madVR annuncia i processori video Envy con HDR dinamico

12 Settembre 2019 16

madVR ha annunciato l'uscita dei processori video Envy Pro Cinema e Envy al CEDIA Expo 2019 (12 - 14 settembre, Denver). madVR è il nome di un software che si è conquistato una certa notorietà tra gli utilizzatori di HTPC (i PC utilizzati per la visione di video e l'ascolto di musica) nel corso degli anni. Il Madshi Video Renderer è per l'appunto un video renderer DirectShow molto potente e versatile per elaborare qualsiasi segnale video. Gli aspetti su cui si può intervenire sono numerosi, dall'upscaling all'utilizzo di vari filtri passando per l'elaborazione dei video in HDR.

I processori Envy si prefiggono lo scopo di riproporre le stesse elaborazioni video di alta qualità all'interno di prodotti indipendenti (non serve più un PC) capaci di funzionare con qualsiasi sorgente tramite HDMI. Il comunicato ufficiale non fornisce molti dettagli. Uno dei co-fondatori di madVR ha però fornito altre informazioni nel forum di AVS Forum. A quanto pare il cuore del prodotto non è costituito da un FPGA, una soluzione ritenuta insufficiente per gestire la potenza necessaria ad elaborare i segnali senza incidere eccessivamente sul prezzo. Il modello Pro Cinema è accreditato di una capacità di calcolo di circa 10 TFLOPS mentre il modello base si attesta a circa la metà.

Si parla poi di AI / Neural Network per funzioni quali il 4K Anamorphic Stretch. La connettività non dovrebbe essere molto ampia. Le specifiche trapelate indicano la presenza di un ingresso e un'uscita HDMI 2.0 con la piena banda dei 18 Gbps. Si parla poi di un'uscita DisplayPort 1.4a con supporto alla tecnologia Display Stream Compression (DSC).

Le quantità di funzionalità integrate sembra davvero notevole. Si potranno eseguire calibrazioni della 3D LUT (Look-Up Table, il sistema con cui l'industria video assicura la massima fedeltà delle immagini) a 65 o 256 punti. I processori supportano i software come CalMAN, LightSpace, DisplayCAL/ArgyllCMS tramite la connessione Ethernet. I processori Envy possono anche fungere da generatori di segnale per eseguire una calibrazione in SDR (Standard Dynamic Range) o HDR.

I menu dei processori video Envy

La funzione più interessante è il "tone mapping" dinamico per le sorgenti in HDR. Il "tone mapping" è un'elaborazione che adatta la gamma dinamica dei video a quella effettivamente disponibile su TV, monitor o proiettori. Generalmente ci si basa sui metadati, le informazioni contenute nei video che indicano come gestire i picchi di luminosità e tutto ciò che vi ruota intorno. Con HDR10 i metadati sono statici e non permettono quindi di ottimizzare la resa per rappresentare al meglio le scene più scure e quelle più luminose. Si opera di fatto facendo una media che impone necessariamente qualche sacrificio.

L'elaborazione dinamica interviene proprio per eliminare i suddetti limiti. L'elettronica analizza le immagini in tempo reale, fotogramma per fotogramma ed effettua tutte le regolazioni necessarie per spremere al massimo la gamma dinamica di ogni TV, monitor o proiettore. Si può quindi migliorare la resa su qualsiasi tipo di prodotto arrivando a "cucire" le regolazioni sulla base delle caratteristiche individuali.

Il "tone mapping" dinamico si trova già su vari TV, come ad esempio gli OLED E9 di LG (QUI la nostra recensione) o gli OLED AG9 di Sony (QUI la nostra recensione). Il vantaggio offerto dai processori Envy consiste nel fatto che l'elaborazione si può effettuare su qualsiasi prodotto, senza dover dipendere obbligatoriamente da un'analoga funzione integrata.

Il comunicato ufficiale parla inoltre di compensazione del moto, upscaling, riduzione di artefatti, miglioramento delle sfumature, incremento della nitidezza e del livello di dettaglio eccetera. A dispetto della complessità di quanto fino ad ora descritto, Envy si proporrà come un prodotto intuitivo, tale da poter essere messo all'opera in pochi minuti.

Il prezzo da pagare per tanta versatilità è elevato: si parla di 5.499 dollari per l'Envy base e 9.979 dollari per Envy Pro Cinema. Quest'ultimo si potrà anche aggiornare a livello hardware nel corso del tempo, in modo da mantenerlo sempre al passo con le nuove tecnologie. La disponibilità è prevista per l'ultimo trimestre del 2019.


16

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
densou

mpv? (non per tutti....e manco con le GUI lo si facilita tanto lo stesso)

Miocardio

Sarà interessante vederlo usato nelle recensioni dei tv e vedere se riesce a livellare o capire se ad esempio fra oled la differenza la fa solo L elettronica oppure tipo ci sono differenti tipi di pannelli.

Andrea Ciccarello

Io lo uso su MPC, ma non so se esistono alternative migliori per il tone mapping su PC

densou

È un renderer, devi per forza usarlo su un player di tua scelta. (ma non è selezionabile/forzabile su tutto il software là fuori)

Nicola Buriani

Purtroppo i prezzi sono elitari, del resto nemmeno se ti assembli e configuri tutto tu spendi poco dato che in ogni caso è richiesto un PC piuttosto potente e con dimensioni e rumorosità compatibili con un salotto.
Qui in più hanno messo la possibilità di usare qualsiasi sorgente via HDMI (quindi, a parte il funzionamento, c'è anche un costo per le licenze eccetera) e sicuramente un'interfaccia più semplice (di suo madVR non è esattamente una soluzione che consiglierei a chi non è esperto).
Non essendo poi prodotti che si produrranno a milioni, dato che sono di nicchia, ecco poi che aumenta anche il costo del singolo esemplare.
Mettici poi anche il supporto necessario (per stare dietro a HDR e simili bisogna aggiornare periodicamente, basti vedere quanti firmware ha rilasciato LG per il Dolby Vision sui TV).

Frazzngarth

Chiaro, costa anche 9000 euro vedo...

Nicola Buriani

Hai ragione, infatti ho letto altre risposte e Madshi ha specificato che non è disponibile un FPGA con quella potenza e un costo non eccessivo.
Ho integrato l'articolo.

Nicola Buriani

Quello che fa madVR lo trovi in ben pochi dispositivi in realtà, specialmente se parliamo della qualità vista su PC (quella dei processori video è ovviamente non giudicabile al momento).

Andrea Ciccarello

Ok grazie.

Depe

Probabilmente vogliono approfittare della notorietà che ha acquisito madvr

Depe

No, anche io lo uso con il MPC assieme ai Lav Filters.

Frazzngarth

Sì dicevo... Sta cosa la fanno già tutti i dispositivi di un certo livello, non è una roba nuova...

Andrea Ciccarello

Che tu sappia madVR esiste anche come software stand alone? Personalmente l’ho installato soltanto come plug in nel player video su pc.

Depe

In pratica hanno creato un hardware dedicato che svolge le stesse funzioni del madvr su pc, presumo sia stato studiato per garantirti la massima qualità senza fare come su pc che ti manda in crisi pure una 2080.

gioboni

"A quanto pare il cuore del prodotto non è costituito da un FPGA, una soluzione ritenuta insufficiente per gestire la potenza necessaria ad elaborare i segnali"
Beh, oddio, con una Startix SX2800 penso che non avrebbero avuto problemi di potenza, ma probabilmente sarebbe salito 'leggermente' il prezzo finale...

Frazzngarth

Eh...?

Apple

iPhone 11 e iPhone Pro: l'innovazione è (anche) nel prezzo #prospettive

Google

Android 10: ecco le novità più interessanti | VIDEO

Apple

iPhone 11 Pro e Pro Max ufficiali con tripla fotocamera | da 1.189 euro il 20/9

Apple

iPhone 11 ufficiale (XR 2019): fotocamera ultra wide, audio Dolby Atmos a 839 euro