Google Play Pass sfida Apple Arcade: in test l'abbonamento per giochi e app

01 Agosto 2019 10

Google Play Pass è il servizio che permetterà di accedere ad una selezione di app e giochi a fronte del pagamento di un canone mensile. Le prime indicazioni sul progetto sono emerse alla fine dello scorso anno ed ora si ha la conferma ufficiale che la casa di Mountain View lo sta portando avanti: in primo luogo sono state diffuse diverse schermate che dimostrano i test in corso, inoltre un portavoce di Google ha confermato la notizia ad Android Police.

Le informazioni contenute nella pagina informativa di Play Pass (ved. la galleria immagini a seguire) mettono in evidenza che il servizio consentirà di utilizzare applicazioni e giochi premium pagando un canone mensile pari a 4,99 dollari (tasse escluse). Non è detto che sarà effettivamente questa la cifra richiesta quando Google Play Pass verrà attivato, ma non è in discussione la natura del servizio, che riprende da vicino quanto proposto da Apple Arcade - quest'ultimo limitato esclusivamente ai giochi.

Non sarà quindi necessario comprare i singoli contenuti, che saranno inoltre privi di qualsiasi pubblicità e non obbligheranno l'utente ad effettuare acquisti in-app. Entrando nel merito dei giochi e delle app comprese nell'abbonamento, Google cita genericamente puzzle game, giochi d'azione, app musicali e per il tracking dell'attività fisica, mentre dalle schermate si desume che tra i giochi figurano titoli come Stardew Valley e Marvel Pinball. L'elenco non è esaustivo visto che si fa riferimento a centinaia di app e giochi.

Manca una data fissata per l'esordio del servizio. Apple Arcade, annunciato a marzo, debutterà in autunno. Google potrebbe essere intenzionata a non concedere spazio alla casa di Cupertino che sta intensificando gli investimenti nel settore dei servizi - un'attività che sembra produrre i suoi frutti come dimostrano i recenti risultati finanziari della relativa divisione.


10

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Sandro Pignatti

bhe in realtà è così.

Ma bisogna ridere?

Daniele Gigantino

Ci farò un pensierino

ilKing

ma se l’utente medio Android fa vanto di scaricare a muzzo gli APK di giochi e app a pagamento, che senso ha sta cosa?

Andrea Z.

opinioni un pò bislacche.
ma il mondo è bello perchè è avariato...

Lord Chaotic

Vaaaa beneeeee

Sandro Pignatti

servizi che sono la ripetizione di quelli che esistevano già, mail Microsoft e Yahoo etc. . L'unica cosa decente che hanno è il satellitare, ma che non l'hanno fatto loro, hanno semplicemente comprato le tecnologie (street view? è fatto da loro ma fa ridere, miliardi spesi per una cag ata inutile alla maggior parte delle persone). Utile invece il motore di ricerca quello si, è tutto loro e funziona.
Il resto dico "bha", ininfluente.

Andrea Z.

quante stupidaggini
google vende servizi da quando esiste, e continuerà così.
e facendo questo è diventata una delle aziende più ricche del mondo... dove sta il problema?
io col telefono non ci gioco e non mi interessa ma vedrai che farà un'altra vagonata di miliardi anche così.

Sandro Pignatti

Ma guarda un po, ti pareva.
Google é come una prostituta, va dove pensa di ricevere soldi.
Non ha niente di solido, si arrangia come può.
Uno spasso.

Costa troppo

Xiaomi

Recensione Amazfit Verge Lite: ottimo smartwatch ma vale la pena comprarlo?

Xiaomi

Recensione Amazfit Bip Lite: display sempre visibile e batteria incredibile

Huawei

Il mare tra foca Monaca, granchi e capre con Huawei P30 Pro | Recensione Case Sub

Sony

Sony Xperia XZ3: a quasi un anno di distanza resiste bene | Riprova