Il potente telescopio spaziale James Webb è finalmente assemblato

29 Agosto 2019 84

Dopo oltre un anno di ritardo rispetto le previsioni iniziali della NASA, il nuovo e potente telescopio spaziale, James Webb, è finalmente stato assemblato: presto cominceranno i primi test ma per il lancio dovremo attendere ancora fino al 2021. Si tratta a tutti gli effetti del telescopio più complesso mai costruito ad oggi dall'uomo e consentirà di allargare gli orizzonti dell'astronomia. Prenderà il posto del celebre Hubble (QUI la sua ultima immagine di Giove), che in questi anni ci ha permesso di scoprire nuove galassie, raccogliere dati importanti sui buchi neri, catturare immagini incredibili provenienti dagli angoli più lontani dell'universo e molto altro.

Il James Webb sarà circa 100 volte più potente di Hubble, questo soprattutto grazie all'immenso specchio primario di circa 6,5 mt di diametro (contro i 2,4 mt di Hubble). Questo incredibile esempio di alta ingegneria include un parasole a cinque strati per bloccare la luce infrarossa e mantenere freschi i componenti. il componente è già stato integrato nel veicolo spaziale che porterà il telescopio in orbita e sottoposto ad una serie di test critici. Per combinare specchi e strumenti scientifici con la parte comprendente il parasole, gli ingegneri hanno usato un gru, si è trattata di un'operazione complessa che ha richiesto un perfetto allineamento di tutti i punti di contatto.



Il passo successivo sarà il collegamento elettrico di tutti i componenti, poi si procederà a vari test sulla strumentazione scientifica e verrà messo alla prova il corretto funzionamento di tutto il sistema. La complessità della struttura e la necessità di assicurarsi che il viaggio nello spazio venga affrontato senza danni o effetti collaterali, hanno allungato le tempistiche di oltre un anno e non è escluso che le tempistiche di lancio possano dilatarsi ulteriormente.

Diversamente da Hubble, che orbita intorno alla Terra, Webb orbiterà intorno al Sole a circa 1,5 milioni di km di distanza, al punto L2 di Lagrange. Questa scelta terrà il James Webb allineato con l'orbita terrestre consentendo al parasole di proteggere il telescopio dalla luce e dal calore della stella, garantendo inoltre comunicazioni continue con il centro di controllo e un'ininterrotta raccolta di dati non essendo ostacolato dall'interferenza oscuratrice dell'orbita lunare. Per contro, una simile posizione renderà improbabili eventuali missioni di manutenzione e pertanto tutto dovrà essere calcolato alla perfezione.

Come anticipato più volte, nel caso in cui le restanti operazioni procedano senza intoppi il lancio è previsto per il 2021 con partenza dallo spazioporto di Arianespace a Kourou, nella Guiana Francese, il trasporta in orbita solare sarà portato a termine da un razzo Ariane 5.

Il telescopio James Weeb è il frutto di una collaborazione internazionale tra NASA, Agenzia Spaziale Europea (ESA) e Agenzia spaziale canadese (CSA), per maggiori dettagli sulle operazioni di assemblaggio vi consigliamo di leggere l'articolo originale disponibile in FONTE.


84

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Daniele Germini

no vanno sul sicuro, con un ariane 5

Horatio

Usano quelli con una lente blu e una rossa.

"Con uno specchio di 2,4 metri di diametro, i 5 strumenti principali dell'Hubble osservano nel vicino ultravioletto, nel visibile e nel vicino infrarosso. "

Di conseguenza anche Hubble vede più dell'uomo. La spiegazione è anche semplice. Piu si guarda lontano e più la luce visibile risulta distorta. Quella che viene meno distorta è l'infrarosso. In ogni caso ci sono varie formule di conversioni dei colori per lo spettro non visibile

P47r1

Quindi hai anche difficoltà di comprensione di una semplice frase in italiano a quanto vedo?

Nella tua foga risulti ridicolo ;)

Ma cosa c'entra? È la stessa cosa... L'infrarosso è luce esattamente come quella visibile. Solo fuori dallo specchio visibile dall'uomo. Mi sa che qui siamo all'ABC

P47r1

Ma secondo te quelle di Hubble te le pubblicano come sono fatte o sono elaborate anche quelle? Giusto per sapere a che livello sei.

thenoobroxas

Per non parlare dei costi previsti che sono passati da 0.5 miliardi a quasi 10

P47r1
P47r1

Anche la tac è ottica? ma c'è c'è la fate? Secondo te chi deve studiare le foto mette gli occhialini per vedere gli infrarossi del monitor?

Salvatore Provino
italba

Più o meno immaginavo qualcosa del genere (ho studiato computer grafica) ma sono rimasto un po' indietro, grazie dei suggerimenti

Maurizio

No, no, aggiungendo cose inesistenti mai.
La post produzione di una foto deepsky si compone essenzialmente di:
1) una fase in cui si somma il segnale dato dalle varie foto (ad esempio 50 foto da 10 minuti, per dire), una somma per ciascun canale (r, g, b, Ha, Sii, Oiii, ecc);
2) La somma dei vari canali, in modo da renderli tutti visibili, anche quelli in infrarosso o ultravioletto. Si usano formulette matematiche (sul mio programma si chiama PixelMath) in modo da avere tipo R= r+Sii+0,3*Ha (è un esempio, eh.. Dove R è il canale rosso della foto finale, r il canale rosso della foto acquisita con il filtro apposito, Sii il canale con solo lo zolfo ii e Ha il canale con solo l'H alfa (infrarossi).
3) Riduzione del rumore e difetti tramite l'applicazione di scatti chiamati "dark", "flat", "bias" e "dark flat".
4) post produzione classica "alla Photoshop" in modo da avere una foto finale figa. È probabilmente la parte più complessa, quindi non è per nulla da sottovalutare, ma per capirsi va bene chiamarla "alla Photoshop". Include la riduzione del rumore del fondo cielo, lo stretch dell'immagine, ecc..

Se la cosa ti incuriosisce, ci sono vari siti web e tutorial su YouTube, soprattutto legati a PixInsight, uno dei programmi più usati in questo ambito. Io ho iniziato coi tutorial di Luca Fornaciari.

italba

"Elaborate" nel senso di dipingerci sopra cose inesistenti? Altrimenti è una semplice evidenziazione di alcune intensità o frequenze

Sensi Imolante

Come tutte le immagini astronomiche normalmente conosciute ;-)

italba

Photoshop gira su computer, eh... Evidenziare il contrasto di una determinata porzione dell'immagine, impostare dei falsi colori corrispondenti a diverse intensità dell'immagine, ritagliare le parti interessanti sono tutte cose che con Photoshop si fanno benissimo. Altra cosa sarebbe dipingere a mano dei particolari fasulli, altrimenti non modifichi la realtà dell'immagine, solo il suo aspetto

E K

Sono anni che attendo questo momento, spero vada tutto bene.

E K

E verranno elaborate per garantirne una visibilitá anche al pubblico.

E K

Tutte le foto satellitari e dei corpi celesti fatte dallo spazio sono postprodotte. Che discorso fai?

secuflag

Webb orbiterà intorno al Sole a circa 1,5 milioni di km di distanza, al punto L2 di Lagrange
1,5 milioni di km di distanza dalla Terra non dal Sole.

Maurizio

Da astrofotografo amatoriale te lo confermo. Vengono usati software un tantino più specifici di Photoshop ma si, vengono elaborate a mano. E solitamente sono l'unione di migliaia di scatti, raccolti anche ad anni di distanza

Maurizio

Intorno al punto L2 ci sono tanti altri strumenti già lanciati in passato (Gaia, Plank Surveyor, ecc). O non hanno avuto problemi o hanno saputo risolverli in remoto, quindi non la vedo più così dura.

Mirko

Se gli alieni sono dei rettiliani non li vedremo ...

Mirko

SuperMaxim !

Maxim Castelli

Io non sono nulla e tale vorrei rimanere. Anelo solo che il messaggio che lancio possa fare breccia.

Maxim Castelli

Io non sono nulla. E tale vorrei rimanere.
È solo il messaggio che lancio che vorrei arrivasse.

BLERY
Loris Piasit Sambinelli

da quanto sapevo le immagini di hubble vengono postprodotte non da computer ma da persone umane con un normalissimo photoshop. Un po come le lastre cianografiche di un secolo fa quando la fotografia da bianco e nero diventava a colori perchè appunto colorata a mano dall'artista di turno

Pip

Molti su questo blog ti odiano, ma io posso solo apprezzare lo sforzo che ci metti per insegnare a non utilizzare inglesismi inutili e cacofonici. L'eroe di cui abbiamo bisogno ma che non meritiamo

danieleg1

Più che di costo è un problema di affidabilità: visto il valore del carico non possono affidarsi all'"ultimo arrivato" che ha fatto solo due lanci.

danieleg1

Come anche quelle nel visibile..

Alessandro_Ax

Penso non usino l'heavy perchè il la distanza è eccessiva e l'heavy sarebbe irrecuperabile, andando quindi a costare piùdi un razzo normale.È un ipotesi, non ho neanche controllato se ha senso :D

franky29

Ehehe magari

Babi
Salvatore Provino

Hai ragione! Ero rimasto indietro, si ipotizzava Falcon Heavy :)

TLC 2.0

Lo lanciano con l'Ariane 5

Boots Boot

no altrimenti quel ciarlatano fa esplodere anche questo

italba

Ciccino bello, tutte le immagini astronomiche di qualunque frequenza vengono "postprodotte", acquisite digitalmente e processate da computer prima di essere visualizzate. Credi che vadano ancora avanti con le lastre fotografiche?

LordSheva

Santoddio quanti troll in questo blog...

Mauro Morichetta

Mi hai fatto sganasciare manca solo il Power ranger col casco hahahahaha

Mauro Morichetta

No no Cià ancora ice cream sandwich

italba

Gomblotto!!! Cospirazione! È stato Kubric!!!

LordSheva

Postprodotto

Mauro Morichetta

Già immagino i tecnici della Nasa e mo che l'avemo montato...come lo spedimo....abbassano la testa e ritornano in laboratorio....

italba

Si vedono, si vedono...

http://www.nationalgeographic.it/scienza/spazio/2012/05/11/foto/le_migliori_foto_a_infrarossi-1013689/1/

Karellen

Sì scusa, intendevo che nell'infrarosso si è più limitati dalla diffrazione, e quindi anche se ben più grande di Hubble la risoluzione sarà simile. Sono curiosissimo anch'io di quello che riuscirà a vedere, magari riesce a darci qualche dritta su come sia nato l'universo!

Esbern

E' progettato per lo spazio profondo.
Poi quello che vedrà dovrà essere convertito nello spettro visibile.
Non sto nella pelle per vedere cosa riceverà!

Karellen

Dubito purtroppo che si riesca a vedere un esopianeta, anche di un solo pixel tanto per dire di aver visto il colore. Per dire Hubble faceva fatica a vedere plutone... Il James Webb comunque non dovrebbe avere una risoluzione molto più alta rispetto ad Hubble dato che lavora nel campo dell'infrarosso.

AllBlack

Lo spazio... beh, non vedo l’ora di poter ammirare le prime immagini.

Motorola

Recensione Motorola Moto G PRO, tanta autonomia e pennino integrato!

Android

Recensione Fire HD 8 2020: un tablet, o meglio un portale sul mondo Amazon

Android

24h con Xperia 1 II: il punto di convergenza della tecnologia Sony

Android

Recensione Huawei P30 Pro New Edition: può ancora dire la sua