Google App (beta) anticipa l'arrivo di Assistant nelle impostazioni di sistema

07 Agosto 2019 19

Google App (beta) per sistema operativo Android si aggiorna portandosi alla versione 10.38 sul Play Store. Le novità, come quasi ormai da tradizione, fanno esclusivamente riferimento ad alcune nuove stringhe di codice contenute all'interno dell'APK e facenti riferimento alla prossima generazione di smartphone Pixel 4, integrazione di Google Assistant nelle impostazioni di sistema dei dispositivi Pixel e altro ancora.

  • Assistente Google nelle impostazioni di sistema: l'inserimento delle preferenze di Google Assistant nelle impostazioni di sistema degli smartphone Pixel potrebbe essere disponibile con il rilascio di Android Q. Gli utenti potranno dunque accendere alle diverse opzioni dell'assistente digitale recandosi direttamente su Impostazioni > App e notifiche;
  • Conversazione continua: alcune nuove stringhe fanno riferimento alla funzionalità 'Conversazione continua' che consentirà agli utenti di porre delle domande o richieste all'assistente digitale senza dover necessariamente pronunciare l'hotword "Ok, Google". Una demo di questa funzione era stata mostrata durante la scorsa edizione del Google I/O 2019;
  • Cover kickstand: la versione 10.38 fa riferimento ad una "kickstand" che consentirà di utilizzare la Modalità Ambient dell'Assistente Google una volta posizionato lo smartphone su di esso;

L'aggiornamento è in già disponibile per il download per tutti gli utenti iscritti al programma Beta sul Play Store. L'installazione potrà essere effettuata anche manualmente scaricando l'APK tramite il sito internet APKMirror.com.

Fotocamera Wide al miglior prezzo? LG G7 ThinQ è in offerta oggi su a 373 euro.

19

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Andrea Z.

a me sembra estrema questa esternazione contro gli assistenti vocali, normalissime parti di ogni normalissimo smartphone.
aaah, aiuto, l'assistente! non mi avrai! io voglio essere libero!
blah, blah, blah,
sarebbe ottimo in un cartone animato per bambini, in sala riderebbero tutti per un personaggio così fissato e paranoico.

ale

Serve la posizione attuale ma non la cronologia. È abbastanza inquietante andare a vedere cosa raccoglie Google, non che cerchi di nascondertelo eh, se vai nella sezione privacy del tuo account puoi visualizzare tutti i dati, ad esempio mi ero accorto che c'erano tutti i miei spostamenti dei passati 2 anni! Giorno per giorno esattamente dove sono andato, che strade ho fatto, che locali ho visitato, a me sembra un tantino inquietante.

E ugualmente c'erano registrazioni di audio che non avevo mai registrato di proposito, chiaramente era stato Assistant che si era attivato senza che me ne accorgessi perché forse gli sembrava di aver rilevato Ok, Google, anche qua inquietante che il telefono si metta a registrare audio, che poi sono memorizzati a tempo indeterminato su un server, senza che l'utente ne sia consapevole (magari hai il telefono in tasca e non te ne accorgi).

Insomma ho deciso di disabilitare tutto, le poche comodità che danno in più non valgono la perdita di privacy a mio avviso.

Rick Deckard®

Io uso anche le notifiche per posizione quindi ovviamente la posizione serve...
Comunque il servizio è quello, è bello perché personalizzato e non si può fare senza dare qualche permesso

alexhdkn

Non è progresso obbligare l'utente a usare qualcosa che non vuole e che è comunque l'ennesima fonte di dati che possono avere su di te

alexhdkn

Infatti ho disattivato Bixby e Assistant

alexhdkn

Ma perché devi estremizzare?

Mattia Pierelli

A quando il tema scuro? Su Android q avere il bianco stona

ale

Mah secondo me no, poi se vale la pena regalare tutti i tuoi dati a Google per poter dire allo smartphone cosa fare, cosa che fra l'altro potrebbe essere benissimo implementata offline volendo e senza richiedere di attivare la cronologia delle posizioni e cronologia web.

ale

Non serve così tanta potenza di calcolo in realtà, può funzionare benissimo offline volendo, se vogliono inviare gli audio al server è solo per una questione di raccogliere dati dell'utente, con la scusa del "li usiamo per migliorare il servizio".

Certo si può disattivare ed infatti io l'ho disattivato sul mio smartphone, come sul mio smartphone tengo il minimo di applicazioni Google, ma questo non è vero per la maggioranza di utenti Android che non sa come disattivarlo.

Andrea Z.

disattivarlo e continuare a vivere nelle caverne con un cappello di stagnola in testa

Andrea Z.

che bello, spero che la storia del kickstand sia in futuro applicabile a tutti i telefoni, "trasformare" uno smartphone in carica in un google home sarebbe fantastico per me che già ne ho due in casa.
anche la conversazione continua mi migliorerebbe tanto le cose, spesso devo dare due o tre comandi di fila e ripetere ok google è fastidioso

stefano

usa un'altra rom... hai android sfrutta questa possibilità
oppure disattivalo dalle impostazioni

stefano

secondo me l'assistente offline in futuro potrebbe essere un ottimo compromesso in termini di privacy e funzionalità...

ciononostante da li non scappi, un conto è sfruttare la potenza di calcolo dei server google, un conto è sfruttare la potenza di uno smartphone.

l'assistente comunque sia online che offline deve comunque avere accesso... non è un'optional, è un requisito.

per questo ritengo la critica contro lo sviluppo di un assistente virtuale, troppo critica appunto.
il progresso va bene...
potrei essere d'accordo se questo progresso viene "imposto", ma se le persone scelgono di usare certi strumenti, che fai?

oltretutto sono servizi disattivabili, e c'è ancora la possibilità con android, di usare le varie rom sugli smartphone senza troppi problemi e poter usare i servizi google o non usarli

Rick Deckard®

Si, ne vale la pena... Comunque il tuo discorso non fila. È un metodo di input innovativo, che porta appunto ad assisterti mentre fai altro...

ale

Quale progresso? Regalare tutti i tuoi dati personali a Google per non fare la fatica di premere due bottoni, anzi spesso usare l'assistente è più lento che fare due click sul telefono.

Per me Assistant non ha senso, è un patto con il diavolo che per non aggiungere alcuna funzionalità utile ha il privilegio di iniziare a registrare conversazioni quando gli pare di aver sentito 'Ok, Google', che poi vengono caricate sui server di Google e sembra pure ascoltate dai dipendenti. Chiediamoci se ne vale la pena.

provolinoo

Se sei contro il progresso tecnologico nessuno ti vieta di usare uno smartphone più datato con meno funzioni.
Se invece sei contro l'assistente Google nello specifico basta che acquisti un iPhone.

centrale

Disattivarlo e rimappare il tasto Home

Davide

Devi dire "ok siri" 3 volte così google ass. si offende e non funziona più

alexhdkn

Madò fanno di tutto per mettere sto schifo nelle impostazioni, se uno non vuole un "assistente" digitale che deve fare?

Xiaomi

Recensione Amazfit Verge Lite: ottimo smartwatch ma vale la pena comprarlo?

Xiaomi

Recensione Amazfit Bip Lite: display sempre visibile e batteria incredibile

Huawei

Il mare tra foca Monaca, granchi e capre con Huawei P30 Pro | Recensione Case Sub

Sony

Sony Xperia XZ3: a quasi un anno di distanza resiste bene | Riprova