Google Earth: su Android e iOS arriva la funzionalità 'Nuvole animate'

06 Settembre 2019 20

Google ha annunciato una piacevole novità per le versioni Android e iOS di Google Earth, il servizio proprietario dell'azienda di Mountain View che soltanto pochi mesi fa ha introdotto la possibilità di visualizzare i cambiamenti del nostro Pianeta grazie a Timelapse.

La più recente funzionalità, il cui lancio è stato confermato soltanto poche ore fa attraverso un'apposita pagina di supporto (link in FONTE), consente di visualizzare una piacevole animazione in loop che mostra le ultime 24 ore di copertura nuvolosa. Per poterla attivare basterà scaricare l'ultima versione dell'app, recarsi su Impostazioni > Stile Mappa e selezionare l'opzione "Attiva nubi animate".

Le immagini satellitari utilizzate per ricreare l'animazione, spiega Google, provengono dall'US Naval Research Laboratory, il laboratorio di ricerca dell'United States Navy e dell'United States Marine Corps. La funzione "nuvole animate" era già stata introdotta da Google nella variante web di Earth lo scorso giugno, e potrà ora essere utilizzata anche su Android e iOS a partire dalla versione più recente dell'app.

Il miglior Galaxy del 2020? Samsung Galaxy S20 Plus, in offerta oggi da Interteria a 638 euro oppure da ePrice a 694 euro.

20

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Song Hij

Sfondo animato ? ..
io questa versione l'ho fatta "girare" su un semplice Samsung S10 e si blocca ogni 5 secondi ! Magari hai di meglio ma per quanto mi riguarda fa pena e l'ho disistallata . Meglio le versioni del secolo scorso !

Song Hij

Animato ? Ma se si blocca ogni 5secondi ! Certo io la facebo girste su un semplice Samsung S10 ... magari hai qualcosa di meglio ...

Song Hij

Su smartphone è davvero pessima. Va in blocco continuamente (usando un device top di gamma) . Bellissima grafica , facilmente apprezzabile durante i numerosi freeze . Disistallata , meglio le versioni fino ad un paio di anni fa !

Mark

Che schifo

NAPOLETArgentiNO

bravi

ADM90

Ormai la TV in casa mia non si accende più. Siamo Netflixati

nutci

Allora ricordo male o la Isoardi era una conduttrice precoce :)

ghost

Appunto aveva 17 anni la isoardi non ci sta come tempi xD

Gangabanana

Ce l'ho già con lo sfondo animato di Google

nutci

Io andavo alle elementari nel 2000

ghost

Ti sembra che da piccolo me ne fregava del tg xD Come ho detto non volevo ascoltarlo, io volevo vedere i cartoni xD

ghost

Io parlavo di scuole elementari, ai miei tempi c'era giurato. Isoardi è del 2013 e la sigla del tg di cui parlo era già cambiata.

nutci

Nemmeno troppo perché la mattina di solito le strade erano pulite ma al ritorno in autobus alla volte rimanevamo bloccati per ore.

nutci

Io guardavo anche uno mattina con la Isoardi (se non erro).

NAPOLETArgentiNO

ascoltami bene,
i TG deprimono... la qualità della vita aumenta esponenzialmente senza ascoltare e vedere TG. Se ci fai caso anche le sigle sono fatte per mettere ans(i)a. La sigla preannuncia è "successo qualcosa! Omar Calabrese, diceva più o meno così, che il TG è uno spettacolo circense cui lo spettatore assiste morbosamente attendendo che il trapezista precipiti, per poter gioire di non essere lui al suo posto

ghost

Io prima di andare a scuola ascoltavo (ovviamente canale scelto dai genitori) la prima pagina di canale 5 che aveva un sottofondo simile a una sirena e rumorirum mitragliatrice quando comparivano i titoli. Ti svegliava più del caffè.

scrofalo
T. P.

bello! :)

rsMkII

Scommetto che speravo sempre nella neve! XD

nutci

Mi ricordano tantissimo le animazioni delle previsioni del tempo che guardavo la mattina prima di andare a scuola.

Android

Recensione LG WING: un ottimo "esperimento"

Games

Natale lontani? Le idee tech per non guastarci le feste e avvicinarci | Video

Android

Recensione Samsung Galaxy A42 5G: preciso ma un po' strozzato

Recensione

Recensione NVIDIA GeForce RTX 3060 Ti