Spotify Family richiede il controllo della posizione su Google Maps: polemiche

13 Settembre 2019 302

Spotify torna sui suoi passi, ancora. Stavolta non stiamo parlando del widget Android, prima rimosso e nuovamente reso disponibile dopo le proteste degli utenti. La situazione in questo caso è ancora più spinosa, e riguarda il piano Premium Family. Ebbene, l'azienda svedese ha aggiornato termini e condizioni (v. FONTE) re-introducendo l'obbligo di verifica "di volta in volta" della posizione, controllo reso necessario per comprovare che le persone che usufruiscono dell'abbonamento da 14,99 euro al mese facciano effettivamente parte dello stesso nucleo familiare e vivano sotto lo stesso tetto.

Già lo scorso anno era stata introdotta un sistema di verifica simile su un numero ristretto di utenti per testarne il funzionamento. L'accesso alle coordinate GPS non era affatto stato preso bene dagli utenti, tant'è che Spotify aveva successivamente rinunciato all'idea.


La variazione - avvenuta in realtà in pieno agosto ma emersa solo ora - non è piaciuta a coloro che hanno un piano Family attivo e nemmeno alle associazioni per la tutela della privacy: non è chiaro innanzitutto cosa si intenda per "di volta in volta" - assodato che la verifica della propria posizione geografica non avviene una tantum, ogni quanto verrà effettuata da Spotify? Sulla base di quali parametri? In più, si ritiene che il controllo non tenga conto del fatto che i membri di una stessa famiglia possano vivere in realtà in luoghi diversi - per motivi di studio, di lavoro, di scelte personali. In questo caso perché allora non si può usufruire dell'abbonamento Premium Family nonostante i membri facciano comunque parte dello stesso nucleo?

La verifica non sarà comunque fatta tramite servizio di localizzazione: comparirà una richiesta di check manuale tramite Google Maps. Secondo l'esperta di cibersicurezza e privacy April Doss, si tratta di "un'opzione meno invadente per gli utenti, con l'inserimento manuale dei dati della posizione di residenza piuttosto che il monitoraggio continuo della posizione della persona".

Spotify specifica che i dati raccolti sono crittografati e possono essere modificati manualmente dall'utente stesso: una prima verifica avviene al momento della sottoscrizione dell'abbonamento, e tutti i membri del nucleo familiare devono effettuare lo stesso procedimento per poter attivare l'offerta. Nessun utilizzo a scopi pubblicitari, garantisce comunque la società.


302

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
sopaug

quest'anno per ovvi motivi ho girato poco, ma confermo che non mi hanno mai chiesto assolutamente nulla.

Leonardo

novità?

Robert

quindi se qualcuno ha condiviso l'abbonamento family tra colleghi, sarà quella la residenza (ufficio) ;)

guari

A qualcuno e già arrivata la mail dove chiede di inserire l' indirizzo ??

sopaug

al limite è più letterale, non certo più fedele.

Rdl13

È una tua congettura questa, io non ho mai parlato di rubare anzi ritengo che non sia una cosa giusta proprio perché un fuori sede fa comunque parte del nucleo familiare

Syldor

Non sono per nulla un esperto di legge ma credo tu stia confondendo residenza e domicilio, è il cambio residenza che crea un nuovo nucleo familiare. Altrimenti mi cozza un po' con il principio di "famiglia" previsto dalla legge, ossia avere un'unica residenza.
Se, ad esempio, uno dei due genitori lavora in un'altra città e di conseguenza si trasferisce là per essere più comodo, sposterà il domicilio non la residenza, non crea però un nuovo nucleo familiare.

Saccente

Quindi visti i pochi soldi si è autorizzati a rubare?

Saccente

I fuori sede ogni tanto, o spesso, tornano in sede.
Se non ci tornano mai, significa che la sede è altrove rispetto quanto dichiarato.

Rdl13

Mi son perso un "non". Intendevo dire che NON sono d'accordo

Rdl13

I fuori sede non fanno nucleo familiare a parte, difatti nel 730, così come nella dichiarazione ISEE, ci sono detrazioni per le spese universitarie dei figli e (compresi gli affitti)

Saccente

Vuol dire la stessa cosa ma la traduzione è più fedele.

sopaug

certo che se al primo reply molli così non diventerai mai un troll professionista.

Daniel Ocean

Se sei un fuori sede hai, con ogni probabilità, una stanza/posto letto intestato a tuo nome. Per di più da fuori sede, da contratto si trasferisce il domicilio (la sede dei tuoi affari).
Alla luce di ciò, economicamente parlando (ma se non vado errato l'interpretazione del legislatore è identica) tu studente universitario fuori sede sei, a tutti gli effetti un "nucleo familiare" a parte, in un certo senso distaccato dai tuoi genitori e dalla tua famiglia naturale; non a caso anche un/una single vengono considerati, dalla teoria economica e dalla legge, nucleo familiare o unità famiglia.

Il problema è quindi più che altro di nomenclatura: mentre Spotify fa (giustamente) riferimento alla definizione legale/economica l'utenza fa erroneamente (ma senza in realtà averne una vera e propria colpa) alla definizione classica/antropologica di famiglia.

Saccente

La morale la faccio solo a chi ne ha bisogno estremo.

sopaug

che vuol dire la stessa cosa. Sei scarso come troll.

sopaug

semplicemente a disonestà loro risponderei con disonestà mia. Vai a fare la morale a qualcun altro, pagliaccio.

Desmond Hume
Snelfo

Sono d'accordo

Andrea65485

Non so se é effettivamente cosi semplice sai? Io ho youtube premium col prezzo per studenti e mi viene richiesta una verifica a cadenza annuale della tessera studente. A prescindere dalla mail, se la tessera scade, scade anche l'abbonamento

Saccente

“e mi aspetto che non mi si rompano le scatole durante trasferte di lavoro, vacanze ecc, altrimenti sarò il primo a installare la versione pirata“.

Dimostrazione di granitica onestà…

Saccente

Si, mi dice che se mi mancano i soldi rinuncio al superfluo.

csharpino

Mi sembra che non troppo tempo fa hanno fatto una bella cancellazione di massa di account che usavano l'app crakata.
In più se ci pensi sono 2 target di persone differenti.. hai più possibilità di far pagare qualcosa di più a chi paga qualcosa che a chi non paga niente..

MartinScortese

ho pensato la stessa cosa ahah commento poco più su

MartinScortese

nei termini del pacchetto family dice che tutti devono essere risiedere allo stesso indirizzo del titolare fatturante, immagina una famiglia con un padre e i figli che studiano in un altra città, lo annullano perchè studenti fuori sede? eppure non violano nessuna regola.. secondo me stanno un po' esagenrando

Chocozell

Ecco, può essere.

Chocozell

Eh?

Rdl13

mah io sono d'accordo, è un punto di vista abbastanza limitato che non tiene conto di 1000 mila varianti e situazioni (borsa di studio per pagarsi l'affitto ti dice nulla?)

Saccente

“di quando in quando”.

Saccente

La truffa che cercano di evitare è quella relativa a gente che rivende abbonamenti ad estranei. Ovvero ne acquista uno e rivende gli “slot” a tanti utenti estranei, che mai potranno dichiarare di risiedere sullo stesso luogo, tanto meno trovarvici anche una sola volta.

Kaixon

Ah... quindi se ho un famigliare fuori per lavoro/studio sono un truffatore. Non lo sapevo!

Saccente

Il tuo non è un commento, ma una istigazione alla truffa.

Saccente

Anche chi mette nel carrello della spesa cinque litri di latte e ne paga uno, è un cliente pagante…

MJ

In realtà è sempre stato così nei TOS. Per loro i membri della stessa famiglia risiedono tutti allo stesso domicilio.

sopaug

beh immagino facciano il controllo su dati aggregati di un certo lasso di tempo e non immediato... Io da utente del piano family capisco la loro esigenza, ne faccio un uso veramente family, e mi aspetto che non mi si rompano le scatole durante trasferte di lavoro, vacanze ecc, altrimenti sarò il primo a installare la versione pirata.

Peraltro "from time to time" non vuol dire certo "di volta in volta" bensì "una volta ogni tanto"... Solite traduzioni di accadiblog.

era solo un commento alla notizia, personalmente di spotify mi basta l'account free. non pagherei mai per un servizio del genere, non ne ho bisogno

blablabla

Complicando l'uso di un servizio a pagamento rischiano di far tornare tanti sulle apk mod, quanti saranno mai disposti a passare da 2 a 10€?

Pantheon

Certo meglio accanirsi su chi paga invece che su quelli che hanno l'app craccata e non pagano niente

Pantheon

Beh peccato sllira, è tre anni che gli do 15 euro al mese e preferiscono che gliene dia 0. Contenti loro...

Saccente

Quando diventerai grande, capirai la differenza.

Saccente

È per gente come te che nascono queste seccature.

Saccente

Il che significa truffare.

snicolos

Non ho il piano family però mi sembra che questo controllo, per quanto sporadico e "manuale" sia privo di senso. Spotify si può usare in mobilità e le persone si spostano in continuazione... Mi sembra una restrizione quantomeno strana, per un servizio che permette di avere la propria musica ovunque.

Saccente

Certo, e mi sembra giusto. Se ci sono i soldi per vivere fuori “sede” e pagate rette universitarie, affitti, pasti, trasporti, eccetera, ci sono a maggior ragione per pagare dieci euro (o quant’è) al mese per Spotify o altro servizio analogo, tenendo presente che non sono “beni” essenziali per vivere, ma sfizi.

Saccente

Sei truffatore se intendi per famiglia familiari che non vivono con te.

Teo Mat

'from time to time' non vuol dire 'di volta in volta', ma vuol dire una volta ogni tanto. Bella figura che ci fa HDBLOG.

provolinoo

Ottimo prezzo, non c'è che dire

provolinoo

Assolutamente d'accordo con te

provolinoo

YouTube Music

provolinoo

Fai un abbonamento famiglia con un altro servizio che non ha quelle limitazioni e fai prima :)

HDMotori.it

Crisi dei chip e ritardi consegne auto nuove in Italia | Risultati sondaggio

Android

HyperCharge 120 W, la ricarica ultrarapida di Xiaomi che cambia tutto | Video

Alta definizione

Recensione Sony Alpha 7 IV: l'evoluzione della specie | Video

HDMotori.it

Gomme invernali, quando si cambiano. Regole e sanzioni