Google Fit: su Android e iOS arriva il tema scuro, integrazione con l'app Salute e altro

02 Agosto 2019 20

Google ha rilasciato un nuovo aggiornamento per entrambe le versioni Android e iOS di Google Fit, l'app per la salute e il tracciamento degli esercizi recentemente protagonista di numerosi problemi segnalati dagli utenti proprio sul sistema operativo del robottino verde.

Diverse le novità integrate a partire dalla più recente release e che vi elenchiamo qui di seguito distinguendo le rispettive varianti dell'app.

GOOGLE FIT - IOS

Le novità inserite da Google su Fit per iOS fanno riferimento, in particolare, ad una nuova modalità scura che contribuisce a migliorarne l'utilizzo durante le ore notturne, possibilità di consultare i percorsi dell'app Salute e i dati di Apple Watch, miglioramenti all'interfaccia utente e altro ancora.

La nuova versione di Google Fit per iOS è già disponibile per il download sull'App Store. Di seguito il changelog ufficiale.

  • È arrivata la modalità Buio. Seleziona Profilo > Impostazioni per provarla.
  • Consulta i tuoi Percorsi allenamento dall'app Salute, inclusi i dati relativi all'Apple Watch.
  • Mantieni la tua ultima attività fisica nella schermata Home e consulta le tue statistiche con una sola occhiata.
  • Piccoli miglioramenti all'interfaccia utente e correzioni di bug di minore entità.
GOOGLE FIT - ANDROID

Per quanto riguarda il sistema operativo Android, infine, va specificato che il tema scuro era già stato avvistato nelle scorse settimane; grazie al nuovo aggiornamento, tuttavia, la distribuzione dovrebbe essere ampliata a tutti gli utenti. Tra le restanti novità, infine, viene segnalata la possibilità di inserire manualmente le informazioni sul sonno nella scheda Diario, modificarne la cronologia e altro ancora.

L'aggiornamento di Google Fit per Android sarà disponibile gradualmente nelle prossime ore.

  • Google Fit | Android | Google Play Store, Gratis
Il top gamma più piccolo e pontente sul mercato? Samsung Galaxy S10e, in offerta oggi da Gaming Pro a 459 euro oppure da Unieuro a 549 euro.

20

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Maledetto

Il light theme è quello più usato e quindi sviluppato prima, il tema scuro richiede comunque una riprogettazione dell'interfaccia e dei suoi colori, questo richiede tempo da investire che spesso(come in questo caso) è meglio investire per togliere un po' di bug dall'app

Tizio Caio

Dall'app mi fit

palanzana

ci sta l'opzione dalle impostazioni di mi fit

Pinzatrice

Capisco, grazie delle info, volevo capire proprio questo.

boosook

Ma è già così:
developer . android . com/preview/features/darktheme
Gli sviluppatori devono aggiornare le app per usare il dark theme. In Android P e precedenti, il tema è determinato o manualmente (gli sviluppatori possono inserire un'opzione manuale nelle loro app) oppure possono scegliere di seguire il battery saver (tema dark viene attivato automaticamente quando scatta il battery saver). In Android Q, quest'ultima modalità verrà sostituita da un'impostazione di sistema, quindi gli sviluppatori potranno usare l'impostazione light/dark a livello di sistema scelta dall'utente.

Pinzatrice

Ma più che altro mi chiedo se non sia possibile inserire qualche libreria grafica che permetta agli sviluppatori di lanciare app compatibili sia col tema chiaro che con quello scuro...

boosook

Io neanche lo sapevo che esisteva la consultazione da browser, e non lo vedo più comodo rispetto a aprire l'app. Probabilmente erano in pochi a usarlo...

boosook

Immagino che i team che sviluppano le varie app Google abbiano le loro liste di priorità, lo scopo è probabilmente quello di arrivare a settembre con tutte le app (o quasi) che lo supportano dato che quando uscirà Q ci sarà il pieno supporto a livello di OS. Google sviluppa le app indipendentemente, e indipendentemente da Android, non è come Apple che non rilascia niente per un anno e poi rilascia tutto insieme.

Tuone

?? Ma si può collegare la mi band 4 a fit? A me non risulta.. Come fai?

ellepi

Funzionasse... È la peggior applicazione provata tra quelle di questo genere.

ermo87

Pochini 2-3gg ma in ogni caso preferisco una più discreta smartband, il più sottile possibile per i miei gusti perché amo gli orologi tradizionali

Matita Penna

Io un pixel Watch con almeno 2 o 3 giorni di autonomia

DeathTheKid

Perché credo dipenda da alcune instanze di sistema, su samsung ad esempio tempo fa sulla one ui se mettevi la modalità notte alcune app google al lancio la schermata fi caricamento era scura poi lapp si apriva ed era in bianco, quindi credo che non hanno scelto la via semplice dello switch on e off, ma di intervenire anche da sistema.

palanzana

avete tracciati doppi se collegate la mi band 4 a fit?

Pinzatrice

Ma esiste un motivo LOGICO per il quale il tema scuro viene implementato con il contagocce?

Idee senza senso?

ermo87

Vorrei una smartband made in google

Chirurgo Plastico

Google Fit necessiterebbe dell’app per Apple Watch

CastSimone

Concordo, ogni tanto google se ne esce con certe idee nosense.

Karma Diamond

Aveva il grande pregio di essere consultabile via browser, ovviamente Google ha pensato di eliminarlo...ottima pensata.

Android

Recensione Google Pixel 4 XL e confronto sblocco 3D con iPhone 11

Amazon

Le migliori offerte Week End: gadget, accessori, smartphone, informatica e altro

Mobile

Recensione Huawei Watch GT 2: super autonomia e bel display

Apple

Recensione iPad 10.2 (2019), iPadOS fa la differenza