micro pagamenti che non cambieranno mai.

White
Apple

Recensione iPad 10.2 (2019), iPadOS fa la differenza

Smartphone

Oppo Reno 2 e Reno 2 Z ufficiali: 6,5" full screen Amoled da 349 euro

Android

Recensione Honor Band 5: è la miglior smart band economica

Games

Recensione Nintendo Switch Lite: la console che mancava | Pregi e Difetti