Apple accusata dal WSJ di favorire le sue applicazioni nella ricerca su App Store

24 Luglio 2019 103

Le app di Apple vengono mostrate sempre per prime nelle ricerche sull'App Store, cosa ingiusta per gli sviluppatori di terze parti. Questo è quanto viene sostenuto in un report del Wall Street Journal che ha effettuato una serie di test che hanno dimostrato come le app di Apple, nel 60% dei casi, vengano mostrate in cima ai risultati. Le app che generano entrate per Apple, come Musica o Libri, sono apparse per prime nel 95% delle ricerche effettuate.

Per fare degli esempi, se viene effettuata una ricerca sull'App Store per "mappe", l'app Mappe di Apple viene mostrata per prima, subito al di sotto di un post sponsorizzato. Successivamente ci sono Google Maps, Waze e altre app. Discorso simile si si cerca "musica": come primo risultato c'è Apple Music e poi YouTube Music, Spotify e altro. Anche con "libri" il risultato non cambia.

Apple ha risposto al rapporto del WSJ eseguendo dei test che hanno portato a risultati diversi. Secondo Apple, l'App Store utilizza un algoritmo basato su apprendimento automatico e sulle preferenze dei consumatori. Il risultato di questo algoritmo è spesso variabile.


Secondo Apple, le sue app sono al primo posto nei test di WSJ perché sono più popolari tra i consumatori. Tutte le app sono soggette allo stesso algoritmo, anche quelle proprietarie. Questo è quanto affermato da Apple:

I clienti Apple hanno una legame molto forte con i nostri prodotti e molti usano la ricerca come una modalità per cercare ed avviare le app. Questo utilizzo da parte dei clienti è il motivo per cui Apple ha un buon posizionamento nelle ricerche, ed è lo stesso motivo per cui anche Uber, Microsoft e molti altri hanno spesso anche un posizionamento elevato.

Apple ha incluso nell'App Store le sua app da quando ha reso possibile la loro disinstallazione. Gli utenti, infatti, possono scegliere se tenerle o eliminarle. Qualora volessero reinstallarle basterà solo scaricarle nuovamente dall'App Store.

Uno dei punti salienti del rapporto del WSJ riguarda la categoria degli audiolibri. AudioBooks.com si è classificato al primo posto per due anni consecutivi prima che dallo scorso settembre al primo posto arrivasse Libri di Apple. A causa di questa "detronizzazione", AudioBooks.com ha registrato un calo del 25% nei download quotidiani.

Secondo il WSJ, il dominio di Apple sugli sviluppatori e sui servizi di terze parti avvantaggia Apple perché le sue app predefinite non sono trattate allo stesso modo rispetto a quelle di terze parti. Le app di Apple, ad esempio, non hanno valutazioni o recensioni, cose che solitamente influenzano il posizionamento di un'app nei risultati di ricerca.

Ci sono 42 fattori che aiutano a determinare il posizionamento delle app nella ricerca, tra questi il download, le valutazioni, la pertinenza ed il comportamento degli utenti che viene elaborato in base al numero di volte in cui gli utenti la selezionano da una ricerca e la scaricano.

Fotocamera Wide al miglior prezzo? LG G7 ThinQ è in offerta oggi su a 373 euro.

103

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mariangela Fantozzi

Certo, certo. Peccato! https://uploads.disquscdn.c...

Mariangela Fantozzi

Peccato che te lo sei inventato...

Darkat

Peccato che Google Maps si chiami solo Maps anche nelle ricerche

Mariangela Fantozzi

No.

Se scrivi "Maps" appare prima Maps di Apple perché è il criterio di ricerca più vicino al nome dell'app.

Se scrivi MAPS non può apparire prima GOOGLE Maps perché ha la parola "Maps" nel titolo, mi appare prima l'app MAPS di Apple che non solo è affidabile ma è anche una app di sistema.

Se usi altri criteri di ricerca l'ordine è come tu vorresti che sia, ma se cerchi per nome appaiono quelle che matchano di più per titolo in primis.

Darkat

Ti ripeto, non solo le app di Apple hanno quei nomi, ci sono app che sono più usate (come Google Maps) ma che sono comunque mostrate più sotto

Darkat

Non credo proprio che vengano conteggiati le app preinstallate in un firmware

Yafusata [back from HELL]

Mi leggi nel pensiero! :D

ilKing

No, è abbastanza evidente che speravi ti dicesse Pages Numbers o Keynote per fare una bella sparata anti apple...

Moveon0783 (rhak)

Ad esempio ho appena cercato “scrittura”, Word compare prima di Pages, rispettivamente alla sesta e alla settima posizione https://uploads.disquscdn.c...
Ciò mi fa pensare che Apple non lo fa. Ma
Siamo sempre lì: dipende dal tipo di business. Apple non lo fa non perché è buona, semplicemente perché non è il suo business. Google vive di dati utente da raccogliere prevalentemente col suo motore di ricerca, i suoi servizi e le sue app tramite cui mandare pubblicità mirate, ha tutto l’interesse affinché i suoi software siano presenti su un numero di dispositivi più ampio possibile. Apple vende hardware, i suoi software (sistemi operativi e app) servono solo a far girare e funzionare quell’hardware. È meno interessata alla diffusione capillare dei suoi software. Roba tipo iMessage nemmeno esiste per Android ad esempio. Questo può avere un risvolto positivo (maggiore privacy) ma anche negativo: le app Apple funzionano bene, fanno quello che devono fare, sono curate ma ahimè fanno quattro cose in croce. Sono basilari. Pages sarà sempre meno completo e produttivo di Word; le Mappe di Apple sono inferiori a Google Maps.

Andrej Peribar

Io rispondevo ad uno specifico aspetto del messaggio precedente.
"Che sul proprio store o sistema ci sia una sorta di tolleranza"

Detto questo, il tuo ragionamento fila e credo anche io che sarà un nulla di fatto, ma ad essere precisi il nome non c'entra.

Sicuramente la scelta dei nomi in Apple è sempre stata pensata ma "musica" "mappe" dovrebbero essere considerate "classi" non nomi.

Se io cerco "mappe" nei motori di ricerca attuali, vince l'attinenza, la popolarità non il nome.

È come se scrivo "ufficio".

Quindi volendolo da discutere c'è.

Poi bisogna fare dei test.
E ripeto, non credo Apple trucchi i risultati, ma Google per un periodo anni fa sul web search lo fece per diffondere Chrome per esempio

Moveon0783 (rhak)

Sì però non è questo il caso. Apple gioca spesso sporco, io sono un suo cliente, ma non lo nego. Ancora oggi grida vendetta il modo con cui hanno affrontato il problema degli spegnimenti improvvisi. Ma, ripeto, non è questo il caso.
E non è questo il caso non di certo perché “lo Store è il loro e lo indicizzano come gli pare”, bensì perché le loro app hanno nomi generici e non specifici. Mappe, Messaggi, Promemoria, Calendario, Musica sono parole generiche, ben diverse da Google Maps, Viber, Evernote, Fantastical e Spotify (specifiche). In un motore di ricerca, per quanto parole generiche ti riportano ad app ben precise, che sono le loro. Lo hanno fatto apposta? Assolutamente no. Musica si chiamava così anche quando App Store nemmeno esisteva, non esisteva nemmeno Apple Music, serviva solo a sincronizzare i contenuti musicali dal pc al telefono con iTunes. Sono tra l’altro tutte app di sistema fino a poco tempo fa non disinstallabili. Se tu cerchi “mappe” è chiaro che ti comparirà Mappe, è un motore di ricerca per parola chiave, come tutti gli altri.
Però se scrivi “video editing” o “montaggio video” iMovie compare in merdesima posizione. Idem tutte le app della suite iWork quando cerchi roba riguardante la produttività. Se ci fosse una “spinta” ad indicizzare meglio le app Apple a discapito di quelle di terze parti le varie Pages, Numbers etc comparirebbero tra le prime, no?

lore_rock

Su ipad non esiste la calcolatrice come app di sistema

Horatio

Apple si può criticare su moltissime cose, ma questa mi sembra una puttanata colossale.

masterblack91

capito...insomma un pò una rottura

Ray Allen

non credo sia una dimenticanza, non dopo così tanti anni (ammesso che sia vero...)

Alessio Montemurro

no la cosa è più complessa... su iOS non è possibile settare un browser predefinito perchè il browser predefinito rimane sempre safari. Google, per fare un esempio, in GMail ti lascia scegliere se aprire i link di gmail in safari o chrome ma è qualcosa che si trova solo a livello di applicazione non è una scelta a livello di sistema come accade su android.

Depas

Classica lamentela che rimarrà fine a se stessa

masterblack91

Cioè se tu hai altri browser oltre safari e ricevi un link lo apre solo con safari??? Anche se il browser predefinito è un'altro?

Yafusata [back from HELL]

Se dici queste cose per forza di bloccano!

Brubri_
Yafusata [back from HELL]

Ma in fondo a che puo' servire una calcolatrice su un tablet?
Cosi' almeno risparmiano spazio utile.

Yafusata [back from HELL]

Io mi preoccuperei prima di quelli italiani...

csharpino

Ma cosa stai farneticando... Se io ricerco "Mappa" il motore di ricerca deve rispondermi con le app che hanno a che fare con il tema "Mappa" e se è vero che sono ordinate secondo principi di popolarità non vedo come Google Maps possa essere seconda a Mappe...

csharpino

Cosa c'entra?? Qui si sosteneva che cercando "Mappe" esce prima l'app Mappe perchè è esattamente il suo nome, se io cerco "Mappa" il nome non influenza più la ricerca e quindi il motore di ricerca dovrà darmi risultati sulle app che hanno a che fare con le mappe secondo a criteri di popolarità dir di Apple.. E dire che Mappe è più popolare di Google Maps è arrampicarsi sugli specchi...
Poi ovvio se per popolare intendono la più installata e comprendono nelle installazioni anche quelle fatte di fabbrica (ovvero tutti i dispositivi) allora è un altro discorso anche perchè per quanto la gente si scarica Google Maps difficilmente va a cancellare Mappe quindi ce ne saranno sempre di più..

Daeneryp
matteventu

Questa mi mancava... Ti giuro mi ha più sorpreso questa notizia dei risultati di elezioni/referendum italiani/inglesi/americani degli ultimi anni.

Non ho parole.

JUDVS

Non vorrei ricordarmi male ma non esiste una calcolatrice su iPad

matteventu

Me la spieghi...?

Code_is_Law

non c'era concorrenza se scrivendo "Mappe" usciva fuori l'applicazione di WSJ. A volte WSJ fa articoli interessanti che mi fanno avere di nuovo un po di fiducia in loro pero poi puntualmente arrivano questi articoli che mi ricordano quanto sono folle a fare quei pensieri

Bruce Wayne

Google le considera come le considera Apple.

Bruce Wayne

Non è più scaricata. Mappe viene scaricata ogni volta che viene avviato un iPhone mentre non tutti scaricano maps di Google

Bruce Wayne

Guarda che maps in inglese vuole dire mappe.
Quindi i motori di ricerca capiscono se c’è una differenza sostanziale tra singolare e plurale.

csharpino

Se scrivi "MAPPA" ti esce lo stesso Mappe... Traduce anche da singolare a plurale?

Ray Allen

e se anche ci fosse che ci sarebbe di strano?

Ray Allen

https://media1.giphy.com/me...

Apple sempre peggio!

lore_rock

Se su iPad scrivo “calcolatrice” quella Apple no compare nemmeno...
....si, questa é cattiva...

Andrej Peribar

Saranno anche scontatezze ma se metti in evidenza "SUL SUO SISTEMA" ci sarà sempre qualcuno che ti farà notare che non è pertinente.

È una attenuante che non esiste.

Senza contare che MS non fu multata perché preinstallata IE.
Ma perché IE veicolava standard che rendevano incompatibili i browser della concorrenza e tramite la posizione dominante di windows lo diffondeva.

Per le norme mi riferivo a specifiche per gli store.

Perché già esistono e sono valide.

Solamente rientrano in argomentazioni più ampie.

La frequenza delle multe e relative notizie è data semplicemente dal fatto che le multinazionali ci provano costantemente.

i'mNotAntisociaLi'mAntistupid

old but gold

Maria_Modaiola

infatti non era caso "Plus_Secret_Keyword"

Mariangela Fantozzi

il nome originale di Mappe è Maps, risponde per lingua.
Se lo scrivi in tutte le lingue te la trova sempre.

Yafusata [back from HELL]

Si ma se usavo la tua veniva meglio :D

Yafusata [back from HELL]

Non devi imparare cose nuove ma ragionare su quello che leggi :D

Mariangela Fantozzi

"non solo non è vera"

Ma non è vera cosa?

Le app rispondono solo alla parola chiave che matcha il suo nome. Non rispondono per categoria, non rispondono per keyword. Solo per nome.

Se cerchi "Musica streaming" non appare neanche Music.
Se cerchi "Acquista libri" non trovi iBooks.

Se cerchi "documenti testo" il primo è Google Docs.

Se cerchi "montaggio video" iMovie neanche c'è.

Se cerchi "navigatore" hai le app più assurde prima di vedere Maps di Apple.

Mi vuoi penalizzare perché se cerco qualcosa che coincide col nome dell'app DI SISTEMA PREINSTALLATA all'acquisto del prodotto e poi disinstallata mi appare per prima (non recensita, quindi neanche niente che mi convinca a sceglierla)?

Andrej Peribar

Il fatto è che in quel campetto ci vogliono giocare tutte.

Per questo verrà regolamentato

Maria_Modaiola
Maria_Modaiola

mentre lo scrivevi hai fatto la faccia della foto profilo?

asd555

E dai abbi pazienza.
Hai scritto un mare di scontatezze.
Ma ovvio che queste cose saranno regolarizzate dalle leggi sulla concorrenza, ma ci rendiamo conto che ciclicamente questi articoli spuntano come funghi? Poi dal WSJ, ma per favore va'.
Non ce l'ho con te eh.

Andrej Peribar

Più che altro ormai uno scambio di opinioni è diventato utopico sul web.

Offese, attacchi, meme e like sono le uniche repliche concesse.

Xiaomi

Recensione Amazfit Verge Lite: ottimo smartwatch ma vale la pena comprarlo?

Xiaomi

Recensione Amazfit Bip Lite: display sempre visibile e batteria incredibile

Huawei

Il mare tra foca Monaca, granchi e capre con Huawei P30 Pro | Recensione Case Sub

Sony

Sony Xperia XZ3: a quasi un anno di distanza resiste bene | Riprova