Naim Mu-so Qb 2 seconda generazione: speaker Hi-Res multi-room

09 Agosto 2019 8

Naim ha presentato lo speaker Mu-so Qb di seconda generazione. Il prodotto si presenta con forme cubiche. Le misure sono 210 x 218 x 212 mm con un peso di 5,6 chilogrammi. Lo chassis è realizzato in alluminio e dispone della stessa griglia frontale integrata sul Mu-so di seconda generazione | Naim Mu-so si rinnova: il sistema musicale wireless è ora anche un impianto per TV |. La griglia si può sostituire per modificare la finitura. La scelta è tra Olive, Terracotta e Peacock.

All'interno dello speaker è presente un sistema a 3 vie con 2 tweeter a cupola, 2 midrange, 1 woofer e 2 radiatori passivi per rinforzare le basse frequenze. A pilotarli è un amplificatore accreditato di una potenza pari a 50 W x 4 più ulteriori 100 W per il woofer. I trasduttori del modello di seconda generazione sono stati ottimizzati grazie alla collaborazione tra Naim e Focal.


L'elaborazione dei segnali audio è affidata ad un DSP rinnovato, capace ora di offrire una capacità di elaborazione oltre 13 volte superiore rispetto alla prima generazione. La piattaforma di streaming musicale è la stessa impiegata sui Naim serie Uniti, sui lettori di rete come ND 555 e sul Mu-so di seconda generazione. Il marchio britannico ha impiegato 25 ingegneri e 3 anni di sviluppo per approntarla. Sono supportati AirPlay 2, Spotify Connect, Tidal, le internet radio e UPnP. Il nuovo Mu-so Qb integra inoltre le funzionalità di un Chromecast ed è "Roon Ready".

I formati audio gestiti dallo speaker sono i seguenti:

  • WAV, FLAC e AIFF – sino a 24-bit / 384 kHz
  • ALAC (Apple Lossless) – sino a 24-bit / 384 kHz
  • MP3 – sino a 48 kHz, 320 kbit (16-bit)
  • AAC – sino a 48 kHz, 320 kbit (16-bit)
  • OGG e WMA – sino a 48 kHz (16-bit)
  • DSD – 64 e 128

Mu-so Qb si può integrare in sistemi multi-room (distribuzione della musica in vari ambienti della casa) composto da un massimo di 5 prodotti Naim, tutti controllabili tramite la rinnovata applicazione per iOS e Android. In dotazione viene inoltre fornito un nuovo telecomando. Sulla parte superiore viene riproposto lo stesso pannello touch che ha fatto il suo debutto sul Mu-so di seconda generazione. La manopola sfrutta un pannello retroilluminato provvisto di un sensore di prossimità che accende le icone e il display quando si avvicina la mano.

Le connessioni disponibili comprendono Bluetooth 4.2 (SBC, AAC), il Wi-Fi dual band (802.11a/b/g/n/ac), una porta Ethernet 10/100, una porta USB Tipo-A, un ingresso digitale ottico che supporta una qualità fino a 96 kHz e un ingresso analogico su jack da 3,5 mm.

Mu-so Qb di seconda generazione sarà disponibile da settembre al prezzo di 849 euro.

Zero compromessi al miglior prezzo?? Samsung Galaxy S10 Plus, in offerta oggi da Gaming Pro a 651 euro oppure da Yeppon a 771 euro.

8

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Nicola Buriani

Su questo sono perfettamente d'accordo: se lo includi metti la versione più aggiornata con la massima qualità (aptX HD qui poteva servire eccome), anche perché il prezzo è già alto, anche alzandolo leggermente per sostenere eventualmente i costi non cambierebbe nulla.

Nicoripara

Sono essere d'accordo, ma dato che lo hanno messo, almeno potevano mettere l'ultima versione. Che avendolo provato devo dire che la differenza in velocità è portata si vede.

capitanharlock

E ancora non si può avere una coppia stereo?
Seriously?

Nicola Buriani

Su questi prodotti il Bluetooth potrebbero anche non metterlo a mio avviso.
Capisco la completezza e la comodità di inviare qualcosa in streaming, ma un prodotto di questo livello merita un altro tipo di sorgente secondo me, altrimenti tanto vale orientarsi su dispositivi meno costosi.

Nicoripara

Per quella cifra almeno un bluetooth 5.

Babi

Mizzica se costa :(

BLERY
Huawei

Il mare tra foca Monaca, granchi e capre con Huawei P30 Pro | Recensione Case Sub

Sony

Sony Xperia XZ3: a quasi un anno di distanza resiste bene | Riprova

Nvidia

Montaggio video: il PC e i software consigliati dai professionisti

Samsung

Recensione Samsung Galaxy Fit e: un notificatore con rilevamento attività