Foxconn, grandi ambizioni per l'India: due nuove fabbriche entro il 2023

29 Agosto 2019 36

Foxconn ambisce ad espandersi in modo significativo in India: la società cinese, nota per essere il costruttore numero uno al mondo di dispositivi elettronici - tra cui gli Apple iPhone, gli smartphone Huawei, Samsung e tantissimi altri ancora - al momento possiede lì due fabbriche, la prima delle quali è stata inaugurata appena quattro anni fa, che impiegano al momento 27.000 persone, il 90% delle quali donne. Pianifica di espanderle significativamente entro il 2023, e di aprirne altre due ex novo.

Lo speciale di Bloomberg, molto approfondito (lettura integrale consigliata: il link è in fondo all'articolo, basta cliccare su FONTE), racconta come la diversificazione della filiera produttiva stia diventando un aspetto sempre più cruciale per i colossi tecnologici, soprattutto statunitensi. La guerra commerciale con la Cina scatenata da Donald Trump incrementa i costi, con il rischio di rincari per il consumatore finale. E non sembra essere sul punto di terminare - anzi, Trump ha annunciato nuovi dazi che entreranno in vigore a dicembre. Tuttavia, le sfide sono molteplici: la Cina investe in modo massiccio da trent'anni per diventare il polo manifatturiero tecnologico del mondo. L'India deve sviluppare una rete di infrastrutture e trasporti adeguata, e la concorrenza oggi è molto più agguerrita - trent'anni fa non c'era "un'altra Cina".

Il vantaggio è che il salario medio di un operaio indiano è pari a circa un terzo di quello di un suo collega cinese. I disoccupati sono tanti, e il governo ha tutto l'interesse a far sì che diminuiscano. Foxconn ha visto giusto nell'assumere molte donne: sono grate dell'occasione di portare a casa (molte sono casalinghe senza uno stipendio) un po' di denaro e lavorano sodo. Il governo è comunque dovuto intervenire per favorire questo progetto: fino a poco tempo fa, per una donna era illegale lavorare di notte, per esempio. L'India ha comunque piani molto ambiziosi per la produzione degli smartphone: il piano è espandere il fatturato attuale, pari a 25 miliardi di dollari, a 400 miliardi entro il 2024, producendo sempre più dispositivi destinati all'esportazione.

In genere gli impieghi in fabbrica vengono visti come transitori - si risparmia per permettersi un'istruzione che porti a lavori migliori, o per garantirne una di qualità ai propri figli. Rimane tuttavia difficile trovare personale specializzato: i designer e gli ingegneri sono pochi e molto contesi. L'altra grossa sfida sarà realizzare una supply chain completa: farsi spedire componenti come display e batterie dalla Cina è estremamente costoso e rallenta la produzione.


36

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tetsuro P12

Automazione.

Pinzatrice

Mi sono sempre chiesto cosa succederà quando tutti i paesi schiavizzabili saranno finiti.

Undertaker

Scontato che se hai un benessere inferiore consumi meno e di conseguenza inquini meno in quanto hai meno scarti.

OlioDiCozza

mah non è detto, gli indiani non sono come i cinesi, penso metteranno dei paletti.

Stefano

Qualche giorno fa è stato pubblicato l'articolo sul Fairphone 3, telefono etico che offre a 450 euro ciò che un telefono fatto dalla Foxconn offrirebbe per 200. Però è un telefono "etico" che controlla la filiera garantendo condizioni umane per gli operai e controlli sull'inquinamento. Se leggi i commenti vedrai che più dell'80% erano di scherno per il prezzo giudicato "ridicolo".
Non sono l'India e la Cina che inquinano, siamo noi occidentali che sfruttiamo la Cina e l'India proprio perchè inquinano e trattano i lavoratori come schiavi. Quella di inquinare il nostro pianeta è una nostra scelta deliberata, anche mia e tua. Negli ultimi 10 anni quanti smartphone, tv, pc hai acquistato? Io troppi.

T. P.

non ti dimenticare il vietnam!
the new china! :)

xbukowskyx

Nuova schiavi avanzano

Marco.27

Le eccellenze ci sono e ne conosco alcune, ma a livello di paese siamo indietro. E la divisione nord sud si amplifica sempre più.

ghost

Vogliamo parlare del fatto che se noi non comprassimo queste fabbriche non servirebbero?

ghost

Appena trump se ne accorge passano ad un altro paese tranquillo xD

Igi

L'Italia non è rimasta indietro, forse non sei a conoscenza delle ns eccellenze!
Il problema è che l'italia è divisa in due.
Il Nord Italia se la gioca alla pari con la Germania del Sud.

Igi

Falso,...
SCM, tradotto in italiano come gestione della catena di distribuzione.

Giorgio

Massimo Castles

Giorgio

Nn è facendo finta di essere anglofoni che va meglio

Porco Zio

L’India inquina di più
Ma un indiano come persona inquina di meno
Ovvio che se un indiano inquina 1 kg di spazzatura devi moltiplicarlo per un miliardo però un italiano ne produce 10 di kg

Porco Zio

Si è vero
Ma è vero che producono praticamente tutto loro
Più produzione più inquinamento
Se vai a valori pro capite un cinese inquina meno di un italiano

Astro

Ed ecco l'accopiata cinesi e americani che invadono l'india

Undertaker

Si, ma ce una proporzione di 1a 500, quindi l'Indiano inquina di più.

Luca Lindholm

Veramente, un indiano inquina, a livello pro capite, appena 1/10 di un italiano... con tutto che l'Italia è in diminuzione dal 2005.

Massimo

Sono tra i paesi che inquinano di più perché c'è tanta popolazione se prendi l'inquinamento procapite ogni persona inquina circa 1/2 - 1/3 di un europeo

Maxim Castelli

Mi baso sull'articolo.

Marco.27

L'ho letto ed il problema non sono solo gli ingegneri. Un po'semplicistico dire cosi.

Marco.27

Facevamo che era un periodo diverso e con complessità diverse. Il mondo va avanti, l'Italia è rimasta indietro.

Maxim Castelli

A livello internazionale so che le maggiori realtà di programmi informatici hanno un buon numero di indiani.

Ginomoscerino

in neanche 5 anni vogliono aumentare di 16 volte il fatturato, a facc' ro c4zz

StadiaPlus

Chissà come facevano senza Maxim.

Giorgio
Garrett

In effetti Erba e Facchinetti, sono due parole che stanno bene insieme

Garrett

Il problema è come lavorano. Noto dei diversi livelli di competenza, a parità di titoli e da Paese a Paese.
Dell'Italia si può dire tutto ma la preparazione è migliore che da altre parti.

Garrett

Diciamo anche che l'India è la Cina, sono alcuni di quei Paesi che inquinano di più al mondo.
Vogliamo parlare delle fabbriche moderne e come saranno costruite? Perché l'inquinamento prodotto dalle aziende, viene socializzato come le perdite.

Dev

In india erano andati pure erba e facchinetti per CiaoOS o CiaoIM, grande successo

Maxim Castelli

È la gestione della stessa, tutto qui.
Il grosso è relativo alla mancanza di ingegneri (leggi articolo).

Marco.27

Non è solo di ingegneri di cui ci sarà bisogno in India.
E comunque si dice supply chain e non si traduce. Quello che scrivi tu non è la stessa cosa.

Maxim Castelli

Vista la moltitudine di indiani non credo ci saranno grosse difficoltà a creare, come scrive lei, una "catena di distribuzione" completa.
Non mi risulta manchino ingegneri informatici indiani.

Maxim Castelli

No volgarità.

Mark

Ma in india cagano e si accoppiano in mezzo all'officina?

Apple

Apple Watch Serie 3 42mm GPS + LTE su Amazon al super prezzo di 299 euro

Xiaomi

Xiaomi Mi 9 Lite ufficiale in Italia, in vendita da ottobre | Video

Apple

iPhone 11 e iPhone Pro: l'innovazione è (anche) nel prezzo #prospettive

Google

Android 10: ecco le novità più interessanti | VIDEO