VESA DisplayHDR: nuove specifiche più rigorose per monitor e display HDR

09 Settembre 2019 9

La Video Electronics Standards Association (VESA) ha annunciato importanti cambiamenti a DisplayHDR, un programma di test e certificazione valido per tutti i monitor e i display, avviato nel dicembre del 2017 | DisplayHDR certifica le prestazioni dei monitor per PC in HDR |. Le nuove specifiche Display HDR versione 1.1 includono requisiti più stringenti riguardanti luminanza, copertura dello spazio colore e local dimming. Tutti i produttori possono già certificare i prodotti seguendo i criteri contenuti nella nuova versione. Dalla fine di maggio 2020 non sarà invece possibile basarsi sulle specifiche della versione 1.0.


Le novità introdotte con DisplayHDR 1.1 sono le seguenti:

  • Retroilluminazione dinamica (Active dimming) - DisplayHDR impone ora precise prestazioni per il controllo attivo della retroilluminazione, una funzionalità che permette di ridurre il consumo dei display e di ottenere un livello del nero più profondo
  • Accuratezza del DisplayID - Assicura che i dati relativi alla luminanza e allo spazio colore siano contenuti nel DisplayID o nel precedente Extended Display Identification Data (EDID), in modo da consentire alla GPU di generare un segnale video che garantisca la più alta qualità possibile
  • Test dual corner box - Il test per il livello del nero è stato aggiornato in modo da consentire una misura più accurata dei livelli di nero e bianco tramite un colorimetro; in questo modo viene migliorata la misura del rapporto di contrasto dinamico
  • Nuove specifiche per il color gamut - I test di DisplayHDR contengono ora una schermata con il colore visualizzato sul 10% dello schermo in aggiunta al precedente 100%; entrambi i test utilizzano la massima luminanza del display e i valori dei colori primari RGB veicolati tramite DisplayID/EDID; il test aggiornato determina con maggiore precisione la gamma di colori che verrà visualizzata sul display durante l'esecuzione di Windows
  • Luminanza del colore combinata - DisplayHDR ha aggiunto un meccanismo per valutare il massimo volume colore al massimo livello di luminanza
  • Nuovo test Delta-ITP - Aggiunto per valutare se la luminanza del display sia visualizzata correttamente, in modo da assicurare una fedele riproduzione del contenuto originale così come voluto da chi lo ha creato; vengono misurati la luminanza e il bilanciamento del bianco D65
  • Indicazioni della modalità su On-Screen Display (OSD): Qualsiasi monitor certificato DisplayHDR con un menu su schermo deve ora indicare chiaramente quali modalità supportano DisplayHDR, in modo da facilitare l'uso delle impostazioni per gli utenti
  • Certificazione DisplayPort - Qualsiasi monitor certificato DisplayHDR e dotato di un'interfaccia DisplayPort deve anche sottostare alla certificazione DisplayPort, che assicura un funzionamento ottimale con i cavi e le altre periferiche VESA DisplayPort certificate

VESA ha inoltre introdotto un nuovo livello nella certificazione. DisplayHDR 1400 prevede una luminosità superiore del 40% rispetto a DisplayHDR 1000 e un livello del nero 2,5 volte più profondo. Nello specifico si parla di un nero pari a 0,02 cd/m2 - nits contro le 0,05 cd/m2 - nits di DisplayHDR 1000. Per il picco di luminanza si raggiungono invece le 1.400 cd/m2 - nits sul bianco al 10% dello schermo. Sul bianco al 100% dello schermo è richiesto un picco di 900 cd/m2 - nits per un prolungato periodo di tempo (30 minuti). La copertura dello spazio colore DCI-P3 deve raggiungere il 95%.

Il primo monitor certificato DisplayHDR 1400 è il ProArt Display PA32UCG di Asus.

A seguire tutti i requisiti della versione 1.1 di DisplayHDR:


9

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
DavyDax

Dove si può vedere una lista di prodotti già in vendita che hanno ottenuto queste certificazioni?

SI, e poi non fanno mai un c4zzo per multare le aziende che vendono il fake HDR.

Teoricamente sì ma c'è un discorso più ampio da fare.
Nonostante gli OLED abbiamo una luminanza assoluta di massimo 600-700 cd/m2 su piccoli punti come il 10%, non dimentichiamo che hanno un contrasto assoluto. Tenendo conto di ciò, 700 cd/m2 che si contrastano parti di immagine REALMENTE scura hanno un impatto da capogiro.

Ansem The Seeker Of Darkness

Purtroppo credo che la situazione sugli altri OS non sia molto migliore. Forse MAc os

efremis

Bene, c'è troppo abuso di finto HDR.

Francesco Renato

Gli oled sono tagliati fuori per difetto di luminosità.

Antonio

Per quanto riguarda i monitor siamo ancora troppo lontani, a meno che non andare oltre i 1000€ per i certificati vesa 1000, per non parlare che ci vuole un buon PC con una sk video adeguata. roba da ricchi insomma.

GinoGinoPilotino

Si trovano a fatica i monitor hdr1000, figurati 1400. Per almeno un paio di anni ancora siano aspetti poco rilevanti, per un utente Medio. Il mondo Pro o Gaming o Early Adopters fanno eccezione

Ben vengano ma il problema in primis resta Windows 10 e la sua gestione dell'HDR..

Huawei

Huawei Mate 30 Pro, Watch GT 2 e non solo: segui il live su HDblog dalle 14.00

Apple

Apple Watch Serie 3 42mm GPS + LTE su Amazon al super prezzo di 299 euro

Xiaomi

Xiaomi Mi 9 Lite ufficiale in Italia, in vendita da ottobre | Video

Apple

iPhone 11 e iPhone Pro: l'innovazione è (anche) nel prezzo #prospettive