NBCUniversal annuncia Peacock, il servizio streaming in arrivo nel 2020

18 Settembre 2019 27

NBCUniversal ha annunciato che il suo servizio in streaming si chiamerà "Peacock". Il nome è stato scelto per omaggiare i colori presenti nel logo NBC e la variegata offerta di contenuti realizzati da NBCUniversal. Il catalogo comprenderà serie di successo come "The Office" o "Parks and Recreation", numerosi film realizzati da Universal Pictures, Focus Features, DreamWorks Animation, Illumination e alcune produzioni originali. Tra queste ultime citiamo ad esempio il "reboot" della serie "Battlestar Galactica" di Sam Esmail, "Dr. Death" con Alec Baldwin, Jamie Dornan e Christian Slater, "Brave New World", tratto dal romanzo distopico di Aldous Huxley e con Demi Moore, "Armas de Mujer" creato dalle menti dietro "La Reina del Sur".

Non mancheranno poi le commedie che coinvolgeranno nomi quali Jimmy Fallon, Seth Meyers, Lorne Michaels, Mike Schur, Ed Helms, Jada Pinkett Smith, Rashida Jones e Tracey Wigfield. Tra i progetti è previsto anche il "reboot" di "Saved By the Bell", conosciuta in Italia con il nome di "Bayside School". Nel cast compariranno anche alcuni membri del cast originale come Elizabeth Berkley e Mario Lopez.

The Office

A completare l'offerta saranno i film originali. Si parla in tutto di oltre 15.000 ore di contenuti presenti al debutto del servizio, previsto per l'aprile del 2020 negli Stati Uniti.

Al momento non sono disponibili i prezzi per gli abbonamenti: Universal li annuncerà in prossimità del debutto. É però certo che le modalità di fruizione saranno due: su abbonamento e con pubblicità.

Tra le serie e i film di catalogo proposti troveremo:

Serie TV

  • 30 Rock
  • Brooklyn Nine-Nine,
  • Cin cin
  • Tutti amano Raymond
  • Frasier
  • Will & Grace
  • The King of Queens
  • Sposati... con figli
  • Covert Affairs
Ritorno al Futuro

Film

  • American Pie
  • Ti presento i miei
  • Mi presenti i tuoi?
  • A Beautiful Mind
  • Ritorno al Futuro
  • I segreti di Brokeback Mountain
  • Casino
  • Dallas Buyers Club
  • Fa' la cosa giusta
  • Erin Brokovich - Forte come la verità
  • E.T. l'extra-terrestre
  • L'uomo dei sogni
  • Shrek
  • Lo squalo
  • Mamma Mia!
  • Cattivissimo Me
  • Jason Bourne
  • Fast & Furious

NBCUniversal ha già pianificato un'espansione di Peacock a livello globale. A confermarlo, nel corso di un'intervista con Hollywood Reporter, è stata Bonnie Hammer, chairman of direct-to-consumer and digital enterprises per NBCUniversal:

Inizieremo dagli Stati Uniti e alla fine abbiamo intenzione di diventare un servizio globale. Ma questo succederà più avanti.

Ricordiamo che in Italia NBCUniversal è indirettamente legata a Sky, rilevata da Comcast (che controlla NBCUniversal) nell'ottobre del 2018 tramite l'acquisizione delle quote di 21st Century Fox.

Tre fotocamere per il massimo divertimento ad un prezzo top? Huawei Mate 20 Pro, in offerta oggi da Gaming Pro a 422 euro oppure da Coop Online a 499 euro.

27

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Giangiacomo

Potreste fare l'articolo anche sul servizio della Warner e HBO: HBO Max

https://www.youtube.com/watch?v=LCS4CaZ9dwg

Cloud387

Esatto, tutti questi servizi nascono da una presunzione di avere tanta produzione di qualità da spingerti a fare il tuo servizio personalizzato.
A mio avviso visto che lo streaming si è ormai solidificato in 4 colossi amazon, netflix, sky con now tv e apple, converrebbe fare accordi con loro piuttosto che aprire l'ennesimo servizio.

Federico Spena

Più che altro è il doppio riferimento: PeaCock = Pis3lloC4zzo

Alessandro

non è possibile che ormai tutti facciano un sevizio di streaming, è davvero un'esagerazione.
cioè, possono anche fare tutti un servizio di streaming, ma un conto è un servizio che paghi 10€ e ti offre praticamente di tutto, un altro invece è disney che offre solo i suoi contenuti, hbo che offre i suoi, universal i suoi ecc.
sono servizi più ristretti e quindi dovrebbero costare di meno, tipo 5€ al mese

Loris Piasit Sambinelli

non è affatto una scusa da italiano. sarà la pura realtà. una frazione del mercato cosi accentuata farà si che il consumatore finale si stuferà di pagare x abbonamenti e ne terrà uno o due attivi e per tutto il resto pirateria.

massimo mondelli

In realtà Gallo fa parte della parola peacock per una ovviamente parentela ornitologica. Non credo che nessun anglofono faccia caso a una cosa del genere. Come se la parola benefica facesse saltare per aria gli italiani

Filippo

30 rock è su PrimeVideo!

JakoDel

Non fa ridere, semplicemente non penso sia molto piacevole se sei un americano/inglese chiamare c4zzo (nel senso di p3n3, non imprecazione) un servizio lol

Matteo Bottoli

Frasier lo guardavo in chiaro su tele+ troppi anni or sono. Una delle migliori sitcom mai prodotte.

Lord Chaotic

magari lo hanno da anni, quando non c'erano i servizi in streaming

antonio
Mako

pensa ridere nel 2019 quando leggi la parola cock

Giangiacomo

Io conosco gente che non ha Calcio e Sport ma solo cinema, bambini e serie TV. Ora come ora il pacchetto Calcio e Sport viene sui 40€ al mese, fuori di testa.

Giangiacomo

Vero, quello che dici è più che giusto. Però il ragionamento vale per il nostro paese. Io spero che i contratti e le licenze che gli enti terzi hanno stipulato con le major una volta scaduti (è vero, dovremmo aspettare almeno il 2023 suppongo) non vengano rinnovati in modo da avere i servizi che offrono questi contenuti e non servizi terzi che li offrono altrimenti se voglio dei contenuti devo abbonarmi a un servizio (NBC per esempio) ma se voglio altri sempre di quella major però detenuti da Sky devo per forza abbonarmi anche a quel servizio. Insomma troppi abbonamenti e giri e rigiri; per di più se devo essere sincero spero che a Sky nessuno dia più nulla, perché i prezzi sono esorbitanti per quello che offre (o meglio, non offre). Per quanto riguarda la Dinsey+ in realtàà hanno detto che i contenuti maturi (Fox e tutte le saghe, Simpson e tutto il resto) arriveranno più avanti 2020 o 2021. È più che ovvio che ci sarà d'aspettare ma ripeto, spero che la via sia che ogni Major possa offrire tutti i prodotti suoi nel proprio catalogo in modo tale che se voglio abbonarmi almeno so di avere a disposizione tutto il loro catalogo (per esempio oggi serie come Happy Days, Cin Cin, Frasier, Baywatch e molte altre che hanno fatto la storia non le si trova neanche su nessun servizio online; speriamo che in futuro possa accadere e magari vengano anche restaurate in maniera più che degna).

From Monkey Island 2 (bannato)

Se si fosse chiamato percoc mi sarei abbonato prima di subito.

Nicola Buriani

É ancora più complicato di così.
Faccio un esempio.
DIsnay+ non avrà i film per un pubblico maturo, stando a quanto dichiarato ad oggi.
Rimarrebbero quindi esclusi prodotti non certo trascurabili come ad esempio una buona fetta del catalogo Fox, basti pensare alla saga di Alien.
Dove li proporranno?
Negli Stati Uniti avrebbero Hulu, però includendolo già il prezzo aumenta.
In Europa non si parla dello sbarco di Hulu e posso anche capirli: che diritti potrebbero offrire?
Solo i film non presenti su Disney+ più qualcosa di terzi raccattato in giro (ovvero i film che hanno tutti i servizi e che sostanzialmente valgono due spicci)?
Sarebbe difficile giustificarne l'esistenza.
Non è quindi impossibile che in realtà i contenuti si troveranno anche su altre piattaforme o ad accordi per l'integrazione dei servizi, come ad esempio DAZN o Netflix su Sky, che diventerebbe quindi anche un aggregatore per altri editori.
HBO in alcuni Paesi europei ha un accordo con Sky fino al 2020 (e in altri mercati avrà altri accordi con altri broadcaster), Sky è anche Universal in pratica e così via...
Insomma, incastri e frammentazione che in qualche modo credo si dovranno risolvere, perché così per l'utente medio mi sembra prima di tutto una confusione tremenda.
Sono curioso di sapere come pensano di indurre le persone ad informarsi prima su chi detiene i diritti per un determinato film, in modo che poi le stesse persone possano abbonarsi al relativo servizio, il tutto per avere accesso a quello che, tendenzialmente, sarebbe il catalogo di una sola major per ogni servizio.
Proprio per questo dico che secondo me serve quanto meno un soggetto terzo, la Sky del caso o chi vorrà proporsi, in qualità di aggregatore, altrimenti non se ne esce più tra Sky, Netflix, Amazon, Disney, Apple, Warner/HBO, Universal e altri vari ed eventuali.

asd555

EVVAI!!!

MILLE LAUNCHER PER I VIDEOGAME SU PC!!!
DUEMILA SERVIZI STREAMING!!!

WHAT A TIME TO BE ALIVE!

Gigiobis

"wow"

GTX88

Solite scuse da italiani

GTX88

Beh è una scelta ormai obbligatoria

ghost

Praticamente i canali tv (chi li possedeva) sono diventati servizi streaming solo che invece di pagare la piattaforma tv paghi le piattaforme streaming

Tony Carichi

Si, ed è paradossalmente ridicolo.

Tony Carichi

E vai, altra frammentazione!
30rock si salva, lo vidi su Rai4 anni fa, tanto ridere.

Cloud387

Tutti questi servizi di streaming diversi non faranno altri che alimentare lo streaming illegale.

Aristarco.bandito

sky sopravvive pure ora solo per lo sport, tutti quelli che conosco che hanno sky, l'hanno fatta per lo sport

Giangiacomo

E via con un nuovo servizio di streaming. Ora rimane HBO con Warner che hanno già detto che a ottobre/novembre presenteranno il loro servizio. Praticamente ormai ognuno avrà il suo servizio con tutte le proprie produzioni e quei pochi contenuti che permettono di condividere sul altre piattaforme. La vedo dura per Apple, che non avendo serie TV e film REGALA (a chi acquista un suo prodotto) 1 anno, cercando di attirare clienti e far sembrare di avere numeri grossi (ma sembra tipo la versione gratis di Spotify, numeri che non contano). Vedremo se Netflix e Amazon sapranno resistere e produrre serie e film degni di nota.
NBC, Disney e Warner partono con un catalogo più che ampio.
Dai che è la volta buona che i servizi come Premium e Sky si estinguono (avranno accordi con le major ma saranno in scadenza. Sky potrà sopravvivere solo grazie allo sport)

JakoDel

PeaCOCK

Games

Recensione Nintendo Switch Lite: la console che mancava | Pregi e Difetti

Android

Top 6 smartphone stressati con 30 minuti di Call of Duty: consumi e vantaggi | Video

Android

Recensione OnePlus 7T Pro, lo Snapdragon 855+ non basta a fare la differenza

Asus

Asus Rog Phone 2: tutto su accessori ed esperienza gaming | Video Recensione